HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Alien (film)

Jodorowsky’s Dune: il più fecondo fallimento della storia del cinema


Su PostHuman Mario Gazzola traccia mirabilmente le coordinate di Jodorowsky’s Dune, il documentario video in cui si racconta il making of del regista cileno attorno al concept di Dune. Un estratto:

La parte più pazzesca del film di Pravich è infatti il dopo, in cui la regia ci giustappone esempi dei disegni di Moebius per lo story board di Dune accanto a scene di film successivi, talmente simili da non poter pensare che sia stato un caso: il libro era rimasto nel cassetto di tutte le major hollywoodiane, quindi non è stupefacente che intuizioni della geniale coppia siano filtrate nei duelli di Star Wars di Lucas, nelle soggettive di Terminator di Cameron, nelle apparizioni fantasmatiche dei Predatori dell’Arca Perduta di Spielberg o in altri titoli minori come Flash Gordon, fino alle minacciose montagne scolpite nel Prometheus di Ridley Scott.
Al cui epocale capostipite Alien peraltro diedero decisivi contributi proprio O’Bannon (col soggetto originale) e Giger (coll’indimenticabile, orroroso xenomorfo), “scoperti” da Jodo e indi “adottati” da Hollywood dopo il naufragio del cosmico progetto, se ne parla alle pagine 101-106 del mio FantaRock (con Ernesto Assante, Arcana, 2018).

Mai pubblicata neppure in forma di libro cartaceo, la fertilissima, profetica sceneggiatura Jodo/Moebius si connette infine anche all’imminente, attesissimo Dune di Villeneuve (di cui già è trapelato il progetto di una trilogia cinematografica per sviluppare compiutamente l’impianto narrativo di Herbert) attraverso la colonna sonora: infatti le solenni musiche di Hans Zimmer per il film in uscita comprendono anche un brano riarrangiato dei Pink Floyd ambìti da Jodo: è Eclipse, proprio da quel The Dark Side Of The Moon le cui session di registrazione volgevano alla fine al momento dell’incontro col visionario regista cileno).

Extra-terrestial creatures


Creature concettuali della matematica aliena orrorifica.

Xenomorfi


Il concetto di xenomorfo esploso all’ennesima potenza sciamanica.

Piano di assorbimento


In definitiva si ricompongono soltanto le poche esternazioni di un coadiuvato Piano di Angoscia Internazionale, affinché ogni pensiero e muscolo sia integrato nelle esternazioni immediate degli xenomorfi.

Spirits


Estensioni di alieni in formato xenomorfo.

5 fumetti su Alien …che se siete fortunati potete trovare anche in italiano | Fantascienza.com


A corredo dell’articolo uscito un paio di giorni fa sulla saga di Alien, eccone un altro – sempre su Fantascienza.com – che elenca i fumetti usciti in giro per il mondo con soggetto lo xenomorfo di Scott.

Tutti gli Alien del Grande Schermo | Fantascienza.com


Numero 190 di Delos, dedicato alla saga di Alien, un articolo per ricordare tutte le puntate che hanno coinvolto lo xenomorfo. Qui il prezioso vademecum…

C’è Alien alla Rai | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione di un evento televisivo unico: su RAI 4, da lunedì 24 per circa dieci giorni, verrà programmata ogni pellicola appartenente al ciclo di Alien. Ve l’aspettavate? Ecco i dettagli:

24/04: Alien di Ridley Scott
26/04: Alien – Director’s Cut di Ridley Scott (in seconda serata)
01/05: Aliens – Scontro finale di James Cameron
08/05: Alien 3 di David Fincher
15/05: AlienLa clonazione di Jean-Pierre Jeunet
22/05: Alien vs Predator di Paul W.S. Anderson
29/05: Predators di Nimród Antal
05/06: Prometheus di Ridley Scott

Intanto l’11 maggio uscirà nei cinema Alien Covenant, più o meno seguito di Prometheus, più o meno prequel di Alien

Prometheus 2: parla Ridley Scott | Fantascienza.com


Come posso non quotare le parole sottostanti, dette da Ridley Scott a proposito del sequel di Prometheus? Da Fantascienza.com, e soprattutto: voi siete d’accordo?

“Avremmo potuto decidere di lasciare da parte il primo film e saltare direttamente a un altro punto della storia. Ma non potevamo, perché il primo film finisce con una battuta molto specifica da parte di Elizabeth Shaw (Noomi Rapace): Voglio andare nel posto da cui arrivano loro, non voglio tornare da dove arrivo io.”

Scott è davvero appassionato a questo suo nuovo mondo. “Io penso che il sottotesto di questo film fosse florido e grandioso, e pone una domanda molto forte: chi ci ha creato?

Il regista ha una sua opinione in merito: “non penso che siamo qui per caso. È difficile per me credere che siamo qui seduti a questo tavolo in questo momento perché un miracolo molecolare che aveva una possibilità su un triliardo di accadere è avvenuto e la prima traccia di vita umana è strisciata fuori dal fango con quattro dita per mano.”

Per Scott “è impossibile, ci deve essere stata una sorta di sistema di guida. Inoltre, il sole si trova approssimativamente alla stessa nostra distanza da altri pianeti e planetoidi che possono godere della sua luce. E mi volete dire che non ci possono essere altre forme di vita nell’universo? Non ci credo neanche un po’” (la confusione astronomica di questa frase è di Ridley Scott, non della traduzione, NdR).

E fa un paragone importante: “È come ha raccontato Stanley Kubrick in 2001 Odissea nello spazio: un oggetto misterioso appare sulla terra, le scimmie lo toccano e nelle loro menti viene iniettato un pensiero più grande di quello avuto da Newton quando ha visto cadere una mela. Stanley poi compie un gesto di poetica violenza facendo raccogliere l’osso dalla scimmia per colpire il formichiere (si tratta in realtà di un tapiro, NdR) così che possano mangiarlo. Questo è un magnifico balzo evolutivo di migliaia di anni è così che inizia la vita sulla terra ed è questo che voglio esplorare. Devi tornare indietro, trovare questi ingegneri e scoprire a cosa stanno pensando.”

Perché una domanda porta ad altre: “se gli ingegneri sono i nostri precursori, e di conseguenza creatori di forme di vita in posti in cui era possibile attivarne la biologia, chi ha creato loro? Dov’è il grande boss? Pensate che sia stato tutto un caso? Non lo so e anche Stephen Hawking ora dice che non è sicuro.”

www.posthuman.it – A Giger, che ora ride coi suoi demoni


Come dicevo in un post qualche giorno fa, è morto H.R. Giger. Ieri è uscito, su PostHuman, un bellissimo articolo di Mario “Black M” Gazzola che ce lo ricorda; usando la profonda capacità critica di Mario possiamo ripercorrere le fasi saliente dell’artista e i suoi pensieri, sviscerando i motivi che hanno consacrato Giger come il più devastante e siderale, abissale grafico della seconda meta del secolo scorso. §Un estratto:

Giger ha creato un universo folle e visionario, fatto di scompensi, stranezze, rigorosi equilibri basati su una volutissima mancanza di proporzionalità. Il suo timbro era già evidente nei primissimi lavori, una serie di schizzi e disegni intitolati Ein Fressen fuer den Psychiater (un pasto per lo psichiatra) e che tentavano di illustrare la trascrizione e il procedimento interpretativo di alcuni sogni effettuato con metodo freudiano. In questi lavori sono presenti in nuce tutti gli stilemi ricorrenti nell’artista svizzero, dal sesso vissuto come un’ossessione frequente, una turba psichica irrinunciabile, alla decostruzione delle strutture organiche, che si trasmutano in congiunture mollicce, ingranaggi imbullonati, sagome oblunghe che a loro volta si compenetrano in conformazioni testicolari, intestinali, spermatiche.
L’influenza è quella di Francis Bacon con le sue crocifissioni, Salvador Dalì e Edvard Munch (vedasi Madre con bambino, 1962). Proprio qui nasce un immaginario fecondo, fatto di metafore germinali, embrioni abortiti caricati come proiettili in pericolose pistole falliche, meati siderurgici troppo simili ad aperture genitali per non occultare un qualche duplice significato.

Enhanced by Zemanta
Mareducata

Chi volete che io sia?

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

Tesla Afterburner and the Infinite Sadness

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

Giuseppe Travaglini

Musica, cinema e altro

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: