HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Roma

L’ultimo discorso di Costantino XI – TRIBUNUS


Il 29 maggio del 1453 cade Costantinopoli, l’ultimo baluardo di Roma – anche se la caduta finale è a Trebisonda, ultimo avamposto bizantino dotato di un suo Protettorato, non sotto il regno dell’imperatore bizantino, nel 1462. Qui è disponibile il discorso finale che l’imperatore legittimo Costantino XI fece il 28 maggio, la sera, poche ore prima della disfatta.

Dopo più di 2.200 anni, il nome di Roma cadde definitivamente e fu consegnato alla Storia. Nel sangue, ovviamente, come tutti gli eventi salienti di quell’impero.

“Nobilissimi capitani, illustri demarchi e generali, valorosi commilitoni e tutti voi miei onorevoli e fedeli sudditi!

Sapete bene che l’ora è giunta: il nemico della nostra fede vorrebbe opprimerci ancora più crudelmente dalla terra e dal mare con ogni mezzo a sua disposizione, per paralizzarci se potrà, come un serpente in procinto di sputare veleno; ha fretta di divorarci, come un leone selvaggio.

Per questa ragione vi scongiuro di combattere da uomini con cuori coraggiosi, come avete già fatto fino ad oggi, i nemici della nostra fede.
Io affido nelle vostre mani questa illustre e rinomata città, Regina delle Città e vostra patria.

Sapete bene, fratelli, che condividiamo quattro ragioni per le quali preferiamo la morte alla sopravvivenza: primo, la nostra fede e devozione; secondo, la nostra patria; terzo, l’imperatore, unto dal Signore; e quarto, i nostri parenti e amici.
Bene, fratelli, se dobbiamo combattere per una di queste ragioni, sarà ancora più degno morire per tutte e quattro.

Se Dio concederà la vittoria agli infedeli a causa dei miei peccati, metteremmo a rischio le nostre vite per la santa fede, che Cristo ci ha donato con il suo sangue. Questa è la causa più importante per la quale combattere. Quale profitto c’è nel guadagnare l’intero mondo e nel perdere la propria anima?
In secondo luogo, saremmo privati di una così rinomata patria, insieme alla nostra libertà.
Terzo, perderemmo un impero una volta conosciuto ma oggi umiliato, piccolo ed esausto, e sarebbe governato da tiranno e un uomo empio.
Quarto, saremmo separati dai nostri carissimi figli, mogli, parenti…”.

Remoria, capitale del Cyberpunk – Carlo Valeri – Medium


Su Medium.com una breve recensione a Remoria, di Valerio Mattioli, metasaggioromanzo che mi ha davvero aperto universi insperati.

Che cos’è Remoria? È il negativo occulto di Roma, la sua anti-storia, il rimosso che emerge come un rigurgito e preme verso la superficie della città fondata da Romolo. L’autore Valerio Mattioli, classe 1978, ha scritto per Blow Up, Vice, Prismo, Il Tascabile. Già autore di Superonda. Storia segreta della musica italiana (Baldini & Castoldi 2016), ha firmato saggi sul Manifesto accelerazionista di Alex Williams e Nick Srnicek, ma soprattutto a lui si deve la prima pubblicazione in Italia di Realismo capitalista di Mark Fisher, per la casa editrice Nero di cui lo stesso Mattioli è editor.

Il GRA come ouroboros: l’anello dell’occulto, tempo ciclico (e parallelo), senza inizio né fine che contiene e risucchia il quadrato geometrico di Romulia. Accelerazione, velocità, auto-annientamento. Credo, senza mezzi termini, che Remoria. La città invertita (edito da minimum fax) sia un libro epocale, e anche superbamente generazionale nel modo in cui racconta (e crea) gli stimoli percettivi, culturali degli anni ’90, cioè la generazione del sottoscritto e dello stesso Mattioli, mettendola in comunicazione con quella della controcultura del ‘77.

Mattioli rilegge la borgatasfera e la sua storia: il “sacerdote” Pasolini che apre il sabba per poi essere risucchiato dall’Accademia e dalla gentrificazione (le gigantografie dei lounge bar al Pigneto le conosciamo bene, giusto?). E poi l’eroina certo, quella posthippie e tardoromantica raccontata da Claudio Caligari in Amore tossico, (anno 1983, location: Ostia) e quella onirica in bianco e nero del Nico D’Alessandria de L’imperatore di Roma (anno 1987, location: le rovine di Roma). C’è l’iperstizione del geniale demiurgo Stefano Tamburini (1955–1986) con i suoi esperimenti grafici e il suo Rank Xerox, il coatto sintetico che anticipa il futuro e i soggetti sociali dei decenni che seguirono.

EXCITER’S – Fate (Official Video)


Alla ricerca del bosco sacro…

Happy birthday, Roma! – FOLLOWING HADRIAN


Oggi è il compleanno di Roma – 2.773 anni di splendore storico, anche se in realtà Roma era già Roma prima ancora di essere stata fondata, come ha appurato l’archeologia (grazie, Andrea Carandini). Su FollowingHadrian, quindi, un post celebrativo e alcune altre nozioni che riguardano la festa di Roma collocato nel periodo adrianeo. Un estratto (in inglese).

Rome has its origins on the Palatine. According to the myth, the Palatine Hill was the location of the cave, known as the Lupercal, where Romulus and Remus were found by the she-wolf Lupa that kept them alive. Archaeologists have traced evidence of hut villages on the western edge of the Palatine Hill dating back to between the 9th and 7th century BC, approximating the time when the city of Rome was founded.

The ancient Romans celebrated the founding of their city every April 21 during the festival of Palilia. This festival was originally aimed at cleansing both sheep and shepherds in honour of Pales, the goddess of shepherds, but was later associated with the founding of Rome. The connection between these two characters of the festival is evident as the founders of the city, Romulus and Remus, grew up to be shepherds like their adoptive father, Faustulus.

Flavius Belisarius: The African campaign – The first Italian campaign – Novo Scriptorium


Su NovoScripitorium un lungo articolo che dettaglia la campagna militare di Belisario, generale di Giustiniano I.

Justinian declared war on King Gelimer the moment that he had made peace with Persia, using as his casus belli, not a definite re-assertion of the claim of the empire over Africa—for such language would have provoked the rulers of Italy and Spain to join the Vandals, but the fact that Gelimer had wrongfully deposed Hilderic, the Emperor’s ally. In July, 533, Belisarius, who was now at the height of his favour for his successful suppression of the “Nika” rioters, sailed from the Bosphorus with an army of 10,000 foot and 5,000 horse. He was accompanied, luckily for history, by his secretary, Procopius, a very capable writer, who has left a full account of his master’s campaigns. Belisarius landed at Tripoli, at the extreme eastern limit of the Vandal power. The town was at once betrayed to him by its Roman inhabitants. From thence he advanced cautiously along the coast, meeting with no opposition; for the incapable Gelimer had been caught unprepared, and was still engaged in calling in his scattered warriors. It was not till he had approached within ten miles of Carthage that Belisarius was attacked by the Vandals. After a hard struggle he defeated them, and the city fell into his hands next day. The provincials were delighted at the rout of their masters, and welcomed the imperial army with joy; there was neither riot nor pillage, and Carthage had not the aspect of a conquered town.

The triumphal entry of Belisarius into Constantinople with his captives and his spoils, encouraged Justinian to order instant preparations for an attack on the second German kingdom, on his western frontier. He declared war on the wretched King Theodahat in the summer of A.D. 435, using as his pretext the murder of Queen Amalasuntha, whom her ungrateful spouse had first imprisoned and then strangled within a year of their marriage. The king of the Goths, whether he was conscience-stricken or merely cowardly, showed the greatest terror at the declaration of war. He even wrote to Constantinople offering to resign his crown, if the Emperor would guarantee his life and his private property. Meanwhile he consulted sooth-sayers and magicians about his prospects, for he was as superstitious as he was incompetent.

Next spring King Witiges came down with the main army of the Goths—more than 100,000 strong—and laid siege to Rome. The defence of the town by Belisarius and his very inadequate garrison forms the most interesting episode in the Italian war. For more than a year the Ostrogoths lay before its walls, essaying every device to force an entry. They tried open storm; they endeavoured to bribe traitors within the city; they strove to creep along the bed of a disused aqueduct, as Belisarius had done a year before at Naples. All was in vain, though the besiegers outnumbered the garrison twenty-fold, and exposed their lives with the same recklessness that their ancestors had shown in the invasion of the empire a hundred years back. The scene best remembered in the siege was the simultaneous assault on five points in the wall, on the 21st of March, 537. Three of the attacks were beaten back with ease; but near the Praenestine Gate, at the south-east of the city, one storming party actually forced its way within the walls, and had to be beaten out by sheer hard fighting ; and at the mausoleum of Hadrian, on the north-west, another spirited combat took place. Hadrian’s tomb—a great quadrangular structure of white marble, 300 feet square and 85 feet high—was surmounted by one of the most magnificent collections of statuary in ancient Rome, including four great equestrian statues of emperors at its corners. The Goths, with their ladders, swarmed at the foot of the tomb in such numbers, that the arrows and darts of the defenders were insufficient to beat them back. Then, as a last resource, the Imperialists tore down the scores of statues which adorned the mausoleum, and crushed the mass of assailants beneath a rain of marble fragments. Two famous antiques, that form the pride of modern galleries—the “Dancing Faun” at Florence, and the “Barberini Faun” at Munich—were found, a thousand years later, buried in the ditch of the tomb of Hadrian, and must have been among the missiles employed against the Goths. Thorough usage which they then received proved the means of preserving them for the admiration of the modern world.

Periferia capitale


Erutta un mondo sommerso di abissi caotici, e sembra soltanto un’evidenza di squallore…

La violenza di genere nel mito – Paveseggiando


Le origini della nostra cultura occidentale sono cruente, le origini della cultura umana sono tutte infarcite di tradizioni barbare, una civiltà che doveva ancora formarsi. Mara Carlesi indaga, su questo post, i primordi della tradizione romana, mettendo in evidenza alcuni punti che ai giorni nostri fanno inorridire, ma che in un passato arcaico erano ritenuti la normalità: parliamo di stupri per assicurare una genia semidivina.

“Nei miti greci gli dèi, per unirsi alle donne mortali, di regola si prendevano almeno il disturbo di rendersi visibili, assumendo qualche forma, umana o animale che fosse. Probabilmente lo faceva anche (o solo) per divertirsi […]. Le divinità romane, invece […] apparivano sotto forma di fallo. […] A Roma, insomma, le storie tra immortali e mortali non sono storie d’amore, sono semplici rapporti sessuali, di tipo assolutamente predatorio.”.
[Gli amori degli altri – Eva Cantarella]

Nel mito greco e romano lo stupro ed il rapimento erano costanti piuttosto comuni e frequenti. Il secondo serviva a facilitare il primo, dove la violenza sessuale era, per gli assalitori, un mezzo non solo di piacere, per il capriccio di essersi invaghiti della vittima, bensì un tramite attraverso il quale garantire una stirpe di origine, per metà, divina.
Lo stupro, perché di questo solo si trattava, veniva elevato ad un’unione divina tra una mortale ed un dio, così che la violenza venisse trattata come un fatto sacro.
Centro di queste violenze, nel mito, il dio, colui che seduce, ma che appare senza colpa, e senza remora alcuna sparisce dopo aver soddisfatto i suoi più bassi istinti.
Ma la donna? La fanciulla violata, privata della sua verginità, che fine fa? E la sua voce?

Il post continua citando altre fonti antiche, il quadro che ne emerge è coerente con quello che oggi ci appare come crudeltà e che in altri tempi era considerata la norma. È questo un argomento di riflessione, che ci spinge sempre più a un afflato di uguaglianza e rispetto, che deve diventare un segno dei tempi che cambiano.

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Thinkingmart.com

- for thoughtful and reflective moments.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: