HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Andrea Vaccaro

Su Urania Horror è tornato Malpertuis di Jean Ray | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione di un’uscita Urania, particolare ma non troppo: Malpertuis, di Jean Ray.

Abbiamo sempre sospettato che dietro le più antiche leggende si nasconda un frammento di verità: Malpertuis cela un segreto e il suo nome evoca il male sotto forma di quello che non dovrebbe più camminare sulla terra. Nella casa dell’ignoto, all’apparenza un’antica e rispettabile dimora delle Fiandre, si intreccia la storia di un gruppo di personaggi che non sono quello che sembrano e che incarnano forze primigenie. Uno dei miti immemorabili dell’umanità sta prendendo forma e sembianze di nuovo… Presentato in edizione integrale, questo romanzo è il capolavoro di Jean Ray, lo scrittore che è stato definito l’erede europeo di H.P. Lovecraft.

A compendio, e integrazione culturale dell’operazione, una bella intervista ad Andrea Vaccaro e Ivo Torello, che in Hypnos hanno creduto fermamente in quest’autore dedicandogli la pubblicazione di una raccolta di racconti dell’artista belga. C’è bisogno di persone e pubblicazioni così…

Andrea “Jarok” Vaccaro e Paolo Di Orazio alla guida dell’etichetta k_noir di Kipple Officina Libraria | Kipple Officina Libraria


[Letto su KippleBlog]

La redazione di Kipple Officina Libraria è felice di annunciare e dare il benvenuto ai nuovi direttori della collana k_noir: Andrea “Jarok” Vaccaro e Paolo Di Orazio, in avvicendamento ad Alessandro Manzetti che ha realizzato splendidi risultati (ancora in divenire) per la collana, nata con gli intenti di portare la filosofia Kipple in un genere in continuo rinnovamento ed estremizzazione.

Nel ringraziare Alessandro per il suo valido impegno che ci ha aperto orizzonti oscuri di levatura internazionale, sappiamo altresì di aver affidato l’etichetta nelle eccellenti mani di Andrea e Paolo, editore di Edizioni Hypnos e fine conoscitore del mondo weird il primo, fantastico scrittore oscuro, musicista e artista grafico il secondo; l’appuntamento è per il 2017, i nostri curatori stanno già lavorando su nuovi temi e a loro – e ad Alessandro – vanno i nostri più grandi auguri.

KeepTalking!

Editori a Stranimondi: Edizioni Hypnos | Fantascienza.com


su Fantascienza.com la presentazione, tramite intervista all’editore Andrea Vaccaro, della casa editrice Hypnos, presente alla manifestazione StraniMondi.

Cento parole per presentare la tua casa editrice, magari anche una breve storia

Siamo nati nel 2010 come casa editrice specializzata in letteratura fantastica e weird, con la pubblicazione di Il Re in Giallo di Robert W. Chambers. Da qual momento abbiamo pubblicato oltre trenta volumi, tra cui la rivista Hypnos, che nel 2015 ha vinto il premio Italia, cercando sempre di pubblicare testi o inediti in Italia o di difficile reperibilità. Il nostro obiettivo è duplice: recuperare i classici perduti del fantastico, presentandoli in edizioni integrali e critiche, e al contempo proporre le nuove voci internazionali del weird, che rappresentano un movimento molto ricco e importante.

Quali sono i generi e gli argomenti di cui vi occupate principalmente?

Il fantastico in generale, e in particolare il weird, ovvero quel genere quasi indefinibile che parte dalla tradizione gotica e dalla ghost story ottocentesca trasformandosi sino ai giorni nostri. Per sapere come, be’, basta leggere qualcuno dei nostri volumi! Inoltre qualche incursione nella fantascienza non manca, come per esempio l’antologia L’abisso di Coriolis di Lukha B. Kremo, recente vincitore del Premio Urania.

Hypnos – numero 6 – rivista di letteratura weird e fantastica – primavera 2016 – Ver Sacrum


Recensione su VerSacrum al numero 6 di Hypnos, la rivista dedicata al weird diretta da Andrea Vaccaro che scandaglia con grande competenza i territori di questo genere, così vitale e prettamente Fantastico, proiettato verso i nuovi limiti del reale.

Nuovo fascicolo – si tratta del sesto – per la rivista di letteratura weird e fantastica Hypnos. Questa volta in grande evidenza troviamo il nome, ormai noto anche ai lettori italiani, di Thomas Ligotti. Si tratta dello scrittore più valido in ambito “weird” degli ultimi decenni di cui Hypnos si era già occupato in tempi non sospetti nella prima incarnazione cartacea della fanzine. Ma, obiettivamente, vista l’importanza di Ligotti – come d’altronde anche quella di Robert Aickman, altro nome ricorrente su queste pagine – si è deciso di riproporre un vecchio articolo dell’esperto Andrea Bonazzi rivisto e ampliato per l’occasione il cui titolo “Sei là fuori, Thomas Ligotti?” riprendeva quello di Poppy Brite ‘Are You Out There, Thomas Ligotti?” col chiaro riferimento alla pressoché totale assenza di informazioni dello scrittore.

La fucina delle diaboliche traduzioni: In Hypnos We Trust: La Diabolica Intervista ad ANDREA ACHILLE VACCARO


Bella intervista ad Andrea Vaccaro, gran cerimoniere di Hypnos. Sul blog DiabolicheTraduzioni. Un estratto:

L’Italia e il fantastico: tu come la vedi?

A.V.: Discorso lungo e complesso. A mio parere l’unica via d’uscita sarebbe che gli scrittori facessero gli scrittori, gli editori gli editori e i  lettori i lettori: mi spiego, ormai è raro trovare lettori che non scrivano, scrittori che non pubblichino (o auto-pubblichino). Da poco abbiamo una collana digitale dedicata ad autori italiani, Spiraglitalia. Prima, a parte le pubblicazioni sulla rivista, quasi sempre riservata a vincitori del premio, le uniche pubblicazioni italiane che abbiamo fatto in cartaceo sono stati i volumi della collana Mirabilia con un romanzo di Ivo Torello (Predatori dall’abisso) definito da un esperto come Pietro Guarriello, il miglior romanzo weird da moltissimi anni a questa parte, un volume dedicato a Sergio Bissoli (Il paese stregato), fortemente voluto e con la curatela di Giuseppe Lippi, e una raccolta (L’abisso di Coriolis) di Lukha B. Kremo, recente vincitore del premio Urania. Credo che ci vorrebbe un po’ più di “selezione” nelle pubblicazioni; la sensazione è che spesso si pubblichino autori italiani solo perché non costano, per dirla brutalmente. Bisogna cercare di dare al lettore sempre il meglio. Certo, come dicevo, il fatto che adesso lettore e autore spesso coincidano, non aiuta la situazione.

Nocturnia: INTERVISTA CON ANDREA “JAROK” VACCARO


Bella intervista, su Nocturnia, ad Andrea “Jarok” Vaccaro di Hypnos, sulla sua passione per il Fantastico a tutto tondo, e soprattutto per il Weird. Un estratto:

In particolare tu sei conosciuto e associato al genere  “weird“. Cosa ti ha spinto ad appassionarti proprio di quel settore particolare del fantastico? E soprattutto, ci daresti una tua definizione su cosa possiamo intendere quando si parla di “weird“?

Premetto che la mia passione coinvolge fortemente anche la fantascienza e una certa parte del fantasy, ma è vero che a un certo punto i miei interessi e la mia passione sono convogliate sul weird. Definire il “weird” è impresa non semplice, e come potrai immaginare è una domanda piuttosto ricorrente. Ci sono diverse definizioni interessanti, come quella di Giuseppe Lippi (cito a memoria) che così recita: “Prendete un racconto fantastico: se non è fantascienza, non è horror e non è fantasy, allora è weird!”. Secondo Joshi il racconto weird deve fondersi su una concezione della realtà strutturata. Nel volume Nuovi Incubi il curatore Laird Barron parla di come sia quasi impossibile dare una definizione univoca del weird e di come sia un genere estremamente fluido. In realtà non mi sento di dare una vera e propria definizione, è più qualcosa che si… fiuta, che si percepisce. Questo suo essere in un certo qual modo indeterminato forse ne è la sua stessa essenza. Credo che nel weird classico un aspetto fondamentale sia il senso di mistero, la curiosità e la paura verso l’ignoto, di cui parla Lovecraft.

Intervista ad Andrea Vaccaro (Edizioni Hypnos) | CRONACHE DI UN SOLE LONTANO


Bella intervista ad Andrea Vaccaro che, proprio durante l’Italcon di Bellaria dei giorni scorsi, ha portato a casa il Premio Italia per le Riviste non professionali con la sua Hypnos. I miei gran complimenti ad Andrea, vi lascio ad alcune battute della chiacchierata:

Nell’editoriale pubblicato su Hypnos n. 2 e intitolato “Sense of weird” hai scritto che un’esigenza «sempre più forte dell’essere umano è quella di avere delle incertezze». Potresti approfondire questa interessante e quanto mai attuale affermazione?

L’essere umano ha sempre avuto la necessità di sentirsi “incompleto”, il naturale bisogno di aver qualcosa da conquistare, scoprire. Il mondo contemporaneo alimenta l’illusione di poter sapere tutto e subito (l’effetto Wikipedia), di poter annullare i confini, che tutto sia definibile, comprensibile. Ma si tratta in realtà di una prigione, l’uomo ha bisogno di “non sapere” (consapevolezza che nei secoli si è andata sempre più perdendo) e se forse un tempo la gente era in cerca di risposte, ora forse sarebbe meglio che cominciasse a porsi le domande. Spero di… non essere stato chiaro, eh eh.

Con il tuo lavoro e quello degli altri collaboratori state portando alla luce romanzi e racconti rimasti per troppo tempo sconosciuti ai lettori italiani. Se pensiamo che molte delle opere da voi pubblicate risalgono al periodo tra la seconda metà dell’800 e la prima metà del ’900, c’è da domandarsi come mai il vuoto inizia ad essere colmato solo adesso in maniera mirata. Soprattutto, viene da chiedersi: quanto weird di quegli anni rimane ancora sommerso rispetto a quel poco che è stato tradotto in italiano?

C’è ancora molto materiale che attende di essere riscoperto, soprattutto per un genere come il weird che trova la sua massima espressione nella letteratura breve. Forse anche questo è uno dei motivi che hanno frenato la pubblicazione in Italia di molti grandi autori. È purtroppo noto che nel nostro paese il racconto viene spesso snobbato a discapito del romanzo, sia dai lettori che dagli editori, e di certo questo fattore ha contribuito a questo “ritardo”. Il discorso si amplifica se si guarda alla letteratura di lingua non inglese, basti pensare a un autore come il polacco Grabinski, completamente ignorato sino a qualche decennio fa e solo da poco riscoperto, non solo in Italia. Se del grandissimo Jean Ray qualcosa è stato fatto, un grande del fantastico come Thomas Owen è al momento del tutto sconosciuto in Italia.

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Foglie da collezione, cm 12 x 12 x 3 - By Mayoor

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

My Alethεiα

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

mondo dolce

Food Lover.

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

Michele Valente |Blog

Blogger e studente di Comunicazione e ricerca sociale. Scrivo di politica ed economia, europea e internazionale, attraverso un'ottica globale dei fenomeni della società

Sonia Cenceschi

La musica è una pratica occulta dell'aritmetica, dove l'anima non sa di calcolare - Leibniz

Necrologika

Se muori te lo diciamo noi.

ITINERARI LAZIALI

borghi, castelli, ville, città perdute, monasteri ed abbazie, leggende e segreti, paesaggi fantastici e luoghi insoliti della regione di Roma e dei territori limitrofi.

CollettivoD

Il punto di vista delle donne

GamberoSolitario

A great WordPress.com site

Perversamente Tua

Come stelo mi piego e ti raggiungo, angelo nel tuo inferno, demone di un perverso paradiso.

PINK FLOYD ITALIA

Il primo blog italiano sui Pink Floyd, news e non solo. Fatto da un fan... per i fans!

lucangreenwaters

Lucania dalle Verdi Valli e dalle Acque Cristalline

L'AlTrO (lato)

" Per sentire e sognare in pace, bisogna spegner la luce della ragione... almeno per un po'. "

Simone Morana Cyla Official Blog

Blog ufficiale dell'artista digitale Simone Morana Cyla.

LA FLOTTA DI VEGAN

Cucina verde e ispirazioni nerd

Lezioni Sul Domani

Blog di Fantascienza

Salvatore Leone

Il vizio dell'aria

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

Antares666's Weblog

Just another WordPress.com site

Dimensione Visiva Personale

.....semplicemente quello che vedo e niente più

Indice di lettura

Fantastico e immaginario

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: