HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per aprile 21, 2021

Incubi grotteschi di esiliati sognatori di Antonio Pilato – Club GHoST


Sul Club GHoST una recensione di Cesare Buttaboni a Incubi grotteschi di esiliati sognatori, volume di racconti weird di Antonio Pilato.

La letteratura horror e weird italiana ultimamente sta dimostrando di essere viva e vitale. Ora è la volta di un libro di racconti di Antonio Pilato, un altro esordiente (ha trent’anni ed è di Ravenna) che, tuttavia, dimostra di avere qualcosa da dire. Come molti si è appassionato molto presto alla narrativa dell’orrore divorando Stephen King, Poe, Lovecraft, Clark Ashton Smith e Chambers. Ma, di recente, è stato anche molto influenzato dalla prosa barocca di Thomas Ligotti. Influenza che traspare fin dal titolo del suo libro di esordio ovvero Incubi grotteschi di esiliati sognatori. Siamo di fronte ad un volume di racconti (talvolta brevissimi) che sembrano degli incubi scritti di getto. D’altra parte anche il grande Lovecraft usava i sogni come materia prima dei propri racconti come nel celebre Nyarlathotep, scritto in stato di semiveglia. Pilato è uno psicologo e di sicuro conosce bene i meccanismi che portano alla scoperta dei fantasmi sepolti nel nostro inconscio.
Il libro è strutturato in tre parti (Le confusioni innate, Le circostanza curiose e Le razionalità colorate) contenenti ciascuna quattro racconti. Questa suddivisione non è certo casuale ma dimostra che c’è del metodo nella follia di Pilato. Già dal primo racconto Cacofonie da appartamento veniamo immersi in un universo dai contorni cangianti in cui non è facile capire cosa è vero o falso. Il protagonista sperimenta una percezione “altra” della realtà in cui ascolta delle bizzarre cacofonie. Il finale sarà sorprendente e farà venire il dubbio che i suoi siano solo i deliri di uno psicotico. L’appartamento in cui vive si rivela infatti come un reparto psichiatrico per il trattamento della psicosi.

Si sciolgono i riferimenti


Quando ogni cosa suona distorta dentro, logora e decadente e tu sei sopraffatto dallo spleen che chiude i tuoi occhi, in uno sciogliersi di rimpianti.

Domeniche balcaniche | HorrorMagazine


Su HorrorMagazine è possibile leggere un breve racconto di Alessandro Forlani; questo è l’incipit, col tipico intercalare dell’autore:

Domeniche balcaniche, Ilaria le chiamava: chissà se poi balcaniche; e però suonava bene.

La musica fluttuava sull’altra sponda del fiume. Violini, fisarmoniche, una voce femminile; gli ottoni, i tamburelli, una base registrata. Gli stereo crepitavano sui teli e le tovaglie, lucevano metallici tra i fili di erba alta. I rom erano curvi sui tronchi e gli sgabelli, gettavano le lenze in quell’acqua verde fango. Ronzii di mulinelli, i ragazzi parlottavano, flettevano le canne, lanciavano: di nuovo. Gli adulti erano scalzi seduti sotto gli alberi, le frasche di sambuco ondeggiavano nel vento. Graticole, bottiglie, la carbonella che scoppiettava; il grasso odore delle salsicce e il pane fresco tagliato a fette. Gli schiocchi di turaccioli, i gloglotti di lattine, gli scintillii di coltelli al sole e medagliette e collane d’oro. Tutti gli uomini con il cappello, le gonne lacere delle donne. Quei maglioni striminziti con i gomiti bucati. I loro sandali sui sassi piatti nell’argilla e il limo freddo. Si raccoglievano a quella riva, che è la meno frequentata, al lato opposto di una ciclabile di passeggini, famiglie e pattini.

Ogni domenica, se c’era il sole.

Per pescare, cucinare; ma anche farsi i cazzi loro. Non danno noie. Non ho problemi. Le lamentele della città. Tanti mugugni ché sono zingari ma mai fastidi a nessuno mai. Vivono chiusi in un loro mondo. La gente è stronza però, è razzista.

Ilaria accelerò la passeggiata sulla pista, che in quel tratto si abbassava a uno scavalco di ferrovia che spezzava il fiume verde in una breve e schiumosa rapida. I piloni erano accessi di graffiti rossi e rosa, verde acido e arancione su un uniforme fondale nero. Il tarassaco infestava gli interstizi tra i mattoni, si arrampicava alle gabbie scure e i binari e traversine.

2774 volte auguri, Roma


Compleanno di Roma. È il 2.774° anniversario, e ciò che vedo è un luogo che si ammanta di mistico fascino e splendore, ogni anno di più, nutrendosi del suo stesso passato ancora vivo – un immenso genius loci.
Energie affastellate su se stesse, incipienti, fino a quella che sarà la completa trascendenza.

È tornato il Circolo dell’Arca | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione di Circolo dell’Arca, di Roberto Guarnieri, romanzo steampunk e gotico che racconta nuovi strani avvenimenti nella Londra vittoriana, con un ospite d’eccezione. La quarta:

Le notizie che il colonnello Acherson riferisce a John Fox sono agghiaccianti. Il cadavere di un uomo è stato ritrovato vicino a White Chapel. Fin qui nulla di inusuale: la cosa strana era che il cadavere presentava una totale anemia, mancanza totale di sangue. E le cose sono definitivamente precipitate più tardi, quando, all’obitorio, il cadavere si è alzato e ha cercato di andarsene.
Per Fox e i suoi soci del Circolo dell’Arca si riapre una vecchia ferita. Per affrontare questa nuova missione avranno bisogno dell’aiuto di un vecchio amico di Fox, l’unico uomo morso da un vampiro e sopravvissuto per raccontarlo: Bram Stoker.

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

it takes a fool to remain sane

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Jakob Iobiz

Scrittore

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

Mágica Mistura✨

Uma mistura mágica de poesia, imagens, música, citações, atualidades e velharias do Brasil e do mundo,sempre com um toque de inconformismo ...

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Paesaggi dell'Anima

Gallerie da Vinci

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: