HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Divinità

Tre preghiere romane – La misura delle cose


Sul blog La misura delle cose un post articolato che riesuma, o meglio storicizza (e purtroppo ce n’è bisogno) la spiritualità per noi pagana dei tempi arcaici di Roma, di quei tempi repubblicani; lo fa attraverso tre preghiere perlopiù appartenenti ai culti privati in cui si evidenzia una dignità e una forza interiore che oggi ci è sconosciuta, persi come siamo nelle supplichevoli e umili esortazioni del noioso culto cristiano.

A Roma i sacerdoti erano organizzati in confraternite o collegia, divisi in base alle attività e ai compiti a cui erano preposti; durante le cerimonie innalzavano agli dèi inni e preghiere per propiziarne la benevolenza. Accanto al culto pubblico, del quale erano destinatarie le maggiori (pochissime) divinità, esisteva un culto privato, una “religione domestica” che celebrava entità extraumane e spiriti degli antenati preposti alla protezione della casa, della famiglia e delle attività che attorno a queste si svolgevano.

“Lari, aiutateci! Né pestilenza né rovina, o Marte, lascia dilagare tra il popolo! Sii sazio, o feroce Marte, salta sulla soglia, fermati là, là! I Semoni, alternativamente, li chiamerà tutti a riunione; aiutaci, Marte! Trionfo!”

Annunci

Dark Place


Le concrezioni si eternano frattalizzate, come arcaici santuari.

Hidden Identity


Nei medaglioni di un passato emerso come Ra.

Case di riposo (letterarie) per divinità in pensione: ovvero cosa succede ai vecchi dei nel nuovo mondo? | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine un post che rimanda idealmente a un altro che ho segnalato ieri, sul sopravvivere degli antichi Dei anche nella cultura attuale. Un estratto:

La letteratura fantastica sembra chiedersi da tempo, con tono più o meno ironico, quale sia il posto nel mondo che le antiche divinità pagane possono (o potrebbero) occupare oggi: e la risposta non è, in genere, molto positiva.
Il fantasy moderno e, in generale la letteratura fantastica, sono ricchi di dèi, semidei, figure mitologiche e mostri più o meno inventati, a cui gli autori si riferiscono con toni anche molto diversi tra loro: i personaggi divini possono essere oggetto di un ammiccamento ironico, come il vecchio dio Aldur che vaga su un carretto, o il più giovane Belar, costantemente ubriaco e circondato da belle ragazze, nel ciclo del Belgariad di David Eddings; il bizzarro Fizban, in Dragonlance di Margaret Weis e Tracy Hickman, è un dio, o ricorda di esserlo stato, una volta diventato Zifnab nel Ciclo di Death Gate degli stessi autori. Altrove, la divinità è intesa con una maggiore venerabilità o religiosità, come accade nelle varie opere del complesso Cosmoverso di Brandon Sanderson.
Un posto di riguardo, tuttavia, spetta a quelle divinità che non sono nate all’interno della fantasia di un autore, ma che derivano da un (vero) sistema religioso e si sono ritrovate (forse loro malgrado) come personaggi di libri di narrativa moderna.

La sopravvivenza degli antichi dei: American Gods e le metamorfosi delle religioni | L’indiscreto


Gli Dei non muoiono: si nascondono, si combattono e si trasformano. Alcune riflessioni a partire dalla serie American Gods, originaria della penna di Neil Gaiman, che traccia un percorso di sopravvivenza del mito degli Dei: tutto ciò mi ricorda Lovecraft e il suo pantheon di divinità ancestrali, terrificanti e potentissime. Su L’Indiscreto.

Che gli dei non siamo mai morti, ma abbiano subito trasformazioni, camuffamenti, alterazioni e risemantizzazioni, è un’idea condivisa da un nutrito gruppo di scrittori e ricercatori. È questo il caso delle ricerche iconografiche condotte presso il Warburg Institute di Londra. Gli allievi ed i collaboratori dello storico dell’arte amburghese Aby Warburg hanno continuato il suo progetto di ricerca: lo studio della sopravvivenza delle immagini degli dei Greci attraverso le loro peregrinazioni nell’astrologia islamica, nella poesia medievale e nelle immagini allegoriche del tardo medioevo, che recuperano infine la loro forma originaria nella filosofia e nella pittura del Rinascimento italiano.

“[…] il rinascimento ci appare come una reintegrazione di motivi antichi nella loro forma antica: non dunque una “risurrezione” come spesso si lascia intendere, ma un ripristino e un rinnovamento. “Rinascendo”, Ercole ritrova la muscolatura atletica, la clava e la pelle di leone, insomma i suoi attributi classici. Non può dirsi invece che risorga, perché, come Marte o Perseo, in realtà non era mai morto. Era andato perduto il suo aspetto esteriore, ma il nome e l’idea si erano conservati nella memoria di artisti e letterati. Allo stesso modo, anche Perseo aveva continua a vivere sotto le spoglie di un turco e Marte sotto quelle di un cavaliere. Bisognerà guardarsi però dal concludere affrettatamente che la forma classica, che era stata caratteristica di queste divinità, si fosse del tutto dissolta. Malgrado lunghe eclissi, il Medioevo ne aveva conservato il ricordo, un ricordo mantenuto e ravvivato, del resto, in certe epoche privilegiate, dalla vista delle rovine antiche e dalla lettura dei poeti” (Jean Seznec, La sopravvivenza degli antichi dei).

Claustrum – Penitential


Affondando nelle derive interiori di inumanità commossa… La luce superiore può far piegare le membra e l’anima allo stesso modo dell’oscurità più abissale, quella più nefasta.

Il libro segreto. Magnus Chase e gli dei di Asgard | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione de Il libro segreto. Magnus Chase e gli dei di Asgard, di Rick Riordan, ovvero una corsa sfrenata tra le mitologie norrene. Una spiegazione esaustiva di cosa c’è nel libro è qui:

Anche la mitologia norrena ora ha il suo Libro segreto. Dopo aver iniziato a narrare le avventure di Magnus Chase, un sedicenne entrato nel Valhalla a seguito del combattimento con un gigante, Rick Riordan ha deciso di far conoscere meglio ai suoi lettori le gesta di Odino, Thor, Loki e di tutte le varie creature che compongono il pantheon nordico. Ecco quindi la pubblicazione di Il libro segreto. Magnus Chase e gli dei di Asgard, guida che illustra le caratteristiche del mondo – o meglio dei nove mondi sorretti dai rami di Yggdrasil – e di coloro che lo abitano. Il formato è lo stesso di Il libro segreto. Eroi dell’Olimpo, pubblicato in italiano all’inizio del 2017. Riordan, non va dimenticato, prima di iniziare la sua attività di romanziere ha insegnato per parecchi anni, e fra le materie di cui si occupava c’era anche la mitologia. I suoi romanzi, ambientati in un contesto moderno, nascono da una profonda conoscenza di quelle antiche storie e dal desiderio di avvicinarle ai suoi alunni.

Ecco quindi che vari personaggi, a partire da Helgi, direttore di quell’Hotel Valhalla frequentato anche da Magnus Chase, raccontano in modo molto disinvolto le gesta, non sempre nobili, di divinità, entità magiche e creature fantastiche, in attesa della prossima, eroica morte.

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ Freelance illustrator/cartoonist 👩‍🎨 🇮🇹 🌙 26 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, esoterismo. A cura di Marco Maculotti.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

Michele Valente |Blog

Blogger e studente di Comunicazione e ricerca sociale. Scrivo di geopolitica, diritto e tematiche ambientali, attraverso un'ottica globale sulla società europea ed internazionale.

Sonia Cenceschi

La musica è una pratica occulta dell'aritmetica, dove l'anima non sa di calcolare - Leibniz

Necrologika

Se muori te lo diciamo noi.

ITINERARI LAZIALI

borghi, castelli, ville, città perdute, monasteri ed abbazie, leggende e segreti, paesaggi fantastici e luoghi insoliti della regione di Roma e dei territori limitrofi.

CollettivoD

Il punto di vista delle donne

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: