HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per NeXT-Station

T H E : N e X T : S T A T I O N – Totalitarismi, ruoli di genere e maternità: uno sguardo alla narrativa distopica delle donne


Su NeXT-Station è appena uscito un articolo di Linda De Santi che intercetta le linee semantiche tracciate a partire dalle distopie di Margaret Atwood. Un estratto:

Da qualche tempo il panorama narrativo contemporaneo si è arricchito di distopie scritte da donne, soprattutto in seguito al successo della trasposizione televisiva di Il racconto dell’ancella. La narrativa fantascientifica e l’attenzione del pubblico si rivolgono oggi con crescente interesse ai temi dei diritti delle donne.
In realtà la narrativa distopica femminile non è un fenomeno recente: le donne scrivono distopie da decenni e già autrici come Ursula K. Le Guin, Octavia Butler, Angela Carter hanno affrontato i temi su cui oggi si sta concentrando l’attenzione di scrittrici e lettori. Tra questi troviamo i ruoli di genere e i loro vincoli, ma anche, più in generale, i temi della parità e dell’uguaglianza, e il timore che il percorso dell’umanità verso il loro pieno raggiungimento possa essere arrestato o addirittura invertito (“L’idea che la storia progredirà sempre è una fantasia”, ha detto Margaret Atwood in una recente intervista).
Su questo primo corpo di letteratura si basano anche le opere distopiche femministe più recenti, in cui, come da tradizione del genere, la lente della fantascienza viene usata per far risaltare alcune preoccupazioni che pervadono la contemporaneità. (Per approfondimenti sul genere distopico, si veda anche l’articolo di Salvatore Proietti Distopia, Andata e Ritorno.)

Anteprima del nuovo numero di NeXT-Station


Tornano gli interventi su NeXT-Station. Un lauto antipasto del numero nuovo che presumibilmente uscirà a settembre, con una splendida sorpresa, ma solo per chi non la conosceva già: un magnifico racconto sul concetto di memoria scritto da Linda De Santi; poi il mio contributo per la rubrica Pulse, che racconta dei concerti del passato (quindi anche qui si va sul filo della memoria). Infine, un grandioso contributo di Roberto Paura che racconta di Nils Aall Barricelli e dei suoi modelli di machine learning.

Buona lettura, e vacanze, da parte di NeXT-Station, dai suoi curatori Giovanni De Matteo e Salvatore Proietti.

L’incanto di Bambola pubblicato in Giappone | KippleBlog


Su KippleBlog la segnalazione della pubblicazione in Giappone di un racconto di Lukha B. Kremo. Complimenti, caro Luca, complimenti bellissimi!

Il racconto “L’incanto di Bambola” di Lukha B. Kremo, già uscito in italiano nella raccolta “Supernova Express” e in inglese su “NeXT International”, è uscito in Giappone su “SF – Fanzine of Science-Fiction and Facts”.

T H E : N e X T : S T A T I O N | Dove eravamo rimasti?


È online il numero 4 della webzine NeXT-Station.org, curato come sempre da Giovanni De Matteo e Salvatore Proietti. In effetti, come dice Giovanni stesso nell’editoriale, è passato un po’ di tempo dal numero precedente della zine, che non vuol dire che si è stati fermi, ma tutt’altro. Il risultato è in calce all’editoriale, con una serie di articoli e rubriche (qui e qui i miei contributi) che appianano un po’ l’abisso del tempo passato, e dopo che NeXT è in stasi forzata da un eone più o meno simile a quello di NeXT-Station, ritrovare la voglia di fare informazione organizzata sulle volumetrie di una rivista è qualcosa che ci mancava, che mancava pure a me. Datevi da fare, leggete le novità che abbiamo disseminato nel tempo e preparatevi al salto quantico connettivo, si prevedono emancipazioni cognitive notevoli.

Tuxedomoon – The Waltz


Ricordo di averlo visto l’8 agosto 1984, al Circo Massimo, durante un loro concerto. Altri tempi, altri media, altre suggestioni e meraviglie. Tra l’altro, questo brano è stato a lungo la sigla finale del mio Tersicore, ma questa è un’altra storia (ciao Peter…).

T H E : N e X T : S T A T I O N – Francesco Trulli – L’Universo Finito


Su NeXTStation.org un altro intervento per festeggiare il decennale del Connettivismo: parliamo della poesia di Francesco Trulli – L’Universo Finito, a cura di Alex “Logos” Tonelli.

Versi dirompenti a avvolgenti, vi lascio all’antipasto qui sotto e vi invito a leggere l’articolo:

l’universo finito

mi sono permesso di bussare alla tua porta una volta di più
una volta ancora
una volta in più

mi sono osservato consumare
in balia di sussidi e ciotole di cibo secco
convinto che una seconda alba potesse di me
dipingere solo ornamenti

mi sono poi chiuso in gabbie sempre più strette
in stanze sempre più vuote
e dal fruscio delle cose ho ascoltato le sole apparenze
senza reagire alla curvatura dei pianeti
e ho sentito scricchiolare l’universo
collassare le vie parallele
udito la lava colare dai satelliti della parzialità

interi asteroidi scollati e disuniti
vibravano al cospetto
di fuochi e fatui riflessi

inconsistenti friabili
eppur poetici

ho dato ascolto allo scricchiolio della terra
immagazzinato i rumori lontani
e fissato il tempo nei quadri appesi
nelle cantine degli inascoltati
dove l’umiltà delle amanti si nasconde nell’ignoranza della strade

e ho consolato il crollo delle anime
giustificato il senso compromesso della spontaneità
creato equazioni impossibili
che potessero risolvere enigmi isterici

…e ho perso il suono incantevole del fiato leggero…

vedo
ora
le gocce cadere
scivolare lisce
scendere piano
posarsi lente

chiudersi amorfe

T H E : N e X T : S T A T I O N – I nuovi articoli


Nuove proposte per festeggiare i dieci anni del Connettivismo sulla e-zine del Movimento, NeXT-Station.org: Giovanni “X” De Matteo propone uno splendido articolo su Istanbul, a cura di Fernando “BlackHoleSun” Fazzari, un piccolo saggio sullo scrittore giapponese Murakami, a firma di Alex “Logos” Tonelli, e due miei interventi riguardo un vecchio gig dei Death in June (Roma, 1991) e una mia considerazione socio-economica (non aspettatevi discussioni sui massimi sistemi) relative al costo dei beni commerciali, già comparsa su HyperNeXT.

Questo è solo l’antipasto della ricorrenza decennale, KeepTalking!

T H E : N e X T : S T A T I O N: Antares666


Su NeXT-Station è presente un racconto di Marco “Antares666” Moretti, Sky Beasts. Queste qui sotto sono le parole che Giovanni “X” De Matteo dedica all’introduzione del racconto:

Di Moretti abbiamo già proposto sulle nostre pagine “Stormi in picchiata”, un frammento apocalittico che ci sembrava fortemente debitore verso le immagini oniriche di William Hope Hodgson. Presentiamo adesso un suo nuovo lavoro, non meno visionario, che riprende in chiave fantascientifica l’accattivante tradizione dei bestiari medievali. Il riferimento fantascientifico più prossimo ci sembra in questo caso Bruce Sterling, con le sue mirabolanti razze aliene appena accennate lungo lo svolgimento de La Matrice Spezzata (1983). Ma anche le visioni cosmiche di Olaf Stapledon sono dietro l’angolo. Mosso da un ammirevole rigore tassonomico, Marco si cimenta nell’impresa con la dedizione e lo scrupolo dello xenobiologo. E chissà che questo brillante campionario di creature non possa costituire la base su cui costruire una o più future narrazioni. Noi ce lo auguriamo.

Mai perdersi un racconto di Marco, le apocalissi che si presentano sono radicali, al limite dell’incarnato.

T H E : N e X T : S T A T I O N | Francesco Cortonesi – Eden


Bel racconto di Francesco “DeadToday”Cortonesi su NeXT-Station, intitolato Eden.

Francesco è un connettivista della primissima ora, e con questa sua proposta ci porta in un territorio di poesia divorata dalle stringenti necessità del quotidiano e della politica; seguitelo, nelle sue sconcertanti discese…

Non avevano neanche quindici anni. Stavano distesi sulla spiaggia bianchissima. Distesi sotto il sole tiepido del primo mattino sui loro asciugamani uguali. Distesi sotto un cielo azzurro come il fiocco di un neonato.
Si tenevano per mano, travolti da un amore immenso, puro e ingenuo come solo a quell’età si riesce a provare. Ascoltavano in silenzio il leggero infrangersi delle onde che dopo tanto li stava riconciliando con l’esterno.
– Sposiamoci – disse lui all’improvviso.
Lei si voltò stringendogli la mano, come se tutto a un tratto lui fosse potuto svanire.
– Come? – domandò.
Sposiamoci!
Lei chiuse gli occhi per un istante, mentre il suo cuore sembrava una barca sbattuta sugli scogli dal mare in tempesta, poi si buttò tra le sue braccia e cominciò a baciarlo.
– Oh, dio… – sussurrò. – Non può essere vero!

T H E : N e X T : S T A T I O N | Filippo Radogna


Racconto di Filippo Radogna in uscita su NeXT-Station. Parliamo di Il Patriarca della Luce, un new-weird che affonda le sue radici nel Fantastico più canonico e che, a sorpresa, ci getta nel futuro remoto. Da non perdere.

Nella nebbia, il sangue colava copioso e denso dal corpo straziato e fradicio.
La Torre consacrata alla Cometa dei Titani era stata eretta con blocchi di inalterabile roccia spenta, dello stesso colore grigio fumo che connotava gli edifici della città. Il Patriarca era infilzato sulla punta protesa al cielo della Croce del Cosmo, che svettava sulla sua terrazza. Passai lieve la punta dell’indice su un ampio squarcio sul quale la materia rappresa formava rivoli vermigli.
Sempre più spesso i popolani mi facevano presente– e sapevo che lo stesso succedeva a ogni altro seguace dell’Ordine Esoterico – la loro invidia per il libero accesso che avevo a quel terrazzo, da cui si poteva spingere lo sguardo intorno alla città, per chilometri e chilometri. E io mi sforzavo di non ripetere ogni volta che tutto ciò che si vedeva era un’interminabile, ondulante distesa di nebbia. Ma forse quello che mi invidiavano davvero era che un giorno sarei stato il primo a vederla diradarsi, affievolirsi e infine dissolversi. Era per quel motivo, credo, che io e gli altri adepti sceglievamo regolarmente quel luogo, pur deprimente com’era, per meditare e talvolta perfino per conversare. La loro speranza era anche la nostra, sebbene nessuno di noi avesse mai osato affrontare l’argomento, né tantomeno l’aveva fatto il mio Maestro – finché aveva potuto.

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Fuliggine

“The books gave Matilda a comforting message: You are not alone." Roald Dahl

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Nerxes.com

– Daily writings | for thoughtful & reflective moments.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana del cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: