HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Alessio Brugnoli

L’Eusebio che non era Eusebio | ilcantooscuro


Dal blog di Alessio Brugnoli un vivace resoconto storico dei primi cristiani, primi intesi subito dopo aver preso il potere imperiale, ai tempi successivi a Costantino I. Leggete, fatevi una cultura, altro che carità e benevolenza…

Tornando al nostro Eusebio era ariano e trattò con papa Liberio per convincerlo ad accettare i risultati del concilio di Sirmio, in cui i vescovi amici dell’imperatore Costanzo II ribaltarono le conclusioni del concilio di Nicea: proprio questa vicenda potrebbe essere stata distorta dalla tradizione, portando alla creazione dell’Eusebio santo.

Il suo omonimo, infatti, era un personaggio assai poco raccomandabile. Nascose il testamento di Costantino, preparando poi quella specie di notte dei lunghi coltelli, in cui gran parte membri maschili della dinastia costantiniana e degli alti funzionari imperiali che potevano aspirare al trono, furono sterminati. Organizzò il colpo di stato contro l’imperatore Costanzo Gallo.

Si arricchì impossessandosi delle proprietà di coloro che erano messi a morte per essere stati accusati di tradimento. Nel 355, secondo quanto racconta Ammiano Marcellino, Eusebio e il prefetto del pretorio Volusiano Lampadio utilizzarono una spugna per alterare una lettera inviata dal magister militum Claudio Silvano ad alcuni suoi amici a Roma; la lettera corrotta suggeriva che Silvano stesse provando a guadagnarsi supporto in città per un colpo di Stato, e, sebbene gli amici di Silvano riuscissero a respingere le accuse, il magister militum, all’oscuro dell’assoluzione, si ribellò e venne sconfitto.

Così Eusebio poté impadronirsi delle sue immense proprietà, comprese le domus all’Esquilino. Nel 359 fece richiamare il generale romano Ursicino e lo fece sostituire nella carica di magister equitum da Sabiniano, solo perché questi si era rifiutato di regalargli un palazzo ad Antiochia.

Come un uomo del genere potesse andare d’accordo con Costanzo II è un mistero. L’imperatore non era un grande generale come suo padre Costantino. Aborriva le guerre. Ma aveva un grande senso del proprio dovere e si sentiva l’erede del grande genitore per cui,con tutte le cautele e senza arrischiare mai oltre misura, combatteva con coraggio e sacrificio.

Forse la causa di ciò era nei difetti di Costanzo: l’essere senza calore umano, taciturno,malinconico, che nascondeva dietro a una maschera di superbia e arroganza la sua insicurezza e la paura di non essere all’altezza del suo genitore. Questo lo rendeva sensibilissimo alle adulazioni, ne aveva bisogno come l’aria per avere una sorta di rassicurazione per se stesso e per il proprio operato. Ed Eusebio eccelleva in quest’arte, diventando per dieci anni il vero padrone dell’Impero, tanto che Ammiano Marcellino sarcasticamente scrisse che Costanzo godeva di un certo credito presso Eusebio.

Annunci

Gli affreschi perduti di Gentile e Pisanello | ilcantooscuro


Il buon Alessio Brugnoli sul suo blog scrive sempre degli eccellenti post, ogni giorno ci delizia con perle storiche misconosciute, dettagli di mondi scomparsi che non è facile conoscere; ieri, però, si è superato, parlando dei Bizantini, non riuscivo a togliermi dagli occhi quei personaggi così lunari nei modi e nelle estetiche, venuti da un mondo in dissolvenza eppure antico, carico di cultura, pregno di astrazioni ancora oggi inimmaginabili… Grazie Alessio!

Nel 1424, Pisanello che stava completando gli affreschi di Gentile al Palazzo Ducale di Venezia, è incaricato di affrescare il Castello di Pavia con scene di caccia, in previsione dell’arrivo di Giovanni VIII di Bisanzio. Pisanello accetta e all’improvviso, si ritrova circondato da decine di funzionari bizantini, rimanendo affascinato dai loro vestiti, usi e costumi. Pisanello,che è un disegnatore compulsivo, rappresenta di tutto, da opere romane antiche a dipinti di Giotto e Altichiero e opere all’epoca d’avanguardia come quello l’Angelico, Fra Filippo Lippi, Donatello, Luca della Robbia, li comincia a ritrarre; non lo avesse mai fatto ! In men che non si dica, si ritrova a svolgere il ruolo di pittore ufficiale dei Paleologhi.

Novità dalla computazione quantistica


Due post quasi contemporanei sono apparsi oggi sulla piattaforma WordPress, a indicare i progressi fatti nel campo della computazione quantistica. Il primo segnala, su OggiScienza, un nuovo tipo di componente per i computer che può ovviare a problemi di realizzazione e affidabilità degli stessi: i cristalli liquidi quantistici tridimensionali. Il problema principale dei computer quantistici è, infatti, il mantenimento dell’informazione, che non deve collassare prima del dovuto; con questo nuovo componente sembra che la caratteristica ricercata venga trovata in modo soddisfacente (qui l’articolo intero, per chi ha sete e voglia di sapere).

Altro riferimento odierno è il buon Alessio “Galessio” Brugnoli, che sul suo blog opera una disamina sulle applicazioni commerciali dove tali elaboratori potranno trovare largo e soddisfacente impiego. Il futuro è davvero un’ipotesi… quantica, direi.

Immagini del Retrofuturismo | ilcantooscuro


Il bravo Alessio “Galessio” Brugnoli ha redatto un post in cui traccia le differenze tra i vari sottogeneri del Fantastico e soprattutto SF in cui compare il suffisso punk; eccovi questo Bignami della nuova Fantascienza del Duemila e passa: mirabile…

Nel Sandalpunk, che può essere fracassone come un peplum o colto e misurato, rivive, nelle sue contraddizioni, il mito atemporale della classicità e della centralità dell’Uomo, intriso di eroismo etico e di equilibrio tra Natura e Cultura.

Nel Clockpunk, invece, la chiave di lettura dominante è lo stupore dinanzi alle infinite possibilità della tecnica.

Nello Steampunk dominano le contraddizioni del positivismo, con la lotta tra uomo e teknè alienante, che tende a ridurre ogni individuo in alienato meccanismo.

Nel Nouveaupunk – così mi piace definire con un pizzico di civetteria la mia narrativa – vige invece la malinconia di un’epoca che muore nella sensazione della tragedia imminente e ineluttabile contro cui gli uomini, senza speranza di riuscire, sono certi della sconfitta. In cui il sogno del Bello nasconde malamente la consapevolezza di una realtà industriale sempre più aliena dall’umano.

Il Dieselpunk, invece, è la realizzazione delle riflessione di Heidegger e di Severino sulla tecnica, viste come nascondimento e rifiuto dell’Essere, dato che il Reale si identifica in ciò che può essere dominato e utilizzato. E questo vale anche per l’Individuo, non più soggetto, ma oggetto del controllo dello stato totalitario.

E questa disperazione, che però dà sicurezza, è un’ancora in cui aggrapparsi nelle tempeste del Reale e si muta in malinconia, quando tutto è perduto: quando non rimangono che rovine e sogni, aperture al mistero dell’essere, siamo nell’Atompunk, in cui rinasce lo stupore dinanzi alle opere dell’Uomo, lo stesso che nasce osservando quel che rimane del Buran.

Aggiungo: in tutto ciò, il punk delimita l’approccio proprio del Cyberpunk e del Punk con un anarchismo di fondo, in cui la caoticità urbana e la sporcizia sociale danno derive da suburbi.

I miei giochi di ruolo | ilcantooscuro


Sul blog di Alessio “Galessio” Brugnoli una bella notizia, che attesta la qualità della sua produzione: il suo romanzo Il canto oscuro, che è stato (ed è) Premio Kipple 2011, si appresta a diventare un GdR, un gioco di ruolo. Nel frattempo che la cosa diventi definitiva, vi allego un estratto elle sue considerazioni:

Negli anni Novanta, cominciai a giocare a Cyberpunk 2020: il che ha contribuito sia al mio amore per la fantascienza, visto che proprio per interpretare meglio il mio personaggio cominciai a leggere i romanzi di Sterling e Gibson, cosa che mi portò a scoprire La Macchina della Realtà e poi lo steampunk, e a molti dei miei futuri interessi professionali.

E continuo a pensare che quasi raggiunta quella data, il mondo descritto in quel GDR, in un modo eccentrico, si è realizzato: certo, all’Esquilino mancano i grattacieli, ma il melting pot di Blade Runner è una realtà concreta. Corriamo su e giù per il cyberspazio, anche se costituito da social media, e siamo sempre connessi alla realtà virtuale, non con un’interfaccia neurale, ma con un banale telefonino. E le lame di ceramica, invece che per la mortale katana del mio personaggio, sono usati nei coltelli che uso ogni sera per tagliare le verdure…

Dopo Cyberpunk_2020, passai, come molti a Vampire: The Masquerade, travolto, credo che questo sia il termine giusto in una fluviale avventura ambientata all’Esquilino, cominciata nel periodo etrusco, quando il mio gangrel ebbe qualche problema con un paio di gemelli troppo intraprendenti e terminato con il Gehenna, in cui scappava inseguito da un paio di antidiluviani, cercando di salvare le penne al suo compagno di stanza, un malkavian convinto di non essere un vampiro, ma un kriptoniano…

E in parallelo mi dedicai, per il mio amore per Lovecraft, al buon vecchio Call of Cthulhu e sotto certi aspetti, il mio Lithica non è che una avventura sottoposto a una cura di steroidi…

Presentazione Operazione Europa | Centro Culturale Gabriella Ferri, Roma, oggi 15/11/2016


14910576_1113225975435692_6332907917347187069_nOggi 15 novembre alle ore 19.00 sarò ospite presso il Centro Culturale Gabriella Ferri, Via delle cave di Pietralata 76, Roma, nell’ambito della manifestazione Container Zero Defect, per un incontro con il pubblico cui sarà presentata l’antologia Operazione Europa, edita da Elara. Oltre ad Alessio “Galessio” Brugnoli, sarà presente assieme ad altri autori anche il curatore, Pier Luigi Manieri, mentre l’incontro sarà moderato dall’editore Armando Corridore.

La cornice della manifestazione è più ampia, verrà inaugurata un’ora prima dell’incontro e sarà aperta fino al 21 novembre; al suo interno, temi di arte contemporanea declinata al Fantastico e alla SF. Ci vediamo lì?

Presentazione Operazione Europa | Centro Culturale Gabriella Ferri, Roma, 15/11/2016


14910576_1113225975435692_6332907917347187069_nMartedì 15 novembre alle ore 19.00 sarò ospite presso il Centro Culturale Gabriella Ferri, Via delle cave di Pietralata 76, Roma, nell’ambito della manifestazione Container Zero Defect, per un incontro con il pubblico cui sarà presentata l’antologia Operazione Europa, edita da Elara. Oltre ad Alessio “Galessio” Brugnoli, sarà presente assieme ad altri autori anche il curatore, Pier Luigi Manieri, mentre l’incontro sarà moderato dall’editore Armando Corridore.

La cornice della manifestazione è più ampia, verrà inaugurata un’ora prima dell’incontro e sarà aperta fino al 21 novembre; al suo interno, temi di arte contemporanea declinata al Fantastico e alla SF. Ci vediamo lì?

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ Freelance illustrator/cartoonist 👩‍🎨 🇮🇹 🌙 26 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, esoterismo. A cura di Marco Maculotti.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

Michele Valente |Blog

Blogger e studente di Comunicazione e ricerca sociale. Scrivo di geopolitica, diritto e tematiche ambientali, attraverso un'ottica globale sulla società europea ed internazionale.

Sonia Cenceschi

La musica è una pratica occulta dell'aritmetica, dove l'anima non sa di calcolare - Leibniz

Necrologika

Se muori te lo diciamo noi.

ITINERARI LAZIALI

borghi, castelli, ville, città perdute, monasteri ed abbazie, leggende e segreti, paesaggi fantastici e luoghi insoliti della regione di Roma e dei territori limitrofi.

CollettivoD

Il punto di vista delle donne

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: