HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

L’imperatore nel periodo tardo antico – TRIBUNUS


Su Tribunus la profilatura della figura imperiale romana nella tarda antichità e nel Medioevo, con le sue differenziazioni tra potere dell’imperio e una sempre più presente dell’investitura divina che, col passare dei secoli, rappresentò formalmente e ideologicamente la posizione dell’imperatore. Un estratto:

Dal III secolo d.C., nell’impero romano si assiste a un progressivo irrigidimento dei costumi e del cerimoniale della corte imperiale. Il sovrano, prima considerato almeno formalmente un primus inter pares, ora assumeva sempre più i caratteri di un monarca assoluto. Ciò era lampante nella sostituzione della salutatio con l’adoratio (o proskynesis), ovvero l’inchino, la prosternazione fisica di fronte all’imperatore.

L’imperatore venne assimilato sempre più a figure divine. Ciò conferiva un’impronta teocratica al suo potere e delineava un’immagine semi-divina dell’imperatore; basti pensare a Diocleziano e Massimiano, i primi due tetrarchi.
Il primo si pose sotto la protezione di Giove Ottimo Massimo, prendendo per se stesso il titolo di Iovius, mentre Massimiano fu posto sotto la protezione di Ercole, con il titolo di Herculius. I due imperatori non erano ovviamente figure divine, ma iniziavano a elevarsi molto al di sopra della normale condizione umana – un processo che continuerà e sarà esasperato nei secoli successivi.
L’imperatore verrà designato con termini quali sacer o divus, a sottolineare la sua natura semi-divina e il suo distacco dal resto della popolazione.

L’imperatore era definito in vari modi tanto in latino (imperator, caesar, augustus, caesar augustus) quanto in greco (basileus, sebastos, autokrator, kaisar), già da ben prima della tarda antichità. Dal VII secolo, col progressivo abbandono della lingua latina a corte, si impose il solo basileus come denominazione ufficiale. Il titolo di augustus tuttavia rimase, anche se solo nelle monete, almeno fino al X secolo.

Il modello che i Romani imitarono era quello ben conosciuto dei grandi regni orientali, nei quali spesso la figura del re incarnava in sé anche quella dello Stato. Data la progressiva importanza che assunse la religione cristiana, questo modello prese dei connotati particolari.

Alla figura dell’Imperatore-Dio o semi-dio, si sostituì quella più accettabile del sovrano investito da Dio. Ne conseguì una sorta di religione imperiale, alla quale si accompagnava la manifestazione del culto e una vera e propria liturgia. La religione, inoltre, venne sfruttata e utilizzata anche a scopo politico, al fine di magnificare sé stessa e le prerogative imperiali.
L’imperatore non poteva più esser divinizzato (anche se la sua effige era portata in processione assieme alle icone dei santi), ma l’alone mistico-sacrale rimase comunque nella figura del sovrano eletto da Dio e oggetto della sua grazia.

Un teorico d’età giustinianea affermava: “La potestà imperiale è data da Dio e presentata agli uomini”.
Ogni forma di potere, quindi, discendeva da Dio. Questo legame tra la figura del sovrano e il divino era talmente forte da far considerare l’imperatore come un tramite tra l’umanità e l’universo divino. La sua autorità era tale che solo lui era in grado d’interpretare la parola di Dio. La sua volontà era definita “divina disposizione”.
Aveva inoltre il compito di proteggere l’impero laddove la religione cristiana veniva professata in maniera corretta.

Proprio come ogni cosa che si legava all’imperatore, anche il cerimoniale assumeva un aspetto di sacralità ed era curato nei minimi particolari. La trasgressione delle regole dell’etichetta (taxis) nella sala del trono era considerata come lesiva dell’autorità imperiale.

La taxis consisteva nella determinazione dei posti in ordine d’importanza secondo il grado rivestito dai dignitari, negli atteggiamenti che questi dovevano avere in presenza del sovrano, nei gesti, nelle formule espresse. Attraverso la ripetizione formale e particolari atteggiamenti si pensava di poter esternare in termini tangibili l’ossequio dovuto al basileus. La rigida formalità era necessaria al fine di mostrare un’immagine di armoniosa perfezione dell’istituzione imperiale.
Un concetto che ben si sposava con la mentalità tardo antica e medievale del potere nell’impero romano, in cui forma e sostanza tendevano ad identificarsi.

L’assimilazione del cerimoniale palatino alle celebrazioni religiose era resa evidente anche dall’utilizzo di ceri, incensi, canti e vesti apposite. In alcuni casi, fu direttamente il cerimoniale di corte a fornire un modello per quello della liturgia ecclesiastica. La sala del Concistoro (la Magnaura a Costantinopoli) in cui l’imperatore dava udienza, faceva investiture e riceveva ambasciatori, era uno degli ambienti principali del palazzo.
Tutto il complesso architettonico della sala era volto a sottolineare la figura straordinaria del basileus.
Il trono, posto in cima a un podio in porfido, era sormontato da un baldacchino sorretto da quattro colonne, su cui svettavano due vittorie alate che recavano una corona d’alloro.

Gli astanti assistevano alle udienze nella Magnaura in religioso silenzio – tanto da far prender il nome di silention, dal latino silentium, agli incontri che si tenevano qui –, e il sovrano non avrebbe mai dovuto mostrare le proprie emozioni, mantenendo una rigida compostezza. La sala era celata ai sudditi da una tenda che pendeva all’ingresso principale, detta velum.
Gli ingressi secondari alla Magnaura erano invece usati dal sovrano e dal suo seguito. Quest’ultimo si disponeva nell’ambiente e ai lati dell’imperatore secondo un ordine preciso, in modo tale da ricordare Cristo in trono attorniato dagli angeli. Al posto degli angeli, ai lati dell’imperatore trovavano posto gli eunuchi.

L’imperatore in trono assumeva così un aspetto ieratico, che voleva rimandare a un’immagine divina del suo potere e dei suoi principi ideologici. La vita di corte era regolata da un rigido sistema di precedenze che fissava il rango e la posizione dei dignitari nelle cerimonie, sempre al fine di rappresentare una sorta di rituale.
L’organizzatore di questo sistema fu l’imperatore Valentiniano I, che si prodigò all’emanazione di qualche decreto per fissarlo. Il sistema venne poi modificato e reso sempre più complesso nel corso dei secoli.
Faceva parte del cerimoniale cortigiano anche l’usanza di ricevere un dono dalle mani del basileus, ma celando le proprie sotto il mantello, per non profanare la figura di colui che era “eletto da Dio”.
Anche questa usanza proveniva dall’Oriente, più precisamente dalla Persia, ed era molto diffusa nella corte già dal IV secolo.

1 commento»

[…] periodo tardo antico fino al Medioevo; è la volta, dopo il cerimoniale d’inconorazione e gli imperatori, delle mogli dei […]

"Mi piace"


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

J. Iobiz

Scrittore. In realtà, sono solo un personaggio di fantasia, ma di quale fantasia non ricordo più

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

Mágica Mistura✨

Uma mistura mágica de poesia, imagens, música, citações, atualidades e velharias do Brasil e do mundo,sempre com um toque de inconformismo ...

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Television, and Music Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

corruptio pessima optimi

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana sul cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Astro Orientamenti

Ri orientarsi: alla ricerca del nostro baricentro interiore

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: