HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Neurologia

Fuga psicogena omaggia Fiori per Algernon | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione di Fuga psicogena, novelette di Erica Tabacco che esce per DelosDigital e che racconta in modo molto intenso una degenerazione mentale assai comune in tarda età. Ecco la quarta:

Tra le pareti di Villa Palmax le persone scompaiono un giorno alla volta, un ricordo alla volta, sotto la falce impietosa dell’Alzheimer. Sara, ottantasette anni, seguirà la stessa sorte. Quando a suo figlio Thomas viene offerto di inserirla in un innovativo trial clinico che può curarne la malattia, si riaccende la speranza. Ma i ricordi possono essere più dolorosi della loro assenza…

Con un racconto delicato che omaggia il classico Fiori per Algernon, Erica Tabacco ci regala un viaggio dentro il labirinto di una mente che sbiadisce; ricordandoci, come scrisse Cicerone, che “la memoria è tesoro e custode di tutte le cose”.

DreamBank – Dreaming is not (just) human | Neural


[Letto su Neural]

L’esperto di sogni G. William Domhoff, illustre professore e ricercatore di psicologia presso l’UC Santa Cruz ha speso decenni nello studio dei sogni e il loro significato. Nell’arco degli anni egli ha spostato la propria attenzione dalla comprensione dei sogni alla comprensione delle condizioni e delle parti del cervello che danno vita ai sogni. Nella sua teoria neurocognitiva integrata egli ipotizza che durante l’atto creativo del sogno lo stato mentale è del tutto simile alla deriva del pensiero da svegli. A quell’indefinito momento durante il quale (sembra ce ne siano diversi durante la giornata di ciascuno di noi) la mente vaga senza un preciso pensiero logico, in un percorso indefinito, imprevedibile e creativo. È proprio a questa teoria che fa riferimento DreamBank, l’opera d’arte generativa dell’artista Claire Malrieux che con il suo lavoro indaga il rapporto tra forma e narrativa, tra potenza creativa e potenza computazionale. DreamBank si mostra al pubblico in una forma estetica essenziale e come una TV in un salotto non punta a nessuna spettacolarizzazione. L’opera attinge da una banca di sogni e basandosi su una classificazione tridimensionale delle emozioni e sullo studio neurocognitivo del processo cerebrale dei sogni, è concepito come un ecosistema che fonde l’analisi semantica ed emotiva dei racconti dei sogni con i comportamenti reattivi e i gesti grafici di un algoritmo in un principio di apprendimento continuo ed evolutivo. Il sogno (o gli infiniti sogni) assume la forma di uno storytelling grafico, generato e raccontato in tempo reale dalla macchina che dismette i panni funzionali in cui siamo abituati a vederla, non più come uno strumento nelle mani dell’uomo, essa non imita ma crea e racconta, disegna imprevedibili forme, in uno spettacolo i cui meccanismi di creazione costituiscono la realizzazione visiva autonoma di una precisa intenzione visionaria.

Arte e neuroscienze | L’indiscreto


Su L’indiscreto un articolo che indaga il rapporto tra arte e neuroscienze, una continuazione eterna del dualismo scienza e umanesimo. Un estratto:

Nel 1959 C.P. Snow, il fisico molecolare che in seguito divenne romanziere, affermò che la vita intellettuale occidentale è divisa fra due culture: quella scientifica, che si occupa della natura fisica dell’Universo, e quella umanistica – letteratura e arte – che si è interessata alla natura dell’esperienza umana. Avendole vissute e sperimentate entrambe, Snow era giunto alla conclusione che questa divaricazione fosse sorta perché nessuna delle due culture comprendeva le metodologie o gli obiettivi dell’altra. Per far progredire la conoscenza umana ed essere di beneficio alla società, sosteneva, scienziati e umanisti devono trovare il modo di colmare lo iato tra le loro due culture. Da allora le osservazioni di Snow, fatte nel corso della prestigiosa Robert Rede Lecture all’Università di Cambridge, hanno dato vita a un notevole dibattito su come tale divario potrebbe essere colmato.
Il mio scopo è quello di illustrare un modo per farlo, concentrandomi su un punto comune in cui le due culture possono incontrarsi e influenzarsi a vicenda nelle neuroscienze e nell’arte contemporanea. Tanto le neuroscienze quanto l’arte astratta si pongono, in modo diretto e coinvolgente, domande e obiettivi che sono centrali per il pensiero umanistico. In questa ricerca condividono, in misura davvero sorprendente, alcune metodologie.

Danno neurologico


Non sussiste il tuo pensiero perché tu non sei incisivo, e le parole escono dalla psiche di loro volontà, si configurano oltre il probabile danno neurologico che ti tempesta.

Come l’LSD condiziona il linguaggio – ORME SVELATE


Sul blog di Daniele Corbo una segnalazione di studi sull’LSD, che sembrano dar risalto a piani di comprensione – legati alla parola – più liberi, associativi, d’impronta galileiana. Probabilmente è un approccio giusto, ma in casi come questi non vanno dimenticati gli aspetti cosiddetti irrazionali del composto lisergico, che come fa rilevare Graham Hancock sul suo Sciamani, erano in grado di mettere in connessione la parte antropica del nostro essere col cosmo surreale, mistico, popolato di energia superiore. Credo che lo studio metta semplicemente in risalto un aspetto minore della enorme questione psichedelica, i mondi surreali che premono sul nostro non vengono nemmeno presi in considerazione, e questo è fondamentalmente giusto dal ristretto lato della realtà sottoposta al nostro dominio sensoriale.

In questo studio, la dott.ssa Neiloufar Family, post-doc dell’Università di Kaiserslautern, indaga su come l’LSD possa influire sulla parola e sul linguaggio. Ha chiesto a dieci partecipanti di nominare una sequenza di immagini sia sotto placebo che sotto gli effetti dell’LSD, a una settimana di distanza. I risultati hanno dimostrato che mentre l’LSD non influenza i tempi di reazione, le persone sotto LSD hanno commesso più errori che erano simili alle immagini che hanno visto. Per esempio, quando le persone hanno visto un’immagine di un’auto, avrebbero accidentalmente detto “autobus” o “treno” più spesso sotto LSD che sotto placebo. Ciò indica che l’LSD sembra influenzare le reti semantiche della mente, o come le parole e i concetti sono memorizzati in relazione l’uno con l’altro. Quando l’LSD rende più forte l’attivazione della rete, vengono in mente più parole della stessa famiglia di significati. I risultati di questo esperimento possono portare a una migliore comprensione delle basi neurobiologiche dell’attivazione della rete semantica. Questi risultati sono rilevanti per la rinnovata esplorazione della psicoterapia psichedelica, che si sta sviluppando per la depressione e altre malattie mentali. Gli effetti dell’LSD sulla lingua possono portare a una cascata di associazioni che consentono un accesso più rapido a concetti lontani memorizzati nella mente. I molti potenziali usi di questa classe di sostanze sono oggetto di dibattito scientifico, così come gli effetti collaterali. L’aumento dell’attivazione delle reti semantiche può portare a pensieri e concetti distanti o persino inconsci. Questi risultati sono coerenti con un effetto “entropico” generalizzato sulla mente. Sarebbe il caso di incorporare misure di neuroimaging diretto in studi futuri e di impiegare misure più naturalistiche di elaborazione semantica che possano migliorare la validità ecologica.

Compendio


Rischiando risvolti poco pratici e distanti, la definizione di segnalazione si attesta su valori neurologici e metafisici. Un compendio di regole inumane applicate.

Resistenze all’involucro


Sai cosa è nascosto nell’angolo retinale di attenzione? Le resistenze all’incarnazione si allineano alle necessità psichiche e neurali dell’involucro.

Neurologia


Ho incontrato la ricorrenza estatica farsi riconoscenza, mostrarsi interiore e ricattatoria. Simbologie espanse di un contesto erratico che affonda nella neurologia.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Television, and Music Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

corruptio pessima optimi

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Sincronicità Spicciola

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana del cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Astro Orientamenti

Ri orientarsi: alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: