HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Cinema

Nosferatu di Fabio Giovannini | ThrillerMagazine


Su ThrillerMagazine la segnalazione di Nosferatu, saggio scritto da Fabio Giovannini che analizza il mito centenario del vampiro traslato sul grande schermo dal capolavoro di Murnau.

Il 2022 ha segnato il primo secolo dall’apparizione sugli schermi cinematografici del film “Nosferatu. Eine Symphonie des Grauens” (Nosferatu. Una sinfonia dell’orrore) di Friedrich Wilhelm Murnau. Nonostante i cambiamenti nella sensibilità del pubblico, “Nosferatu” riesce ancora a spaventare e soprattutto ad affascinare, dopo cento anni. Omaggio a un classico del cinema, questo libro analizza la genesi e la storia di “Nosferatu”, la sceneggiatura, le inquadrature, le diverse versioni, ripercorrendo dettagliatamente le origini di un capolavoro immortale.

Edizione fuori commercio a tiratura limitata solo per fan e collezionisti. Un libro per sapere tutto sul film del 1922 e sulla sua disseminazione nell’immaginario.

Tobias Freund – Hall ov Fame | Neural


[Letto su Neural]

A marchio Concentric Records, questa nuova prova di Tobias Freund subito colpisce la nostra attenzione per la citazione felliniana di copertina, un Marcello Mastroianni in La Città delle Donne, opera cinematografica che a sua volta vantava manifesti e locandine con in bella mostra un disegno poco convenzionale ma estremamente attrattivo realizzato da un giovanissimo Andrea Pazienza. “Ho i film nella mia testa” dice il raffinato musicista tedesco e ciascuna delle otto tracce rappresenta una scena di un cortometraggio fittizio, a volte con un’atmosfera piuttosto chiusa, ovattata e densa di tensione, in altre occasioni agitando tessiture leggiadre, positive e oniriche, comunque con un forte taglio ambientale ma anche con innesti elettroacustici e trattamenti esotico-space a far capolino tra i solchi. Sono tre i cardini che fungono da costanti punti di riferimento: i pattern elettronici ed acustici d’impianto ripetitivo, le voci che provengono come da lontano e le field recording d’origine incerta e a volte di non facile identificazione. Anche un altro celebratissimo regista, Ingmar Bergman, oltre che il maestro riminese, sottolineava che “non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere le stanze segrete dell’anima”. Forse è questo, semplicemente, lo scopo recondito di Tobias, sperimentatore sonoro che assomma capacità piuttosto difformi – mix engineer e maverick di studio, collaboratore di Atom™, veterano del Berghain – che lo consacrano specialista a 360° di quelle che sono le scene internazionali dell’electronic music, con un range d’influssi e stratificazioni che va dal post punk a Stockhausen. Quello di creare eventi psico-cinematografici, rimestando nella capacità dell’ascoltatore di emozionarsi, evocando tutta una gamma di sensazioni, come in un vero e proprio film mentale che scorre non solo nella nostra immaginazione ma che coinvolge anche tutti gli altri sensi, non è certo impresa di poco conto. Nelle produzioni di Tobias Freund è difficile cogliere un’ispirazione univoca e nonostante la qualità e la quantità dei progetti nei quali è stato protagonista o ha collaborato, dagli anni ottanta ad oggi, è esorbitante ed è bello oggi vederlo ancora in carreggiata e così propositivo, a suo agio implementando anche musicalità come questa, molto astratte, concettuali ed evocative. La musica in generale è però più di una semplice somma dei suoi pezzi materiali e questo disco va ascoltato tutto d’un fiato, lasciandosi guidare dall’esperienza e la passione che esprime.

O’Psy Town in Komplexscope – Future Film Festival


Nell’ambito del FutureFilmFestival che ho referenziato qui, un evento continuo che si svolgerà in quell’ambito è O’Psy Town, un interessante approccio alla fruizione delle immagini che diventano interattive in un modo nuovo; estraggo dalla pagina del festival:

In sala cinematografica con il cellulare acceso? Si! Basta gattini e like e TikTok: lo smartphone diventa parte del magico luogo del cinema e dello schermo. Komplex, dal 2013 attivo nella creazione di ARventure negli spazi urbani, condivide con il Future Film Festival una rivoluzione. La sala diventa sorgente, attivatore di una esperienza VR interattiva per gli smartphone dei presenti. Quando? Scopritelo venendo in sala ogni giorno, a tutte le ore! Prima delle proiezioni apparirà un messaggio, un video che orienta il pubblico nella scoperta di un mondo parallelo, vicoli di una città invisibile popolata da presenze e segni, criptici ed enigmatici. È in parte un gioco dove lo spettatore guidato da un grande QRcode sullo schermo del cinema apre una porta di un mondo parallelo nel suo smartphone. E come in tutti gli adventure c’è un easter-egg che va scoperto. Credits Komplex e’ composto da Mariano Equizzi (storie e design), Paolo Bigazzi Alderigi (musica e sound design) e Luca Liggio (digital video). La voce che ascolterete nel video è di Paolo Maria Congi della celebre compagnia di teatro contemporaneo Versus di Roma – http://www.kompex.city

C’era una volta il futuro: presentato il 22esimo Future Film Festival | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine un lungo articolo che illustra l’edizione del Future Film Festival di quest’anno, che si articolerà tra Bologna (21-25 settembre) e Modena (30 settembre-2 ottobre). Chi può vada.

La 22esima edizione del Future Film Festival è stata presentata in anteprima in Terrazza Biennale al Lido, proprio di fronte al Palazzo del Casinò. Il primo festival italiano dedicato ai film d’animazione, VFX e alle media arts, punta i riflettori verso il retrofuturo, ovvero il futuro che ci siamo lasciati alle spalle: la corrente artistica contemporanea che si ispira al modo in cui, nei decenni scorsi, è stata immaginata, l’evoluzione della società, della tecnologia e dell’umanità.
Il Future Film Festival 2022 è più che mai un mosaico di iniziative, fermenti e innovazioni estremamente vario per linguaggi, ispirazioni, prospettive geografiche e temporali. A fianco del concorso principale, dedicato a pellicole provenienti da ogni parte del mondo, troviamo due retrospettive cinematografiche – una dedicata a Cronenberg, realizzata dalla Cineteca di Bologna in collaborazione con il Festival, l’altra al “retrofuturo” – e Insert Coin, un programma di talk con docenti, esperti e creativi. Inoltre la rassegna si arricchisce di tanti contributi: dalle mostre a tema “nerd” al gemellaggio con il Linoleum Festival di Kiev, dalla call che intende promuovere nuovi progetti produttivi di animazione mettendoli in contatto con alcune delle principali realtà produttive presenti in Italia – il Future Pitch – alle anteprime e ai laboratori for kids, e integra una rassegna dedicata a Mario Lodi, indimenticato maestro e amico del FFF.

Crimes of the Future: il primo teaser trailer del film di David Cronenberg | HorrorMagazine


Su HorrorMagazine il trailer del nuovo film di David Cronenberg, Crimes of the Future, in concorso al prossimo festival di Cannes.

Mentre la specie umana si adatta a un ambiente sintetico, il corpo affronta nuove trasformazioni e mutazioni. Assieme alla sua partner Caprice, l’artista Saul Tenser mostra pubblicamente la metamorfosi dei suoi organi interni in alcune performance di avanguardia. Timlin, investigatrice del National Organ Registry, segue ossessivamente i movimenti della coppia, ed è così che un misterioso gruppo viene rivelato. La sua missione è quella di usare la notorietà di Saul per fare luce sulla nuova fase dell’evoluzione umana.

Dark Abyss edizioni presenta: “Anche i mostri si innamorano” | HorrorMagazine


Su HorrorMagazine la segnalazione di Anche i mostri si innamorano, racconti di Michele Borgogni che tratteggia il mondo dei mostri cinematografici e letterari. La quarta:

Frugando nella letteratura, nella mitologia, nella cinematografia, Michele Borgogni saccheggia il mondo dei mostri e ce li offre in undici racconti che provengono da ogni parte del mondo e da ogni tempo. Da Godzilla a Bigfoot, passando fra gli zombie e la terribile lamia, dal Giappone all’antica Grecia, l’autore colleziona undici storie, unite dal filo sottile dell’ironia. Divertente, originale, irriverente e, a volte, blasfemo, questa antologia racchiude una carrellata di mostri come non si sono mai visti, né letti.

Scheletri ebook presenta “Max Schreck, l’attore vampiro” | HorrorMagazine


Su HorrorMagazine la segnalazione del saggio in ebook Max Schreck, l’attore vampiro di Eleonora Della Gatta. Ecco la quarta di questa pubblicazione che ripercorre le gesta di un attore che ha anticipato, tra gli altri, Bela Lugosi e Christopher Lee.

A Berlino, il 4 marzo 1922 fu proiettato per la prima volta Nosferatu, eine Symphonie des Grauens, film muto diretto da Friedrich Wilhelm Murnau e considerato all’unanimità un capolavoro del cinema horror. Nei panni del vampiro, il conte Orlok così chiamato per non violare i diritti d’autore del Dracula di Bram Stoker, si celava il misterioso attore tedesco Max Schreck del quale si hanno poche e frammentarie informazioni.

Tra realtà e leggenda, mito e finzione creata ad arte, questo saggio tenta di svelare i segreti di questo sinistro ma suggestivo personaggio.

La lista dei 20 film più inquietanti di tutti i tempi, secondo Reddit | HorrorMagazine


Su HorrorMagazine la segnalazione di una curiosa classifica: i 20 film più inquietanti di tutti i tempi, secondo Reddit. Molti titoli famosi, vi anticipo che ci sono pellicole conosciute e altre meno, ma v’invito a spulciare l’elenco come le carte a una partita di poker.

Media-Trek » Blog Archive » “Occhiali neri”, il nuovo film di Dario Argento


Sul blog Repubblica di Ernesto Assante, Mario Gazzola scrive una critica ragionata a Occhiali neri, il nuovo film di Dario Argento. Un estratto:

Ecco, a queste origini ruspanti ma genuine è ritornato Argento con Occhiali Neri, storia di una bella escort (ancora una donna sensuale e “peccatrice”) che diventa cieca per un incidente, causato dal killer di una sua collega che continuerà a braccarla, mentre lei può contare solo sull’aiuto di un bambino cinese, rimasto orfano nello stesso incidente. La buona notizia per i fan del Maestro del brivido romano, è che il film – nonostante un’orribile locandina anni ’80 che evoca piuttosto Risky Business con Tom Cruise – non è brutto come i precedenti La Terza Madre e Dracula 3D, che han messo a dura prova la fede dei cultori (incluso il sottoscritto): la trama sta in piedi, almeno fino a un finale piuttosto spiccio e sciatto, la recitazione della protagonista Ilenia Pastorelli è credibile: già David per l’interpretazione della sciroccata Alessia in Lo chiamavano Jeeg Robot è molto convincente nel rendere le difficoltà di una persona che è cieca da poco tempo e deve imparare a muoversi in un mondo buio. Anche la figlia Asia, nel film istruttrice per non vedenti e amica della protagonista, è più misurata e credibile di come temevamo.
La notizia cattiva è che se si assume che un thriller debba anzitutto far paura, Occhiali Neri ne fa assai poca, rivelandosi piuttosto avaro non solo nell’effusione di emoglobina, ma anche in quella complessiva messa in scena grandiosa, espressionista e psichedelica dell’omicidio e della morte in cui Argento è (stato?) Maestro riconosciuto: quei quadri monocromatici in rosso o in blu ipersaturi, sferzati dalle musiche indimenticabili dei Goblin o di Keith Emerson, qui latitano quasi completamente. S’era letto in un’intervista che Argento afferma di aver sviluppato la storia una ventina d’anni fa, in un periodo in cui aveva “fatto pace coi propri fantasmi”, per cui il suo nuovo film contiene per la prima volta “anche un po’ di tenerezza” (cioè il rapporto fra la donna e il bambino). Che sia questo il motivo, un budget di produzione palesemente all’osso o la presenza nella filiera produttiva di Rai Cinema, Canal+, Cine+ e Sky, e che quindi eros e gore siano stati trattenuti in vista di una più agevole distribuzione televisiva, comunque il film manca un po’ di quella “griffe argentiana” che gli horroristi hardcore s’aspetterebbero dal Maestro, nonostante qualche frizzo autocitazionista (il cattivo sbranato dal cane, come il cieco Flavio Bucci in Suspiria, o le serpi nell’acqua della palude che minacciano Diana e Chin in fuga, versione più economica dell’immersione della Giorgi nella cisterna di Inferno). Diciamo che forse Occhiali Neri si avvicina più alle produzioni per la tv tipo La porta sul buio.

Occhiali Neri: il film di Dario Argento sbarca a Berlino | HorrorMagazine


Su HorrorMagazine la segnalazione dell’uscita del nuovo film di Dario Argento, Occhiali neri. Vi lascio alle note dell’articolo:

Roma. L’eclissi oscura il Sole in una torrida giornata di estate. È il presagio del buio che avvolge Diana quando un serial killer la sceglie come preda. La giovane escort, per sfuggire al suo aggressore, va a schiantarsi contro una macchina, perdendo la vista. Dallo choc Diana riemerge decisa a combattere per la sua sopravvivenza, ma non è più sola. A difenderla e a vedere per lei adesso ci sono Nerea, il suo cane lupo tedesco, e il piccolo Chin, sopravvissuto all’incidente. Il bambino cinese con i suoi grandi occhi, la voce dolce dall’accento straniero, il carattere di un ometto indipendente e indifeso allo stesso tempo, la accompagnerà nella fuga. Ossessionati dal sangue che li circonda, saranno uniti dalla paura e dalla disperata ricerca di una via di scampo, perché l’assassino non vuole rinunciare alle sue prede. Chi si salverà?

The Sage Page

Philosophy for today

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

Sobre Monstruos Reales y Humanos Invisibles

El rincón con mis relatos de ficción, humor y fantasía por Fer Alvarado

THE PRODIGY OF IDEAS

This blog is a part of my inner world. Be careful to walk inside it.

Gerarchia di un’ombra

La Poesia è tutto ciò che ti muore dentro e che tu, non sai dove seppellire. ( Isabel De Santis)

A Journey to the Stars

Time to write a new Story

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

Decades

by Jo & Ju.

Paltry Sum

Detroit Richards

chandrasekhar

Ovvero come superare l'ombra, la curva della luna, il limite delle stelle (again)

AUACOLLAGE

Augusta Bariona: Blog Collages...Colori.

The daily addict

The daily life of an addict in recovery

Tiny Life

mostly photos

SUSANNE LEIST

Author of Paranormal Suspense

Labor Limae

- Scritture artigianali -

Federico Cinti

Momenti di poesia

Racconti Ondivaghi

che alla fine parlano sempre d'Amore

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

Perché si drogano i semiconduttori?

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: