HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Movie

Sette disegnatori italiani interpretano La forma dell’acqua di Guillermo del Toro | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione di un progetto iconografico relativo al film La forma dell’acqua, in uscita in questi giorni, regia di Guillermo del Toro.

Celebri disegnatori italiani hanno voluto reintepretare, attraverso il loro riconoscibile tratto e la loro creativa sensibilità, le atmosfere de La forma dell’acqua – The Shape of Water, la pluripremiata pellicola di Guillermo del Toro candidata a 13 Oscar ed in questi giorni nelle sale distribuita da 20th Century Fox.

In sette hanno deciso di cimentarsi in una esclusiva interpretazione dell’opera del regista messicano, che ha deciso di raccontare su grande schermo una straordinaria e inedita favola d’amore.

Un momento d’intensa catarsi, di bellezza da favola.

Annunci

PICNIC A HANGING ROCK di Joan Lindsay PICNIC A HANGING ROCK di Joan Lindsay – Cynthia Collu


Sul blog di Cynthia Collu un lungo post dedicato a Picnic a Hanging Rock, il celebre romanzo e film che apre le porte dell’impossibile all’immaginario Positivista d’inizio ‘900 – la storia è stata scritta, in realtà, negli anni ’60 e getta un occhio a ciò che è stato un tempo, nemmeno troppo tempo fa, nella società umana. Lascio a voi le parole della Collu, chi conosce la trama sa di cosa si parla, chi non la conosce ed è incuriosito, si documenti, che è imperdibile.

Il romanzo “Picnic at Hanging Rock” fu pubblicato nel 1967 dalla scrittrice australiana Joan Lindsay che, spinta dall’editore, rimosse l’ultimo capitolo, che conteneva la soluzione dell’enigma della storia, e diede disposizioni affinché venisse tenuto segreto fino alla sua morte e pubblicato postumo. Il libretto contenente il 18° capitolo uscì nel 1987 sotto il titolo di “The Secret of Hanging Rock” – inedito in Italia – ed è ora fuori commercio.

Del fatto che esistesse una soluzione al caso qualcuno ebbe il sospetto perché l’autrice disseminò – forse intenzionalmente – all’interno del terzo capitolo alcune tracce per instradare i lettori.

Il film di Peter Weir tratto dal romanzo (piccolo capolavoro che ne riproduce con fedeltà i colori, le atmosfere e le suggestioni) ed uscito nelle sale nel 1975 rispetta appieno il volere dell’autrice e lascia gli spettatori liberi di darsi delle risposte su una soluzione che sembra sempre incombere ma di fatto non arriva.

Secondo la versione ufficiale il vero finale del romanzo non sarebbe piaciuto, a parer dell’editore, ai lettori e i particolare al pubblico australiano. Cosa spinse effettivamente Joan Lindsay a troncare una parte della propria opera?

La Vedova Winchester | SherlockMagazine


Su SherlockMagazine la segnalazione del film horror La Vedova Winchester, basato su una storia vera, in uscita nelle sale il prossimo febbraio. Ecco qui sotto il fatto che ha ispirato la pellicola:

Sarah Winchester, dopo la morte improvvisa del marito e del figlio, eredita la famosa industria di armi Winchester. La donna è convinta che la sua famiglia sia stata vittima della vendetta di spiriti malvagi, le anime di coloro i quali furono uccisi dai fucili dell’azienda. Inizia quindi a dedicarsi alla costruzione di una casa concepita per essere… infinita! I lavori di costruzione, infatti, proseguono ininterrottamente giorno e notte, per anni. All’interno di questo labirintico complesso, gli spiriti tormentati possono trovare un luogo in cui fermarsi e forse riposare in pace, o perlomeno “distrarsi” dai loro intenti malvagi.

Incuriositi? Cosa c’è di più weird di una storia come questa?

Mortal Engines: il primo stupendo trailer della nuova saga distopica prodotta da Peter Jackson | KippleBlog


[Letto su KippleBlog]

Mortal Engines, diretto da Christian Rivers, è il titolo della nuova saga distopica dietro alla quale si nasconde il nome di Peter Jackson. Dopo colossal come Il Signore degli Anelli e King Kong, Jackson questa volta sembra aver deciso di dedicarsi al genere distopico con un film che immagina un mondo dove le città si muovono su ruote gigantesche e quelle più grandi – come Londra nel trailer – danno la caccia a quelle più piccole. Basato sulla serie di libri di Philip Reeve, lo script di Mortal Engines è stato infatti scritto da un team d’eccezione che include, oltre appunto allo stesso Peter Jackson, anche Fran Walsh e Philippa Boyens che con Jackson avevano scritto Il Signore degli Anelli. Vi lasciamo al trailer. Buona visione!

PS – Ho dei deja vu di Redemption Ark, di Alastair Reynolds e, di conseguenza, di Preacher Men, dei Fields of the Nephilim.

La vendetta di Ötzi, al cinema un film racconta l’uomo del Similaun – Repubblica.it


Su Repubblica la segnalazione del film Iceman, che narra le vicende romanzate di Ötzi, l’uomo del Paleolitico ritrovato mummificato sui ghiacci alpini circa venticinque anni fa, sciamano, e che tra l’altro ha dato il la al mio ultimo romanzo Lisergico, nel limbo creativo da almeno venticinque anni.

The Wicked Gift: il trailer e la data d’uscita dell’attesissimo film horror di Roberto D’Antona


[Letto su KippleBlog]

The Wicked Gift, l’attesissimo film horror italiano diretto dal giovane regista emergente Roberto D’Antona, sbarcherà nelle sale il 6 dicembre.  C’è molta attesa per questa pellicola, prodotta da Movie Planet in collaborazione con L/D Production, specialmente dopo il successo ottenuto al Fantafestival 2017.   “Siamo veramente felici e soddisfatti del nostro film – commenta Annamaria Lorusso, coprotagonista e produttrice insieme a Roberto D’Antona – soprattutto perché si tratta di una pellicola indipendente, nata dal basso e totalmente finanziata e prodotta da MoviePlanet Group in collaborazione con L/D Production. Un traguardo fondamentale per il cinema di genere italiano, visto che credo sia la prima volta in cui un progetto 100% indipendente riesce ad ottenere una distribuzione legata prevalentemente alle pellicole mainstream“.

Seguono sinossi e trailer del film.

“Ethan è un giovane designer, timido e piuttosto riservato che da anni è afflitto da insonnia a causa di terribili incubi. Decide di andare in terapia per risolvere il suo problema pensando di avere disturbi della personalità, ma sarà grazie all’aiuto del suo migliore amico e di una Medium che a affronterà il lungo viaggio che lo condurrà alla consapevolezza che i suoi incubi nascondono qualcosa di molto più oscuro di quanto potesse immaginare.”

Un posto tranquillo, il film più silenzioso del secolo | Fantascienza.com


Guardatevi il trailer, segnalato da Fantascienza.com e qui sotto riprodotto, e gustatevi l’intro che se ne fa nel post: davvero sublime.

All’inizio vi sembrerà di vedere un film di M. Night Shyamalan: atmosfere inquietanti e sospese, qualcosa di incomprensibile e terribile sempre in attesa di accadere.

Invece dietro la macchina da presa e parzialmente anche la sceneggiatura troviamo l’attore John Krasinski (13 hours, la prossima serie Tom Clancy’s Jack Ryan su Amazon) qui anche protagonista con Emily Blunt (Edge of Tomorrow) sua moglie nella vita e in questo film, dal titolo parecchio illusorio di Un posto tranquillo (A Quiet Place in originale).

Il trailer è un lungo silenzio carico di angoscia che va lentamente crescendo: vediamo una famiglia vivere in una fattoria abbandonata, ogni passo deve essere fatto sulla scia di quella che sembra sabbia o (in stile Lost) sale, ogni oggetto è stato imbottito per impedire di creare il più piccolo rumore, perfino le pedine del monopoli. Fuori, una lunga fila di lampadine spente che si agitano nella notte, dentro, sui muri, degli enormi graffi.

Ovviamente, la tranquillità non può durare in eterno e un banale incidente fa scattare le lampadine, che diventano rosse, mentre tutti i personaggi entrano in stato di allarme, fino al momento in cui sentiamo qualcosa di pesante camminare sul tetto della casa.

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

N I G R I C A N T E

blog esperienziale di Michele Nigro

Flavio Torba

Scrittore con predilezione per l'horror.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨👩‍🎨 🇮🇹 26 ♍️ 📧 evelynartworks@virgilio.it

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Con me nell’universo!

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

"Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata." Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: