HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Fabio Lastrucci

Arriva Strane visioni 2. Il meglio del Premio Hypnos! | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione della seconda antologia della Hypnos dedicata ai racconti che negli ultimi tre anni hanno partecipato al Premio Hypnos. Ecco la sinossi dell’opera che suscita davvero molto interesse:

Chi è il misterioso selezionatore che si aggira sulle impervie vette delle Dolomiti? Per quale motivo chiunque decida di dondolarsi su di una innocua altalena muore in preda a un terrore indicibile? Può l’idilliaca esistenza di una famiglia modello essere sconvolta da un grazioso gatto bianco? Quale antica leggenda soggiace alla Fiera delle Spose di Uniria? Perché i pesci e le creature del mare al largo di un paradiso tropicale si stanno suicidando in massa? Che cosa lega il grande escapista Harry Houdini al più famoso autore del mistero, Arthur Conan Doyle? Ma soprattutto… che cos’è un pappagufo?

Questi sono solamente alcuni interrogativi che si celano nei diciotto racconti riuniti in questa antologia che raccoglie il meglio delle ultime tre edizioni del Premio Hypnos, concorso dedicato alla narrativa weird e fantastica. Diciotto dardi acuminati che arrivano a colpire nel profondo, quando uno meno se l’aspetta. Un volume che è anche strumento indispensabile per capire l’evoluzione dello scenario della narrativa “strana” in Italia, sulle orme di quel genere weird che sempre più si sta affermando a livello internazionale.

Molti nomi noti, tra i quali segnalo Francesco Corigliano, Fabio Lastrucci, Nicola Lombardi, Denise Bresci, Alain Voudì, Uduvicio Atanagi, Mario Gazzola.

Annunci

Hypnos 9 – rivista di letteratura weird e fantastica – Ver Sacrum


La recensione al numero 9 della rivista Hypnos, su VerSacrum. Dev’essere un numero da urlo…

Esce il numero 9 della rivista Hypnos, una garanzia per il appassionati del fantastico. Ultimamente le uscite si sono un po’ diradate e fra i collaboratori non c’è più Andrea Bonazzi. Tuttavia la qualità è rimasta su ottimi livelli. Il piatto forte di questo numero è rappresentato dalla presentazione di due racconti inediti di Aleister Crowley, celebre mago e personaggio a tutto tondo. La sua influenza è stata molto importante in diversi ambiti fra cui la musica basti pensare a tutta la corrente dark esoterica rappresentata dai vari Current 93, Coil e Death In June. Di lui ci parla il bravo Andrea Morandi che traduce anche Al crocevia delle strade e La violinista. Sicuramente degno di nota è, poi, l’articolo di Ivo Torello consacrato all’estetica teratologica nell’arte del Novecento. Il vincitore del Premio Hypnos quest’anno e’ stato il napoletano Fabio Lastrucci con I colori sbagliati e viene pubblicato in questo numero assieme a Luigi Musolino che ci parla invece di Kurt Fawver, autore da noi sconosciuto di cui ci viene proposto La convessità dei nostri figli

Premio Hypnos 2019: i vincitori | Weirdiana


Fabio Lastrucci, con il suo I Colori sbagliati, ha vinto il Premio Hypnos 2019; secondo classificato “Zucchero“ di Lucio Besana e terzo classificato “Il Selezionatore” di Giulia Massini. Ai vincitori i miei complimenti, estesi alla casa editrice e alle belle persone che sono lì. Il racconto vincitore sarà pubblicato nella rivista Hypnos 9, che uscirà in primavera (altri dettagli qui).

Delos Digital presenta “La pelle del Re” | HorrorMagazine


Su HorrorMagazine la segnalazione de La pelle del Re, romanzo di Fabio Lastrucci edito da Delos Digital. Parliamo di una storia particolare, che coinvolge Stephen King in persona; eccovi la sinossi:

L’infernale villain di un libro di Stephen King è saltato fuori dalle pagine del suo romanzo per attuare una vendetta sanguinaria cresciuta all’ombra delle classifiche dei bestseller mondiali. Dietro il naso finto del killer si nasconde l’avversario di una vita, sguinzagliato nella lugubre villa del Re dell’horror in cerca di soddisfazione e, in un vorticoso inseguimento, cercherà di attuare i propri propositi andando a caccia della gatta-portafortuna Sally.
Basta non si risveglino gli altri “colleghi” che infestano gli incubi dello scrittore, tutti maledettamente somiglianti ai tranquilli abitanti del quartiere residenziale. Come l’infermiera Wilkes del 37 A, o il prete da un occhio solo oppure Cojo, l’enorme cagnaccio affamato di natiche umane e la sua passione insaziabile per i clown.

Com’era weird la mia valle | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione di un interessante saggio italiano sul weird, a cura di Fabio Lastrucci e Vincenzo Baroni Lumaga, dal titolo irresistibile e geniale Com’era weird la mia valle.

Attraverso una serie di itinerari guidati, un’escursione tra gli aspetti salienti del Weird e del gotico, raccontati agilmente con istantanee che ne ritraggono le tematiche, i personaggi e gli antagonisti più significativi. Partendo dagli incubi ottocenteschi della Scapigliatura per arrivare a quelli contemporanei dello Splatterpunk, Com’era Weird la mia valle si immerge negli scenari della letteratura oscura esplorandone gli archetipi e le molteplici incarnazioni, in una lettura ad ampio raggio che si apre anche al cinema e al fumetto.

In questi sentieri è possibile incrociare il passo con i labirintici abissi del perturbante, le creature selvagge del bestiario fantastico, gli ineffabili orrori di H. P. Lovecraft, oltre ad affacciarsi su di un secolo di investigatori dell’occulto e veder sfilare grandi villain, reali e immaginari, come Jack lo Squartatore, Oliver Haddo (Alesteir Crowley) oppure Fantômas.

Un’apposita sezione del volume è dedicata ai narratori italiani che, a partire dall’Ottocento fino al terzo millennio, hanno scelto di cimentarsi occasionalmente o con continuità nel fantastico perturbante, per restituire dignità e merito a tanti coraggiosi pionieri di questa narrazione nel nostro Paese così come agli autori contemporanei in grado di confrontarsi con i nomi internazionali più blasonati.

Completa il volume una raccolta di interviste con alcuni dei più importanti protagonisti della narrativa nera italiana, per concludere le rotte di una mappa certo non esaustiva, ma stimolante, di un immaginario ricco di sfaccettature.

Un genere che personalmente sto apprezzando sempre di più, e che recentemente ho capito essere stato fondante per la mia cultura psichica. Questa guida appena presentata sembra avere le carte in regola per essere decisiva nella conoscenza minuta del genere.

I signori della notte: Storie di vampiri italiani | HorrorMagazine


Su HorrorMagazine la segnalazione di un’antologia vampiresca, italiana, molto particolare: I signori della notte: Storie di vampiri italiani.

Molti gli autori che si sono adoperati per la riuscita di questo progetto, tra cui spicca Danilo Arona, Fabio Lastrucci, Nicola Lombardi, Stefano Pastor; la curatela è di Luca Raimondi e la prefazione è di Andrea G. Pinketts. Ecco la quarta:

Lugubri, tormentati e affascinanti esseri demoniaci: ma chi sono davvero questi vampiri? La letteratura nostrana si è parcamente cibata di questa tradizione folclorica europea, diffusa in numerose culture e consolidata fin dal Settecento anche in Italia. Il vampiro è un’icona universale al di là del tempo, che mai finirà di stimolare nuove chiavi di lettura e suggestioni. È ammissibile un vampiro che scorrazza nelle notti romane o nelle periferie bolognesi, nelle campagne della Maremma o nei paesaggi dolomitici? È concepibile un vampiro che si occupa di marketing in Piemonte, gestisce cooperative sociali in Sicilia, diventa oggetto di studio di un noto psichiatra milanese? Una figura che non può e non deve interessare soltanto una ristretta cerchia di appassionati di horror (che qui avranno comunque pane per i loro denti insanguinati), ma che si presta agevolmente a qualsivoglia tipo di sperimentazione letteraria e che può trovare facilmente ospitalità tra le pagine di autori che interpretano perfettamente la nostra contemporaneità.
Vampiri. Vampiri in Italia. Vampiri succhia sangue, succhia talento, succhia sogni.

I quindici autori si confrontano con il suo mito e la simbologia che rappresenta, reinterpretandolo e adattandolo alla contemporaneità o lasciandolo classicamente avvolto dal manto di buio e mistero che gli è consueto, trovando uno spunto per raccontarci la vita e l’atmosfera di un angolino sempre diverso d’Italia, dalle grandi, fumose metropoli industriali alle campagne toscane, dalle vallate montane del Nord alle cittadine adagiate sul mare del Sud. Tra vicoli, piazze storiche, coste e alture si aggirano vampiri simpatici o terrificanti, distinti o scanzonati, sentimentali, languidi o spietati. Vengono per succhiare il nostro sangue, per popolare i nostri incubi ma anche per farci riflettere sulla bellezza della vita e del Paese in cui viviamo, sulle sue ingiustizie e mancanze, sul suo dolceamaro sorriso dai canini acuminati.

“Il dio elettronico” di AA. VV. – Collana Universo, Edizioni Scudo | N I G R I C A N T E


Dal blog di Michele “Dottore in Niente” Nigro la notizia di una sua pubblicazione, in buonissima compagnia, in un ambito “raccolta di racconti”: Il dio elettronico. Il dettaglio – oltre che i complimenti:

Presente con un mio vecchio (e ormai “stanco”) cavallo di battaglia – il racconto Le dita di Dio – in questa interessante collana antologica di letteratura fantastica a cura delle Edizioni Scudo. “Il dio elettronico” – speciale (Collana Universo) disponibile come eBook formato Kindle su Amazon

La maggior parte degli scrittori di fantascienza è di solida formazione scientifica, quindi poco avvezza o amante dei misteri della spiritualità umana. Anzi, tendenzialmente, essi ritengono che tutti i misteri, prima o poi, saranno spiegati dalla scienza stessa e che ogni miracolo è solo la manifestazione di una conoscenza ancora da conquistare. Comunque la si pensi, questa visione del mondo ha generato, negli anni, moltissimi racconti, quasi un sottogenere della fantascienza, che qui è rappresentato da: Cosimo Vitiello, Fabio Calabrese, Marco Maria Sorge, Giuseppe Picciariello, Fabio Lastrucci, Andrea Viscusi, Paolo Durando, Ramón San Miguel, Adriano Muzzi, Diego di Dio, Michele Nigro.

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 28 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist 📌 Edizioni Underground? 📌 Edizioni Open 📌 Panesi edizioni 💬 Cartoonist 📌 SkuolaNet 📌 SeiAlTuristico 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: