HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Stateci, ‘Animals’ è meglio di ‘Dark Side’, ‘The Wall’ e ‘Wish You Were Here’ | Rolling Stone Italia


Su RollingStoneItalia un articolo di Fabio Zuffanti che traccia le coordinate dell’album Animals dei Floyd, approfittando della riedizione del nuovo mix che sta per invadere il mercato. Una perla di distopia nera graffiante e lucida, reale, che già quarantacinque anni fa illustrava il vomito dell’attuale mondo iperliberista.

Cercate di capirmi, Animals è davvero diverso, speciale, unico. È una bomba che ancora oggi fa sentire la eco della sua esplosione. E, credetemi, chi scrive è uno che da sempre sogna sulle ali della chitarra di David Gilmour e sui morbidi tappeti di organo di Richard Wright, che si commuove ogni volta che ascolta le quattro note di Shine On You Crazy Diamond e che dà di matto quando parte Echoes. Ma Animals è qualcosa in più, con dentro quei tre brani (più due brevi intro e outro) lunghi e proteiformi, di una bellezza e di una potenza che non temono avversari.
È proprio questa potenza che mi fa preferire Animals, perché non ho mai sottovalutato la brace che cova sotto la superficie della musica floydiana, quell’energia compressa che arde e non si spegne mai, fatta di alienazione, denuncia sociale, pazzia, ira. Ira che deflagra proprio nel loro decimo album, il disco più sottovalutato dei nostri (insieme al parimenti assoluto The Final Cut), pubblicato in piena epoca punk, quando i Floyd sono visti come un pugno in un occhio dalle giovani generazioni traforate di spille da balia. Ma diciamolo una volta per tutte, con buona pace di coloro che indossavano t-shirt con scritto “I hate Pink Floyd”, se c’è un album visceralmente e schiettamente no compromise è proprio quello realizzato dai Floyd nel ’77.

Animals non è ampio, non è carezzevole, non è levigato, non è spaziale. Animals si fa catalizzatore di tutto il disagio e l’incazzatura accumulati, trasuda malessere in ogni nota, è denuncia sociale, pugni in faccia, sporcizia e bastonate. L’umanità ridotta a cani, pecore e porci, una delle più incisive invettive contro la debolezza degli uomini pronti a farsi sopraffare dal più scaltro. E la musica segue questo istinto: cruda, acida, ma non in senso psichedelico, lascia in bocca un gusto acre. Animals è stridente, mai ruffiano, nichilista all’eccesso. Roger Waters è più furioso che mai, da una parte è certo che l’umanità sia alla frutta, che meriti in pieno di essere schiavizzata da cani e porci, dall’altra cerca un riscatto, si augura che la musica possa ancora essere utile a trasmettere speranza, a diventare arma di rivoluzione. Per questo sua afflato Animals si distingue dagli altri dischi, bellissimi, piacevolissimi, ma non così infuocati, non con così tanta forza dentro, quella che Roger Waters continuerà fino a oggi a trasmettere al suo pubblico.

Nonostante Animals sia parto quasi solipsistico del bassista, gli altri non si fanno pregare per darci dentro. Nick Mason picchia furioso le pelli, lo stile è il solito, ma l’energia ha un quid in più rispetto a Dark e Wish. Qui ci sono da tirare fuori le palle e pestare sodo e Mason si dimostra all’altezza. Stessa cosa Rick Wright, meno evanescente che in passato, capace di fare ruggire alla grande il suo Hammond e lanciare i sintetizzatori nella devastante atmosfera di rabbia e smog che il disco evoca fin dalla copertina, con quella iconica e allucinante Battersea Power Station che pare una cattedrale gotica, nuovo tempio dell’umanità belante mentre dal cielo veglia la divinità suina.
David Gilmour fa storia a sé, con ritmiche e assoli più grezzi, a contatto con la terra. Svise paurose in Dogs e aperture da brivido mentre nei lunghi minuti della suite il tempo cambia spesso. Poi ci si ritrova in quell’oasi disturbante a metà brano, con il latrare lontano dei cani e la chitarra che urla a mettere in scena una Echoes dei bassifondi. E Waters. Non sappiamo se suoni il basso nel disco, probabilmente lo fa Gilmour che in studio è più preciso, ma la botta è mantenuta; mazzate sulle note gravi che ce lo vedo nel vetro dello studio Roger che incita il chitarrista a darci dentro a suon di “fuck”. Infine la voce, il bassista scrive come Dante nell’inferno della modernità, scrive parole che sembrano vetri rotti, vomita un canto più slabbrato che mai. Anche Gilmour fa una parte in Dogs, ma lo sento che non è totalmente a suo agio con quei testi. Di indole più tranquilla, non vede il mondo come selva animalesca, è costretto a interpretare un ruolo che non gli appartiene. Ma funziona lo stesso, il brano è così bello che poteva cantarlo chiunque e avrebbe retto. Quando poi è raggiunto da Waters è l’apoteosi.
Sul lato B ancora tanto veleno in corpo. I Floyd autori del disco languido per eccellenza, il Dark Side che più nel tempo è stato usato per le pratiche amorose, diventano quasi fastidiosi, ma è un sublime gesso sulla lavagna. Roger oramai è salito definitivamente in cattedra e ci da dentro con Pigs (Three Different One), il miglior funky-Floyd della storia: torrido, sensuale, brutale. Segue Sheep, una One of These Days dissennata con Gilmour che sul finale si scatena in un pattern di accordi da far venire giù tutto. L’epilogo è i due tempi di Pigs on the Wing che apre e chiude: Waters da solo con la chitarra acustica ci spiega che non c’è via d’uscita, in un mondo di bestie tu devi soccombere e morire male.
Finirà con uno sputo e un muro.

No comments yet»

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

The Sage Page

Philosophy for today

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

Sobre Monstruos Reales y Humanos Invisibles

El rincón con mis relatos de ficción, humor y fantasía por Fer Alvarado

THE PRODIGY OF IDEAS

This blog is a part of my inner world. Be careful to walk inside it.

Gerarchia di un’ombra

La Poesia è tutto ciò che ti muore dentro e che tu, non sai dove seppellire. ( Isabel De Santis)

A Journey to the Stars

Time to write a new Story

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

Fantastici Stonati

Ci vuole molta fantasia per essere all'altezza della realtà

Decades

by Jo & Ju.

The Paltry Sum

Detroit Richards

chandrasekhar

Ovvero come superare l'ombra, la curva della luna, il limite delle stelle (again)

AUACOLLAGE

Augusta Bariona: Blog Collages...Colori.

The daily addict

The daily life of an addict in recovery

Tiny Life

mostly photos

SUSANNE LEIST

Author of Paranormal Suspense

Labor Limae

- Scritture artigianali -

Federico Cinti

Momenti di poesia

Racconti Ondivaghi

che alla fine parlano sempre d'Amore

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: