HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per InnerSpace

C.O.T: Rider from the Ghostdom


Le evanescenze del reale s’infilano nella psiche e nelle percezioni altre.

Annunci

Il mio addio a FaceBook


Oggi ho dato l’addio alla piattaforma social più famosa, sugli altri luoghi di fraternizzazione esasperata nemmeno ci sono, ho davvero il vomito per come veniamo spiati, trattati, manipolati, resi a volte delle leve involontarie nelle mani di chi possiede tali social; ecco quindi il testo che ho lasciato sul mio wall di FaceBook:

Questo è l’ultimo post sul wall personale di FaceBook. Avrei voluto chiudere il profilo, ma c’erano degli annessi e connessi spiacevoli per cui ho preferito far così, sciogliendo le amicizie in ottica FB ed elidendo i miei post più recenti, continuando a leggere gruppi e pagine cui sono attualmente collegato, poiché delle info buone le trovo sempre; come detto, però, non posterò più nulla e manterrò il mio presidio sul mondo digitale e non solo esclusivamente tramite il blog hyperhouse.wordpress.com.

Il costante vomito che mi genera FaceBook e tutto il mondo dei social m’illumina la via da percorrere, ma prima voglio ringraziare tutti – sappiate che vi adoro – ed esprimervi l’augurio di vederci sulle pagine del mio blog (in ogni caso, vi vorrò sempre bene) 🙂

Un abbraccio grande.

Ci si legge in giro, sappiate che ho sempre piacere e curiosità nell’assorbire i vostri pensieri, e opere.

So the darkness shall be the light


Il momento della comprensione cupa, cosmica, olografica dell’abisso.

Gary Numan – The End of Things (Official Video)


Bellissimo nuovo brano per Gary Numan, tornato ai fasti di eoni fa. Lasciarsi avvolgere dalle tenebre electrogoth

Is that a voice calling me softly?
Nothing in here is quite how it seems
Is that a whispers touch on my fear?
Am I awake or lost in old dreams?
Everything’s so cold
The air is so stale
There should be nothing here to see
Is this a warning?
Like in the black book
There can be no one else but me
I see a darker shade of darkness
I hear a shadow hide in the light
I feel a suffocating tension
Within a terrible desire
Everything’s so cold
The air is so stale
There should be nothing here to fear
But I am breathing
A child’s laughter
Can any part of this be real?
Everything I work for
Everything I long for is always just too far
Everything I hope for never comes to be
Everything I bleed for burns a scar on me
Everything I fight for leaves a bitter taste
Everything I cry for looks into my face
Everything I scream for barely knows my name
Everything I’d die for will die just the same
In here with me
Is this the truth of your forgiveness?
Are you the stranger stood at my door?
Are you the end of things come calling?
Are you the answer that I’ve wished for?
Everything’s so cold, the air is so still
And there is nothing here but me
If I belong here, and this is mercy
Then there is no place I’d rather be
Everything I worked for
Everything I longed for was always just too far
Everything I hoped for never came to be
Everything I bled for burned a scar on me
Everything I fought for left a bitter taste
Everything I cried for laughed into my face
Everything I screamed for barely knew my name
Everything I died for died just the same
In here, with me

ksenja laginja on Behance


L’artista grafica e poetessa Ksenja Laginja ha ora il suo portfolio online: lo trovate su Behance. La piattaforma permette una visione tematica delle varie opere esposte ed è a tutti gli effetti una valida presentazione del lavoro grafico di Ksenja, che potrete tra l’altro ascoltare nell’altra sua incarnazione artistica, quella di poetessa e performer, a Bologna giovedì 14 dicembre, alle ore 21.00, nell’ambito della manifestazione Voci di Genova che si terrà presso CostArena, in Via Azzo Gardino 48 (qui l’evento FaceBook). Chi può vada!

Strani giorni: Mescolanze


Ecco la poesia con cui Ettore Fobo è giunto finalista al Concorso Internazionale “Città di San Giuliano Milanese” Il Picchio 2017, nella sezione “Giuseppe Ungaretti”, per poesie a tema libero. La riporto perché mi ha conquistato, e quindi qui faccio ancora i miei complimenti a Ettore.

Mescolanze

Qui si viene per adorare un segno
per ardere senza nome nelle variazioni cromatiche dell’erba.
Questo verde che albeggia sotto l’azzurro dissonante.
Questa quercia che possiede la mia infanzia resa musica
di foglie agitate dal vento.
Qui si viene per dimorare nell’incertezza
di una parola che esplora lo spazio
lasciato incautamente libero dal silenzio.
Questo verde è un segno di un pittore fiammingo
lasciato spegnersi nel gelo,
sotto un grigio che ha divorato l’azzurro,
dove si mischiano le bufere e inizia il canto.

Ordo Eqvitvm Solis – This Is The Way


Il senso di poesia che mi pervade, chiudendo gli occhi come se fossero gonfi, mentre scendo negli abissi del sublime.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: