HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Notizie

How The Fields Of The Nephilim Had The Last Laugh | Louder


Un’interessante intervista – anche se del 2012 – a Carl McCoy, leader incontrastato dei FieldsNephilim. Vi si apprendono interessanti nozioni, una su tutte la volontà di non creare un brand stravenduto e commerciale. Amo quest’uomo…

The band – McCoy, guitarists Paul Wright and Pete Yates, bassist Tony Pettitt and drummer Alexander ‘Nod’ Wright – got plenty of attention when they first emerged in the mid-80s because they had the habit of covering themselves in flour before going on stage. The obvious question now is ‘why?’.

“We had to develop something because we were such an odd-looking bunch,” says McCoy. “We didn’t look like a band, so we mixed the Victorian clobber that we tended to pick up from charity shops for everyday wear with some sort of Spanish/Mexican spaghetti western vibe and basically covered it all in a load of shit, so we at least looked like we belonged together. It was a bit of a response to all that post-punk glam thing that was around at the time too, that whole Hanoi Rocks vibe. We weren’t comfortable with that. We were from Hitchin! But we didn’t really think about the flour that much. It just happened.”

I only sang the way I sang because I burnt my throat when I was a kid. I got hot food stuck down there and my throat got singed. I couldn’t talk for four weeks, but the effects lasted forever! And our music was totally different to the Sisters, too. Our sound to me was always like Pink Floyd mixed with the Velvets and even with a touch of jazz thrown in. Paul was a jazz-trained guitarist and that’s what helped make us sound unique.”

David Bowie Renaissance di Roberto Guerra | Neofuturismo


Novità per Roberto Guerra, cui ho dato il mio modesto contributo nel redigere una piccola intro. Parlo di David Bowie Renaissance, libretto di poesie dedicato al Duca Bianco; eccone un rapido sunto sul blog di Roberto:

«Un atto d’amore. E come vorremmo chiamare, altrimenti, quest’opera che Roberto Guerra ha dedicato all’immenso Duca Bianco, a David Bowie, a David Jones, a Ziggy Stardust o Major Tom? Un lavoro poetico consacrato a un artista che cambiava camaleonticamente nomi per mutare continuamente la propria inventiva». (Sandro Battisti)
«Dopo molti anni dalla sua lirica di avanguardia postfuturista – e dopo innumerevoli sperimentazioni in altri generi letterari – Guerra torna finalmente alla poesia senza mediazioni, verrebbe da dire alla poesia “pura” se non vi fosse il rischio di creare equivoci». (Riccardo Roversi)

L’ebook è in vendita su Amazon al costo di 3€.

Roger Waters: “Se volete estradare Julian Assange dovrete passare sui nostri cadaveri”


Ieri, Roger Waters è sceso in piazza, a Londra, per manifestare la sua contrarietà ideologica e umana all’estradizione negli USA di Julian Assange. Non posso che unirmi a lui, nei pensieri e negli intenti; riporto qui sotto il discorso che ha fatto, che trovate comunque su OndaMusicale.

“Sento una vera forza e del vero calore provenire da tutti voi in questo piccolo raduno. Ed è stato un grande onore camminare lungo Whitehall con tutti voi quindi vi ringrazio per avermi dato questa opportunità. Ci sono alcune persone alle quali mi vorrei rivolgere. Il primo, ovviamente, è Julian Assange stesso: un giornalista, un coraggioso raggio di luce nei posti oscuri dal quale le potenze vorrebbero che ci allontanassimo.”

Julian Assange, un nome che va scolpito con orgoglio in ogni monumento per il progresso umano. Julian è il motivo per il quale siamo qui oggi ma non è un progetto parrocchiale. Oggi noi siamo parte di un movimento globale che potrebbe essere l’inizio dell’illuminazione globale che questo fragile pianeta necessita così disperatamente.”

“Mentre ci incontriamo qui a Londra, oltre l’Atlantico, in Argentina, migliaia di donne stanno scendendo in piazza per chiedere la legalizzazione dell’aborto al presidente Fernandez. Non è solo l’Argentina: quest’anno abbiamo visto grandi proteste scoppiate in tutto il mondo contro i regimi fascisti neoliberali in Cile, Libano, Colombia, Ecuador, Haiti, Francia e ora ovviamente anche in Bolivia che sta lottando contro la nuova dittatura militare imposta dagli USA. Dove noi vediamo il nome dell’Inghilterra allegato a quella nobile lista.”

“Ci piace pensare che questo sia un paese libero, ma siamo davvero liberi? Quando Julian Assange viene portato al buio nella minuscola pretura, all’interno della prigione di Belmash, ci sono così tanti posti occupati da anonimi colletti bianchi americani che sussurrano istruzioni all’orecchio attento del principale avvocato dell’accusa, James Lewis QC. Perché? Perché non viviamo in un paese libero. Viviamo in un “canile glorificato” e abbaiamo e scodinzoliamo al comando dei nostri signori e padroni dall’altra parte dell’oceano. A grande richiesta, oggi mi trovo qui, davanti alla madre del Parlamento, e lì la vedo arrossita in tutto il suo imbarazzo.”

“Ieri ho fatto un’intervista a Sky News per promuovere questo evento. Non c’era nessun collegamento visivo, quindi il mio unico contatto con la signora che mi ha fatto le domande è stato tramite un auricolare su un filo riccioluto. Ho imparato qualcosa sul dire la verità nella formulazione delle sue domande. Si è presentata a me come un Don Chisciotte impazzito; ogni domanda era densa di sbavature e insinuazioni e di false accuse con le quali i potenti hanno cercato di annerire il nome di Julian Assange. Ha fatto scattare la stanca ma ben preparata narrazione e poi l’ha interrotta costantemente quando le ho dato una risposta. Non so chi sia, può darsi che abbia buone intenzioni. Se così fosse, il mio consiglio per lei sarebbe di smettere di bere il kool-aid e se davvero gliene frega qualcosa della professione che ha scelto, porti il suo sedere dispiaciuto quaggiù e si unisca a noi!”

“Inghilterra, chiedo al nostro Primo Ministro, Boris Johnson, di dichiarare le sue vere intenzioni: sostiene lo spirito della Magna Carta, la democrazia, la libertà, il fair play, la parola e soprattutto la libertà di stampa? Se la risposta a questa domanda è sì, allora venga, signor Primo Ministro, sia il bulldog britannico che vuole far credere a tutti noi. Si opponga di fronte alla spacconeria dell’egemonia americana, annulli questo processo-spettacolo, questa farsa, questo tribunale fittizio. L’equità davanti alla corte è incontestabile! Julian Assange è un uomo innocente!”

“Non posso lasciare questo palco senza menzionare Chelsea Manning, che ha fornito parte del materiale che Julian ha pubblicato. Chelsea è stata in una prigione federale per un anno, incarcerata dagli americani per aver rifiutato per principio di testimoniare davanti a una giuria appositamente convocata contro Julian Assange. Un grande coraggio! Le stanno anche facendo una multa di 1.000 dollari al giorno dall’altra parte dell’oceano, il tuo, Chelsea è un altro nome da scolpire nell’orgoglio. Una vera eroina. Anche quello di Daniel Hale è un nome da scolpire nell’orgoglio.”

“Chi di noi non ha mai compromesso la propria libertà nella causa della libertà stessa, chi non ha mai preso in mano la torcia accesa e l’ha tenuta tremante per i crimini dei suoi superiori, non può che immaginarsi il coraggio straordinario di chi invece l’ha fatto. E quando e se l’Impero americano verrà a prendere Assange, a distruggerlo, a bloccarlo come monito per spaventare i futuri giornalisti, noi li guarderemo negli occhi e determinati, con un’unica voce gli diremo dovrete passare sopra i nostri cadaveri!”

Don’t Extradite Assange Campaign – London – February 22, 2020


L’appello forte di Roger Waters al non concedere l’estradizione assassina verso gli USA a Julian Assange. Sulle note e sui luoghi distopici di Animals

PINK FLOYD: “ARNOLD LAYNE – LIVE 2007” IN USCITA PER IL RECORD STORE DAY 2020 | PINK FLOYD ITALIA


[Letto su PinkFloydItalia]

Da Cymbaline – Pink Floyd Magazine veniamo a conoscenza che il vinile della versione “inedita” di “Arnold Layne” registrata live al Barbican Centre di Londra il 10 Maggio 2007, uscirà in esclusiva per il Record Store Day 2020. Il supporto sarà ovviamente a tiratura limitata e rappresenterà la prima pubblicazione ufficiale su supporto della suddetta registrazione live, al di fuori del box “The Later Years”.

Il 45 giri in questione, infatti, aveva visto la luce solo lo scorso 13 Dicembre 2019 all’interno del cofanetto celebrativo dell’era 1987-2019, e grazie alle uscite esclusive del consueto Record Store Day (anche quest’anno celebrato il 18 Aprile in tutto il mondo) determinerà la prima possibilità di acquisto di un preciso “pezzo del box” per coloro interessati solo ed esclusivamente all’inedito in questione (un po’ come era stato per i volumi usciti poi singolarmente del primo grosso cofanetto “The Early Years”).

I dettagli sul contenuto preciso del lato B non sono ancora stati resi noti, ma ci aspettiamo sarà pressoché identico in tutto rispetto a quanto già pubblicato in “The Later Years” (ovvero 7″ con retro completamente muto e “tatuato” con un etching).

Le sculture sonore di Shaam Larein | PostHuman


Su PostHuman un bell’articolo di Mario Gazzola sulle evoluzioni del nuovo rock. In particolare, mi preme segnalare i passi che Mario dedica a Shaam Larein, artista che ho già segnalato qui – sempre grazie a Mario.

Esce invece in questi giorni per l’etichetta Icons Creating Evil Art un’altra sorprendente, oscura gemma, intitolata Sculpture, il debut album di una giovane cantante svedese di origini mediorientali, Shaam Larein.
Anticipato dai primi due avvolgenti singoli Aurora e Traveler, Sculpture è un maelström in cui sprofondiamo in sonorità che ricordano il dark anni ’80 di Siouxsie & the Banshees ma anche qualche atmosfera liturgica dei mistici Dead Can Dance, la prima PJ Harvey e la sua recente epigona turbinosa Chelsea Wolfe.

Ma, a differenza dell’intenso uso di droni in cui fluttuano i fantasmi di voce della Wolfe (almeno prima di Birth of Violence), nella miscela sonora di Shaam Larein emerge più distinta una componente folk-psichedelica – saranno le radici mediorientali – per così dire un ponte tra gli storici Coven e Jex Thoth, che rendono le sue composizioni più intensamente rituali di molto doom cui viene sbrigativamente associata.

Contribuisce al mood l’impiego di altre due voci femminili nella band, che fanno da controcanto alla linea principale della solista: quasi un coro tragico greco che interagisce coll’eroe protagonista in scena (nel passato della cantante, oltre al jazz, c’è anche il teatro in cui ha accompagnato il padre, che emerge anche dalla performance del video di Aurora), più rilevante nell’economia complessiva del suono delle chitarre graffianti che predominano appunto nel goth metal.

È una scultura sonora raffinata, al di là della sua drammaticità e anche della sua brevità: poco più di 35 minuti che però bastano per iscrivere con autorevolezza un nuovo nome dal profondo Nord nell’ideale trilogia del disagio al femminile contemporaneo.

NICK MASON’S SAUCERFUL OF SECRETS – LIVE AT THE ROUNDHOUSE | PINK FLOYD ITALIA


Su PinkFloydItalia la notizia della prossima uscita del DVD che contiene il concerto dei Saucerful of Secrets, la band di Nick Mason, tenuto il 3 e il 4 maggio al RondHouse di Londra; nella playlist i primi e primissimi successi dei Floyd, periodo al quale Nick è maggiormente legato se pensa alla sua esperienza di mezzo secolo nella band.

Uscirà il 17 Aprile 2020 il Blu Ray “Nick Mason’s Saucerful of Secrets Live at the Roundhouse”: la testimonianza del concerto live di Nick Mason con Gary Kemp, Guy Pratt, Lee Harris e Dom Beken è stato filmato nella leggendaria Roundhouse di Londra il 3 e 4 Maggio 2019. Oltre all’uscita come ormai è prassi da alcuni anni, ci sarà anche un’anteprima al cinema a Marzo.

Il blu-ray della durata di 117 minuti presenta una scaletta straordinariamente emozionante che include canzoni provenienti dall’epoca di Syd Barrett. Solo quattro canzoni di questo eclettico elenco sono mai apparse in precedenza su uscite ufficiali dal vivo dei Pink Floyd o dei suoi membri. Tutto il resto viene sperimentato per la prima volta dalle loro esibizioni dal vivo originali.

www.blu-ray.com/movies/Nick-Masons

La tracklist deve ancora essere confermata, così come gli eventuali extra, ma dovrebbe essere questa:

Interstellar Overdrive
Astronomy Domine
Lucifer Sam
Fearless
Obscured by Clouds
When You’re In
Remember a Day
Arnold Layne
Vegetable Man
If
Atom Heart Mother / If (reprise)
The Nile Song
Green Is the Colour
Let There Be More Light
Childhood’s End
Set the Controls for the Heart of the Sun
See Emily Play
Bike
One of These Days
A Saucerful of Secrets
Point Me at the Sky

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Nebulaspage.org

Philosophy & Mindfood to go.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: