HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per marzo 15, 2020

L’esigenza disseccata


L’insanità si propaga oltre le fessure della porta, insegnando cosa è peculiare qui, in fondo all’abisso immorale dell’esigenza disseccata.

Coronavirus? È il capitalismo bellezza!


Su lottobre, un’analisi molto attenta a ciò che sta succedendo in questi giorni sull’intero pianeta, invaso da una pandemia i cui contorni sociali; una crisi che ha le sue case, se non strettamente sanitaria, sicuramente sistemiche, in Italia ma spessissimo anche all’estero, dove vige la stessa modalità liberista. Un estratto:

La crisi che il coronavirus (COVID-19) ha messo in luce dal suo esplodere, formalmente in Italia il 20 febbraio scorso, non è – come ovvio che sia – dovuta soltanto all’aggressività del virus che fin’ora ha mietuto un migliaio di vittime e costretto il governo a misure draconiane di salute pubblica, nonostante il ridicolo traccheggiare iniziale, ma è una crisi dovuta al sistema capitalistico. Una crisi che parte dalle criticità messe a nudo dal sistema sanitario, quasi giunto al collasso specialmente nelle province più colpite, e che estende i suoi tentacoli sul resto dell’intera società.

Il decadimento che a bella posta è stato inflitto alle strutture sanitarie pubbliche si è logicamente tradotto in un poderoso aumento della spesa dei cittadini in sanità privata. Secondo un rapporto di Censis del 2019, il 44% degli italiani ha dovuto almeno una volta ricorrere alle strutture private pagando di tasca propria, dovendo quindi obtorto collo rinunciare al sistema sanitario nazionale. Inoltre la spesa sanitaria privata sarebbe aumentata del 7,3% rispetto a cinque anni fa, raggiungendo negli ultimi due anni cifre come 37 miliardi e 42 miliardi di euro [6], una vera cuccagna per cliniche private, convenzionate o no.

Tutto ciò non è dovuto né all’efficienza del privato, né, va da sé, al povero coronavirus, ma, ripetiamo, al taglio degli investimenti nel pubblico, e allo scientifico decadimento inflitto a esso. Con estenuanti liste d’attesa, e soprattutto, alla spesa cosiddetta “out of pocket” (cioè le prestazioni comunque a pagamento all’interno del pubblico – nel 2016 ben un quinto della spesa totale) [7], il sabotaggio del pubblico a vantaggio del privato è presto spiegato. In un paese in cui il diritto universale alla salute non è più di fatto garantito a tutti, la prospettiva di una progressiva americanizzazione del sistema sanitario non è più un fantasma lontano.  Certo, è possibile che lo shock provocato dall’emergenza coronavirus faccia cambiare qualche nefasta traiettoria ma già si levano alti i latrati dei cani da guardia del più retrivo capitalismo liberista che già richiamano il sempiterno Moloch della spesa pubblica, i più audaci addirittura ci dicono che il guaio della crisi del coronavirus è proprio il pubblico! Pornoliberisti. La razionalità, stando così le cose, imporrebbe, proprio all’opposto, la necessità di una forte spinta popolare che richieda a gran voce il diritto ad una sanità universale e gratuita per tutti, al di là della censo e della geografia.

La crisi del coronavirus non ha soltanto gridato a tutti che il re è nudo per quel che riguarda la sanità pubblica, ma lo ha fatto anche col mondo del lavoro, con la considerazione che i padroni hanno nei confronti dei loro lavoratori, semmai servisse ulteriore prova. Si moltiplicano gli scioperi e le proteste dei lavoratori in tutta Italia, soprattutto in fabbrica, per la scelta dei capitalisti di non chiudere le aziende (non ci riferiamo alla produzione e alla distribuzione di generi alimentari, medicine e beni di prima necessità) e di lasciare i dipendenti in balìa del contagio, nonostante il governo, con decreti sempre più stringenti, intimi a tutti di stare in casa e abbia imposto la chiusura alla maggior parte degli esercizi commerciali e uffici. Gli scioperi si propagano a macchia d’olio da FCA a Pomigliano alla Piaggio di Pontedera, da Fincantieri di Palermo a Marghera, o ArcelorMittal di Cornigliano, dove addirittura la proprietà ha preso la palla al balzo per mettere in cassa integrazione 84 operai [8]; problema questo non di certo isolato, infatti molti padroni e padroncini stanno approfittando del coronavirus per licenziare i propri dipendenti [9].

Ci sarà sicuramente chi nelle file della borghesia addossa tutte queste situazioni di sfruttamento al coronavirus o addirittura alla necessità di “continuare a produrre per salvare l’economia”, non dimentichiamoci di come la Confindustria si sia messa di traverso in ogni modo, e lo fa tuttora, alle azioni del governo per garantire la salute pubblica. E se i tempi degli slogan de “l’Italia non si ferma” si sono volatilizzati come gli aperitivi d’incoraggiamento di politicanti in cerca d’autore, il padronato più bieco continua a prendere sottogamba la salute e le condizioni dei propri lavoratori. È tutto ciò colpa del coronavirus? No, il responsabile è lo sfruttamento capitalistico! Mettere in primissimo piano, e senza ridicole pantomime, la salute dei cittadini, dei lavoratori, è l’imperativo principale, anche perché se ciò fosse stato fatto sin dall’inizio senza ritrosie e ambiguità probabilmente l’uscita della crisi potrebbe essere più rapida. La Cina, certo un’economia diversa per sostanza e numeri dalla nostra, avrebbe comunque dovuto dare l’esempio di come affrontare questa situazione.

Cosa sta dimostrando questa crisi? Che il coronavirus non è la peste ma nemmeno una semplice influenza, un’emergenza sanitaria che è riuscita a mettere in crisi il sistema con facilità, dimostrandone fragilità e criticità. Ci dimostra altresì che queste non sono solo dovute alla virulenza dell’infezione ma ai tagli dovuti alle esigenze di profitto del capitalismo predatorio, e alla negazione dei diritti (conquistati e da conquistare) che quotidianamente la realtà del capitalismo ci ricorda. Cosa ci può insegnare questa crisi? Che il movimento comunista dovrebbe denunciare, mettere a nudo e organizzare la lotta ripartendo anche dal diritto universale gratuito per tutti alla salute, dal diritto alla sicurezza nei luoghi di lavoro, il diritto a non dover temere ogni giorno di perdere il posto per questa o quella crisi, grande o piccola che sia, o per il capriccio del padrone.

YouTG.NET – “Dieci, cento, mille anni”, un videoclip inedito per “L’ultimo pizzaiolo”


Su segnalazione di Arnaldo Pontis dei Machina Amniotica, link un articolo di YouTG in cui il clip musicale del film L’ultimo pizzaiolo.

L’ultimo Pizzaiolo è un racconto per immagini che ci guida attraverso le sale cinematografiche della Sardegna chiuse, abbandonate e cadenti: per raccontare un pezzo di memoria collettiva e immortalare questi luoghi prima che vengano cancellati dal profilo urbano di città e paesi. L’ultimo pizzaiolo, lungi dall’essere elegia del cinema e dei suoi anni più fulgidi, vuole essere la difesa di una memoria pubblica e privata che appartiene a tutti: il racconto di un recente “come eravamo” che si riverbera nella storia sociale, economica e culturale della Sardegna, e merita di non venire coperto dall’oblio.

Il film presenta anche le testimonianze di 4 anziani protagonisti delle sale cinematografiche in Sardegna: Mario Piras, storico operatore del cinema Olympia di Cagliari, Luciano Cancedda, che ha lavorato nel cinema dal 1957 per diventare poi proiezionista del Moderno di Monserrato fino alla chiusura; di Dante Cadoni, che ha iniziato nel 1966 a 15 anni nel cinema Garibaldi di Villacidro e Pino Boi, cagliaritano verace, “figlio del cinema” come si definisce lui. Il padre era proiezionista e rumorista già ai tempi del muto all’Olympia, e oltre a seguire le orme paterne poi abbandonate, è stato fattorino, magazziniere, distributore: una vita in mezzo alla pellicola. È stato l’ultimo gestore del deposito di pellicole della Sardegna, un tempo carico di bobine di celluloide

“Una rapida morte – spiega il regista, Sergio Naitza – dagli anni ‘80 ha cancellato repentinamente luoghi simbolo di ogni centro abitato, grande e piccolo, frantumando un tessuto sociale che si era formato nel corso del tempo. Ogni città ha la sua via Gluck celentanesca: dove c’era il verde – e la sala cinematografica era un luogo di divertimento, cultura, condivisione, speranza – ora c’è una città, ovvero l’ingordigia immobiliare che ha cambiato la destinazione d’uso e soppresso una memoria collettiva.

Pontis è stato coinvolto con alcuni nomi della scena musicale alternativa sarda, come Joe Perrino, che ricordo benissimo come gruppo di spalla in uno dei tanti concerti visti nella mia gioventù; il progetto filmico è molto bello, poesia allo stato puro e le note che suggellano l’opera visiva sono semplicemente magnifiche. Vi incollo qui sotto il clip, buona visione.

https://webtools-e18da6642b684f8aa9ae449862783a56.msvdn.net/embed/TMx3zeS1OzFH

Nel prossimo futuro senza distopia


Ascoltando il delirio farsi liquido, trasportare attraverso le sue molecole il nulla che ci ingloba come un blob, posso soltanto descrivere le parole che fuoriescono da me nel senso di un’apocalisse non prevista, ma sempre apparsa probabile. La distopia ci sta uccidendo, ma forse non è un male, e può darsi che ci salvi nel prossimo futuro.

Morto Genesis P-Orridge, padre della scena industrial con i Throbbing Gristle – la Repubblica


Su Repubblica l’addio a Genesis P-Orridge, l’artista morto ieri all’età di 70 anni che fondò i Throbbing Gristle e gli Psychic Tv, momenti storici, creativi e totalmente alternativi della scena musicale della seconda metà ’70, quella che ha dato vita all’Industrial e allo sperimentalismo più alieno da qualsiasi forma di aderenza allo standard popolare. Così scrive il quotidiano romano, e io non posso che aderire e ricordare l’artista totale che ha indicato la strada dei nostri tempi; bye, Genesis

Addio all’artista multimediale e musicista inglese Genesis P-Orridge che, con la moglie Jacqueline Mary Breyer, alias Lady Jaye, scomparsa nel 2007, si era fatto alfiere della pandroginia, radicale visione-progetto di riscrittura dell’identità e di superamento dei generi sessuali, pioniere del gender fluid (si riferiva a se stesso sempre come un ‘lui-lei’).

Nato il 22 febbraio 1950 a Manchester come Neil Andrew Megson (cambiò legalmente nome in Genesis P-Orridge nel 1971), è stato performer estremo (con i gruppi Exploding Galaxy/Transmedia Exploration e COUM Transmissions), indagatore degli stati alterati di coscienza e fondatore del Thee Temple ov Psychick Youth. Al tempo stesso l’anti-rockstar divenne un’icona post punk, passando dalla musica psichedelica all’acid house, e un protagonista del nascente genere musicale ‘industrial’ con le band Throbbing Gristle e Psychic Tv. Era una leggenda dell’ambiente underground mondiale, etichettato come “sabotatore di civiltà” dal Parlamento britannico, tanto da costringerlo a lasciare Londra per trasferirsi a New York.

Nel 1976 Genesis P-Orridge creò i Throbbing Gristle con Cosey Fanni Tutti, Chris Carter e Peter Christopherson, gruppo fondatore e punto di riferimento della corrente musicale industrial. Nel 1981, dopo lo scioglimento dei Throbbing Gristle, fondò assieme a Peter Christopherson gli Psychic Tv, con i quali si è dedicato alla musica psichedelica e poi alla musica elettronica e all’acid house.

L’amore totalizzante di Genesis P-Orridge per la moglie Jacqueline Breyer, che aveva assunto il nome d’arte di Lady Jaye, portò la coppia a forzare le barriere imposte dai generi sessuali alla ricerca dell’unione in un unico essere umano, il ‘pandrogino’, un progetto ‘politico e romantico’. Per fondersi in una sola persona di genere indefinito, la coppia ricorse anche alla chirurgia estetica. Ora le ‘Trasmissioni’ sono giunte alla fine.

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Flavio Torba non esiste, ma ciò non gli impedisce di descrivere l'orrore.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: