HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Future Fiction

Fioriranno i meli su Marte | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la recensione all’antologia Fioriranno i meli su Marte, panoramica curata da Francesco Verso e la sua FutureFiction di autori SF contemporanei russi. Vi lascio alle note del recensore:

Fioriranno i meli su Marte è un’antologia di otto racconti presente nella collana Future Fiction, che Verso ha accuratamente selezionato passando al setaccio i migliori autori di science fiction russi, che hanno dato vita alla quarta ondata della fantascienza nell’ex URSS, o “Onda colorata”, come la definisce Vasilij Vladimirskij nella prefazione intitolata La teoria delle piccole azioni.
C’è da dire che il progetto della casa editrice romana, si sta rivelando davvero innovativo sul piano dell’offerta editoriale di “genere”, come dimostra questa ennesima pubblicazione: infatti dopo la caduta dell’impero sovietico abbiamo potuto leggere prevalentemente i classici della fantascienza russa (Zamjatin, Bogdanov, Efremov, Lem e i fratelli Strugarskij), ma sono mancate le traduzioni e pubblicazioni che hanno permesso a questa importante tradizione letteraria, valutata per anni come una valida alternativa a quella anglo-americana, di continuare il suo cammino per farsi conoscere dai lettori italiani.
Gli otto racconti che compongono l’antologia, a mio parere di ottimo livello, sono il prodotto di un’approfondita riflessione, analisi e creazione degli scenari futuri che caratterizzano la Russia contemporanea e i suoi mutamenti sociali e tecnologici. Tra le pagine create dagli scrittori russi e ucraini, si percepisce spesso anche un richiamo al proprio passato glorioso, di persone che discendono da una grande potenza planetaria. L’URSS  strutturò nel popolo russo, con tutti i suoi chiaroscuri, un’identità forte e orgogliosa del proprio posto e missione nel mondo, il cui perno è stata l’idea di “costruire un nuovo mondo” su basi collettiviste.

Solarpunk: Come ho imparato ad amare il futuro | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione dell’antologia solarpunk edita da Future Fiction: Solarpunk: Come ho imparato ad amare il futuro, a cura di Francesco Verso e Fabio Fernandes.
Il solarpunk non è soltanto un movimento di narrativa speculativa, ma riguarda anche l’arte, la moda e l’attivismo. La sua estetica fonde il pratico con il bello, il ben progettato con il verde e il selvaggio, il luminoso e colorato con il solido e terroso. Il solarpunk non vuole offrire ammonimenti ma soluzioni. Soluzioni per vivere confortevolmente anche senza combustibili fossili, per gestire equamente la scarsità delle risorse naturali, per essere più responsabili verso i nostri simili e il pianeta che abitiamo.
Rispetto alla narrazione escapista e consolatoria dello steampunk e del fantasy o a quella nichilista del cyberpunk, la letteratura solarpunk «si configura come un contenitore di contro-narrazioni sulle ipotesi, presenti e future, che precludono la costruzione di valide alternative». Scelte diverse possono e devono essere compiute e il solarpunk, offrendone una gamma ampia e ragionata, potrebbe permettere all’umanità di ripensare il proprio futuro in una chiave, inaspettatamente, positiva.

Dopo aver distrutto il mondo migliaia di volte, ipotizzato bizzarre utopie, trasformazioni postumane e derive tecnocratiche, ecco emergere – da più parti del mondo e dalle discipline più disparate – un piccolo nucleo di storie, di genere solarpunk, che sfidano l’ineluttabile concretezza del presente: racconti che spaziano dall’economia circolare alla sostenibilità ambientale, dalla critica al capitalismo predatorio alla costruzione di reti off-grid, dall’uso di risorse rinnovabili all’inclusività radicale; racconti che riprendendo l’estetica dell’Art Nouveau rielaborano in chiave moderna i canoni dell’arte africana ed asiatica, che usano il biomimetismo di forme e funzioni organiche per migliorare prodotti ed esperienze e che immaginano vie d’uscita, pratiche e percorribili, sia dall’antropocene, intesa come era geologica indotta dal comportamento umano, che dal capitalocene, sua deriva economica. Che si tratti del singolo o di un gruppo, nel solarpunk i protagonisti non rinunciano alla lotta di riappropriazione degli spazi abbandonati dal capitalismo o dall’inefficienza statale, ma affrontano il conflitto in nome di un’esigenza umana, di un principio condiviso dalle comunità resilienti in lotta contro la gentrificazione, l’espropriazione, l’abuso e la perdita d’identità, partendo da un quartiere per abbracciare il mondo interno. Il solarpunk traccia un sentiero, accidentato e tortuoso, verso un cambiamento percepito ormai da molti come necessario. Nessuno ci regalerà il futuro – sembrano dire questi 15 racconti provenienti da Brasile, Argentina, Stati Uniti, Cina, Australia, Francia e Spagna – e starà a noi fare le scelte giuste per ottenerlo.

Un’isola del futuro al Salone del libro di Torino | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione di un interessante dibattito, molto articolato e riguardante il futuro ad ampio spettro, che si svolgerà al Salone del Libro di Torino dal 9 al 13 maggio. Eccone un piccolo riassunto:

Intelligenze Artificiali, Big Data, stampanti 3D, Quantum Computing, Editing Genetico e delle Smart Cities: sono solo alcune delle tecnologie del nostro tempo presente, che rendono sempre più labile il confine tra realtà e fantascienza. E i libri, in tal senso, rappresentino le armi migliori per accendere l’immaginazione e dare indizio a qualsiasi trasformazione, che sia politica, culturale, tecnologica o sociale.

È con queste motivazioni che l’Italian Institute for the Future ha organizzato, insieme a Future Fiction e Alkadia, all’Istituto Confucio dell’Università di Torino, alla Scuola Internazionale di Comics di Torino e alla casa editrice di fumetti ManFont, e con il contributo di Fondazione Unipolis, Lody e AirGreen, l’Isola del Futuro al Salone del Libro di Torino, uno spazio per dibattiti sul presente e sul futuro delle nuove tecnologie e sulla fantascienza.

Oltre alle ultime novità e l’intero catalogo dell’Italian Institute for the Future e degli espositori partner, l’Isola del Futuro ospiterà per tutta la durata del Salone – da giovedì 9 a lunedì 13 maggio – un ciclo di incontri, dibattiti e tavole rotonde sul futuro dell’umanità e in particolare sulle molteplici (e spesso imprevedibili) conseguenze del nostro rapporto con la tecnologia: da imprenditori visionari come Elon Musk, passando per l’estetica del cyberpunk divenuto fenomeno globale, i cambiamenti climatici simboleggiati dal concetto di Antropocene, gli artigiani digitali delle stampanti 3D che stanno rivoluzionando dal basso e in modalità peer-to-peer l’industria di massa, fino ad arrivare alle applicazioni della blockchain e della realtà aumentata in ambito lavorativo, alle tecniche di editing genetico come il CRISPR-Cas9 che pongono enormi questioni etiche e morali e ancora film, graphic novel e serie TV di successo come Black Mirror, WestWorld, The Handmaid Tale, Mr. Robot, Humans e Altered Carbon, troverete questo e altro ancora all’Isola del Futuro, paglione 3 stand R23-Q24 – Lingotto Fiere, Torino.

Alterazioni Future, futuro e fantascienza al Salone del libro | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione che al Salone del Libro di Torino ci sarà, col patrocinio di Future Fiction, un ciclo di incontri, dibattiti e tavole rotonde sul futuro imminente dell’umanità e in particolare sulle molteplici (e spesso imprevedibili) conseguenze del nostro rapporto con la tecnologia; tra gli ospiti, Bruce Sterling, Nico Gallo e molti, molti altri. Il programma completo è qui.

Nebula – Fantascienza contemporanea cinese | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la recensione a Nebula – Fantascienza contemporanea cinese, antologia di racconti SF cinesi curata ed edita da Francesco Verso e dalla sua Future Fiction. Un estratto:

Si tratta di racconti selezionati dal curatore Francesco Verso, editore e autore di romanzi di fantascienza vincitori di diversi premi, tra la produzione cinese del ventunesimo secolo (il più “vecchio” è del 2004), allo scopo di dare una piccola panoramica delle tematiche affrontate nel paese che più di ogni altri in questi anni ha avuto una crescita economica e culturale significativa.

Oltre alla qualità dei racconti, che approfondirò più avanti, la raccolta si distingue per l’originale proposta del testo in cinese (non a fronte, impossibile, ci ha spiegato l’editore) che forse per la maggior parte del pubblico ha un interesse relativo, ma punta a raggiungere i cinesi in Italia. La collaborazione con l’Istituto Confucio ha consentito inoltre di tradurre direttamente dal cinese alcuni racconti.

Il volume è introdotto dalla prefazione di Wu Yan dell’Università Normale di Pechino, che in breve sintetizza non solo il rapporto dell’Italia con la letteratura cinese, ma anche quello della Cina con la letteratura italiana. La prefazione è seguita dalle note biografiche sugli autori del racconto.

In coda una postfazione di Tachihara Tōya, scrittrice e docente di lingua e cultura cinese presso l’Università Hokusei Gakuen di Sapporo che, oltre a esaminare i racconti, sintetizza le principali correnti e tematiche dell’attuale fantascienza scritta in Cina e come stia arrivando in Occidente, grazie anche alle traduzioni in inglese di Ken Liu.

In Cina c’è al momento un forte interesse del governo nel finanziare la fantascienza come strumento di divulgazione scientifica. La Tōya spiega che in Cina sono diffuse due correnti di narrazione scientifica: la prima è detta kepu, volta a spiegare con semplicità la scienza a giovani e masse; la seconda, chiamata kehuan, è affine al concetto di fantascienza narrativa.

Entanglement | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la recensione di Giovanni De Matteo a Entanglement, romanzo di Vandana Singh edito dalla Future Fiction di Francesco Verso. Eccone un estratto:

Entanglement come denuncia fin dal titolo, è un intreccio di voci che raccontano gli effetti delle nostre scelte sul mondo di domani: un domani non così lontano come molti di noi si ostinano a credere, ma che già avrà riversato il peso incalcolabile degli interessi dei nostri debiti sulle spalle dei nostri figli e nipoti. Il cambiamento climatico è uno dei due assi di questo scenario. L’altro è rappresentato dal progresso tecnologico, trasfigurato in un’invenzione – appena accennata nelle prime quattro storie, ma di cui apprendiamo tutti i retroscena nella quinta – che suggerisce una nuova idea di social network, consentendo alle persone di questo futuro di entrare in contatto tra di loro a prescindere dalla distanza, sulla base solo del loro stato emotivo del momento. È quanto accade ai protagonisti di ciascun racconto, che grazie alla scienza e alla tecnologia apprendono ciò che “le popolazioni indigene del mondo già sapevano bene: che ogni cosa è connessa”, come riscopre Irene dopo un incidente che fa risvegliare in lei una persona che credeva scomparsa, la giovane inuit che andava a caccia di foche con suo nonno e che da lui si faceva chiamare Enuusiq.

“Tutto è connesso” ribadisce Yuan all’ultimo monaco sopravvissuto tra le rovine del monastero. “Capire questa verità, però, vuol dire soffrire. Ogni volta che so della morte di un innocente, una parte di me muore”. Ma è un passaggio necessario, l’unico in grado di dischiudere l’accesso a un livello di consapevolezza superiore e innescare la catena di eventi necessaria per realizzare il cambiamento. L’alternativa è rimanere ad aspettare il compiersi dell’irreparabile:

Inondazioni da una parte, siccità dall’altra, il tessuto della biosfera si stava strappando. Pensò alla foresta pluviale amazzonica, così spesso chiamata il polmone verde della Terra. Perfino alcune guide turistiche della città, che portavano nella giungla gruppi perlopiù composti da nordamericani, usavano quell’espressione. C’era qualcuno che sapeva cosa volessero davvero dire quelle parole? Le vennero in mente le proiezioni di molti modelli predittivi, secondo cui la grande foresta, attualmente un enorme dissipatore di anidride carbonica, poteva diventare una sorgente di CO2 se fosse stata eccessivamente rovinata da siccità e disboscamenti. Che sarebbe accaduto in tal caso?

AsSaggi di Futuro Prossimo a Roma | Fantascienza.com


Da Fantascienza.com la segnalazione di una bella iniziativa che ha il sapore connettivista, e la cosa non stupisce visto che Francesco Verso, l’animatore della label Future Fiction che è al centro dell’evento, è stato spesso a stretto contatto coi connettivisti. Ecco la news:

Giovedì 16 giugno si terrà a Roma, alla libreria Assaggi di via degli Etruschi 4, dalle 19 alle 21, la quarta serata del ciclo AsSaggi, organizzata in collaborazione con Francesco Verso e Mincione Edizioni. Tema dell’incontro saranno i rapporti tra fantascienza scritta e fantascienza visiva. Il relatore sarà Leopoldo Santovincenzo di RAI Wonderland e alla fine si potrà assistere anche una performance multimediale tratta da un racconto di Clelia Farris, presente in sala, interpretata da Katiuscia Magliarisi e dalla soprano Erica Realino.

Intervista a Giovanni De Matteo | Critica Impura


Su CriticaImpura c’è una chiacchierata, assieme ad altri scrittori ed editori di SF, con Giovanni De Matteo. Eccone un estratto:

Accanto alla narrativa di genere, sei anche una delle voci più interessanti nel panorama della saggistica di fantascienza italiana: lettore onnivoro con influenze disparate, sul tuo blog https://holonomikon.wordpress.com/ è possibile farsi un’idea molto puntale circa lo stato dell’arte e le direzioni lungo cui si sta muovendo la fantascienza mondiale. Come concili questi due aspetti? Ti senti più narratore oppure saggista? O forse ci piace indossare entrambi i cappelli?

Se riesco a esprimermi sia come autore di articoli che come autore di racconti e romanzo lo devo solo alla mia personalità dissociata. Credo che tutto nasca sempre dalla passione per il genere: ho iniziato a scrivere occupandomi di recensioni di libri e film di fantascienza e contemporaneamente cimentandomi nella stesura dei primi racconti, e poi ho sempre proseguito su questo doppio binario. Cerco di seguire l’evoluzione del genere, le novità del mondo anglosassone e le discussioni che lo coinvolgono. Spesso tutto questo è uno stimolo e una fonte di spunti che finiscono per tornarmi utili quando rifletto sui miei progetti. E così riesco a ripagarmi la fatica di tenere dietro a tutto tramutandola in benefici per la scrittura.

Riti di passaggio per Future Fiction | Holonomikon


Sul blog di Giovanni “X” De Matteo la notizia della sua ennesima pubblicazione di quest’anno davvero esaltante per lui. Parliamo di Riti di passaggio, uscito per la label Future Fiction della casa editrice Deleyva.

Scritto tempo fa (la prima stesura risale al 2009) sull’onda di una serie di suggestioni metaletterarie, non ultime quelle innescate dall’ennesima rilettura del racconto L’integrazione segreta di Thomas Pynchon, di cui tiravo le fila in un vecchio post dello Strano Attrattore, il racconto è imperniato sul dilemma isolazionismo/integrazione (che in termini diversi avevo cominciato a delineare fin da questa panoramica critica risalente al 2008) e affronta il tema della esplorazione spaziale da un punto di vista molto problematico. In presenza di un ecosistema alieno, come converrebbe impostare il processo di colonizzazione: terraformando e distruggendo l’ambiente preesistente, oppure avviando uno sforzo per la modifica biologica dei coloni volta alla piena integrazione della loro società nell’ecosistema del nuovo pianeta? Ai coloni terrestri giunti nel sistema di Kappa Ceti Primo, lontana 30 anni luce dal Sole, viene offerta una ghiotta opportunità: un sistema planetario doppio, due corpi celesti molto simili tra di loro e non privi di vita aliena, su cui poter sperimentare un nuovo inizio.

Su Amazon l’ebook è disponibile a 1.46 euro, ed è sempre un piacere segnalare le uscite di Giovanni che si prestano a istanti dilatati di piacere letterario, regola cui credo non sfugga nemmeno questa novella, dalla genesi piuttosto lunga (fin dal 2009): buona lettura!

Nasce Future Fiction, la nuova label per Delevya Editore


Novità editoriali riscontrabili in giro per il web. Francesco Verso, oltre a esser pubblicato su International Speculative Fiction #5 con il suo Two Worlds, ha lasciato la Kipple e ha creato una nuova realtà, la Future Fiction, una collana di Delevya Editore, casa editrice improntata alle architetture del futuro basso e alto, editrice guidata da Emmanuele “Peja” Pilia che così affronterà il medesimo prossimo futuro anche dal punto di vista saggistico e narrativo.

Diamo voce a storie dal futuro, narrazioni “potenziate” che esplorano la relazione ambigua tra gli esseri umani e la tecnologia, le trasformazioni dell’identità personale e dell’organizzazione sociale, l’incontro tra l’umanità e la scarsità oppure l’abbondanza di risorse: visioni che scrutano in ogni futuro possibile. Così come esistono molti mondi, esistono altrettanti futuri. Noi crediamo in ciascuno di loro e intendiamo rappresentarli.

Per raggiungere questo obiettivo abbiamo creato la Future Fiction Factory, una squadra di professionisti impegnata ad adattare le migliori storie in un progetto transmediale che spazi dagli ebook, ai corti, dalle webseries alle perfomance teatrali, installazioni dal vivo e oggetti stampati in 3D.

Questo è l’obiettivo di Future Fiction, una realtà dalla evidentissima genesi connettivista, cosa che non poteva essere diversamente vista la militanza di Francesco nel Movimento, che costituisce una buona parte del suo background culturale ed emozionale. Desidero fare il mio in bocca al lupo alla nuova squadra, il Movimento si espande in clade affrontando le ramificazioni del Transumanesimo.

Sobre Monstruos Reales y Humanos Invisibles

El rincón con mis relatos de ficción, humor y fantasía por Fer Alvarado

THE PRODIGY OF IDEAS

This blog is a part of my inner world. Be careful to walk inside it.

Gerarchia di un’ombra

La Poesia è tutto ciò che ti muore dentro e che tu, non sai dove seppellire. ( Isabel De Santis)

A Journey to the Stars

Time to write a new Story

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

Fantastici Stonati

Ci vuole molta fantasia per essere all'altezza della realtà

Decades

by Jo & Ju.

The Paltry Sum

Detroit Richards

chandrasekhar

Ovvero come superare l'ombra, la curva della luna, il limite delle stelle (again)

AUACOLLAGE

Augusta Bariona: Blog Collages...Colori.

PHOTO.RİP

PHOTO FASHİON VİDEO MUSİC

The daily addict

The daily life of an addict in recovery

Tiny Life

mostly photos

SUSANNE LEIST

Author of Paranormal Suspense

Labor Limae

- Scritture artigianali -

Federico Cinti

Momenti di poesia

Racconti Ondivaghi

che alla fine parlano sempre d'Amore

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: