HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Connettivismo


Il Manifesto del Connettivismo

 

Siamo i Custodi della Percezione, i Guardiani degli Angeli Caduti in Fiamme dal Cielo,

Lupi Siderali. Un gruppo di liberi pensatori indipendenti.

Viviamo nel cyberspazio, siamo dappertutto. Non conosciamo frontiere.

Questo è il nostro manifesto.

Canteremo la resurrezione dell’anima consumata nella tecnologia. La notte, il sogno, la visione e la connessione. E tutto ciò che sublima le nostre anime a un ordine superiore di conoscenza.

Il deragliamento dei sensi, le corrispondenze analogiche e la rottura del controllo saranno gli strumenti fondamentali della nostra ricerca.

Noi vogliamo scavare a fondo nelle carni dell’universo, penetrare sotto l’epidermide del mondo e raggiungerne il midollo pulsante. La parola, l’immagine e l’equazione sono i virus che trasportano la nostra infezione.

Noi crediamo che il mistero dell’universo è codificato in una chiave inafferrabile e indistruttibile: l’ologramma. Il principio olografico, il modello olonomico della mente e l’olomovimento: dalla struttura della realtà ai nostri schemi di senso la percezione conosce un solo paradigma, che racchiude le istanze della relatività e dell’indeterminazione.

L’ordine esplicito dischiuso al senso è solo l’immagine proiettata di un ordine implicito irraggiungibile. Non basta dissecare il mondo per svelare la verità che nasconde. Occorre risalire il fascio di luce fino alla pellicola per comprendere da dove proviene l’immagine che vediamo. Vogliamo rimontare il flusso fino a toccare la sorgente che inganna la percezione e staccare la luce: solo così solleveremo il velo.

Ci abbandoniamo al riflusso pronti a catturare l’onda irrequieta del tempo. Sulle spiagge del futuro ascoltiamo la voce dei morti e la musica che emerge da tutte le cose del mondo: il nostro sogno è un rituale di negromanzia quantistica.

Noi siamo quelli che camminano da soli per strada, quelli sospesi tra l’illusione del mondo virtuale e l’inganno del mondo reale. Scorriamo i sentieri eterei della rete, navighiamo nell’oceano dell’informazione, siamo impulsi di adrenalina nei cavi che cablano la realtà. Siamo lupi siderali alla deriva sulle correnti ioniche del vento solare, ombre che cantano alla notte per ascoltare l’eco delle voci risuonare in lontananza. Immersi nel flusso ininterrotto dell’informazione, ci lasciamo guidare da spettri e percorriamo le immense distese silenziose di periferie entropiche adagiate nel crepuscolo dei sensi. Siamo quelli che sostano all’ombra degli alberi, in ascolto del loro respiro avvolgente. E quando dormiamo, esploriamo le Terre del Sogno.

Non abbiamo nomi. Il nostro vero nome è un sussurro nel buio, un rumore nascosto nella radiazione di fondo dell’universo, un segnale immerso nel rumore bianco della materia. Il nostro nome vaga libero nella notte.

Noi siamo rabdomanti cibernetici. Ricerchiamo le connessioni segrete che custodiscono il significato e lo spirito di tutte le cose. Siamo decifratori e vogliamo scardinare il flusso di tutte le cose, risolvere il tempo nella sovrapposizione concorrente degli eventi.

Noi vogliamo cantare le strade deserte della notte, i monumenti congelati nel silenzio, le luci al neon della metropolitana, le periferie spettrali, i cimiteri di campagna, i reperti dell’archeologia postindustriale, le autostrade abbandonate, le città rase al suolo dai bombardamenti, le strade dei briganti, la morbida geometria dei corpi, il silenzio attinico di stanze d’albergo abbandonate, la carica sensuale della promiscuità tecnologica, il caos, le stelle, i pianeti deserti, le sonde lanciate verso la notte, la musica radiante di quasar morte, la tenebra metafisica di un orizzonte degli eventi, la connessione neurale. Il respiro della notte, il ruggito delle novae e i sospiri di stanze che deformano la nostra comprensione dei sogni. Siamo antenne puntate nel vuoto, variabili impazzite, violini male accordati, cronoscopi fuori fuoco. Inseguiamo la condivisione delle anime, dei luoghi, del tempo, usando antichi percorsi mistici. Viviamo nella connessione e siamo protesi verso il futuro. Per questo

noi saremo tutto!

pykmil
X
zoon

********************

Da Wikipedia

Il Connettivismo è un movimento letterario che, sulla scia del cyberpunk, si propone di coniugare estrapolazione scientifica e speculazione sociale in una sintesi che non disdegna le sperimentazioni tipiche dell’avanguardia. Nato ufficialmente nel dicembre 2004 con la pubblicazione di un Manifesto, ha come fondatori alcune firme di Fantascienza.com come Giovanni De Matteo (conosciuto come X, vincitore del Premio Urania 2007) e Sandro Battisti (noto con lo pseudonimo di zoon, covincitore del Premio Urania 2014), insieme a Marco Milani (alias Pykmil, già fondatore e curatore del portale letterario Domist.net) e poco più tardi a Lukha B. Kremo (vincitore del Premio Urania 2016). Il Movimento pubblica la rivista NeXT – che nel 2009 ha avuto anche un’edizione internazionale in lingua inglese, mentre nel 2011 ha vinto il Premio Italia nella sezione Rivista non professionale, dando luce anche all’antologia SuperNeXT, summa dei primi 15 numeri della rivista – ed è attivo su più fronti: progetti antologici (A.F.O  e Discronia, che è un concept che sfiora il Connettivismo), letture pubbliche, convention, Portali web e blog, produzione di cortometraggi (questo è il primo realizzato), programmi radio, fumetti. Il gruppo, strutturato come un progetto open source, è in continua evoluzione e aggregazione di ulteriori aderenti al Manifesto. Dall’esperienza del Movimento sono nate etichette e case editrici in piena espansione.

Questo è l’indirizzo del gruppo Connettivismo su Facebook: http://www.facebook.com/group.php?gid=33130629170 e della pagina http://www.facebook.com/pages/Connettivismo/226375704084651.

Nei primi mesi del 2012, Gabriele Calarco ha realizzato un clip per promuovere il Manifesto del Connettivismo, da cui è stato affascinato; noi ringraziamo infinitamente Gabriele, e postiamo il promo qui sotto:

We are the Keepers of Perception, Guardians of Fallen Angels, Wolves of the Stars. A collective of free, independent dreamers.
We live in cyberspace, we are everywhere. We know no frontiers.
This is our manifesto.

  1. We will sing of the resurrection of souls through technology. Night, dream, vision, connection – everything that elevates our souls to a higher order of consciousness.
  2. Sensory derangement, analogical correspondences, breach of control – these will be the main instruments in our quest.
  3. We want to dig deep into the flesh of the universe, under the skin of the world, and reach its pulsating marrow. Words, images, equations – these are the carrier-viruses of our infection.
  4. We believe that an intangible, unbreakable key encodes the mystery of the universe: the hologram: the holographic principle, the holonomic brain model, holomovement. From the structure of reality to our structures of signification, perception follows one paradigm, enclosing the principles of relativity and indeterminacy.
  5. The explicate order revealed to perception is merely the projected image of an implicate order, out of our grasp. Dissecting the world is not enough to unveil the truth it hides. In order to understand where the image comes from, we need to re-ascend the beam of light, up to the roll of film in the projector itself. We wish to re-edit the flow, reach the source that is deceiving our perception, and turn off the light: only then will we pierce the veil.
  6. We surrender ourselves to the ebb, ready to catch the restless wave of time. On the shores of the future we listen carefully to the music that emerges from all things in this world, and to the voices of the dead: our dream is a ritual of quantum necromancy.
  7. We are the ones who walk alone down the street, suspended between the illusion of the virtual and the deception of the real. We run the ethereal paths of the Net; we navigate through the endless ocean of information; we are adrenaline pulses in the cables of reality. We are wolves of the stars; star wolves drifting on the electric stream of the solar wind; shadows singing to the night, and listening to the echo of faraway voices. Immersed in the uninterrupted flow of information, we let ghosts be our guides, and we traverse the vast, hushed expanse of entropic suburbs that lie down in the twilight of the senses. We are the ones who linger in the shade of trees, listening to their enveloping breath. When we fall asleep, we explore the Dreamlands.
  8. We have no names. Our true names are whispers in the dark, a meaning hidden in the cosmic background radiation, a signal interleaved in the white noise of matter. Our names wander free through the night.
  9. We are cybernetic seekers. We search for the secret connections safeguarding the sense and the spirit of all things. We are decoders and we want to unhinge the flow of everything, unraveling time in a superimposition of events.
  10. We want to sing of deserted nighttime streets, monuments frozen in silence, neon subway lights, spooky outskirts, rural cemeteries, post-industrial archeologies, lost highways, bombed-out cities, brigands’ trails, soft geometries of bodies, the actinic silence of abandoned hotel rooms, promiscuous technologies; of chaos, stars, desolate planets, space probes launched toward the night, the music of dead quasars, the metaphysical darkness of event horizons, neural links; of the breath of night, the roaring of nova suns, and the sighs of rooms that deform our comprehension of dreams. We are antennae aimed into the void, crazed variables, badly-tuned violins, out-of-sync chronoscopes. Using ancient, mystical routes, we pursue a sharing of souls, spaces, and times. The connection is the hypertextual network of reality’s decoded correspondences. We live in the connection, we strive toward the future. This is why

We Shall Be All!

Translated by Arielle Saiber, Salvatore Proietti & Giovanni De Matteo

53 commenti»

[…] realtà: sto parlando di una corrente “fantascientifica” in cui mi riconosco molto, che è il Connettivismo, che deriva dal Cyberpunk americano di William Gibson e Bruce Sterling, già anticipati da un genio […]

Mi piace

  NeXT « literaid wrote @

[…] Noi siamo quelli che camminano da soli per strada, quelli sospesi tra l’illusione del mondo virtuale e l’inganno del mondo reale. Scorriamo i sentieri eterei della rete, navighiamo nell’oceano dell’informazione, siamo impulsi di adrenalina nei cavi che cablano la realtà. Siamo lupi siderali alla deriva sulle correnti ioniche del vento solare, ombre che cantano alla notte per ascoltare l’eco delle voci risuonare in lontananza. (Stralcio del Manifesto che si può leggere QUI). […]

Mi piace

  Nuovo numero di Next | ilcantooscuro wrote @

[…] in Roma, Via Manlio Capitolino 7/9 vi sarà la presentazione dell’iterazione 17 di NeXT, il bollettino del Connettivismo dal titolo Extreme […]

Mi piace

[…] 13/10 | 19.00 | bollettino del Connettivismo dal titolo Extreme […]

Mi piace

  Tersicore – Stagione 8 | RadioNation wrote @

[…] mercoledì sera l’ottava stagione di Tersicore, programma radiofonico di Connettivismo, SF e oscurità varie immerse in atmosfere sonore […]

Mi piace

  Presentazione Olonomico | ilcantooscuro wrote @

[…] nelle sue caratteristiche e finalità, un discorso a braccio che toccherà più tematiche, dal Connettivismo all’esoterismo, dall’Impero Connettivo al futuro che si lega col passato, alla realtà che non […]

Mi piace

  Stasera 9 gennaio, ore 22.30, Tersicore | RadioNation wrote @

[…] in onda questa sera 9 gennaio, ancora una volta eccezionalmente alle 22.30, Tersicore, programma radiofonico di SF Connettivismo oscurità varie electrogoth noize ambient […]

Mi piace

[…] e nei vari piani di lettura, un discorso a ruota libera che toccherà più tematiche, dal Connettivismo all’esoterismo, dall’Impero Connettivo al futuro che si lega col passato, alla realtà che […]

Mi piace

  Equivoci sul Connettivismo | ilcantooscuro wrote @

[…] il Connettivismo, per il poco che ne conosco io, è un calderone ribollente di idee, in cui trovare tutto e il […]

Mi piace

  Corpi recensiti (2) | Holonomikon wrote @

[…] e seguire i suoi ragionamenti e suggestioni è uno splendido entrare nelle spire del Connettivismo, di cui è l’attuale maggiore […]

Mi piace

[…] su CriticaImpura per Andrea Leonessa, artista in qualche modo vicino al Connettivismo. I suoi versi sono lì a testimoniare un impegno che ha sapore futurista, ma anche avanguardista […]

Mi piace

[…] De Matteo, Sandro “zoon” Battisti e Lukha B. Kremo prima e dopo la nascita del Connettivismo e della Nazione Oscura, inauguriamo il filone della prenotazione amazoniana: l’eBook è già […]

Mi piace

[…] “Fahrenheit 451” (Campo de’ Fiori 44) presenterò insieme a Sandro Battisti, co-fondatore del Connettivismo, il mio libro Partita di anime (Galaad Edizioni), secondo atto della “serie della fine di […]

Mi piace

[…] mostra per Daniele Cascone, indimenticato illustratore del Connettivismo. Eccovi il […]

Mi piace

  NeXT | Literaid wrote @

[…] Noi siamo quelli che camminano da soli per strada, quelli sospesi tra l’illusione del mondo virtuale e l’inganno del mondo reale. Scorriamo i sentieri eterei della rete, navighiamo nell’oceano dell’informazione, siamo impulsi di adrenalina nei cavi che cablano la realtà. Siamo lupi siderali alla deriva sulle correnti ioniche del vento solare, ombre che cantano alla notte per ascoltare l’eco delle voci risuonare in lontananza. (Stralcio del Manifesto che si può leggere QUI). […]

Mi piace

[…] sito della WorldSF.it è comparso un articolo che illustra 5 motivi per amare il Connettivismo. La firma è di Giovanni “X” De Matteo, ed è assolutamente, come sempre, rigoroso e […]

Mi piace

[…] editoriale con The Origins, lavoro in eBook a otto mani in cui si ripercorre la parabola del Connettivismo a partire dai suoi esordi. Sandro Battisti, Giovanni De Matteo, Marco Milani, con la partecipazione […]

Mi piace

[…] e capacità di dominare la scena, facendo scaturire i filamenti di ciò che da tempo chiamiamo Connettivismo  dove ogni cosa si amalgama coerentemente con l’energia, e la sapienza che ci […]

Mi piace

  AmArte | ilcantooscuro | HyperHouse wrote @

[…] rappresenterò la Kipple Officina Libraria, parlerò dei progetti editoriali e del rapporto tra connettivismo e sprawl urbano. Ci vediamo […]

Mi piace

[…] di Agnoloni s’inscrive nel Connettivismo, l’unica avanguardia partorita dalla letteratura italiana in questi anni. Io non sono un esperto […]

Mi piace

[…] romanzo, Anna, per Francesco D’Isa, altro illustratore che fin dai primordi del Connettivismo ha illustrato le nostre fantasie verbali. Per non perdere una sola parola del suo lavoro, […]

Mi piace

[…] salienti della recensione se4ntendo in tutto ciò il filo rosso del caos, che è in fondo quanto il Connettivismo si è prefissato di seguire da sempre, non solo nel campo […]

Mi piace

[…] mentre l’ultimo romanzo della serie si ambienterà nel 2029). Perché connettivista? Perché il Connettivismo è un movimento letterario incentrato sul tema del rapporto dell’uomo con la tecnologia, vista […]

Mi piace

[…] Anna. Storia di un palindromo. Francesco è uno degli asrtisti grafici che hanno accompagnato il Connettivismo fin da prima dell’inizio, e diffondo con enorme piacere la rece di Giovanni […]

Mi piace

  Dieci anni di Connettivisti | NAZIONE OSCURA CAOTICA wrote @

[…] una data importante quella odierna: dieci anni fa, in queste ore, nasceva il Connettivismo, con la pubblicazione in Rete del Manifesto che riporto più sotto, dopo il salto. Eravamo in tre […]

Mi piace

  Dieci anni di Connettivismo | HyperHouse wrote @

[…] una data importante quella odierna: dieci anni fa, in queste ore, nasceva il Connettivismo; ciò avveniva con la pubblicazione in Rete del suo Manifesto che riporto più sotto, dopo il […]

Mi piace

[…] bollono in casa Kipple Officina Libraria! Inauguriamo subito l’anno nuovo con il mese dedicato al Connettivismo pronto ad allietare i vostri eReader con le sue visioni, procedendo sui territori della […]

Mi piace

[…] Giovanni De Matteo, Lukha B. Kremo e Sandro Battisti relativa soprattutto ai primi periodi del Connettivismo, di cui gli autori sono esponenti. Una estrapolazione della disamina a cura di Giampaolo Rai, che […]

Mi piace

  Fossili di Cybergoth | HyperHouse wrote @

[…] una volta Marco per questa sua incessante opera che strappa all’oblio la prima storia del Connettivismo, segno davvero che questa decade è passata intensa, feconda, ma pur sempre […]

Mi piace

[…] dell’Università di Wrocław; è inoltre disponibile sul portale Academy.edu. Lettura critica del Connettivismo assolutamente da non perdere, molto ben curata: download da non […]

Mi piace

[…] Connettivismo è un movimento letterario – salvo smentite finora mai pervenutemi, l’unico oggi in Italia – […]

Mi piace

[…] della chiacchierata, soprattutto per l’opera di Giovanni, ma la definizione sottostante di Connettivismo vale ogni altra […]

Mi piace

  Longevity Day Italia | ilcantooscuro | HyperHouse wrote @

[…] l’Italian Institute for the Future, la Longevity Alliance, la corrente di pensiero del Connettivismo, l’Open Biomedical Initiative, insieme ad altri enti e associazioni, organizzano sabato 24 […]

Mi piace

  Collett8 | Daniele Cascone | HyperHouse wrote @

[…] blog di Daniele Cascone, grafico già dal preConnettivismo, la segnalazione dell’ennesimo progetto che lo vede sulla scena insieme ad altri artisti. […]

Mi piace

[…] D’Isa sulla pornografia, tema che l’artista grafico più volte intrecciato col Connettivismo ha affrontato nei suoi romanzi e opere grafiche. Un […]

Mi piace

[…] della Nazione Oscura Caotica (nata appunto il solstizio invernale del 2004) (e del Connettivismo, aggiungo nel riportare la notizia – N.d.T.). Dal solstizio del 2010 la nostra nazione è […]

Mi piace

[…] passato ma ha la carica solstiziale giusta per festeggiare gli undici anni di NaZioneCaotica e di Connettivismo, nati entrambi la notte del 22 dicembre 2004. Undici esatti anni […]

Mi piace

[…] Agnoloni da parte di Sonia Caporossi, dove si affrontano temi intrinsecamente legati al Connettivismo e alla produzione letteraria e critica di Giovanni stesso; l’intervento è esteso, circa […]

Mi piace

  Annual PX3 Book 9 | Daniele Cascone | HyperHouse wrote @

[…] riconoscimenti per Daniele Cascone, come ci dice sul suo blog. Il bravo artista grafico legato al Connettivismo, […]

Mi piace

[…] lirica in versione digitale, alla costante ricerca di connessioni e poetiche appartenenti al Connettivismo e non […]

Mi piace

[…] passo oltre il futuro”, con protagonisti tre esponenti del movimento d’avanguardia del Connettivismo: Giovanni “Kosmos” Agnoloni, Roberto “Ro” Furlani e Alex […]

Mi piace

  SPIRALI – poesie di fantascienza | HyperHouse wrote @

[…] noi connettivisti, ha fatto un lavoro di fino ed editing su alcuni suoi componimenti ispirati al Connettivismo, e l’ha messo sul blog PoesieFantascienza; mi congratulo con Marcello, ecco un esempio della […]

Mi piace

[…] foto del recente vernissage dell’ultima personale di Luca Cervini, artista grafico del Connettivismo e di Kipple. Sul suo […]

Mi piace

  IO SONO JEFF BUCKLEY | VERDE RIVISTA | HyperHouse wrote @

[…] VerdeRivista un bel racconto stile NeXT-Stream (ovvero il reale contaminato dal Connettivismo) scritto da Vinicio Motta. Un […]

Mi piace

[…] a far festa e poi ripartire, ché la passione continua ancora più motivata. È una festa anche del Connettivismo, ormai pluripremiato Urania in un arco temporale lungo un decennio. Grande, grande […]

Mi piace

[…] che mostra una parte del percorso artistico di Daniele Cascone, uno dei primi artisti grafici del Connettivismo. […]

Mi piace

[…] 2016; ce ne dà notizia lo stesso Ettore e così sottolineo il momento di estrema grazia che il Connettivismo e i suoi aderenti, più o meno stretti, riscontrano tramite premiazioni (vedi il recente Premio […]

Mi piace

[…] lontana dal clamore delle sale commerciali. Tornerò presto lì, è una volontà la mia, il Connettivismo è sempre stato ben accolto e io mi sono trovato ogni volta a […]

Mi piace

[…] non ha bisogno di presentazioni, è un’altra pietra angolare degli inizi del Connettivismo, imprescindibile dagli altri epigoni; questo racconto è il segno di una rinata voglia di […]

Mi piace

  Esordienti nella rete | N I G R I C A N T E | HyperHouse wrote @

[…] dalla Rete e dall’autopubblicazione (inutile dire che mi ci riconosco in pieno, così come il Connettivismo deve la sua nascita a questi fenomeni). Uno […]

Mi piace

[…] tanti volti che è sempre difficile vivere tutti assieme, in un ambiente di bella condivisione. Il Connettivismo, attraverso molteplici esponenti, c’era, assieme a […]

Mi piace

[…] Con colpevole ritardo segnalo questa personale di Daniele Cascone fotografo, lui che è stato uno dei primi illustratori del nascente Connettivismo. […]

Mi piace

[…] Domani 18 novembre, alle 17.30, a Milano presso lo Spazio Alda Merini, in via Magolfa 32, avverrà la premiazione di Zenit Poesia, un concorso indetto dalla casa editrice La Vita Felice, specializzata in poesia e da sempre una delle voci più autorevoli della scena poetica italiana; il Premio si concretizzerà nel secondo volume dedicato al concorso, e tra i cinque pubblicati ci sarà Ksenja Laginja. I complimenti più profondi alla poetessa e artista grafica ormai parte integrante del Connettivismo. […]

Mi piace


Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Dragon - cm. 75 x 20 inchiostro su legno. Agosto 2016

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

My Alethεiα

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

mondo dolce

Food Lover.

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

Michele Valente |Blog

Blogger e studente di Comunicazione e ricerca sociale. Scrivo di politica ed economia, europea e internazionale, attraverso un'ottica globale dei fenomeni della società

Sonia Cenceschi

La musica è una pratica occulta dell'aritmetica, dove l'anima non sa di calcolare - Leibniz

Necrologika

Se muori te lo diciamo noi.

ITINERARI LAZIALI

borghi, castelli, ville, città perdute, monasteri ed abbazie, leggende e segreti, paesaggi fantastici e luoghi insoliti della regione di Roma e dei territori limitrofi.

CollettivoD

Il punto di vista delle donne

GamberoSolitario

A great WordPress.com site

Perversamente Tua

Come stelo mi piego e ti raggiungo, angelo nel tuo inferno, demone di un perverso paradiso.

PINK FLOYD ITALIA

Il primo blog italiano sui Pink Floyd, news e non solo. Fatto da un fan... per i fans!

lucangreenwaters

Lucania dalle Verdi Valli e dalle Acque Cristalline

L'AlTrO (lato)

" Per sentire e sognare in pace, bisogna spegner la luce della ragione... almeno per un po'. "

Simone Morana Cyla Official Blog

Blog ufficiale dell'artista digitale Simone Morana Cyla.

LA FLOTTA DI VEGAN

Cucina verde e ispirazioni nerd

Lezioni Sul Domani

Blog di Fantascienza

Salvatore Leone

Il vizio dell'aria

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

Luna in Cancro.

Sia il discorso che il silenzio trasgrediscono

Antares666's Weblog

Just another WordPress.com site

Dimensione Visiva Personale

.....semplicemente quello che vedo e niente più

Indice di lettura

Fantastico e immaginario

Critica.Mente: la sola costanza è il cambiamento

divagazioni letterarie, sociali e politiche

Associazione LiberoLibro

Associazione letteraria e culturale

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: