HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Progressive

Prog wave n° 2: teiere volanti in Italia | PostHuman


Su PostHuman il seguito di un fortunato articolo che tracciava le linee comunicanti tra Prog, Metal, Punk, psichedelia, oscurità e quant’altro; parliamo ovviamente di eventi sonori che esplodevano già allora nello Stivale e che ora si confermano potentemente. Ecco uno stralcio dell’articolo a firma del sempre valido Mario Gazzola.

Torniamo oggi sull’argomento con un servizio-sequel, notando che in una serie di dischi recenti quelle aree di contatto si sono assai più che rafforzate: dischi che tra l’altro sono tutti usciti in Italia – epicentro del genere prog a livello mondiale, pare – e vedono un’interessantissima collaborazione fra musicisti italiani e nomi cult di diverse stagioni del rock internazionale, a conferma della non subalternità del rock alternativo dello Stivale. E voi pensavate che non ci fosse più niente da scoprire nella musica del 2000?!
Buoni ascolti estivi.

Annunci

Da Vinci’s Spirit, Prog Music Experience | Venerdì 17 maggio 2019


Venerdì 17 maggio, alle ore 20.00, Mario Gazzola presenterà a Milano, assieme a Max Gasperini della Black Widow, un’esibizione di quattro gruppi Prog, nel cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo Da Vinci. La segnalazione dell’evento è qui.

Venerdì 17 maggio, a partire dalle ore 20,00, il “FIM – Salone della Formazione e dell’Innovazione Musicale” saluterà l’edizione 2019 regalando al pubblico milanese un’esperienza musicale dal sapore misterioso ed enigmatico quanto lo spirito del Progressive Rock.

Sul prestigioso palcoscenico dell’Auditorium Testori di Palazzo Lombardia, a rendere omaggio al genio di Leonardo, quattro band: Universal Totem Orchestra, FEM, Macchina Pneumatica e Silver Key che si esibiranno dal vivo in un concerto ad ingresso libero e gratuito.

La direzione artistica dell’evento è affidata a Massimo Gasperini, label manager della Black Widow Records, nota casa discografica partner del FIM, che dedica la maggior parte del suo catalogo al Rock Progressivo.

“Durante lo spettacolo, la musica prog sarà il commento sonoro perfetto per i misteriosi e affascinanti disegni leonardeschi che saranno proiettati alle spalle del palco dell’Auditorium Testori. L’atmosfera che ne verrà fuori – dice Massimo Gasperini, direttore artistico della serata – sarà magica”.

Pink Floyd – The Travel Sequence (1972)


Un brano dei Floyd che è sostanzialmente inedito, del periodo DarkSide, eseguito live prima che il disco uscisse e che, di fatto, serviva ai Floyd stessi per chiarirsi le idee sul contenuto del nuovo album; onda energetica di Prog, lievi ricordi delle antiche jam session improvvisate come Jazz che mostrano, invece, robuste strutture sonore di architettoniche inattaccabili. Meraviglioso…

Orpelli fascinosi


Polvere indigesta di eminenze oscure che si affacciano barocche alla mia percezione. I ricordi sono ammantati di orpelli fascinosi.

Lenny Kravitz – Circus


Un bell’intreccio di Rock, Progressive visivo, simbologie alchemiche e scenografia da angeli caduti. Un pezzo che avevo dimenticato negli abissi temporali…

Pink Floyd – Grantchester Meadows (1970-04-30)


Questo antico brano dei Floyd – risale ad Ummagumma del ’69 – mostra uno dei loro tanti lati sperimentali: in questo caso, appare la vena Fantasy, la vena Progressive e anche Folk, riflessiva, animista e naturalistica. Quanti aspetti della Cultura hanno davvero esplorato i Floyd? Volete aggiungere le vostre suggestioni?

Media-Trek » Blog Archive » Nuovo prog, vecchio prog, sempre prog


Sul blog di Ernesto Assante, su Repubblica, prende la penna Mario “Black M” Gazzola, e traccia una delle sue sublimi cavalcate nel panorama musicale internazionale del Rock; argomento? Il Progressive e i suoi infiniti interpreti. Qui la lettura completa:

Poco tempo fa avevamo scritto un articolo in cui riunivamo diversi gruppi italiani e stranieri che, ognuno a modo suo, si ispirano alle sonorità del progressive. Quando si parla di quell’ambiziosa stagione del rock, si pensa subito a King Crimson, Genesis, Pink Floyd, Van Der Graaf Generator, Jethro Tull, come da noi a PFM, Banco, Le Orme, Osanna e così via. Tuttavia, ascoltando alcuni dischi italiani, come ad esempio i romani Bridgend (Rebis, Orange Park Recordso) o meglio ancora i valdostani Movin’ K (Waitin’ 4 The Dawn, TdE Music Productionz), incappiamo in sonorità che sanno più marcatamente di anni ’80: di Marillion, di Toto, per esempio, con quei sintetizzatori d’epoca che ribattevano pesantemente i riff delle chitarre. Quando ne parliamo con il leader dei Movin’ K, il cantante/tastierista Francesco K Epiro, lui risponde che in realtà “rispettabilissimi gusti personali, comunque diciamo che quando parli di ‘scivoloni verso un power pop melodico dalle parti dei Toto di Hold The Line‘ per noi è un complimento pazzesco”.
Rispettabilissimi gusti personali, per citare il valdostano tastierista, ma la cosa ci dà da pensare: avendo vissuto gli anni ’80, ricordiamo bene che all’epoca la musica “in” erano i Police e i Talking Heads, Devo e Depeche Mode nell’electro, i Cure e la falange dark in ambito wave, Iron Maiden e Motörhead in campo metal, gli U2 in marcia verso le arene oceaniche… ma i Toto, i Foreigner, i superstiti della Jefferson Starship che un tempo aveva volato alto, anche i Marillion no, puzzavano già di muffa.
Sembravano gruppi, anche quando recenti come appunto Marillion o Asia, coll’orologio sincronizzato su un’epoca ormai chiusa, di cui stavano ormai raccogliendo gli avanzi di stagione nomi che ne avevano maggior diritto (i Genesis di Follow You Follow Me, gli Yes di Owner Of A Lonely Heart, Alan Parsons col suo Eye In The Sky, su tutti i Pink Floyd di The Wall), ma che comunque avevano già superato da mo’ la loro golden age. E allora che senso ha ispirarcisi ora, a 35 anni e più di distanza? Invece il leader dei Movin’ K ci spiega che “da musicista, riconosce una certa attitudine comune, non tanto nel genere, ma nell’approccio alla composizione e alla creazione degli arrangiamenti, fra Police e Toto”. Il che giustifica l’elezione da parte del tastierista valdostano a sacra trimurti di riferimento dell’eterogeneo trio formato appunto da “Pink Floyd, Police e Toto”.
La questione filosofica ci pungola finché non scopriamo – raccogliendo materiale per un saggio sulle intersezioni fra rock e immaginario di fantascienza – gli svedesi The Night Flight Orchestra, i quali pubblicano il 19 maggio prossimo sull’etichetta metal Nuclear Blast/Warner i loro terzo album Amber Galactic. Ci aspettiamo di essere trasportati in un trip spaziale oscuro alla Hawkwind o alla Blue Öyster Cult, oppure di finire schiacciati da una spietata macchina da guerra metallica (i componenti del supergruppo provengono da due band death metal come Soilwork e Arch Enemy o dal prog scifi metal dei Jupiter Society), invece i nordici sono assai più tranquilli e orecchiabili. Anzi… ebbene, sì, anche qui notiamo quegli arrangiamenti da primi anni ’80 coi riff di synt alla Europe o, che so, Scorpions melodici e il tarlo mentale riprende a rodere: cos’è, la nuova moda? Chiediamo d’intervistare il cantante Björn Strid sulle letture fantascientiche del gruppo per il libro e intanto gli accenno le mie impressioni sul sound del gruppo, timoroso di prendermi una “lavata di capo” per non aver capito nulla, mentre invece quello mi spiazza confermando “certo! Nell’album abbiamo riversato la nostra passione per gruppi come quelli che hai citato ma anche Foreigner, Journey, Boston… ci sono un sacco d’influenze, anche il pop metal dei Kiss e il pop puro degli Abba, degli Steely Dan e dell’Alan Parsons Project”.

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

multa paucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

Il Caos dentro

...che genera una stella danzante

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

PERDERSI TRA LE EMOZIONI DEI BORGHI ITALIANI

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 27 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist ♠ Edizioni Underground? ♠ Edizioni Open ♠ Panesi edizioni 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Sabbiature Magazine

Società, costume, cultura

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: