HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Piramide Etrusca di Bomarzo (Sasso del Predicatore) – Nemora


Su Nemora un bell’articolo sulla Piramide di Bomarzo, nel Lazio, manufatto di eccezionali peculiarità strutturali. Un estratto:

La Piramide di Bomarzo è raggiungibile principalmente in due modi: attraversando la suggestiva Via Cava delle Rocchette oppure transitando per la Necropoli di Santa Cecilia. Noi abbiamo scelto la prima opzione, nel tentativo di accorciare il percorso per scampare al violento temporale estivo previsto in zona per il primo pomeriggio. Superata la Via Cava ci si immerge nella macchia boschiva, seguendo un sentierino che serpeggia fra gli alberi. Tutt’intorno si registra la presenza di tombe, massi modellati decorati con coppelle, cocci antichi, pestarole e tombe rupestri, preziose testimonianze della presenza umana fin dai tempi più remoti.
La Piramide si raggiunge dal basso e si palesa davanti a sé man mano che ci si avvicina, in un crescendo mozzafiato. Si rimane spiazzati di fronte a tanta magnificenza, possente e ancestrale. L’aria riverbera colpita dalla ieraticità profonda che il Sasso emana.
La prima differenza che noto in comparazione alla fotografie viste online riguarda la pendenza delle gradinate, decisamente più aspra rispetto a quanto immaginassi. I bordi irregolari, l’asimmetria, le scalinate interrotte e poi riprese, le forme suggerite ma non definite, tutto questo contribuisce a veicolare l’idea che ci sia qualcosa di sbagliato nella geometria del monolite. O meglio, più che sbagliato, sarebbe il caso di dire fuori contesto.
La Piramide di Bomarzo appare in mezzo al bosco come qualcosa proveniente dallo spazio siderale, da un luogo disciplinato da altre leggi matematiche.
In totale l’opera consta di trentacinque gradini divisi in due ordini di scalinate, rispettivamente da 26 e 9 gradini.
I fianchi presentano due grandi vani, costeggiati da vaschette e canaletti. Si tratta di una sorta di piramide, sì, ma ben lontana dai manufatti egizi. Ricorda piuttosto, di fatti, le piramidi mesoamericane o le ziqqurat mesopotamiche. La funzione dei Sassi del Predicatori, benché non certa, tradizionalmente si riconduce alla sfera del sacro e li si identifica come altari finalizzati alle celebrazioni in auge in epoca etrusca.
È bene specificare che al momento nessuna indagine archeologica è stata scientificamente condotta sulla Piramide Etrusca. Circa la datazione del monolite non vi è, dunque, una teoria univoca. Probabilmente la sua lavorazione si può collocare intorno al VII-IV a.C., tuttavia vi sono coraggiose tesi che retrodatano la Piramide al Periodo Villanoviano (XI a.C.). Ipoteticamente, si potrebbe immaginare una lunga tradizione nella venerazione dei questo masso vulcanico dalle fattezze  peculiari, estendendo il culto in forma primitiva fino alla fase Proto-Villanoviana e alla Cultura di Rinaldone (IV a.C.-III millennio a.C.).

3 commenti»

  glencoe wrote @

L’ha ribloggato su l'eta' della innocenza.

"Mi piace"

  321Clic wrote @

Meno misterioso ma non meno interessante, a Bomarzo c’è anche il Parco dei Mostri.

Piace a 1 persona

  zoon wrote @

assolutamente, solo che quest’anomalia sembra più interessante perché misteriosa. magari non è nulla di tutto ciò, chissà…

"Mi piace"


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

Be Different...Be Free !!

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Flavio Torba non esiste, ma ciò non gli impedisce di descrivere l'orrore.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

The Rising Sun

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: