HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per More human

Abisso giornaliero cosciente


Ho mosso il pensiero sulla scacchiera tridimensionale della distanza; non riesco a percepire le scelte che operi olograficamente laggiù, nel continuum semplificato del tuo abisso giornaliero cosciente.

Il dilemma


L’integerrimo mostrarsi della tua essenza si contrappone alle continue mosse estatiche, e tutta l’energia che siamo si risolve in un dilemma estetico: è sufficiente essere postumani.

Dopo i bagliori


Non hai ancora nulla da segnalare se non il tuo osservante essere incoerente, il tuo movimentarsi restio a immolarsi sulla causa del fuoco sacro – quello che gli antichi denominavano così, già dimentichi dei bagliori del Nulla senziente.

Incommensurabili


Imperscrutabili orizzonti digitali si stagliano sul tuo zenit cerebrale, ed ecco ancorarsi le fattezze mistiche del mio sublime stato di inconsistenza larvale e farsi inumane, superiori. Incommensurabili da ogni postumano.

Progressi


Mi controllo le percezioni sul led bioluminescente monomolecolare, inserito nella duplicazione mitocondriale. Ammiro la mia espressione di avanzata tecnologia, mio padre era così umano al confronto…

Intrappolato


Normalizzato nelle continue dispute del nuovo ordine, ti sembra di essere il cardine su cui tutto viene avvitato attraverso le dimensioni, eppure basterebbe soltanto osservare l’accolita che ti è intorno per capire che sei sempre intrappolato nel solito fetido circo postumano.

Ieratico, anche oggi


Concreto nella distensione mistica dei tuoi sensi, ti giri intorno e così facendo raccogli tutti i lapislazzuli olografici che possono essere antropicamente apprezzati, e ti cingi con essi il capo come un antico pontifex maximus.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 307 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: