HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Dadaismo

Public Image Limited – Public Image (Official Video)


Le arzigogolate, dissonanti e fuori tempo, architetture del punk evoluto. Mistico mitico espressionismo destrutturante, Dada!

Charles Pennequin – Dictaphones | Neural


[Letto su Neural]

Provenienti da un copioso archivio di mini-cassette, in Dictaphones di Charles Pennequin sono raccolte registrazioni di letture, monologhi, voci ed esperimenti vari di poesia sonora, materiali spesso anche inediti che sono stati accuratamente conservati per più di due decadi. Il poeta, scrittore e interprete transalpino – nato nel 1965 a Cambrai – non è certo artista che passa inosservato nelle sue singolari espressioni vocali, capace d’un fluire di testi che è inglobato in una recitazione assai metamorfica, piuttosto anarchica e passionale. Gli antecedenti d’un simile approccio possono essere fatti risalire al dada e a tutta la scienza combinatoria di sensi e letteratura che dai surrealisti arriva ai flussi di coscienza degli anni cinquanta e sessanta. Il popolare e il dotto, tuttavia, si riconciliano in queste registrazioni, grazie ad un rimestamento scenico che è tipico più delle post-avanguardie che delle avanguardie storiche, inventando una politica del linguaggio che è stata urgente e necessaria nell’evolversi delle scene sound poetry. Si parla con la gola verrebbe da dire e Pennequin non ha filtri, è un fiume in piena, è un assoluto talento interpretativo che macina tutto, anche errori, lacune, teorie e impulsi non ancora bene sedimentati. L’uscita, che è un’edizione limitata di soli 200 esemplari, si deve al Fondo Regionale di Arte Contemporanea (FRAC) della Franca Contea, un’istituzione che organizza regolarmente incontri con artisti, sessioni video, conferenze, spettacoli serali e concerti, nell’intento di costruire una propria collezione, diffonderla tra il pubblico più diversificato, promuovendo forme di consapevolezza sulle progettualità delle scene contemporanee. Non aspettatevi un gran lavorio musicale sottostante alle vocalità improvvisative, non è quello il centro della ricerca per Pennequin, seppure il centellinato rimestio sonoro sia sempre puntuale e funzionalmente gestito o estemporaneo, che al fine di questo tipo di sperimentazioni è comunque coerente. Quello che rimane impresso in questa carrellata di reperti è una prorompente personalità che mescola metafisica, morte, vita e amore, scrittura e discorso, poesia e rivolta, agitando un aplomb volutamente âgée, ricercato e dissidente.

“Cavalcare la tigre” come Dada-Pensiero – CRITICA IMPURA


Su CriticaImpura, Sonia Caporossi evidenzia alcuni passaggi di Vitaldo Conte che analizza Julius Evola in rapporto ai Dadaisti e ai Futuristi. Illuminati ed esaltante percepire le sfumature delle avanguardie di un secolo fa, che non è che siano poi così passate di moda e attualità, come magari si potrebbe pensare. Un estratto:

Le vicende e i transiti molto personali – fra Futurismo e Dada – costituiscono un aspetto rilevante, non certo marginale, della complessa e versatile personalità di Julius Evola. In questi “passaggi” inizia a formulare un procedimento-percorso di pensiero, attraversando le immagini (pittoriche e poetiche) di avanguardie radicali, come quelle futuriste e dadaiste, confrontandosi con il nichilismo e i limiti della ragione. Questi movimenti infatti sono protesi a “recidere”, con innocente crudeltà, i miti dell’arte (passata e presente), confrontandosi con la sua crisi, i suoi sistemi e la società: “Esprimere è uccidere”.

Ne Il cammino del cinabro termina lo scritto, dedicato al suo transito dadaista, con: “Non scrissi poesie né dipinsi più dopo la fine del 1921”. Nello stesso capitolo risultano significative le affermazioni di Tristan Tzara che egli stralcia: “Che ognuno gridi: vi è un gran lavoro distruttivo, negativo, da compiere.  Spazzar via, ripulire. La purezza dell’individuo si afferma dopo uno stato di follia, di follia aggressiva e completa, di un mondo lasciato fra le mani di banditi che si lacerano e distruggono i secoli. Senza scopo né disegno, senza organizzazione, la follia indomabile, la decomposizione”.

Julius Evola non rinnega la parentesi artistica, successivamente alla sua conclusione, anche se considera impersonalmente il suo autore “scomparso”. Ci ritorna, sporadicamente a distanza di tempo, con articoli e considerazioni, ma anche, negli ultimi decenni dell’esistenza, attraverso “copie” di ciò che aveva già dipinto. Il “ricopiare” un proprio quadro, realizzato in passato, risulta un sintomatico e ulteriore atto di “estraniamento” d’identità.

“Futurismo: Passaggi e pulsione”, un saggio di Vitaldo Conte – CRITICA IMPURA


Su CriticaImpura un bel saggio di Vitaldo Conte cross-over tra Futurismo, Dadaismo, Esoterismo e Noise musicale ante litteram. Uno stralcio:

“Noi, del Futurismo, siamo i primitivi di una nuova sensibilità. Siamo l’amore del pericolo, l’abitudine all’energia, il coraggio, la ribellione.” (F.T. Marinetti)

Futurismo manifesto di Arte Vita

La possibile eredità e attualità del Futurismo è anche nelle parole dei suoi manifesti: “Noi vogliamo cantare l’amore del pericolo, l’abitudine all’energia e alla temerità”. Questi intenti oggi tendono a essere latitanti nelle varie espressioni della vita socio-culturale italiana. La delimitazione cronologica del cosiddetto Futurismo storico, circoscrivibile da studiosi al periodo che va dal 1909 al ‘15 o ‘19, può risultare una schedatura forzosa e semplicistica: misconoscendo gli sviluppi successivi (anche se meno eclatanti), non si vuole considerare l’ulteriore ricerca innovativa di questo movimento e della situazione storica (quasi tutti i futuristi furono impegnati in guerra). I manifesti, gli scritti, le loro conseguenti espressioni (successive alla grande guerra fino agli anni Trenta e oltre), più che a essere ispirate da intenti “occupazionali”, tendono a volersi radicare meglio (attraverso ampliamenti sinestetici) nelle segnaletiche dell’esistenza quotidiana. Esempi sintomatici di questo ascolto, oggi particolarmente vicino alle nuove espressioni: il Tattilismo, il Teatro della Sorpresa e quello Tattile, la Poesia pentagrammata – negli anni Venti –; la Cucina, la Fotografia, l’Aereopittura, l’Arte Sacra, la Radia, il Romanzo Sintetico, ecc. – negli anni Trenta –. La storia del Futurismo durò, comunque, per tutta l’esistenza del suo fondatore (che morì nel 1944): le esperienze postume ne rielaborano i linguaggi con la parola Futurismo preceduta da variabili prefissi o denominazioni. Il Futurismo si propone di essere, per mezzo della creazione, un’avanguardia delle avanguardie che vuole realizzare una sorta di rivoluzione permanente della coscienza. I suoi passaggi storici possono essere, infatti, meglio compresi, a oltre cento anni dalla nascita, proprio grazie alle successive poetiche che ne hanno ulteriormente sviluppato e metabolizzato le espressioni.Se accettiamo l’ipotesi della sua “rivoluzione continua”, questa potrebbe oggi essere maggiormente riscontrabile, non attraverso i linguaggi specifici “rivoluzionati”, ma, viceversa, attraverso i suoi ancora numerosi aspetti segreti che coinvolgono l’esistenza. Il Futurismo è Arte come Vita: un “movimento antifilosofico e anticulturale d’idee” che ricerca una creazione globale e contigua dei vari linguaggi con un vitalistico coinvolgimento di questi nella realtà quotidiana. Alla sua creativa azione di rottura va attribuito come merito una capillare diffusione di manifesti: per una sorta di ridefinizione di tutte le attività intellettuali ed espressive. Risulta essere una radicale sperimentazione a tutto campo, sensibile alla percezione simultanea e alla sinestesia. L’energia esuberante del Futurismo esalta la bellezza della Vita come Creazione, che diventa così “arte-azione, cioè volontà, ottimismo, aggressione, possesso, penetrazione (…) proiezione in avanti”. Questa sfida continua è una messa in gioco di arte-cultura-esistenza che si fondono in un linguaggio proteso verso il rinnovamento: “Armati di coraggio temerario e innamorati di ogni pericolo, essi arricchirono l’arte e la sensibilità artistica col succo e colle vibrazioni di una vita impavidamente osata vissuta goduta” (Marinetti).

Il Futurismo non è soltanto una molteplice possibilità di esprimersi è anche un modo di vivere, che ama incontrare emozioni e pericoli, protendersi verso il futuro. Convertirsi al Futurismo significa sposare la sua innocente crudeltà che vuole “uccidere” ogni stagnazione dell’atto creativo, in quanto l’arte “non può che essere violenza”. Il campo energetico di questo movimento deborda da ogni confine stabilito, talvolta al limite della visionarietà e mistica: “Fra le tante definizioni io prediligo quella data dai teosofi: “I futuristi sono i mistici dell’azione”.” (Marinetti). La bellezza di un’azione della vita come arte è già un dono di per se stesso.

Leggi il seguito di questo post »

Edited by Nicolas Nova and Joël Vacheron – Dadabot, An Introduction to Machinic Creolization | Neural


[Letto su Neural.it]

La cultura algoritmica, ovvero la cultura espressa da sistemi automatizzati e in particolare basati su software, ha iniziato solo di recente ad accaparrarsi una certa attenzione, quando le sue conseguenze sociali, culturali ed economiche hanno iniziato a diventare chiaramente percepibili. Il movimento della software art tra la fine degli anni novanta ed i primi anni del 2000 ha compiuto un’impressionante prima analisi in tal senso, elaborando il ruolo chiave che il software aveva già giocato insieme alla creazione di una pletora di pionieristiche e critiche opere d’arte, costantemente legate a quella nuova realtà multiforme. I due autori di questo libro, entrambi di base in Svizzera, hanno colto gli aspetti potenzialmente sovversivi della cultura algoritmica, in particolare le sfaccettature “automatizzate”. Già solo in linea di principio questa è una risposta adeguata a tutte le celebrazioni nostalgiche e melanconiche dei cento anni del movimento artistico Dada. Ma anche in pratica la struttura del libro, progettata da Raffaello Verona, è esteticamente in linea con il tema e con il concetto di creolizzazione (essere – cioè – notevolmente intriso dalle influenze locali). Un saggio principale interseca tutto il libro attraverso le pagine “Connected” e i suoi riferimenti (comprensivi di più contenuti collegati) sono a pieno illustrati con immagini lungo tutta la pubblicazione. Tutto quanto sopra si alterna con un lessico; esperimenti Mechanical Turk; brevi interviste con un piccolo numero di artisti la cui automatizzata e “ibridata” pratica rafforza il concetto e un saggio finale del fotografo Maxime Guyon, che termina con una preziosa e focalizzata produzione indipendente.

Gratis tutti i numeri della storica rivista d’arte DADA | Kipple Officina Libraria


Sul blog di KippleOfficinaLibraria la celebrazione del centenario dadaista tramite la segnalazione di Monoskop.de, che ha voluto rendere fruibili gratuitamente tutti i volumi della storica rivista Dada.

Il dadaismo, grazie ad artisti come Marcel Duchamp, Man Ray e Hans Arp – i quali hanno rotto con gli schemi tradizionali ribellandosi ai canoni borghesi ha segnato uno dei capitoli più interessanti dell’arte moderna.  Per scaricare la rivista basta cliccare qui.

Test Tone, 1000hz, 33 rpm, Dadaist Turntablism – Yann Leguay | Neural


[Letto su Neural.it]

1000hz è una frequenza comunemente usata come segnale di prova in esperimenti di percezione uditiva. In rigorose ricerche sulla sensibilità umana al suono e sulle soglie uditive si sono spesso usati 1000Hz come punto di riferimento per la determinazione dei toni silenziosi che una persona con udito perfetto può percepire. I “test tones” sono comunemente utilizzati per la configurazione di apparecchiature audio, PA, altoparlanti e interfacce audio digitali. Questa frequenza è talvolta utilizzata come segnale di prova per le stazioni radio o TV. L’installazione “Test Tone, 1000hz, 33 rpm” di Yann Leguay è costituita da un disco in vinile e da un giradischi i cui rispettivi movimenti sono stati invertiti. Il player stesso, il braccio e la stilo ruotano attorno al disco statico per creare una frequenza test di tono di 1000Hz, anche se con un momentaneo glitch ad una frequenza leggermente superiore ad ogni giro. L’ inversione di ruolo qui suggerisce un impulso dadaista e la decostruzione contraddittoria di utilità propone una rimodificazione delle aspettative percettive del suono in relazione alla materialità da cui nasce. Yann ama presentarsi come un “media sabotatore”, un attivista che accetta le norme delle performance auditive, riappropriandosi poi dell’utilità dei diversi tipi di media nelle sue installazioni, mentre pubblica – ad esempio – una serie di registrazioni sonore disfunzionali. La sua produzione non convenzionale comprende anche un vinile da 7 pollici senza buco, nonché – in una performance – la disintegrazione in diretta di un microfono con una smerigliatrice angolare.

Elsa Von Freytag Loringhoven: the dada protopunk poet 1874–1927 | WSF


Spesso si parla (ancora) del Punk e dei suoi strali vivibili ancora oggi, ma si dimentica che il Punk è nato agli inizi del ‘900, con il Dadaismo. WSF fa una bella retrospettiva su uno dei personaggi più eclatanti di quegli anni inizio ‘900: Elsa Von Freytag Loringhoven.

Interessanti le sue poesie, così particolari da essere attuali ancora oggi:

Cuore agghiacciante

Turbinio di città —— vento su timpani ——
danza di vento: d’erba macchiata ——
macchia di fiori——seta fluente —— frusciante——
dal passo leggero—— sibilante —— amoreggiando ——
amor gentile —— aerodinamico —— che sfiora——
che scorre —— distendendosi —— curvando anse ——
provocante —— baciando: le braccia degli alberi —— l’erba
gambe braccia —— le labbra.
Turbine di città sui timpani ——
nella notte solitari
simili ——:
luna —— amazzone!
pallida —— di bellezza atterrita
troppo elevata da condividere!
nello spazio che è blu —— va cavalcando via dal mio
il mio petto ——
illuminata stranamente ——
agghiacciante sorella!

Macchiato d’erba—— macchia di fiori——
dal profumo di gusci —— navigante ——
a caccia per foreste —— come in una jungla ——
sguardo fisso al deserto ——
il cuore s’allontana dal petto ——
con sferzante bellezza ——
via di fretta ——
al di là del comignolo ——
fiume argentato ——
per incontrare ——
d’un altro cuore il buio ——

Benedite i miei, i miei piedi!

Leggi il seguito di questo post »

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

J. Iobiz

Scrittore. In realtà, sono solo un personaggio di fantasia, ma di quale fantasia non ricordo più

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

Mágica Mistura✨

Uma mistura mágica de poesia, imagens, música, citações, atualidades e velharias do Brasil e do mundo,sempre com um toque de inconformismo ...

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Television, and Music Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

corruptio pessima optimi

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana sul cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Astro Orientamenti

Ri orientarsi: alla ricerca del nostro baricentro interiore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: