HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per agosto 7, 2021

Addio a Stefano Di Marino | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine il ricordo di Emanuele Manco a Stefano Di Marino, con un editoriale che mi trova concorde su tutto. Eccolo qui sotto:

Ieri mattina come una sberla è arrivata dai social la notizia della morte dello scrittore italiano Stefano Di Marino. Si è lanciato nel vuoto alle 7:30 di ieri, dal balcone della sua casa a Milano, nel quartiere della Maggiolina, lasciando un biglietto con le motivazioni del suo gesto.

Esprimendo il mio cordoglio e la vicinanza ai suoi amici e familiari, voglio ricordare quanto Di Marino fosse “uno dei nostri”. Uno scrittore, lettore, spettatore di quella cosa brutta che gli intellettuali paludati chiamano “genere”. Thriller, spionaggio, fantascienza, fantasy, etc. etc. Una volta a un incontro mi disse che uno suo progetto personale fosse di scrivere almeno un racconto di ogni genere letterario conosciuto.
L’ho incrociato spesso in questa specie di famiglia allargata dell’editoria. Convention, presentazioni, eventi. Non potevo dirmi amico, ma di certo abbiamo parlato cordialmente tante volte. Ho sempre letto con piacere i suoi racconti, romanzi e saggi. Testimonianze di una professionalità che ho sempre considerato esemplare. Uno dei pochi professionisti veri tra noi dilettanti. Un costruttore di storie che non conosceva la pagina bianca, il cui “segreto” era quello più semplice di tutti: scrivere, scrivere, scrivere, una parola dietro l’altra. Una prolificità che lo ha reso la colonna portante di Segretissimo, con il Professionista, scritto con pseudonimo Stephen Gunn, ma anche con altre serie e altre firme, anche la sua ovviamente. Per Delos ha scritto un bel libro, Scrivere da Professionista, dove racconta il suo mestiere con umiltà, ma anche tanti racconti in ebook. Ha scritto anche romanzi fantasy, pubblicati da Urania, I predatori di Gondwana, con il suo nome, e  L’ultima imperatrice, con lo pseudonimo Jordan Wong Lee.

Al di là di tutto, dispiace che si sia perso un vero e misconosciuto gigante della nostra editoria. Un’autentica macchina da storie, frutto di un duro lavoro che però non gli è valsa la fama che avrebbe meritato, perché dedicato a letteratura considerata “povera”. Ad avercene avuti scrittori capaci come lui di non mancare una scadenza, e con la sua efficacia narrativa.

Ecco. La protervia della narrazione mainstream, con le sue pretese impossibili di verità e realtà, è tutta nell’articolo di Emanuele, che sottolinea come i potentati culturali di questo scorcio di mondo e tempo siano ormai in combutta con quelli economici, capaci quest’ultimi di dettare le loro linee editoriali rivolte al semplice, all’immediato, al se ci metto più di tre righe per esporre il concept allora non va bene, perché poi la pubblicità non attecchisce e i dividendi trimestrali agli azionisti non saranno in crescita.
Questo è il triste corollario di un mondo avvitato su se stesso, dall’orizzonte a tre mesi, che sta agonizzando sotto i colpi di un virus creato dalle sue stesse condizioni di mercato. Stefano è stato cantore e vittima di tutto ciò, forse alla fine più vittima; ora che tutto di lui è finito rimarranno, si spera a lungo, le sue opere.

Mi spiace profondamente per la sua morte…

Sisters Of Mercy – Amphetamine Logic – Live in London – Royal Albert Hall 1985


L’apoteosi delle oscurità dense.

Fascinazioni del ragno


La sensualità del ragno ha radici nelle sue molteplici, flessuose gambe.

Presentimenti


Nel momento vittoriano la sensazione di un futuro cibernetico era già presente.

YouTG.NET – Agenzia Nazionale di CyberSecurity, hacking e terrorismo: le parole hanno un peso


Interessante articolo fiume di Arnaldo Pontis che analizza la situazione non solo internazionale – emersa e sommersa – in cui è maturato l’attacco cibernetico ai database della Regione Laziodi pochi giorni fa. Un estratto – non esaustivo, che illustra dei side-effect davvero inquietanti.

I danni peggiori di un cyber-attacco arrivano poi quando l’utente colpito non solo non è stato in grado di prevenire e respingere, ma nemmeno riesce a rimediarvi a posteriori. Se dopo un attacco non si è in grado di  circoscrivere e mitigare i danni si può soltanto attendere la conta dei corpi sul terreno da parte del nemico. Prevenire, identificare, circoscrivere e mitigare danni. Sono termini di guerra. Ma  non sono cosa semplicissima da progettarsi in tempi di pace, quando si è sempre più deboli.  Questa  “debolezza”  propria del fattore umano è frutto  anche dell’ignoranza di chi prenda decisioni all’interno degli enti pubblici. Ignoranza intesa come non conoscenza di quel che si dovrebbe governare o gestire.

Attivare meccanismi e infrastrutture NDIS (Network Intrusion Detecting System) in una Amministrazione Pubblica è invece un processo complesso tutt’altro che emergenziale. Si tratta di creare infrastrutture costose e vitali che resteranno “invisibili” agli occhi dei cittadini e del bacino elettorale di riferimento del politico e amministratore di turno. Qualcosa che costa molto e, quando funziona perfettamente, lo fa senza far rumore. Nulla, in apparenza, risulta visibile all’esterno. Azioni e processi infrastrutturali di questo tipo sono di lunga durata e sempre  ben poco spendibili a livello di immagine o consenso immediati. Si deve poter disporre di volontà politiche e visione d’insieme oltre a molti denari dei contribuenti, che devono esser spesi bene, con lungimiranza e cognizione di causa. Non si tratta solo di progettare e creare  costose infrastrutture materiali e immateriali in ambiti di costante evoluzione e obsolescenza tecnologica. Ci si deve dotare anche di risorse umane. Personale con adeguate competenze informatiche che sia in grado di  svolgere compiti di gestione e monitoraggio costante attraverso tali infrastrutture.  E mantenere nel tempo ambienti remoti e sistemi di sicurezza in grado di prevedere e anche mitigare gli effetti del prossimo “cyber-pericolo” in arrivo.

Tutto si muove in rete, per il dominio dell’altrui territorio dentro  scenari tecnologici frenetici e dominati dalla finanza e dai mercati. Non me ne vogliano i complottisti ma purtroppo non esiste nessun “nuovo ordine mondiale” organizzato da combattere.  L’unico vero “complotto” è la banale esistenza di masse  ignavi, moltitudini sempre più ampie di utenti/consumatori  che, anche attraverso la rete,  ogni giorno, si pongono al servizio di un “capitalismo di mercato”.  Governato non da un’élite di pochi e potenti ricchi  “Illuminati” ma dal caos e dalla corsa al profitto che ci coinvolge e domina, in qualche modo, tutti.  E in questo caotico complotto globale non organizzato che troviamo gli individui, divenuti collettività di utenti della rete, rappresentare l’ennesimo “parco buoi” che agita qualsiasi listino di Borsa prima del suo default. Un parco buoi fatto di persone da muovere come pedine per  alimenta il sistema economico, produttivo e finanziario. Un parco buoi/utenti di tal tipo diventa naturale terreno di coltura per le affascinanti teorie di complottismo. Terreno fertile in cui muoversi con il fare superficiale e ignorante che è proprio dell’approccio di tutti noi alle tecnologie e alla rete internet di cui prima ho parlato.  È questo il motivo per cui, da più parti, sentiamo molti politici per un banale virus ransomware che ha infettato i server della Regione Lazio, invocare l’intervento dei servizi segreti italiani, dell’Interpol e addirittura dell’FBI.

Leggi il seguito di questo post »

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

listen to the tales as we all rationalize

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Gallerie da Vinci

Paesaggi dell'Anima

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: