HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Luigi Pachì

La trasformazione | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione di La trasformazione, racconto weird di Errico Passaro in uscita per la collana InnsMouth di DelosDigital, a cura di Luigi Pachì. La quarta:

I morti sono un coro. Parlano con vivi, comandano i vivi. Questo è quel che succede ne La trasformazione. Se ne avete il coraggio, seguite la storia dei Von Gruningen, gruppo di famiglia in un interno infestato: tutto quel che credevate di sapere sui fantasmi – scoprirete – è una pietosa menzogna…

Viaggio d(‘)istruzione | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione di Viaggio d(‘)istruzione, racconto weird di Alberto Costantini uscito nella collana InnsMouth di Luigi Pachì, per Delos Digital; la quarta:

L’incubo di ogni insegnante: 45 alunni diciassettenni assatanati da portare all’estero per sei giorni, in compagnia di una collega esaurita come una vecchia pila. Ma proprio alla prova suprema, la discoteca, quando tutto sembra precipitare verso un abisso senza fondo, accade qualcosa. E il mondo di fuori non è più esattamente come lo ricordavano…

Dall’autore di Terre accanto, Premio Urania 2003, un salto di universi che ci riporta a uno dei momenti più drammatici del secondo dopoguerra. Un incubo da cui credevamo tutti di essere usciti, ma che sta ritornando di stretta attualità.

Il terzo estratto da “Radici dell’orrore” | Innsmouth@ DelosDigital


Pubblico più sotto un terzo estratto dalla mia novelette Radici dell’orrore, edito nella collana InnsMouth di Delos Digital a cura di Luigi Pachì; questa è la quarta:

In un borgo a nord di Trento, nel prossimo futuro, potrà davvero capitare di veder camminare un giovane Hitler, appena scampato alla Grande Guerra, diretto verso la birreria dove pronuncerà il suo primo discorso politico?
In un vortice di rimandi e ricordi, di populismi e di teorie indimostrabili sul passato arcaico terrestre, la storia di due antiche città romane riemerge dall’oblio e narra dell’energia mai sopita di due suoi anonimi abitanti, legati dal colore verde e perpetuati nel tempo dal gorgo occulto che governa l’economia postmoderna: il loro ruolo sarà davvero il collante di una speranza capace di bucare le illusioni dello spaziotempo?

—ESTRATTO—

— Buonasera dottoressa.
Mi sono alzato in piedi, ma nel mentre sono rimasto a bocca aperta guardando il volto della Piceni. Lei, di rimando, mi guarda sorpresa, o forse severa. La scruto perché mi ricorda la donna mora di Fidene, e lei mi osserva come se le fossi in qualche modo familiare.
— Buonasera signor Rol — risponde melliflua, fuori dal suo sguardo vedo formarsi ombre olografiche di un fascino perverso, mutaforma che assumono pose lascive, corpi oscuri dotati di sessualità conturbante: la mia coscienza prende il sopravvento e disegna forme di realtà inusuali.
Siamo noi — mi sussurra la Piceni mentre mi stringe la mano e ammicca a quelle forme. Però no, non mi ha parlato, eppure l’ho sentita, ho percepito la sua voce…
In quelle forme, ci siamo noi? — rimando discretamente alla sua coscienza, ho usato l’istinto e anch’io so parlare all’interlocutore senza che altri possano accorgersene. Il portiere è nel frattempo tornato dietro al bancone, la Piceni attende un mio cenno e così la invito a sedersi laggiù nella hall, lontano da orecchie e occhi indiscreti. Andiamo però oltre la hall. Siamo seduti nella piana intorno a Fidene e lei mi chiede conto delle mie azioni. È terribilmente determinata, non capisco se è davvero la Piceni a parlare o se è la mia antica fiamma fidenate. Oppure se sono entrambe la stessa persona, mentre io mi sento orrendamente in colpa…
— Gli schiavi stanno portando qui da mangiare, ne vuoi?
Mi guarda ipnotica, tutt’intorno il frinire delle cicale mi sfinisce; sull’aia il grano tagliato è stato battuto e il caldo secco opprimente mi pervade insieme agli odori secchi e alla polvere che mi secca la gola; la luce solare è oltre il picco del giorno e infuoca il pomeriggio.
— Vorrei del vino — rispondo serafico — con del miele.
Accanto a me un uomo dall’odore forte, l’aroma della sua pelle scura mi avvisa della sua etnia, mi serve in un bicchiere di terracotta dell’odoroso vino rosso; chiazze di miele si agitano sulla superficie. Ringrazio, mi volto di nuovo verso la Piceni.
— Qual è il tuo nome? — domando impegnato mentre sorseggio il primo succhio ambrato. Intorno, la fattoria è in continua trasformazione e le ombre affaccendate nella operosità agricole mi scorrono nella coscienza lievi, quasi lontane. Sono negli occhi della mia interlocutrice, sono nel suo stesso flusso di pensieri. Mi accorgo di quanto io sia sensibile quando odo alcune parole latine risuonare nella mia coscienza, un risveglio lontano che sa di brividi e mostruosità spiacevoli come la morte che si avvicina. “Mio fratello era a Teutoburgo”, mi dice lei.
Quella parola, quel luogo, mi evoca un altro flusso, terribile e osceno; puzzo di massacro, l’odore acre della paura, le avvisaglie dell’apocalisse, il dolore lancinante, la bestialità di una morte prossima o peggio, la consapevolezza di non esser morti al momento giusto.
La guardo in profondità. “Io sono fuggito da lì, giusto in tempo. Congedato prima della catastrofe”. I miei pensieri vanno dritti nella sua coscienza. Sento tutta l’affilata crudeltà di un popolo barbaro che non ha altro senso che quello della primordiale ferocia. Che non ha il senso del Diritto. Neppure una forma evoluta di coscienza.
Su quell’onda emotiva e intima il me stesso moderno ricorda il rapporto di allora con lei. Fu quella confessione privata a legarci per un tempo che non so più stimare, forse un anno, forse di più; ci siamo amati in quel soggettivamente lungo periodo, quando lei mi avvinghiava a sé il calore dei campi ci toglieva il respiro, e i brividi ci sorprendevano quando la pioggia oscurava l’orizzonte o quando il freddo ci aggrediva al mattino presto e il giorno era troppo lontano dal realizzarsi. Vivevamo di Natura, ed essa ci ricompensava di immortalità.
“Poi sei fuggito”. Lei torna a rinfacciarmi il mio peccato, la mia colpa suprema.

La voce di un incubo | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione di La voce di un incubo, racconto weird di Marco Toffanin uscito per la collana InnsMouth di DelosDigital, sotto la cura di Luigi Pachì. La quarta.

Quando il cuore smette di battere, il cervello vive ancora per pochi secondi. In quel breve frangente, si può ancora sognare. E avere incubi.
Giacomo si trova nella terra di nessuno, in compagnia delle sue paure, affacciato alla finestra dei suoi ricordi. La mano fredda della morte è poggiata sulla sua spalla e voci inquietanti gli sussurrano all’orecchio, esortandolo a varcare la soglia del buio. Lui è convinto che continuando a sognare possa sfuggire al suo destino. Ma ciò che vede è solo il frutto della sua immaginazione. Oppure c’è dell’altro?

Secondo estratto da “Radici dell’orrore” @InnsMouth, Delos Digital


Ecco un altro estratto dal mio romanzo breve Radici dell’orrore, recentemente uscito per i tipi DelosDigital nella collana InnsMouth, diretta da Luigi Pachì; buona lettura!

—–

Sono subissato dal verde. È ovunque, noto con un sussulto di sorpresa e meraviglia mentre precipito in me stesso, attirato da connessioni con qualcosa che non conosco, ma che percepisco; i brividi mi sommergono, è come aver freddo stando nelle campagne arse dal sole agostano.
I riverberi sono anch’essi verdi.
Le foglie sono verdi, e spandono al loro volta la vibrazione nel continuum in cui sono.
Il tavolo di fronte a me è invaso da una tovaglia verde.
Le vibrazioni di questo reale sono verdi.
I suoi occhi erano verdi.
Ricordo improvviso della donna mora di Fidene. Ma non voglio farmi fuorviare, perché ora ho una visione lancinante di Hitler che conduce i suoi ospiti nella Cancelleria di Berlino, proprio come uno scorpione porterebbe le sue prede nella tana; il Fuhrer gioca amabilmente e sorride gelido come uno squalo, è pronto a dilaniare le carni dei suoi ospiti. O a pungerle, avvelenandole.
Scosto il verde dai miei occhi e osservo ciò che ho intorno con lucida obiettività: vedo nitidamente che l’inumano è dietro ogni logica mercantile dell’iperliberismo globale; le strategie commerciali hanno una forma prossima al militare e a un concetto trascendente di Male, qualcosa che danneggia l’umanità e ipoteca la sua discendenza postumana. Ho la sensazione che l’aura nera di romanticismo decadente, che ha aleggiato nella Germania del periodo che va dal ’30 al ’45 del XX secolo, si sia evoluta in una vomitevole plastica scintillante e consumistica: tutto ora è diventato furbo, le intuizioni distopiche di Huxley si sono rivelate esatte e così ogni appello o messaggio importante è rivolto solo ai consumi, al Mercato, all’accrescimento del potere immateriale di chi o cosa è dietro al Capitalismo di questo scorcio temporale; solo che il nero orrendo e mefitico spirituale che si respira oggi, in ogni accadimento sociale, è assai prossimo a quello tedesco del Terzo Reich.
Quale ruolo rivesto, allora, in tutto ciò? In un continuum alternativo, ma non per questo meno reale, La RACHE imperversa ovunque, e l’Euroforce indossa i panni del progresso; ma sono due facce della stessa medaglia, entrambe figliocce di quel nazismo che ben abbiamo conosciuto nel passato e che è rimasto vivo sotto mentite spoglie, vitale e vibrante sotto una maschera di allegra festa del consumo: Cthulhu agita i suoi tentacoli e l’orrendo romanticismo nero vissuto in Germania, che si è allungato fin quasi alla metà del ‘900, nasconde i fetori di una logica inumana che è nemica e incompatibile, immensamente più grande, delle razionalità e bisogni antropomorfi. Intravedo in questo presente, scostando la tendina verde intorno a me che racconta brandelli di occultismo, la dittatura del profitto, dei numeri vuoti: è lo stesso tipo di tirannia agitato dalle forze occulte dietro al nazismo, oscurità che avevano spesso visitato gli incubi di Hitler e dei suoi accoliti dando vita a un nero delirio sfociato poi nella Seconda Guerra Mondiale, nell’ordine nefasto che ancora si trascina, con protervia, tramite i meandri oscuri dell’Iperliberismo…
Mi volto e mi vedo ancora a Carnuntum; il verde è sempre ovunque, è accanto a me e ricopre ogni mia percezione.
Io so cosa significa il colore verde. Conosco le regole dell’occulto, le ho introiettate in me durante i miei viaggi astrali.
— Signor Rol, ancora un po’ del nostro liquore nazionale?

Radici dell’orrore @ InnsMouth, Delos Digital (reminder)


Rinnovo la segnalazione di Radici dell’orrore, mio racconto lungo uscito nell’ambito della collana weird di DelosDigital, InnsMouth, diretta da Luigi Pachì, attualmente ultima mia uscita editoriale. Questa è la quarta:

In un borgo a nord di Trento, nel prossimo futuro, potrà davvero capitare di veder camminare un giovane Hitler, appena scampato alla Grande Guerra, diretto verso la birreria dove pronuncerà il suo primo discorso politico?
In un vortice di rimandi e ricordi, di populismi e di teorie indimostrabili sul passato arcaico terrestre, la storia di due antiche città romane riemerge dall’oblio e narra dell’energia mai sopita di due suoi anonimi abitanti, legati dal colore verde e perpetuati nel tempo dal gorgo occulto che governa l’economia postmoderna: il loro ruolo sarà davvero il collante di una speranza capace di bucare le illusioni dello spaziotempo?

L’ebook è acquistabile qui e su altri store online al prezzo di 1,99€.

Le altre stelle | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione di una nuova uscita per la collana weird di DelosDigital, InnsMouth: Le altre stelle, di Paolo Ferrara. La quarta:

Durante una gita notturna in barca per vedere le stelle, Michele ha un incidente che gli procura una temporanea lesione alla retina. L’incidente ha un effetto secondario: per pochi istanti riesce a vedere un cielo differente da quello del nostro mondo. La capacità di vedere le altre stelle, senza mai avere pieno controllo, gli permette di percepire l’esistenza di orrendi esseri neri che paiono avere come unico scopo quello di sussurrare cose intelligibili alle orecchie degli uomini, nella speranza di essere uditi.

L’incipit delle “Radici dell’orrore” @InnsMouth, Delos Digital


In esclusiva, ecco l’incipit del mio racconto lungo Radici dell’orrore, pubblicato pochi giorni fa nella collana weird “InnsMouth, per i tipi di Delos Digital; buona lettura!

Era comparso all’improvviso, come se svoltando l’angolo ci si ritrovasse davanti il suo viso affilato, il respiro del male come una zaffata di alitosi. Ma non c’erano angoli visibili, , non c’era nessuno spigolo di un qualche fabbricato o d’incroci stradali. Davanti a me c’era la via aperta, dritta, il giorno era pieno e nessuno mi era intorno; eppure lui era improvvisamente sbucato dal nulla, guardando aquilino alla mia sinistra: nemmeno mi aveva visto, né sembrava interessato a me.
I suoi baffetti erano inequivocabili, ma il suo vestiario e il cappello verde militare erano sobri e borghesi, come quello indossato dalla gente comune negli anni ’30; il colorito del volto era terreo e nemmeno il suo sorriso più solare avrebbe reso lieve il momento. Hitler era spuntato fisicamente da una sacca del reale che non potevo definire in nessun altro modo che quantica, e si dirigeva verso il centro del paese sopra Trento, dove mi trovavo per lavoro. Lui doveva essere morto da cent’anni almeno, calcolai, ma il viso che vedevo era quello di un uomo che si approssima alla mezz’età; la vertigine del reale mi toglieva il respiro, però la falcata della sua camminata era caratteristica e altrettanto reale: cosa stava succedendo?
— Ehi! — gridai. I passanti dell’altro marciapiede si voltarono bruschi verso di me, chiedendosi cosa volessi. — No, guardate, non dicevo a voi… — proferii a mo’ di scusa — è che…
“È che cosa?” mi dissi, prima di finire la frase. Cosa potevo dir loro, che “Dal nulla è sbucato fuori Adolf Hitler”?

L’ebook è acquistabile qui a 1.99€, mentre la quarta suona così:

In un borgo a nord di Trento, nel prossimo futuro, potrà davvero capitare di veder camminare un giovane Hitler, appena scampato alla Grande Guerra, diretto verso la birreria dove pronuncerà il suo primo discorso politico?
In un vortice di rimandi e ricordi, di populismi e di teorie indimostrabili sul passato arcaico terrestre, la storia di due antiche città romane riemerge dall’oblio e narra dell’energia mai sopita di due suoi anonimi abitanti, legati dal colore verde e perpetuati nel tempo dal gorgo occulto che governa l’economia postmoderna: il loro ruolo sarà davvero il collante di una speranza capace di bucare le illusioni dello spaziotempo?

 

 

Radici dell’orrore @ InnsMouth, Delos Digital


Reitero la segnalazione di Radici dell’orrore, mio racconto lungo uscito nell’ambito della collana weird di DelosDigital, InnsMouth, diretta da Luigi Pachì. Questa è la quarta:

In un borgo a nord di Trento, nel prossimo futuro, potrà davvero capitare di veder camminare un giovane Hitler, appena scampato alla Grande Guerra, diretto verso la birreria dove pronuncerà il suo primo discorso politico?
In un vortice di rimandi e ricordi, di populismi e di teorie indimostrabili sul passato arcaico terrestre, la storia di due antiche città romane riemerge dall’oblio e narra dell’energia mai sopita di due suoi anonimi abitanti, legati dal colore verde e perpetuati nel tempo dal gorgo occulto che governa l’economia postmoderna: il loro ruolo sarà davvero il collante di una speranza capace di bucare le illusioni dello spaziotempo?

L’ebook è acquistabile qui e su altri store online al prezzo di 1,99€.

Radici dell’orrore | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione di Radici dell’orrore, mio racconto lungo uscito nell’ambito della collana weird di DelosDigital, InnsMouth, diretta da Luigi Pachì. Questa è la quarta:

In un borgo a nord di Trento, nel prossimo futuro, potrà davvero capitare di veder camminare un giovane Hitler, appena scampato alla Grande Guerra, diretto verso la birreria dove pronuncerà il suo primo discorso politico?
In un vortice di rimandi e ricordi, di populismi e di teorie indimostrabili sul passato arcaico terrestre, la storia di due antiche città romane riemerge dall’oblio e narra dell’energia mai sopita di due suoi anonimi abitanti, legati dal colore verde e perpetuati nel tempo dal gorgo occulto che governa l’economia postmoderna: il loro ruolo sarà davvero il collante di una speranza capace di bucare le illusioni dello spaziotempo?

L’ebook è acquistabile qui e su altri store online al prezzo di 1,99€.

A Journey to the Stars

Time to write a new Story

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

Fantastici Stonati

Ci vuole molta fantasia per essere all'altezza della realtà

Decades

by Jo & Ju.

The Paltry Sum

Detroit Richards

chandrasekhar

Ovvero come superare l'ombra, la curva della luna, il limite delle stelle (again)

AUACOLLAGE

Augusta Bariona: Blog Collages...Colori.

PHOTO.RİP

PHOTO FASHİON VİDEO MUSİC

The daily addict

The daily life of an addict in recovery

Tiny Life

mostly photos

SUSANNE LEIST

Author of Paranormal Suspense

Labor Limae

- Scritture artigianali -

Federico Cinti

Momenti di poesia

Racconti Ondivaghi

che alla fine parlano sempre d'Amore

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

Feels Like We Only Go Backwards

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: