HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per luglio 3, 2018

Vodou, chiamatelo con il suo nome – La misura delle cose


Su LaMisuraDelleCose un posto sul Voodoo o, come sembra sia giusto chiamarlo, Vodou. Ovviamente, da un blog che tratta il tema della storia delle religioni, l’argomento è molto ben trattato. Un estratto.

I vodou abitano le profondità

Ancora più fuor di metafora sembra un ulteriore collegamento tra la pratica rituale e la terra scavata: ogni tempietto (hudo) dedicato a un’entità vodou presenta una cavità di grandi proporzioni, che viene riempita con tutto quello che serve al vodou per “formarsi”; sulla sua sommità, unica parte dell’hudo (e dell’entità stessa) visibile all’esterno, è posto un altare.

Il vo contiene semanticamente dunque queste due valenze, l’inafferrabile potere che pervade il mondo e un buco nella terra dove trovano dimora fisica e simbolica le entità e i loro devoti. Il termine vodou (o l’affine vodu utilizzato da Gilli) è però composto da un altro monosillabo, du, anch’esso legato alla pratica divinatoria di Afa, entità preposta alla geomanzia. I du di Afa (afadu) sono piccoli oggetti che rappresentano simbolicamente ciascuno «una certa categoria del bene o del male, […] che sta probabilmente perseguendo la persona che si è rivolta al geomante, e che ella non conosce ancora. L’interessato tiene gli afadu nascosti nel pugno, dietro la schiena, uno ad uno, e il geomante, con l’aiuto delle figure, deve scoprirli e indicare quelli che intervengono nel caso in questione».

I du sono gli strumenti attraverso cui Afa si esprime, sono il suo mezzo per rendere noto il volere delle entità in relazione alla richiesta del consultante: il du è sia il messaggio sia il messaggero, nascosto nella cavità, una manifestazione del vo inteso come l’invisibile, il numinoso e tutto ciò che oltrepassa la conoscenza dell’uomo.

Kris Cohen – Never Alone, Except for Now: Art, Networks, Populations | Neural


[Letto su Neural]

“A causa di un’intensificazione dei segnali elettronici […] la percezione dell’altro e del suo corpo viene rimodellata” afferma il filosofo italiano Franco ‘Bifo’ Berardi, e il rimodellamento di questa percezione è probabilmente uno dei cambiamenti più importanti e sottovalutati, indotti dal nostro intenso uso dei media digitali. Con questo libro Cohen entra nel merito di questo cambiamento, affrontando il paradosso della partecipazione attiva in un ambiente online sovraffollato e allo stesso tempo del sentirsi soli. Lo fa attraverso una definizione centrale di “forma di gruppo” usata per spiegare l’interrelazione tra le popolazioni e la dimensione pubblica. Per comprendere la “vita in rete” e le sue implicazioni utilizza una metodologia chiamata “ekphrasis”, che genera un “vocabolario dell’esperienza”. Utilizza anche alcuni casi studio, tra cui romanzi (il “Pattern Recognition” di Gibson), opere d’arte (Felix Gonzales-Torres’ candy works, I March in the Parade of… di Sharon Hayes e Beacon di Thomson & Craighead), per affiancarle a casi specifici di socialità su Internet. In questo senso, riesce a collegare il “pubblico” che gli artisti includono nelle loro installazioni con l’esposizione personale che stiamo permettendo nelle reti. Egli definisce le “relazioni mediate” e ammette apertamente come la mercificazione sia ciò che guida la conversazione sulla forma e l’estetica del gruppo. Questa estetica è l’estetica specifica della collettività, che Cohen afferma essere la “chiave per comprendere la logica della vita in rete”.

Sapido


Sfrigolando il gusto sulle papille psichiche, adombro la definitiva fuoriuscita dal carapace inutile e dannoso.

Illusione sensoriale


Afferro i tuoi titoli in un’altalena di puro esempio statico, incongruenze visibili soltanto quando il tuo pensiero non è più fisso sull’illusione sensoriale.

Recruitment gone wrong, whistle-blower-induced karaoke | Neural


[Letto su Neural]

Recruitment gone wrong” è un opera di Thomson & Craighead, ispirata da eventi reali che hanno avuto luogo presso l’Università del Wisconsin nel 2013. In questo luogo un programma di reclutamento dell’agenzia di sicurezza nazionale (NSA) è stato trasformato in una sorta di momento di interrogazione pubblica da parte degli studenti, che hanno chiamato a rispondere i due reclutatori riguardo le menzogne dette dall’NSA, rivelate tramite Wikileaks dal denunciante Edward Snowden. Una registrazione è stata trasmessa al quotidiano The Guardian che l’ha pubblicata dopo pochi giorni. Thomson & Craighead hanno poi messo in scena una rievocazione della conversazione con l’utilizzo delle mezze-maschere dei ventriloqui. La loro presenza scenica va oltre il simbolismo di un personaggio completamente controllato. In realtà, si tratta di un momento in cui le forze di controllo e le infiltrazioni ribelli sono costrette a dialogare. Gli automatismi di quello che gli autori definiscono un ‘karaoke’ sono proprio questi la rievocazione di una sceneggiatura reale, attraverso una rappresentazione simbolicamente sarcastica.

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Fuliggine

“The books gave Matilda a comforting message: You are not alone." Roald Dahl

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Nerxes.com

– Daily writings | for thoughtful & reflective moments.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana del cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: