HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Economia

Il Nobel Joseph Stiglitz spiega perché per combattere le disuguaglianze bisogna abbandonare subito le idee di Milton Friedman – Business Insider Italia


Su BusinessInsiderItalia un interessante articolo che sviscera il Capitalismo in alcuni suoi punti chiave. In sostanza, si riconosce che l’orizzonte del Liberismo sia molto corto, è importante fare cassa a tutti i costi nel brevissimo periodo di tre mesi così da soddisfare gli azionisti della multinazionali, gli unici che contano veramente in tutto il mondo degli affari. La ricetta per guarire dai problemi derivati da una visione così asfissiante degli affari sembrerebbe quindi attestarsi su valori temporali molto più lunghi, solo che conoscendo da un punto di vista inusuale i meccanismi che regolano i mostri inumani del business, mi sembra chiaro che il problema è il Liberismo stesso, incapace per sua natura di darsi regole.

Non esiste un Capitalismo dal volto umano, esso obbedisce a leggi che non sono umane e il non comprenderlo è lo scoglio principale per affrancare l’umanità da una simile deriva letale.

Annunci

Random Darknet Shopper, deep shopping | Neural


[Letto su Neural.it]

Avete mai provato a dare la paghetta ad un software spendaccione? È quello che hanno fatto gli artisti del collettivo anglo-svizzero !Mediengruppe Bitnik, sguinzagliando un bot di shopping online su Agora Market Place, uno dei mercati più floridi del deep-web. Con un budget di 100 dollari in Bitcoin a settimana e la libertà di scegliere tra più di 16.000 oggetti legali e non, il risultato non poteva che essere controverso, tanto da meritare una mostra presso il Kunst Halle Sankt Gallen, in Svizzera, chiamata The Darknet: Da Memes a Onionland. Un paio di jeans Diesel falsi, 200 sigarette Chesterfield di contrabbando, un berretto da baseball con una telecamera nascosta, 10
 pasticche di ecstasy… questi sono parte degli oggetti fatti recapitare dal bot direttamente presso la
 mostra, in cui lo schema di massima sembra mutuato dal precedente Amazon Random Shopper di Darius Kazemi. La stazione di polizia a pochi metri dalla sala espositiva non pare interessarsi agli
 oggetti illegali esposti, eppure è un caso che il progetto Random Darknet Shopper sia andato in porto, scampando all’operazione dell’FBI che ha recentemente chiuso alcuni mercati on line del tutto simili ad Agora Market Place. Questo intervento, unitamente alla mostra, ha sollecitato discussioni sia riguardo l’effettiva sicurezza e anonimato della rete TOR, sia riguardo il dibattito legale che si pone in mezzo ad un ginepraio di legislazioni. In una rete aperta, che comprende così tante giurisdizioni diverse, diventa molto difficile capire quali leggi siano applicabili; quali merci siano effettivamente illegali, a partire dal Paese di appartenenza dell’acquirente o del venditore.

Un messaggio di dignità al mondo. La scelta di Alexis Tsipras | Essere Sinistra


Da leggere con estrema attenzione. Da EssereSinistra.

All’una di questa notte, Alexis Tsipras, ha diramato questo messaggio di cui presentiamo la traduzione in italiano circolante in rete. 

È per noi la voce più alta e nobile sinora ascoltata in risposta alle folli richieste del Fondo Monetario Internazionale e le Isttuzioni europee. E vogliamo che tutti i nostri lettori ne comprendano il senso. Il senso della libertà e della democrazia. Che rinasce dalla Grecia.

La Redazione

—-

«Amici greci,
da sei mesi il governo greco combatte una battaglia in condizioni di soffocamento economico senza precedenti, per implementare il mandato che ci avete dato il 25 gennaio.
Il mandato che stavamo negoziando coi nostri partner chiedeva di mettere fine all’austerità e permettere alla prosperità ed alla giustizia sociale di tornare nel nostro paese.
Era un mandato per un accordo sostenibile che rispettasse la democrazia e le regoli comuni europee, per condurre all’uscita finale dalla crisi.

Durante questo periodo di negoziazioni, ci è stato chiesto di mettere in atto gli accordi fatti col precedente governo nel “memorandum”, nonostante questi fossero stati categoricamente condannati dal popolo greco nelle recenti elezioni.
Comunque, nemmeno per un momenti abbiamo pensato di arrenderci, cioè di tradire la vostra fiducia.

Dopo cinque mesi di dure contrattazioni, i nostri partner, sfortunatamente, hanno rilanciato all’eurogruppo di due giorni fa un ultimatum alla democrazia greca ed al popolo greco.

Un ultimatum che è contrario ai principi fondanti ed ai valori dell’Europa, i valori del progetto comune europeo.
Hanno chiesto al governo greco di accettare una proposta che accumula un nuovo insostenibile peso sul popolo ellenico e colpisce profondamente le possibilità di recupero dell’economia e della società greche. Una proposta che non soltanto perpetua lo stato di incertezza ma accentua persino le disuguaglianze sociali.

Leggi il seguito di questo post »

Il prezzo del futuro. 15 scrittori raccontano l’economia del domani | Lankelot


Da Lankelot la recensione de Il prezzo del futuro, antologia curata da Gian Filippo Pizzo e Vittorio Catani. Molti grandi autori della SF italica in questa raccolta, tra i quali Giovanni De Matteo con il suo racconto In caduta libera, del quale riporto le impressioni:

Da notare che Giovanni De Matteo, l’autore di “In caduta libera” viene ricordato come esponente del “connettivismo”, ovvero quel movimento che “considera la fantascienza un laboratorio per analizzare le dinamiche del cambiamento attraverso la prospettiva del futuro, coniugando estrapolazione scientifica, analisi sociologica e sperimentazione linguistica” (pp.327). Viene quindi da pensare che aspetti del connettivismo siano presenti non solo in De Matteo, ma, pur privilegiando innanzitutto situazioni grottesche e inquietanti, anche in altri racconti dell’antologia.
Idea del tutto plausibile soprattutto nella considerazione che il futuro, qui interpretato come specchio nero del presente, si possa prospettare innanzitutto con forme sempre più sofisticate di mistificazione e per  un ulteriore imbarbarimento nei rapporti economici e sociali.
Il tutto inquadrato nel giudizio finale dell’antologia, un gran bel momento di SF distopica, come del resto gli autori garantiscono a priori.
È evidente semmai che “Il prezzo del futuro” rappresenta tante variazioni su tema, dove l’economia a volte va intensa in senso del tutto generico, altre volte riferita più specificatamente ai rapporti di lavoro oppure alla necessità impellente di fare soldi, oppure ancora alle controversie tra scuole di pensiero. Di sicuro la rappresentazione di rapporti umani e sociali in un contesto distopico e che quindi tendono ad evolvere verso esiti drammatici se non addirittura raccapriccianti. Anzi, per parafrasare lo slogan incriminato potremmo precisare: “il distopico è adesso”; non fosse altro che qualche racconto (in particolare si veda “Il tirocinio” di Michele Piccolino) non sembra nemmeno ambientato in un prossimo futuro, ma piuttosto tra le quinte di un cupo e realistico presente.

Sui prezzi dei libri | Emanuele Manco


Una bella disamina di Emanuele “Manex” Manco sull’editoria e sul periodo di transizione, che sta vedendo tramontare il cartaceo a favore del digitale. Come cambia in tutto ciò la filiera editoriale? Ce lo spiega Emanuele in pochi ma significativi paragrafi, eccone uno stralcio:

Molti dei ragionamenti fatti sulla stima del prezzo di copertina dell’edizione cartacea si possono applicare anche in caso di edizione elettronica.

Sulla produzione di un eBook gravano gli stessi costi fissi di un libro cartaceo: l’acquisto dei diritti sul testo nel caso di opera straniera e sull’immagine di copertina (quando non il pagamento di un grafico professionista per una cover ex-novo). Se è straniero il libro va tradotto e la traduzione va rivista ed editata. Se è italiano c’è comunque l’editing.

Non ultimi i costi di impaginazione. PDF, ePub o Mobi che sia, il libro elettronico è un progetto grafico, un file che va impaginato, non un banale file di testo come sono convinti in molti.

Anche in questo caso, visto che vige il libero mercato, ogni editore è libero di stabilire i prezzi che vuole o che ritiene remunerativi per i suoi obiettivi di cassa; saranno i lettori a valutare il rapporto prezzo/qualità.

Talvolta il prezzo dell’ebook è imposto per contratto da alcuni agenti che sono ancora convinti che l’evoluzione tecnologica sia un brutto incubo dal quale usciremo presto, tornando al mondo della carta, dei calcoli per stimare le tirature etc. etc. e pertanto per la paura di perdere percentuali impongono un prezzo che ponga la versione elettronica fuori mercato rispetto al cartaceo.

Loophole 4 All, Democratizing Offshore Business | Neural


[Letto su Neural.it]

Paolo Cirio è un amante degli exploit e in molti modi è un virtuoso protagonista delle reti contemporanee, indagando ed esponendo il loro intimo funzionamento, individuando le loro vulnerabilità e sovvertendone le funzionalità. Nel suo ultimo progetto, Loophole 4 All , Cirio mette a fuoco un lato oscuro dell’economia attuale di rete: quello della finanza offshore. L’artista ha preso di mira le isole Cayman, un importante centro offshore che serve multinazionali e banche, fornendo loro privacy, poca o nessuna tassazione e la perdita del controllo giuridico. Cirio concepisce centri offshore a switch di rete, consentendo ai profitti d’essere nascosti e facilitando il flusso della corruzione attraverso il mercato globale. L’artista ha hackerato il server del governo delle isole Cayman, ha rubato un elenco di 200.000 aziende registrate e ha proceduto al rilascio dei certificati contraffatti d’incorporazione nel registro a costi bassissimi. Fiction o realtà uno potrebbe chiedere. Come previsto, il Caymans Companies Registry ha negato l’incidente, dichiarando che l’elenco non era davvero un hack ma piuttosto il risultato d’una truffa d’ingegneria sociale operata sul motore di ricerca. Purtroppo per loro, Cirio era già riuscito nel suo intento. Sfruttando le scappatoie che utilizzano le stesse compagnie, egli ha approfittato dell’anonimato che le società offshore godono, appropriandosi del sistema e diffondendo pubblicamente i dati rubati. Mentre una “democratizzazione del business offshore” potrebbe essere pura fantasia, alzare il livello di coscienza per mezzo d’opportune rivelazioni, rendendo manifeste le strutture invisibili delle reti, è apparentemente molto possibile.

Quando la crisi economica investì l’antica Roma – Corriere Roma


Un bell’articolo sul Corriere.it traccia paralleli tra la situazione economica nel periodo imperiale romano e il momento critico attuale, aprendoci un po’ gli occhi su lacune dinamiche che ritornano: conoscere la Storia permette di non farsi circuire dalle sirene coeve. Una massima da ricordare sempre.

Nei primi secoli Roma non batteva moneta, gli scambi commerciali si basavano su lingotti di bronzo del peso di una libbra (327 grammi). Il lingotto era detto pecunia perché il suo valore era l’equivalente di un capo di bestiame (pecus). Dal bronzo (in latino aes) prese nome la prima moneta romana, l’asse. Ma nel 209 a.C. fu necessario mettere mano alle riserve auree. Era in corso lo scontro vitale con Cartagine e vennero fuse ben 4 mila libbre d’oro, ricavandone monete per pagare le truppe e procurare i viveri. Da allora le monete vennero coniate con raffigurazioni di conquiste militari, di divinità, di lotte per il potere, inaugurazione di una via o di monumenti, sicché nella loro sequenza permettono di leggere la storia di Roma.
Giulio Cesare fu il primo a far imprimere la sua immagine sulle monete. Nelle spedizioni militari si portava dietro una zecca mobile per far immortalare le sue gesta.

Un altro parallelo con la situazione attuale può essere rintracciato all’epoca di Diocleziano. Quando l’inflazione tornò a galoppare e i prezzi schizzarono in alto. Fu data la colpa ai mercanti che facevano lievitare a proprio utile i costi delle merci. Nel 301 l’imperatore emise un editto per introdurre, come si tenta a volte anche oggi, un calmiere dei prezzi.

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 28 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist 📌 Edizioni Underground? 📌 Edizioni Open 📌 Panesi edizioni 💬 Cartoonist 📌 SkuolaNet 📌 SeiAlTuristico 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: