HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Informazione

Informazioni = misura delle variabili


Ti aspetti di essere bandito dalle perpetue azioni innovatrici, ma non hai ancora capito l’enorme potere informativo che hai accumulato.

Cognizioni native


Un plico generato per via olografica nasconde in sé una compiacente estensione di cognizioni sterminate, da ingoiare per vie traverse e non distruggere il patrimonio informativo autoctono.

Paul Dourish – The Stuff of Bits: An Essay on the Materialities of Information | Neural


[Letto su Neural]

Che tipo di “materialità” si può trovare nella nostra infrastruttura digitale globale? Affiancando la presenza tangibile dell’hardware, i processi che si presume permettano il funzionamento dell’intero sistema si modellano a vicenda e a loro volta modellano in modo invisibile e diretto il nostro modo di lavorare. Dourish affronta questa preoccupazione attraverso “la materialità della rappresentazione dell’informazione”. Isola quattro elementi classici che compongono l’infrastruttura digitale: emulazione computerizzata (macchine virtuali), fogli di calcolo, database e architettura di rete. Ogni elemento è esaminato in un capitolo diverso attraverso le loro ‘materialità’, o le specifiche qualità materiali che mostrano, come ‘trasparenza’ o ‘peso’, la loro disposizione materiale. La loro forma e qualità costringono l’informazione e il modo in cui la trattiamo a dinamiche specifiche. Che cosa si intende per “databaseabile”, per esempio, che significa che tipo di raccolta coerente di contenuti, o semplicemente di dominio culturale, o semplicemente di informazioni sparse può essere plasmata nell’attuale paradigma di un database? E cosa potrebbe essere tecnicamente (e quindi politicamente) escluso? Come forma un foglio di calcolo le riunioni e le decisioni? E in che modo lo sviluppo di macchine informatiche e della stessa infrastruttura globale di Internet è influenzato dall’attuale filosofia di gestione (cloud, server, macchine virtuali, ecc.)? Tutte queste domande sono poste e discusse in questo libro attuale, e risuonano, come l’autore sperava, in altri settori correlati, finalmente cominciando a mettere in discussione in modo significativo i nostri “metodi e discipline”.

L’elettronica diventa commestibile: ecco il grafene da mangiare – Repubblica.it


Su Repubblica un articolo che lascia spazio a più fantasie sul prossimo reale: mangiare immagini di grafene per assorbire informazioni. Voi riuscite a vederne le implicazioni possibili future?

Crisalide


Mi risveglio in un media di pura angoscia, avvolto come un bozzolo come se fossi una crisalide di pura informazione, eterea eppure pronta a incarnarsi nuovamente.

Info a contatto


Le info divengono strutture mnemoniche cristallizzate in arcaiche forme di conoscenza, indigeribili pure al contatto.

Sarah Cook – Information | Neural


[Letto su Neural]

Qual è la principale differenza tra un curatore e un editore? Apparentemente una certa discrepanza è in gran parte dovuta ai mezzi che questi professionisti utilizzano (la scatola bianca contro la pagina bianca), e – per quanto possibile – ciò è in relazione all’organizzazione delle specifiche conoscenze in tali distintivi spazi. Sarah Cook non è soltanto una curatrice, bensì anche una profonda studiosa degli ambiti conoscitivi legati al digitale e alle sue pratiche. Di conseguenza è facile immaginare come in Information Cook utilizzi un “approccio curatoriale”, correlato al processo di modifica nella selezione e organizzazione di un’antologia di testi. Le cinque sezioni sono organizzate attorno a tutto il ciclo di vita delle informazioni e sono destinate ad essere “un sondaggio d’arte oltre la teoria dell’informazione”. Sono inclusi testi su artisti e/o forme artistiche, che comprendono pratiche d’avanguardia in voga dal 1960 ad oggi. Tali sperimentazioni sono tratte da un eclettico mix di formati che vanno dai comunicati stampa alle interviste, comprese le dichiarazioni di curatori e artisti. Si tratta di una selezione molto ricca e coerente, in cui concetti come segnali e significanti, insieme con la quantità e la qualità delle informazioni, vengono affrontati attraverso lenti specifiche, rendendo più credibile il coinvolgimento rispetto a quanto solitamente accade con dei testi teorici. Tutti questi focus, seppure ben collegati tra loro, sono anche ampliati nell’introduzione del libro, con le citazioni e altrettante opere non necessariamente incluse nei testi. Come l’autrice afferma “l’informazione non è la cosa, ma piuttosto il processo della sua stessa manifestazione”. Tali procedimenti,quindi, sembrano essere perfettamente legittimati.

AKA 10 – LogForData | ProjectSinge | Neural


[Letto su Neural.it]

Differenti protocolli di codifica audio sono estratti da un modem 56k, fax e personal computer del 1980 e assieme ai dati audio sono inclusi anche testi di conversazioni on-line fra i diversi membri di un canale IRC. Riuscire a decodificare i contenuti è possibile soltanto utilizzando un lettore di cassette e collegando questo ad un computer, a sua volta connesso al sito logfordata.net. Il nastro ha quindici minuti di flussi di dati per lato, rispettivamente in francese e in inglese: la precisione del lettore a nastro, la rapidità del sistema informatico e la sua connessione a Internet – poi – determinano la struttura dei testi e i codici che sarà possibile visualizzare sullo schermo del laptop. Sotto la sigla ProjectSinge, una piattaforma operativa fondata nel 1998, si raccoglie un gruppo creativo la cui specificità è in bilico fra istallazioni multimedia, performance, sviamenti audiovisivi e riappropriazioni di tecnologie obsolete. LogForData riporta alla memoria le prime connessioni, un’epoca durante la quale il sistema dell’informazione stava incominciando impercettibilmente a mutare, prima che tutto prendesse una piega ancora più vorticosa, meno controllabile e caotica. Quella del traffico dati è adesso una questione cruciale: cloud, internet of things e mobilità dettano i nuovi bisogni e sulle tecnologie di trasmissione e ricezione dei dati continua una splendida avventura incominciata proprio all’alba degli anni ottanta. L’informazione è oramai una forma di esistenza indipendente e le entità digitali prima solo fantasticate sono diventate a pieno titolo realtà a se stante. Qui anche il concetto stesso di formato è messo in discussione: la cassetta – infatti – è solo una parte del processo, che per essere completato ha bisogno di più dispositivi, in una sorta di casalinga crittografia che è depositaria di risoluzioni sempre cangianti. LogForData è stato sotto i riflettori in più mostre, con semplici implementazioni oppure ri-arrangiato dal vivo, in tempo reale, in cut-uping abrasivi e allusivi che sempre riportavano ad un canto sintetico di codice digitale.

Il ritorno della “Lügenpresse” | L’indiscreto


Su L’Indiscreto una riflessione sull’attendibilità delle notizie nell’era dell’informazione. Non è un problema da poco…

Il problema è che in un mondo in cui una fonte affidabile occupa la stessa posizione di una fonte non affidabile può succedere che una notizia falsa abbia la stessa visibilità di una notizia vera. Insomma, le cose tendono a confondersi, a farsi incerte: arriva la post-verità. Accade quindi che per far fronte all’era dello strapotere delle notizie false, si diffonde un approccio ancora più scettico rispetto all’universo dell’informazione, che di fatto peggiora ulteriormente le cose.

Per mantenersi saldi in un mondo dell’informazione diventato così scivoloso bisognerebbe ipoteticamente sapere un po’ tutto. Magari poter leggere un articolo di chimica con la capacità di stabilire se sia una bufala o meno, prescindendo dallo stile o dalla testata che lo pubblica. Oppure leggere uno scoop su cosa sta facendo in questo istante Edward Snowden e comprendere se la fonte che ha diffuso la notizia è affidabile o non lo è. Ma nessuno sa tutto ed è un obiettivo sempre più fuori portata, data la crescente immensità dello scibile umano. Allora, dato che qualcosa la si deve pur non-sapere, non resta che andare controcorrente rispetto al trend attuale e ristabilire delle gerarchie: di alcuni ci si può fidare, di altri no. Bisogna delegare, proprio come ai tempi dell’Herald.

Ora, è ovvio che nell’ardua impresa di ricostruire delle priorità e delle gerarchie comunicative cui attingere per comprendere il mondo è facile sbagliare. E il peggio è che è facilissimo – se non addirittura banale – fare l’errore più grave: confondere le fonti affidabili con le fonti che si preferiscono per motivi ideologici. Mi fiderò di una notizia data da Libero o dal Giornale? Forse no. Ma devo domandarmi se il mio “no” deriva dalle posizioni politico-ideologiche delle testate o dall’inaffidabilità delle notizie. Se fosse una questione ideologica farei bene a sforzarmi e dare comunque una lettura alle idee di giornalisti con cui normalmente sono in disaccordo, ma se invece sono testate inaffidabili, che non verificano le notizie e confondono fatti con opinioni, allora è meglio non leggerli mai.

Significa che, paradossalmente, le troppe informazioni disponibili danno la patente di veridicità alle notizie che si ritengono istintivamente vere, e quindi con un basso grado di attendibilità perché soggettive, non obiettive. È un problema non da poco…

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

J. Iobiz

Scrittore. In realtà, sono solo un personaggio di fantasia, ma di quale fantasia non ricordo più

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

Mágica Mistura✨

Uma mistura mágica de poesia, imagens, música, citações, atualidades e velharias do Brasil e do mundo,sempre com um toque de inconformismo ...

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Television, and Music Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

corruptio pessima optimi

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana sul cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Astro Orientamenti

Ri orientarsi: alla ricerca del nostro baricentro interiore

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: