HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per ODRZ

DARKROOM: la rivista online interamente dedicata al mondo della musica oscura


Su DarkRoom la recensione a ODRZ75, nuovo disco per il combo milanese che da sempre fa della sperimentazione sonora non solo la sua bandiera, ma la sua stessa esistenza fisica. Ecco cose potrete ascoltare:

Uscito lo scorso febbraio, ma di fatto messo a punto circa un anno prima in rare sedute in studio imposte dalle limitazioni agli spostamenti, questo ennesimo lavoro di ODRZ, progetto nostrano trasversale e originale che si è prodigato in una quantità enorme di uscite, continua l’approccio libero e universale a un’elettronica che non si ferma – e mai si è fermata – alle facili catalogazioni. “ODRZ75” consta di quattro tracce fondate su elettrificazioni aspre e dure, fatte di stratificazioni, pulsazioni, riverberi vocali e movimenti cadenzati. Se il pezzo d’avvio risulta forse il più ispirato almeno nella compattezza tonale e nella pienezza audio, i seguenti pezzi non si distaccano di molto, optando a volte per un nervosismo sonoro più accentuato e violento o per andamenti frastagliati e spezzati. Le strutture sono sempre molto simili e l’aggressività audio non cede mai il passo, diventando il leit motiv del disco accanto ad un’improvvisazione che insiste maggiormente nei dettagli piuttosto che nelle macrostrutture delle tracce, sempre organizzate in maniera circolare e para-ritmica. Il tutto si risolve in una sorta di flusso continuo da subire senza farsi troppe domande, essenza di molte uscite di questo monicker e vera arma a doppio taglio. Confezione asciutta e diretta, un po’ come il contenuto del dischetto.

ODRZ – Fine del progetto 66


Nessuna descrizione della foto disponibile.Il progetto ODRZ66 è terminato (nota del combo).

All’inizio di questa avventura non avremmo mai immaginato di ricevere così tante adesioni da parte degli ospiti che si sono poi succeduti durante le 52 settimane di improvvisazione. Ci sembra doveroso ringraziare innanzitutto loro, in rigoroso ordine di collaborazione:

Mademoiselle Bistouri-Claudio Frassine
Riccardo Bernini
Enrico Ponzoni-Arco Casi
Braconidae-Emiliana Voltarel
Enkil Franco Barletta
Monofonic Orchestra
Carlo Monti
Andrea Marutti
Icydawn-Sacha Rovelli
Osvaldo Schwartz
Paolo L. Bandera
Francesco Zago
Enten Hitti
P.U.M.A.
Lotte
Black/Lava Enkil-Fabio Olivero
Jan-Morten Iversen
LaMetàFisica-Alessandra Zerbinati
Sisto Palombella
Mulo Muto-Attila Folklor-Joel Gilardini

Un ringraziamento particolare a Enrico Ponzoni, che ha testimoniato per quasi tutti i venerdì, con foto e video, le sessioni di improvvisazione.
Grazie anche ai suoi degni sostituti: Edoardo Deluca-Riccardo Deluca

Un altro grazie va a Giacomo Elettrodo, che dalle frequenze di Radio Onda Rossa ha trasmesso, e forse continuerà a farlo, sistematicamente i brani del progetto durante la sua trasmissione “Prove Tecniche di Trasmissione”.

Ultimo, ma non ultimo, un grande grazie va a Jan-M Iversen, che da subito ha accettato entusiasta di produrre tutto il lavoro, pubblicando mensilmente sulla pagina Bandcamp della sua etichetta TIBProd i vari brani registrati.

Il progetto in studio, come detto, si è concluso, ma ci sarà una coda il prossimo autunno con la sua versione live in tre serate a Ottobre, Novembre e Dicembre a Milano.
Vi aggiorneremo. Grazie ancora a tutti e tutte.

18 anni di ODRZ


Ricevo e diffondo con enorme piacere, averli visti recentemente è stata una bella sferzata di tonicità; chi può vada:

Serata/evento per i 18 anni del progetto.
Cinque live set con altrettanti ospiti, uno per ogni set. Il tutto arricchito da interventi video, performance e danza butoh.

Sul palco con ODRZ:
Monofonic Orchestra
Osvaldo Schwartz
Francesco Zago
Diarrheal Blast feat. Fecalove
Video – Alice Bachmann
Danza – LaMetàFisica
Performance – LiberaMenteLegati

PROGRAMMA

Palco ‘A’: ODRZ e Monofonic Orchestra eseguono una improvvisazione su un estratto dal cd di Maurizio Marsico “Post_Human Folk Music”. Durata: circa 30’

Palco ‘B’: ODRZ e Osvaldo Schwartz eseguono una improvvisazione su un estratto da “ODRZ06”, opera industriale di ODRZ. Performance teatrale di LiberaMenteLegati. Durata: circa 30’

BREVE INTERVALLO: circa 10’

Palco ‘A’: ODRZ e La MetàFisica (butoh e plastica femminile) eseguono “ODRZ61”. Durata: circa 15’

Palco ‘A’: ODRZ e Francesco Zago eseguono una improvvisazione su un estratto da “ODRZ42”, Sinfonia n. 1 di ODRZ. Live video di Alice Bachmann. Durata: circa 30’

Palco ‘B’: ODRZ e Diarrheal Blast feat. Fecalove eseguono una improvvisazione harsh noise. Durata: circa 15’

15 Dicembre 2018
Dalle ore 22,00
Spazio Ligera
Via Padova, 133 – Milano
Ingresso 10 euro

Evento 18 Giugno a Milano con ODRZ – presenta Antonello Cresti


Una grande serata tributo ai mondi di Claudio Rocchi, visionario, musicista, poeta, nel quarto anniversario della sua scomparsa.

Cinque live set

FRANCESCO ZAGO (chitarrista di formazioni come Yugen Empty Days e continuatore della epopea R.I.O in Italia)

MAURIZIO MARSICO (protagonista della scena elettronica dagli anni ottanta)

VINCENZO ZITELLO (il “bardo” della musica italiana, arpista apprezzatissimo e autore di numerosi album da solista)

TAI No-ORCHESTRA (collettivo di performers e improvvisatori che vedono coinvolto anche il fotografo Roberto Masotti)

ODRZ (esponenti di punta del sottomondo noise-industrial)

Presenta: ANTONELLO CRESTI, saggista e giornalista musicale

Stand a cura del team Solchi Sperimentali Discografici / crac edizioni – Spazio Ligera – Via Padova, 133 – Milano – dalle 22,00 Ingresso 8,00= euro /// no tessera necessaria

ODRZ legge “Limbo” (da “Nessuno nasce pulito”) | N I G R I C A N T E


Sul blog di Michele “DottoreInNiente” Nigro è apparsa la segnalazione di una rivisitazione di una sua poesia da parte degli ODRZ; lascio alle sue parole e al video sottostante la descrizione minuziosa del tutto. Bravi, tutti.

Rispondendo all’appello “Leggi una poesia: in regalo una copia del libro…”, lanciato tempo fa su questo blog e su altri social, il gruppo musicale Industrial Noise degli ODRZ ha allestito un video reading, in perfetto stile noise music, della poesia “Limbo” tratta dalla raccolta “Nessuno nasce pulito” (ed. nugae 2.0) pubblicata nel 2016.

È sempre interessante, oltre che emozionante, assistere alla reinterpretazione artistica e alla decostruzione mediale di un proprio componimento: infatti ad essere “messi in discussione” non sono le singole parole o i versi che compongono la poesia, che restano sostanzialmente invariati, bensì i supporti comunicativi classici della poesia. Non più solo lettura lineare ma rimodulazione in chiave futurista del testo: il differente ritmo dei versi, il tono della voce adulterato dagli strumenti, la ripetizione di alcune parole (a volte anche gridate!) come a volerle sottolineare e incidere nell’acciaio, il tutto su un tappeto sonoro “rumoroso”.

Grazie ODRZ per questa esperienza!

ODRZ53

ODRZ interpretano Limbo, poesia di Michele Nigro tratta dalla sua raccolta Nessuno Nasce Pulito. Avvolti in un ambiente industriale e accompagnati da una colonna sonora cupamente incantatrice, ODRZ affrontano il testo esprimendosi in una intrigante visione schizofrenica, sottolineando alcuni passaggi in maniera ipnotica. Un Limbo assoluto.

Musiche: ODRZ

Regia: Edoardo Deluca

Compleannoise 2017


[Dal bollettino ORDRZ]

Compleanno in musica per festeggiare uno dei musicisti che compie gli anni in quei giorni. Un evento a cui parteciperanno artisti e musicisti dell’area sperimentale, per una festa/concerto arricchita da interventi di strip plastic show e performance video. Presenterà la serata Antonello Cresti.

Sul palco si alterneranno:
Mademoiselle Bistouri – harsh noise
P.U.M.A. aka Luca Valisi – ambient/experimental noise
ODRZ – industrial/noise + Lametàfisica strip plastic show
Calembour – elettronica + video
Mulo Muto – experimental noise

Banchetto dischi a cura delle etichette svizzere Luce Sia e Show Me Your Wuond. Torta industriale di Castrense Calandra.

Spazio Ligera – Via Padova, 133 – Milano / 22 Aprile 2017 – Ore 22,00. Ingresso 5,00 euro

Solchi Sperimentali Fest a Milano


Il primo festival itinerante legato al libro di Antonello Cresti “Solchi Sperimentali Italia” si terrà allo Spazio Ligera a Milano. Ispirato dalla medesima attitudine al sincretismo e alla unione di musiche apparentemente lontane la serata vedrà esibirsi:

  • Jumbo
  • Osvaldo Schwartz
  • Enten Hitti + ODRZ
  • Mamma Non Piangere

Presenta Antonello Cresti

Venerdì 3 dicembre 2016, Spazio Ligera, Inizio ore 22,00, Ingresso 8,00 euro

Solchi Sperimentali Fest | N I G R I C A N T E


Una bella segnalazione dal blog di Michele “DottoreInNiente” Nigro: Il Solchi Sperimentali Fest, con ODRZ e altri artisti sonori particolari. Chi può, ci vada, a Milano, il 3 dicembre.

Il primo festival itinerante legato al libro di Antonello Cresti “Solchi Sperimentali Italia” si terrà allo Spazio Ligera a Milano. Ispirato dalla medesima attitudine al sincretismo e alla unione di musiche apparentemente lontane la serata vedrà esibirsi:Jumbo
https://www.facebook.com/jumboDNA/
prog rock
.
Osvaldo Schwartz
https://www.facebook.com/OfficineSchwartz/
Industriale
.
Enten Hitti + ODRZ
http://entenhitti.it/
www.odrz.org
elettronica sperimentale/etnica
.
Mamma Non Piangere
http://www.mammanonpiangere.it/index.html
Art rock
.
presenta Antonello Cresti

Spazio Ligera – Via Padova, 133 – Milano
Inizio ore 22,00, Ingresso 8,00 euro

KREDRZ – concreta elettronica in buffo box | Posthuman.it


Su PostHuman la recensione a KREDRZ, il progetto di musica industrial che unisce Krell (Lukha B. Kremo) e ODRZ su etichetta Kipple nella collana Intonarumori (qui per vederlo e acquistarlo). Un brano della rece:

La confezione è quella di una “torretta” da 20 cd masterizzabili, come se ne comprano nei supermercati. L’etichetta nera sopra però recita KREDRZ, ossia l’ultima follia di quel mattacchione di Lukha B. Kremo, edita dalla sua “officina libraria” Kipple. Multiforme ingegno di musicista e performer di elettronica spinta – sub nomine Krell – oltre che scrittoreditore di s/f della galassia connettivista, per la sua ultima fatica discografica Kremo ha ideato (e artigianalmente realizzato) una spiritosa “caccia al tesoro” very conceptual, anche un po’ beffarda per l’incauto acquirente del suo manufatto (ma tranquilli, esistono solo 24 copie dell’oggetto, le arrabbiature non potranno superare quelle per lo storico Metal Machine Music di Lou Reed!). Il quale, come ben vi mostrano le immagini ai lati, svitato il coperchio del cofanetto, ci porge subito un cd di plastica trasparente con etichetta bianca, palesemente non riproducibile: ovvio, è quello abitualmente usato per bloccare la pila dei cd masterizzabili nelle suddette confezioni da 20!

Né musica né “materia prima” per duplicazioni private, il malcapitato collezionista di dischi è ormai rassegnato a sentirsi sbertucciato da un’operazione post dadaista, come è accaduto anche a un vero esperto di questo mondo che spazia dal fluxus alla mail art e alle musiche non convenzionali come Vittore Baroni, decano della critica musicale avanguardistica su Rockerilla, Rumore e oggi Blow Up e musicista a sua volta, che (prima di parlarne col sottoscritto) aveva già accantonato la copia ricevuta come se fosse ciò che in realtà il suo autore aveva originariamente concepito: un “cd-oggetto d’arte concettuale, assolutamente silenzioso. Volevo realizzare un’opera d’arte concettuale che avesse dei suoni al proprio interno, ma in cui la musica fosse solo una componente dell’insieme, e l’oggetto non solo il contenitore del protagonista-suono”.

cdFortunatamente, con un moto di pietà per noi musicofili, il dispettoso connettivista ha evoluto il progetto in uno split cd di 70 minuti, che ospita – in un’unica traccia perché non si può mica rinunciare a un’ultima beffa – due brani: il primo arriva dopo 10’ di autentico silenzio, è “del padrone di casa” e s’intitola Ipnotico un po’ depresso, “parte di un progetto in progress di un’opera in 5 movimenti”, come spiega lui stesso; questo primo assaggio sfoggia un’elettronica che sfibra i dettami dell’ambient techno oltre le frontiere di Aphex Twin, con beat distanziati di diversi secondi e ronzii postindustriali che tendono se mai verso le installazioni video sonore (appunto concettuali) di Alva Noto/Carsten Nicolai. Quando vi viene il dubbio che quest’evoluzione dell’ambient degli Eno, Schulze & co. sia davvero una nuova forma di psichedelica, è la cosa giusta da ascoltare.

ODRZ newsletter 12 Aprile 2016


ODRZ52 è un Tape pubblicato per l’etichetta svizzera Luce Sia, contenente due suite industrial-noise, di 15 minuti ciascuna, che chiudono idealmente il cerchio sui primi 15 anni di attività di ODRZ e che rispecchiano musicalmente l’attuale percorso del gruppo. Suoni corrosivi, aggressivi e graffianti in una rinnovata modalità compositiva. La confezione, unica e particolare, presenta una spiccata impronta industriale. Uno dei due brani verrà presentato dal vivo il prossimo 6 Maggio a Milano allo spazio Ligera, all’interno della serata MARGINI SONORI 2016.

 

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

it takes a fool to remain sane

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

J. Iobiz

Scrittore. In realtà, sono solo un personaggio di fantasia, ma di quale fantasia non ricordo più

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

Mágica Mistura✨

Uma mistura mágica de poesia, imagens, música, citações, atualidades e velharias do Brasil e do mundo,sempre com um toque de inconformismo ...

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Paesaggi dell'Anima

Gallerie da Vinci

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: