HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Sperimentazioni

Vimana Tale, flying vehicles from Sanskrit epics | Neural


[Letto su Neural]

Le tecnologie immaginate del passato, specialmente quelle formulate come racconti fantastici, possono essere paragonate a molti prototipi assemblati nel XX secolo e mai prodotti. L’artista Tania Candiani ha indagato un testo indiano (Vaimanika Shastra) sulla tecnologia aerospaziale, citando “Vimana”, veicoli avanzati per il volo aerodinamico, descritti nell’antica epopea sanscrita. Nel contesto del trasferimento storico di tecnologie tra l’India e la regione cinese, ha cercato di ricreare uno di questi veicoli noleggiando un artigiano tradizionale taiwanese di lanterne volanti. Il volo è rappresentato in un video, che riflette la previsione di viaggiare alla “velocità del vento emettendo un suono melodioso”. La forma dell’opera Vimana ricorda droni attuali, che si adattano anche con la descrizione. Ma l’artista ha scelto di non considerare Vimana come una profezia visionaria, ma come una visione intensa, e di darle di conseguenza una forma fisica.

Annunci

Anteprima del nuovo numero di NeXT-Station


Tornano gli interventi su NeXT-Station. Un lauto antipasto del numero nuovo che presumibilmente uscirà a settembre, con una splendida sorpresa, ma solo per chi non la conosceva già: un magnifico racconto sul concetto di memoria scritto da Linda De Santi; poi il mio contributo per la rubrica Pulse, che racconta dei concerti del passato (quindi anche qui si va sul filo della memoria). Infine, un grandioso contributo di Roberto Paura che racconta di Nils Aall Barricelli e dei suoi modelli di machine learning.

Buona lettura, e vacanze, da parte di NeXT-Station, dai suoi curatori Giovanni De Matteo e Salvatore Proietti.

The Aerographer, spatial anxieties | Neural


[Letto su Neural]

Luiz Zanotello pensa che interpretare le differenze e stabilire i confini stia generando “ansie spaziali” soprattutto perché siamo inclini a una mediazione tecnologica che sta accentuando la nostra crescente incertezza. Egli interpreta poi questi sentimenti nella sua installazione “The Aerographer”, misurando il flusso d’aria in diversi punti all’interno di una stanza, le cui differenze causano il movimento di una serie di nodi di plastica bianca. Questi nodi possono muoversi su assi diversi, cambiando le connessioni tra le linee, diventando una visualizzazione dei cambiamenti nella topografia dell’aria. Si tratta di un display cinetico che agisce in modo autonomo attraverso anemometri che misurano le variazioni di temperatura, rilevando così la velocità dell’aria. Ciò che mostra alla vista è una metafora di un costante cambiamento e adattamento al resto del sistema. Che è quello che fanno tecnicamente le reti e che cosa fa di conseguenza la società, indotta da flussi invisibili ma presenti e influenti.

Dóra Maurer – Thinking in Proportions | Neural


[Letto su Neural]

Osservando altre persone che guardano lo schermo del loro smartphone per ore, ci chiediamo cosa dovrebbe rappresentare un’impresa culturale simile a quella che la videoarte ha rappresentato negli anni Settanta per la televisione. Se non sembrassero antiquati, anche alcuni primi video arte sarebbero informativi e, infine, gli smart media non sarebbero mai messi in discussione. Un altro notevole sforzo delle edizioni DVD di Index è questa collezione di opere di video arte dell’artista ungherese Dóra Maurer. Tra i suoi lavori, i video qui inclusi testimoniano la sua principale poetica, che è quella del “movimento e dello spostamento”. È facile trovare queste qualità in quasi tutti i lavori qui inclusi. In particolare la dissezione del tempo e dell’immagine in “Ritardo”, dove il volto di una donna è spezzato in pezzi e riprodotto, mentre allo stesso tempo lo schermo e il suo contenuto in continua evoluzione è divisorio e unificante. Allo stesso modo, “Triolet” gioca con diverse prospettive ottiche dello stesso soggetto registrate attraverso una telecamera oscillante, poi assemblate meccanicamente dividendo lo schermo in tre parti, come un trittico orizzontale. Quello che Maurer sembra fare è mappare lo spazio dello schermo durante l’esecuzione attraverso un cancello aperto tra lo schermo e lo spettatore. Ecco perché questi lavori sembrano così recenti (a parte la qualità video). Certamente, produrre alcune delle idee negli anni settanta e all’inizio degli anni ottanta sarebbe stata una sfida tecnica, ma averle di nuovo pubblicate quarant’anni dopo afferma come ‘movimento e spostamento’ siano ancora molto rilevanti.

Quantified Self Portrait (One Year Performance), intimate flows | Neural


[Letto su Neural]

Nella media art c’è un intero filo conduttore nel definire un ritratto non come un volto, ma solo tramite dati intimi collegati in modo univoco alla persona. Poiché la nostra identità burocratica è fatta esclusivamente di dati digitali, come la maggior parte della nostra socialità mediata, questa pratica riflette progressivamente la nostra natura quotidiana. Michael Mandiberg è sempre stato attento ai cambiamenti nelle nostre strutture quotidiane, sviluppando opere d’arte con una cura quasi ossessiva. Nel suo “Quantified Self Portrait (One Year Performance)” mostra un video a 3 canali, fatto di fotografie davanti allo schermo e screenshot prodotti ogni quindici minuti da software personalizzati, per una performance di un anno, e alcune riflessioni testuali chiave. Il risultato è un’identificazione con la prospettiva del laptop e il carico di lavoro, mentre le riflessioni più lente interrompono il flusso dei coinvolgimenti con lo schermo, fornendo una delle possibili strategie di fuga individuali.

Dimenticare potrebbe migliorare l’apprendimento – ORME SVELATE


Su OrmeSvelate un post che calza a pennello sulle mie caratteristiche cerebrali: le dimenticanze. Diciamo che mi riconosco in pieno nei meccanismi dell’oblio selettivo, e che per quanto mi riguarda diventa un bilanciamento energetico, così da potermi dedicare a cose più interessanti. Incollo il post e ringrazio:

Dimenticare nomi, abilità o informazioni apprese in classe è spesso considerato come puramente negativo. Per quanto poco intuitiva possa sembrare, la ricerca suggerisce che la dimenticanza gioca un ruolo positivo nell’apprendimento: può effettivamente aumentare la conservazione a lungo termine, il recupero di informazioni e le prestazioni. Questi risultati sono stati presentati presso l’istituto di American Physiological Society (APS) sull’insegnamento e l’apprendimento a Madison. Gli indizi contestuali hanno un ruolo in quello che le persone sono in grado di archiviare e recuperare dalla loro memoria. Un cambiamento nel contesto può causare oblio, ma può anche cambiare e arricchire il modo in cui le informazioni vengono codificate e recuperate, il che può migliorare l’apprendimento. La dimenticanza può essere definita come una diminuzione di come alcune informazioni o procedure siano facilmente accessibili in un determinato punto nel tempo. Per esempio, alcuni elementi potrebbero essere fortemente impressi nelle nostre memorie (denominati “strong storage strength”), come un numero di telefono dell’infanzia, ma potrebbe essere difficile da recuperare rapidamente a causa del periodo di tempo trascorso dall’accesso a tali informazioni (“forza di recupero debole”). Il cervello in pratica seleziona le informazioni più ricorrenti, quelle probabilmente più utili e fa in modo che siano di più facile accesso, un po’ come lasciare una bolletta in bella mostra se la dobbiamo pagare presto. Mentre per quelle informazioni meno usate il cervello ha in genere la capacità di poterle recuperare, ma con più fatica, come quando riponiamo un libro in libreria e puntualmente non riusciamo a trovarlo se, dopo anni, lo vogliamo riprendere in mano. Insomma sembra che se il nostro cervello dimentica in maniera organizzata, allora sta funzionando bene.

Alternative Face, physiognomic mapping | Neural


[Letto su Neural]

L’appropriazione dei dati fisici di una persona per generare video programmati facendone uso in modo arbitrario è tecnicamente dimostrabile, utilizzando la biometria e le reti neurali. Anche se i risultati sono ancora scarsi, le preoccupazioni etiche possono sorgere rapidamente, soprattutto dopo aver elaborato manipolazioni specifiche. Quasimondo (Mario Klingemann), nel suo Alternative Face ha dimostrato in modo eccellente questo approccio. Ha utilizzato il volto della cantante francese Françoise Hardy, e ha formato una rete generativa contrastante per generare video del suo volto utilizzando una serie di marcatori biometrici e diversi dei suoi video clip. Il modello risultante è diventato perfettamente controllabile e dopo che i marcatori di Conway sono stati mappati sul volto di Hardy, è stato utilizzato per produrre un video in cui la cantante sembra parlare nella famigerata intervista di Kellyanne Conway su “alternative facts”. Il disagio nell’affrontare questo uso dei dati visivi sull’identità sta solo mostrando il modo in cui questo tipo di manipolazioni verranno utilizzate nel prossimo futuro.

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

BREAKFAST COMICS

Il fumetto quotidiano di Michele Nuzzi

Il Caos dentro

...che genera una stella danzante

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

VOCI DAI BORGHI

PERDERSI TRA LE EMOZIONI DEI BORGHI ITALIANI

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Scrittore horror.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

👩‍🎨 Drawing artist 🇮🇹 26 y/o ♍️ 📨 evelynartworks@virgilio.it 🌛🌓🌜 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

Giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Tanti capelli.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: