HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Cina

Introduzione di Jung contenuta negli I Ching – estratto


Il passo sottostante è preso dall’introduzione di Carl Gustav Jung agli I Ching, il libro cinese dei Mutamenti, un modo di praticare la divinazione con un procedimento che sfrutta la matematica booleana, avendo come base 8 bit e portando le proiezioni del possibile a 64 bit – gli attuale sistemi operativi dei computer operano proprio con 64 bit.
A parte ciò, mi pare interessante notare, dalle righe sottostanti, l’invito di Jung ad abbandonare il metodo galileiano, che ha portato a risultanze valide in laboratorio ma che nella vita comune, essendo depurate da ogni sfumatura del reale, tendono a diventare ideali. Intendiamoci, Galileo ha sviluppato tali metodologie in momenti in cui un potere temporale orribile come quello della Chiesa di Roma operava una vera e propria censura totale, oggi lo chiameremmo un regime totalitario; in questo Galileo è riuscito a togliere i fondamenti alle assurdità dottrinali cristiane, ma ha costruito involontariamente un’altra chiesa in cui i dati statistici assurgono a verità assolute, ovvero le nuove verità assolute. Su questa base, i moderni sistemi totalitaristici del Liberismo operano sistematicamente, credendo ciecamente nei modelli imperfetti da laboratorio o stocastici e opprimendo l’umanità con regole inumane, che possono benissimo essere i riflessi di qualcosa presente ben oltre le nostre dimensioni.

Leggete attentamente le righe sottostanti, e non meravigliatevi quando gli I Ching si apriranno ineffabilmente la strada nella vostra consapevolezza.

Io non conosco il cinese e non sono mai stato in Cina. Posso assicurare il lettore che davvero non è molto facile trovare il giusto accesso a questo monumento del pensiero cinese, così infinitamente diverso dai nostri modi di pensare. Per capire in generale di che cosa tratti un simile libro è imperativo buttare a mare certi pregiudizi della mentalità occidentale. È curioso che un popolo dotato e intelligente come i Cinesi non abbia mai prodotto ciò che noi chiamiamo “scienza”. La nostra scienza, però, si basa sul principio di causalità, e la causalità è considerata verità assiomatica. Ma un grande cambiamento è ormai avviato. Ciò che la Critica della ragion pura di Kant non ha potuto fare, lo sta facendo la Fisica moderna. Gli assiomi della causalità sono scossi nelle loro fondamenta: ora sappiamo che quelle che noi chiamiamo leggi di natura non sono altro che verità statistiche, costrette perciò ad ammettere delle eccezioni. Non abbiamo tenuto abbastanza conto del fatto che, per dimostrare la validità invariabile delle leggi di natura, abbiamo bisogno del laboratorio con le sue incisive restrizioni. Se lasciamo che la natura faccia da sé, vediamo un quadro ben differente: ogni processo subisce interferenze parziali o totali a opera del caso, e in misura tale che in circostanze naturali un corso di eventi che si conformi in tutto e per tutto a leggi specifiche, rappresenta quasi un’eccezione.
La mentalità cinese, quale io la vedo all’opera nell’I Ching, sembra preoccuparsi esclusivamente dell’aspetto accidentale degli eventi. Ciò che noi chiamiamo coincidenza sembra essere la cosa della quale questa peculiare mentalità s’interessa principalmente, mentre ciò che noi adoriamo come causalità passa quasi inosservato. Dobbiamo ammettere che qualche cosa si possa dire in favore dell’immensa importanza del caso. Una quantità incalcolabile di sforzi umani è rivolta a combattere e limitare i danni o i rischi rappresentati dal caso. Spesso le considerazioni teoriche su causa ed effetto appaiono pallide e polverose a paragone degli effetti pratici del caso. Va benissimo dire che il cristallo di quarzo è un prisma esagonale; è proprio vero – fintanto che si immagina un cristallo ideale. Ma in natura non si trovano due cristalli esattamente uguali, benché tutti siano palesemente esagonali. La forma reale, tuttavia, sembra sollecitare il saggio cinese ben più di quella ideale. La confusa congerie di leggi naturali che costituisce la realtà empirica contiene per lui un significato ben più importante che non una spiegazione causale degli eventi, che poi di regola devono essere separati l’uno dall’altro prima che si possa discuterne in maniera appropriata.

Annunci

L’arte della guerra di Sunzi: dal 18 settembre di nuovo in libreria con L’Ippocampo Edizioni | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione di una riedizione eccezionale, una pubblicazione antica ma sempre attuale. No, no, non è la Bibbia, è molto meglio: L’arte della guerra, di Sun Tzu.

L’arte della guerra è il più antico trattato di strategia militare in circolazione attribuito al generale Sunzi, vissuto in Cina fra il VI e il V secolo a.C. Ognuno dei capitoli di cui è composta l’opera è dedicato a un aspetto della guerra. L’impatto di questo piccolo libro sulla cultura strategica militare ha superato di gran lunga i confini della Cina fino a raggiungere luoghi lontanissimi già in età antica: dalle corti europee, alla Casa Bianca, alle università di tutto il mondo.
Questo compendio di acuta saggezza rivive in forma illustrata nella forma di un dialogo tra maestro e allievo dove le tematiche più diverse vengono affrontate e comparate con della realtà militaresca.

Grimori immaginifici


La follia viaggia tersa in un completo grimorio delle parole mai dette, ma soltanto immaginate negli abissi iconografici del Nulla senziente.

Ombre cinesi – Carmilla on line


Post del lunedì per Alessandra Daniele, su CarmillaOnLine. Tanto per chiarire ancora una volta le poche, basiche regole del Liberismo. Anzi, l’unica; sullo sfondo, il solito modo di fare italiano, il tempo passa ma non le abitudini.

Il capitalismo di Stato cinese è venuto a comprarsi l’Italia in saldo, però Unione Europea e Stati Uniti non molleranno facilmente la presa.
L’asse di Aquisgrana teme particolarmente che la Cina usi l’Italia come backdoor per invadere e controllare tutto il mercato europeo.
Gli USA, che ci spiano, temono particolarmente che i cinesi, spiando noi, possano spiare anche loro che spiano noi. E loro.
Entrambi i blocchi occidentali sanno bene che la belt della Belt and Road Initiative è concepita per strangolarli.
Il governo Griilloverde continuerà a recitare l’Arlecchino servitore di due padroni (anzi quattro, contando anche Putin) finché potrà. Poi finirà cotto al vapore.
È particolarmente grottesco (cioè italiano) che il governo che si definisce “sovranista” in realtà non sappia a quale potenza straniera svendersi prima.
Chiude i porti ai profughi, li svende ai miliardari: questa maggioranza ci tiene a dimostrare che non è razzista. È classista.

Troppi credono ancora che votare possa servire a qualcosa.
La bandiera a cinque stelle che sventola oggi sulla penisola è quella cinese. Se i nuovi padroni d’Italia sostituiranno l’assemblea parlamentare con un teatrino delle ombre e delle sagome di cartone, nessuno s’accorgerà della differenza.

Il problema dei tre corpi | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la recensione a Il problema dei tre corpi, splendido romanzo di SF scritto dal cinese Cixin Liu. Un estratto:

Un mondo diviso tra guerre e ideologie, nel nome delle quali si compiono massacri indicibili, può trovare la risposta ai suoi problemi guardando verso le stelle? Difficile dirlo se a ricevere un messaggio è Trisolaris, un mondo che orbita intorno a un sistema stellare ternario, in balia dei suoi movimenti caotici.
Un mondo morente, o forse no, chi può dirlo visto che il moto dei tre astri l’uno orbitante intorno all’altro è indecibile, caotico, e ha già provocato la distruzione degli altri mondi del sistema e di svariate civiltà trisolariane. In ogni caso è un mondo che guarda con speranza al nostro pianeta, come possibile terra di conquista.
Sulla Terra di contro, vari personaggi, ciascuno con una storia complessa e tragica, hanno motivi diversi per temere o auspicare l’arrivo dei trisolariani. E la lotta tra loro sarà come sempre senza quartiere.
L’orizzonte è ampio e il tempo non manca, visto che l’arrivo dei trisolariani è previsto non prima di 450 anni terrestri. Pur tuttavia una sinistra avanguardia sta per abbattersi sulla Terra in una forma del tutto inaspettata.

Nebula – Fantascienza contemporanea cinese | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la recensione a Nebula – Fantascienza contemporanea cinese, antologia di racconti SF cinesi curata ed edita da Francesco Verso e dalla sua Future Fiction. Un estratto:

Si tratta di racconti selezionati dal curatore Francesco Verso, editore e autore di romanzi di fantascienza vincitori di diversi premi, tra la produzione cinese del ventunesimo secolo (il più “vecchio” è del 2004), allo scopo di dare una piccola panoramica delle tematiche affrontate nel paese che più di ogni altri in questi anni ha avuto una crescita economica e culturale significativa.

Oltre alla qualità dei racconti, che approfondirò più avanti, la raccolta si distingue per l’originale proposta del testo in cinese (non a fronte, impossibile, ci ha spiegato l’editore) che forse per la maggior parte del pubblico ha un interesse relativo, ma punta a raggiungere i cinesi in Italia. La collaborazione con l’Istituto Confucio ha consentito inoltre di tradurre direttamente dal cinese alcuni racconti.

Il volume è introdotto dalla prefazione di Wu Yan dell’Università Normale di Pechino, che in breve sintetizza non solo il rapporto dell’Italia con la letteratura cinese, ma anche quello della Cina con la letteratura italiana. La prefazione è seguita dalle note biografiche sugli autori del racconto.

In coda una postfazione di Tachihara Tōya, scrittrice e docente di lingua e cultura cinese presso l’Università Hokusei Gakuen di Sapporo che, oltre a esaminare i racconti, sintetizza le principali correnti e tematiche dell’attuale fantascienza scritta in Cina e come stia arrivando in Occidente, grazie anche alle traduzioni in inglese di Ken Liu.

In Cina c’è al momento un forte interesse del governo nel finanziare la fantascienza come strumento di divulgazione scientifica. La Tōya spiega che in Cina sono diffuse due correnti di narrazione scientifica: la prima è detta kepu, volta a spiegare con semplicità la scienza a giovani e masse; la seconda, chiamata kehuan, è affine al concetto di fantascienza narrativa.

Fantascienza in Cina, a Chengdu una convention in grande stile


Su Fantascienza.com il resoconto di Francesco Verso ospite di una convention SF in Cina. Un estratto:

La quarta convention internazionale di fantascienza di Chengdu si è svolta in un clima di grande partecipazione e supporto da parte delle istituzioni locali e addirittura del Governo cinese, segno che la modernizzazione e lo sviluppo tecnologico, uniti alla letteratura, sono ritenuti come elementi portatori di progresso sociale e culturale.

Mai prima d’ora, a nessuna convention a cui ho partecipato in più di 10 anni (fatto confermato anche da Neil Clarke, editor di Clarkesworld) si è visto un tale supporto economico, accademico e politico per un fenomeno marginale, anche se in forte crescita, come la narrativa di fantascienza.

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 28 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist 📌 Edizioni Underground? 📌 Edizioni Open 📌 Panesi edizioni 💬 Cartoonist 📌 SkuolaNet 📌 SeiAlTuristico 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: