HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Star Trek

L’universo senza Stephen Hawking | Fantascienza.com


Mi associo al lutto, e faccio mie le parole di Silvio Sosio, su Fantascienza.com. Be’, la vita continua in qualche altro universo, parallelo o trasversale. A presto, Stephen

Una vita vissuta di borrowed time, di tempo preso a prestito da quando, a 21 anni, gli venne diagnosticato il morbo di Gehrig e pochi mesi di vita. Senza la possibilità di muoversi e, dal 1985, senza la capacità di parlare a causa di tracheotomia a cui fu sottoposto per salvarlo da una polmonite, Stephen Hawking è riuscito contro ogni avversità a dare un contributo inestimabile alla scienza e all’umanità.

Hawking era un astrofisico. Il settore di ricerca nel quale ha dato il maggiore contributo è stato lo studio dei buchi neri. Di ciò che accade all’interno dei buchi neri, dove la gravità infinita crea una singolarità; di ciò che accade ai suoi limiti, dove le particelle e le antiparticelle che si creano nello spazio vengono separate, con creazione di materia – la radiazione Hawking – e con il conseguente apporto di antimateria al buco nero e la sua lenta ma inevitabile evaporazione. E l’applicazione di queste conoscenze alla storia dell’universo, dando un contributo determinante alla teoria del Big Bang.

Hawking si è battuto per i diritti dei disabili, ha difeso il sistema sanitario pubblico del Regno Unito; ha lanciato l’iniziativa Global Goals che ha coinvolto numerose celebrità per combattere povertà, ingiustizia e cambiamento climatico. Ha espresso anche opinioni che riguardano temi spesso trattati dalla fantascienza, mettendo in guardia dallo sviluppo incontrollato di intelligenze artificiali e sui pericoli di un contatto con civiltà extraterrestri.

Ha anche partecipato, nella parte di sé stesso, a un episodio di Star Trek The Next Generation, Descent (l’ultimo della sesta stagione) e a vari episodi di The Big Bang Theory. Il suo saggio A Brief History of Time (Dal Big Bang ai buchi neri) è uno dei libri di divulgazione che hanno venduto di più di tutti i tempi, anche in Italia.

Annunci

Ceci n’est pas un Klingon: le polemiche su Star Trek Discovery | FantasyMagazine


Bell’articolone, su FantasyMagazine, a cura di Emanuele “Manex” Manco, dedicato al nuovo corso di StarTrek, che è tornato a essere serie televisiva e coinvolge in maniera diversa i Klingon, attori fondamentali dell’universo che, da cinquant’anni, è forse il polo maggiore di attrazione del fandom SF mondiale.

Segnalo l’articolo per i puristi, per coloro che pensano che la SF sia soprattutto questo; lo segnalo sia per omaggiare il gran bel lavoro di Emanuele, sia per segnare il mio distacco da tali tematiche: per quanto mi riguarda la SF è ben altro, è frontiera, è ricerca dell’inumano, in StarTrek non ravviso nulla di tutto ciò ma solo maniere per sentirsi di appartenere a un genere d’avanguardia, che tale non è.

Navicelle spaziali a confronto: il video YouTube | KippleBlog


[Letto su KippleBlog]

Starships size comparison è un video realizzato dal canale YouTube MetaBallStudios che mostra moltissime – tutte sarebbe impossibile – navicelle spaziali della fantascienza, messe a confronto l’una con l’altra, con tanto di misurazioni in metri. Impariamo così che l’Enterprise NC 1701 di Star Trek, ad esempio, era lunga 289 metri, mentre la navicella spaziale The Ark del videogame Halo con i suoi 127530 chilometri fa apparire piccolo anche il pianeta Terra.

Il Potere della Parola | scheggetaglienti


Uno scritto – datato – di Alessandra Daniele, che tenta di coniugare – assai bene, secondo me – il mondo di Star Trek con quello dell’inquisitore Eymerich, il personaggio che identifica maggiormente l’attività di Valerio Evangelisti. Qui sotto, da leggere tutto d’un fiato:

Deanna finì di sistemarsi il lungo abito di foggia trecentesca.
– Su cosa è basato questo tuo nuovo programma olografico, William? Si direbbe una saga medievale.
Riker accennò un sorriso sornione.
– È molto di più. Una serie di romanzi scritti fra il XX° e il XXI° secolo in Italia da Valerio Evangelisti.
– C’era ancora l’Italia nel XXI° secolo?
– Solo nei primi anni, prima di sparire sotto il livello del mare per lo scioglimento dei ghiacciai.
– Sono pronta – annunciò Deanna sorridendo. Riker le offrì il braccio, e insieme entrarono sul ponte ologrammi. Deanna si mostrò subito ammirata per la precisione dei dettagli.
– È una tipica caratteristica dei romanzi che ho voluto trasporre fedelmente nel programma – disse Riker, con una punta d’orgoglio – Il protagonista è ispirato a un personaggio storico realmente esistito,  d’origine ispanica come gli antenati conquistadores del capitano. Ti sorprenderà – aggiunse ammiccando.
– Non vedo l’ora – sorrise Deanna.
Una freccia trapassò la gola di Riker.
Il primo ufficiale emise un rantolo soffocato, poi crollò di schianto.
Deanna urlò, e si chinò su di lui, sconvolta.
– Emergenza sul ponte ologrammi! – Gridò – Computer! Blocca il programma!
Fu inutile.

*  *  *

Eymerich era furibondo.
– Magister, era l’unico modo per fermarlo – disse il balestriere – l’abbiamo visto apparire dal nulla, e lo sapevamo capace di sparire in un attimo. Era un demone!
– I demoni sono spiriti incorporei, questo invece è un cadavere che non può rivelarci più nulla – scandì Eymerich – E vi siete anche fatti scappare la femmina!
– Sì Magister – ammise il balestriere, visibilmente spaventato dalla furia dell’inquisitore – però stavolta non è riuscita a dissolversi, s’è solo confusa tra la folla.
– Perché ho scoperto le loro formule, e so come invertirle. Non sono demoni, solo negromanti – si rivolse al resto delle guardie – è il momento di agire.

*  *  *

– Uno dei personaggi ha preso il controllo del ponte ologrammi? Di nuovo? – Picard si girò verso Data.
– Dev’essere diventato senziente, com’era accaduto a Moriarty – rispose l’androide.
– Come stanno Deanna e William?
– Entrambi i loro segnali vitali sono cessati – rispose Beverly, pallida – ma potrebbe essere perché l’ologramma è riuscito a schermare il ponte, interrompendo ogni comunicazione
– Ma com’è possibile che il computer gli obbedisca così? – Protestò Worf – Conoscere i codici d’accesso non basta…
Le porte s’aprirono. Eymerich marciò deciso in plancia.
Picard s’alzò e lo fissò.
– Adesso capisco – disse – William t’ha dato il mio aspetto. Una sorta di omaggio, probabilmente – aggiunse malinconico – anche per questo il computer ti riconosce come un’autorità legittima.
– Io sono l’unica autorità legittima – disse l’inquisitore, sprezzante – E sei tu che stai imitando il mio aspetto. Ma non ingannerai più nessuno.
– Suppongo che tu sia riuscito anche ad accedere ai protocolli del Dottore Olografico per riuscire a materializzarti al di fuori del ponte ologrammi.
– Ti riferisci al fatto che posso spostarmi dove voglio? Posso anche trasferire ciò che voglio. Computer, sicurezza! – Ordinò. Un paio di balestrieri si materializzarono al suo fianco, tenendo sotto tiro il resto della plancia.
– Sei stato abile – commentò Picard.
Eymerich accennò un sogghigno.
– In realtà non è stato difficile. Tutto il vostro potere non è che una ragnatela di parole. Ogni volta che uno di voi si manifestava, io ne annotavo o facevo annotare ogni frase, specialmente quelle che suonavano prive di senso. Così ho scoperto tutte le vostre formule, e come usarle contro di voi.
Picard scosse la testa.
– Credi di sapere tutto? Non hai idea di quello che non sai. Non hai idea di dove ti trovi né del danno che potresti fare se prendessi davvero il controllo di questa… unità.
– Non preoccuparti di quello che non so – rispose l’inquisitore – perché lo scoprirò. Computer! – Ordinò – Programma Quaestio Eymerich Uno. Eseguire!

Adam Nimoy e Terry Farrell al Trieste Science+Fiction | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione della proiezione di un documentario su Leonard Nimoy, alias mr. Spock di Star Trek. La proiezione avverrà il prossimo 1 novembre al Trieste Science+Fiction Festival; eccone un estratto:

Un documentario unico nel suo genere, che appassionerà i fan di Star Trek di tutto il mondo, For The Love of Spock racconta la vita di Spock e di Leonard Nimoy, l’attore che gli ha prestato il volto per quasi 50 anni. Il film, nato in origine per celebrare il 50° anniversario di Star Trek – La serie classica, dopo la scomparsa di Leonard Nimoy, nel febbraio 2015, è diventato il racconto dell’esperienza personale del figlio e regista Adam Nimoy e dei suoi rapporti con Leonard e Spock. Il film è impreziosito da materiali inediti e interviste con amici, familiari e colleghi, tra cui William Shatner, il cast della serie originale, Zachary Quinto, il nuovo equipaggio dell’astronave Enterprise e il regista J.J. Abrams.

For the Love of Spock è l’omaggio che Trieste Science+Fiction Festival ha voluto dedicare a una delle serie televisive più importanti di sempre e a Spock, la sua inconfondibile icona pop, raccontati da una prospettiva privilegiata.

Storia naturale del nerd | N I G R I C A N T E


frankensteinSul blog di Michele “DottoreInNiente” Nigro, una riflessione sul concetto di nerd applicato principalmente al capolavoro letterario romantico Frankstein. Un estratto:

Colgo la triste occasione della dipartita del mitico Gene Wilder (“Frankenstein Junior”) per parlarvi di un libro letto non molto tempo fa – “Storia naturale del nerd” di Benjamin Nugent (Isbn Edizioni) – e in particolare per soffermarmi sul capitolo intitolato Contro gli scienziati nelle torri, che a mio avviso rappresenta il punto nevralgico (o uno dei punti) della tesi di Nugent sull’eziologia del nerdismo. E per farlo l’autore attinge a piene mani dalla letteratura gotico-fantascientifica e precisamente scomoda il noto “romanzo nero” Frankenstein, o il moderno Prometeo della scrittrice britannica Mary Shelley.

Secondo Nugent, Victor Frankenstein è un proto-nerd; e infatti scrive: <<… l’antieroe è uno scienziato genialoide che finisce per sottrarsi completamente all’affetto dei suoi cari… […] rappresentando così la sua sete di conoscenza come un surrogato di un più urgente bisogno virile (“penetrare” i segreti della natura, n.d.b.). […] Ma al contrario del desiderio amoroso, il desiderio di progresso scientifico finisce per corrompere lentamente il corpo. […] La bellezza e la salute, qualità importanti per un giovane uomo che vuol essere marito e padre, vengono sacrificate alle esigenze della scienza.>>

Leggi il seguito di questo post »

Noi Marziani – Carmilla on line x


Inappuntabile disamina, da parte di Alessandra Daniele, della nostra società occidentale, civilizzata e tollerante, rivolta alle uguaglianze, il tutto con l’occhio rivolto a StarTrek. Su CarmillaOnLine.

In più d’un dialetto d’Italia, la parola “cristiano” è ancora sinonimo di “persona”, essere umano non meglio identificato. Significa letteralmente “un tizio”, ed è un modo di dire d’origine medievale che implicitamente non riconosce al diverso, allo straniero, nemmeno l’appartenenza alla stessa specie umana.
D’altronde, la parola inglese per “straniero” è “Alien”.
Se entrassimo davvero in contatto con forme di vita aliene e/o artificiali però, certo non potremmo più usare il termine “umano” come sinonimo di brava persona, sensibile e civile.
Dare dell’umano a un alieno o un androide per fargli un complimento sarebbe in realtà offensivo.
Questa che potrebbe sembrare una sofisticheria da politically-correct contemporaneo è in realtà una costante della serie classica di Star Trek, che compie cinquant’anni a settembre.
Spock giustamente s’offende quando colleghi e amici lo elogiano dandogli dell’umano, come un afroamericano avrebbe tutti i diritti di trovare estremamente insultante sentirsi dire “Sei davvero una brava persona, sembri bianco!”

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 28 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist 📌 Edizioni Underground? 📌 Edizioni Open 📌 Panesi edizioni 💬 Cartoonist 📌 SkuolaNet 📌 SeiAlTuristico 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: