HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per ottobre 22, 2019

Stacho Quzbic. Il viaggiatore – di Marco Milani


Per la Watson Edizioni è appena uscito il nuovo romanzo di Marco Milani, Stacho Quzbic. Il viaggiatore. Finalista al Premio Urania 2017, il romanzo esplora con la brillante verve propia dell’autore lo spaziotempo del passato correlato al futuro. La quarta:

L’avventura inizia ad Aquileia, 1643 d.C., si allunga con diversi/stessi protagonisti avanti e indietro in futuri recenti e lontani, si sposta su altri mondi e fino al limitare dell’universo, con l’Intraverso a fare da raccordo negli spostamenti. Stacho Quzbic è un viaggiatore tempo-spazio, al suo primo incarico e quindi con una missione facile da compiere. Scopre quasi subito che nulla è come sembra: la missione facile è in realtà un complesso piano a più livelli organizzato da lui stesso per fare in modo che Stacho Quzbic diventi lo Stacho consumato VTS e spina nel fianco ai detrattori di mezzo universo conosciuto. Qualcuno ha intenzione di impedirlo, con ogni mezzo, dispiegando infide trappole e agguati lungo il tempo-spazio. La parola d’ordine diventa combattere e sopravvivere.

FONTANA, Future gardens, rebirth of life | Neural


[Letto su Neural]

Le teorie sulla nascita delle specie viventi sono molteplici e forse anche vere, o vere solo in parte. Nonostante le discrepanze, le incertezze e gli ovvi sviluppi, la convinzione di partenza è un concetto semplice, quasi banale, sicuramente evocativo: la nascita della vita è avvenuta in acqua. Lo abbiamo letto talmente tante volte che è facilissimo immaginare questi microrganismi – nessuno di noi li ha mai visti – svilupparsi nelle calde acque dell’oceano primitivo e dare vita a composti organici sempre più complessi. Un balzo di qualche miliardo di anni sulla linea temporale del pianeta Terra ed eccoci qui, continuiamo a nascere immersi in un liquido ma quell’oceano primitivo adesso non c’è più. Il mondo si è trasformato così tante volte da cambiare completamente volto, insieme ai suoi abitanti. Abitanti un po’ ingrati, se ci guardiamo allo specchio. Ci siamo espansi, evoluti, abbiamo costruito, distrutto e…inquinato, inquinato molto. Abbiamo inquinato anche mentre pulivamo. Detergenti, saponi, elementi chimici dannosi o comunque non compatibili con l’ambiente. Il percorso sembra senza ritorno, ma non è così, perché la scienza ci da sempre una soluzione migliorativa. E quando la scienza sembra troppo distante, l’arte può fare la differenza. Lo ha capito Tanja Vujinovic che ha costruito un ecosistema, MetaGarden, un giardino futuristico, dove l’armonia e le tecnologie convivono, cercando insieme nuove soluzioni. Partendo da un elemento molto diffuso sin dalla cultura del Mondo Antico, l’artista serba/slovena, grazie all’aiuto di vari tecnici specializzati, ha realizzato FONTANA, un dispositivo piezoelettrico che, immerso in acqua, vibra producendo un suono non udibile all’orecchio umano e deformando la struttura dell’acqua disperdendola così nell’aria in una nebbia fatta da migliaia e migliaia di goccioline grandi circa un micron. FONTANA non è solo un esperimento artistico all’interno di un più ampio progetto di ricerca, ma un vero e proprio strumento per il trattamento delle acque con il plasma, un gas ionizzato in grado di distruggere microbi dannosi e che potrebbe implementare la tecnologia futura per la pulizia delle acque dalle tracce residue di contaminanti chimici creati dall’uomo.

Ciò che conta per una macchina | L’INDISCRETO


Su L’Indiscreto una discreta disquisizione sulle frontiere attuali dell’intelligenza artificiale, dove ci si domanda se la potenza di calcolo è tutto oppure se ci sono altri parametri – tipo la capacità d’imparare – che possano fare, nel futuro, la differenza con l’attuale stato dell’arte. Un estratto:

“D’accordo”, disse Deep Thought. “La Risposta alla Domanda fondamentale…” “Sì…?” “Sulla Vita, l’Universo e Tutto Quanto…”, disse Deep Thought. “Sì…?” “È…”, disse Deep Thought, e fece una pausa. “Sì…?” “È…”. “Sì…???” “Quarantadue,” disse Deep Thought, con infinita calma e solennità. […] “Quarantadue!”, urlò Loonquawl. “È tutto quello che hai da dirci dopo sette milioni e mezzo di anni di lavoro?” “Ho controllato con grande minuziosità”, disse il Computer, “e questa è la risposta veramente definitiva. Credo che, se devo essere franco, il problema stia nel fatto che voi non avete mai realmente saputo quale fosse la domanda”.

Come nelle migliori battute, si cela qualcosa di profondo in questo scambio tra il computer più veloce dell’universo e i suoi creatori, nel libro di Douglas Adams Guida galattica per autostoppisti. Siamo perennemente alla ricerca di risposte senza però peritarci di comprendere davvero le domande, o se siano quelle giuste. Nelle mie conferenze sulla relazione uomo-macchina cito spesso Pablo Picasso, il quale durante un’intervista disse: “I computer sono inutili. Sanno dare soltanto risposte”. Una risposta implica una fine, un punto, e per Picasso non c’era mai una fine, solo nuove domande da scandagliare. I computer sono ottimi strumenti per generare delle risposte, ma non sanno come porgere le domande, almeno non nel senso in cui le fanno gli esseri umani.

Nel 2014 mi fu sollevata un’interessante osservazione allorché feci quest’affermazione. Nemmeno i più forti programmi scacchistici del mondo sono in grado di spiegare la logica delle loro mosse brillanti, a parte le elementari sequenze tecniche. Giocano una mossa forte semplicemente perché hanno valutato che sia la migliore, non perché usano quel tipo di ragionamento applicato che è comprensibile da un essere umano. Ovviamente, è utilissimo avere una macchina molto forte contro cui giocare e con la quale fare le proprie analisi, ma per un non esperto è un po’ come chiedere a un calcolatore di fargli da insegnante di algebra.

Il commento che mi fu fatto arrivò al cuore del problema altrettanto bene della frase di Picasso e del dialogo di Douglas Adams: “I computer – disse – sanno come porre le domande. Però non sanno quali sono quelle importanti”. Adoro questa frase, perché contiene diversi livelli di significato, e ciascuno di essi fornisce utili spunti di riflessione.

Fanta-Scienza, quando la fantascienza insegue la scienza | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione di una nuova antologia SF, in uscita per DelosDigital, che vede un manipolo di autori misurarsi sul tema di cosa sia più importante nel genere, se la componente scientifica o quella fantastica. Hanno risposto all’appello del curatore Marco Passarello alcuni degli scrittori più bravi, come Lukha B. Kremo, Paolo Aresi, Franci Conforti, Alessandro Forlani, Piero Schiavo Campo, Alessandro Vietti, Serena Barbacetto e Andrea Viscusi. Vi lascio alla quarta:

“Fantascienza” è una parola composta. Qual è la parte più importante, “Fanta” o “Scienza”? Noi pensiamo che i migliori racconti nascano da un perfetto equilibrio tra queste due componenti, come un albero che per crescere bene deve avere le radici ben piantate in un solido terreno scientifico, ma il cui fusto deve potersi espandere senza costrizioni nel libero spazio della fantasia. Per questa antologia abbiamo preparato il “terreno” chiedendo a otto ricercatori di punta dell’Istituto Italiano di Tecnologia di raccontarci gli sviluppi che cambieranno il futuro nel loro campo di specializzazione. Poi lo abbiamo “seminato” chiedendo a otto scrittori di fantascienza (più uno) di lasciarsi ispirare dalle descrizioni degli scienziati. Il risultato sono nove racconti che spaziano dalla robotica alla genetica, dalla medicina alla scienza dei materiali, dalla nanotecnologia alla microscopia, dalla tecnologia indossabile a quella bioispirata. Visioni del futuro sorprendenti eppure plausibili, come deve essere la vera fantascienza.

Trondheim EMP – Poke It With A Stick / Joining The Bots | Neural


[Letto su Neural]

Cosa può succedere quando strumentisti, vocalist, ricercatori, artisti sonori, programmatori e un filosofo si mettono assieme al fine di sperimentare nuove tecniche d’interazione musicale? Trondheim EMP è un collettivo d’oltre una trentina di membri che ha deciso d’utilizzare tecniche di analisi e di elaborazione audio digitale, al fine d’abilitare le funzionalità di un suono e per informare la riorganizzazione di altri effetti sonori ad esso conseguenti, permettendo alle azioni di un esecutore d’influenzare il suono di un altro esecutore, in particolare con l’utilizzo del segnale acustico prodotto direttamente sullo strumento. Insomma, quello implementato è un processo improvvisativo che tramite un programma consente un’interazione ancora più complessa e mediata, rendendo aleatorio sia per il performer che per l’ascoltatore capire precisamente cosa abbia causato un certo risultato tecnico. Un progetto del genere non può che essere fortemente basato sulla sperimentazione pratica, perché queste tecniche cross-adaptive hanno evidentemente bisogno di molti affinamenti per funzionare e ottenere un’interazione musicale efficace. Un dato particolarmente interessante è che questo processo potrebbe teoricamente estendersi all’infinito: anche il suono del secondo esecutore può a sua volta influenzare l’elaborazione del suono del primo e così via, aggiungendo maggiore complessità. È implicito che un tale procedimento sviluppi un potenziale d’instabilità piuttosto alto, da qui l’esigenza di mettere a punto ogni azione in una attenta ricerca durata due anni, finanziata dal Norwegian Artistic Research Program e dall’università norvegese per la tecnologia e la scienza, con collaborazioni della De Montfort University, della Maynooth University, della Norwegian Academy of Music, della Queen Mary University di Londra e dell’Università della California di San Diego. Il doppio album presentato riflette differenti fasi del processo di lavoro e mentre “Poke It With a Stick” è il risultato delle iniziali esplorazioni del sistema, comprensive di errori, inciampi, piccole scoperte e sorprese, “Joining the Bots” è più coeso, controllato, esibisce una maggiore maestria negli sforzi creativi anche quando sono ancora avventurosamente prodotti. Quello che è certo è che una tale operatività abbia dato origine a un dilagare dell’energia e delle possibilità di scambio fra due o più elementi dell’ensemble, come se l’improvvisazione sia in realtà un’abilità appresa e applicabile a contesti molto differenti e “non focalizzarsi intellettualmente sul controllo di dimensioni specifiche” consenta al processo adattivo di far fronte a qualsiasi evento musicale.

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Fuliggine

“The books gave Matilda a comforting message: You are not alone." Roald Dahl

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Nerxes.com

– Daily writings | for thoughtful & reflective moments.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana del cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: