HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Storia

The Roman Army from Diocletian to Zeno – Novo Scriptorium


Su NovoScriptorum un dettagliato excursus dell’esercito imperiale romano alla fine dell’evo antico. Un estratto in lingua inglese:

The fundamental problem was that four different sectors of the frontier constantly needed defending: the East, threatened by the Persian Empire, and the Lower Danube, Upper Danube, and Rhine rivers, all threatened by German tribes. Large armies under responsible commanders had to be stationed at all four trouble spots. Since the emperor could only be in one sector at a time, the generals in each of the other three had to be left an army that was large enough to repel the enemy, which unfortunately was also large enough to support a rebellion. When a general’s troops proclaimed him emperor, he would march away from the frontier, letting in the barbarians.

Diocletian worked hard to make the army less prone to rebel and better at defeating the enemy. To make the army stronger, he increased its size. Though the amount of the increase is controversial, Diocletian certainly enforced a strict system of conscription. He required soldiers’ sons to enlist, and demanded that taxpayers either produce recruits or pay for bounties to attract them. To make the army more contented and efficient, Diocletian reguralized its pay. This consisted largely of food, arms, and uniforms supplied in kind.

Perhaps most important, to give each weak point in the frontier a capable commander who would not proclaim himself emperor, by 293 Diocletian chose three trusted generals and proclaimed them emperors himself. He became senior emperor in the East, and after some shifting of responsibilities took over the eastern frontier while his junior emperor Galerius guarded the Lower Danube. In the West another senior emperor – though not quite as senior as Diocletian – held the Upper Danube with a junior emperor to hold the Rhine. Today this system of two senior and two junior emperors is often called the tetrarchy, though Diocletian considered the main division to be twofold, between East and West.

Each of the four emperors commanded the soldiers in his sector, most of whom were stationed along the frontiers. Diocletian grouped them into a chain of regional commands under dukes (duces), who were independent of the provincial governors and sometimes defended two or three small provinces. The dukes commanded forces of infantry legions and other cavalry and infantry units, and the dukes along the river frontiers had fleets. The emperors, who also kept small mobile reserves wherever they were, mustered the dukes’ troops when they were needed for campaigns.

Il culto di Mithra nella Commagene | Studia Humanitatis – παιδεία


Su StudiaHumanitas una ricerca molto approfondita sulle origini del culto di Mithra dalla parti siriane intorno al I sec. d.C. – un estratto:

Per comprendere appieno il testo di Plutarco, afferma Francis, bisogna tenere presente che con il termine teletai Plutarco intende riferirsi non alle origini dei misteri, bensì a un contesto del tutto tradizionale. Francis pensa che le teletai (riti, cerimonie di iniziazione) siano da interpretare come una sorta di patto di protezione: avremmo così un’allusione all’adozione da parte dei pirati di una religion of robbers, un culto di banditi che, nella versione romana, diverrà poi un culto di soldati. Questo culto di banditi si sarebbe fondato sopra un patto di fratellanza, posto sotto la protezione di Mithra. E si può ipotizzare che questi banditi stringessero il loro patto nel profondo delle grotte. Le cerimonie del patto dei banditi sarebbero evidentemente riservate agli uomini: le donne ne sono escluse. Il culto mitraico dei pirati sarebbe stato, dunque, segnato dal rispetto di un patto stretto per combattere in vista della vittoria. Quando Roma adotterà i misteri di Mithra, questi riti di iniziazione si modificheranno profondamente.

Dopo aver analizzato la notizia di Plutarco, Vermaseren si rivolge allo storico Appiano, il quale ci informa, nel II secolo d.C., che furono i sopravvissuti dell’esercito sconfitto del re Mitridate Eupatore a iniziare i pirati ai misteri. Mitridate VI Eupatore, re del Ponto (111-63 a.C.), nell’88 ordinò il massacro di tutti i Romani d’Asia. Nel 66 fu definitivamente sconfitto da Pompeo sull’Eufrate. Mitridate, come indica chiaramente il suo nome, era un fedele di Mithra. Come i suoi predecessori, aveva accolto nel suo esercito soldati provenienti da ogni parte dell’Asia.

In Cilicia, la montuosa patria dei pirati, esistono diversi monumenti dedicati a Mithra. Ad Anazarba è stato scoperto recentemente un altare dedicato a Mithra da un certo M. Aurelio, sacerdote e padre di Zeus-Helios-Mithra. Il dio era venerato anche a Tarso, la capitale, come provano alcune monete dell’imperatore Gordiano III che portano l’effigie dell’uccisore del toro.

I pirati, ai quali a volte si erano uniti personaggi importanti, veneravano Mithra nella loro comunità. Soltanto gli uomini erano ammessi al culto. È dunque probabile che, dopo la loro disfatta, i pirati abbiano portato Mithra in Italia quando Pompeo ve li trasferì.

Secondo Vermaseren, a Roma non abbiamo alcun monumento relativo a Mithra prima della fine del I secolo d.C. Soltanto alla fine del I secolo della nostra era Mithra comincia la sua marcia trionfale nell’Impero romano.

Questo primo paragrafo ci ha consentito di porre in modo chiaro il problema del Mithra ellenistico. All’inizio del secolo Cumont scriveva: «Si può affermare in generale che Mithra è sempre rimasto escluso dal mondo ellenistico». Oggi questa affermazione va presa con molta cautela, in particolare dopo le importanti scoperte della Commagene. Dobbiamo spingere più a fondo le nostre indagini e chiederci soprattutto se i documenti archeologici ed epigrafici della Commagene ci forniscono elementi capaci di documentare il passaggio dal culto regale di quella regione al culto misterico dell’Impero romano.

Alaric the ambitious; Stilicho the tactician; Honorius and Arcadius the incapable


Su NovaScriptorum un dettagliato cronologico e storico degli ultimi anni dell’Impero Romano d’Occidente, con i suoi personaggi perlopiù inabili al comando e con l’arrembante irruenza dei re barbari. Un estratto (in inglese).

The Goths spread desolation in Thrace and Macedonia and advanced close to the walls of Constantinople. The government of Arcadius had no troops sufficient to take the field against them. The legions of the field army that were usually stationed in the neighbourhood of the capital had accompanied Theodosius to the west when he had marched against the rebel Eugenius, and had not yet returned. Stilicho, however, was already preparing to lead them back in person. He considered that his own presence in the east was necessary; for besides the need of dealing with barbarians, there was a political question in which he was deeply interested touching the territorial division of the Empire between its two sovrans. It is not possible to understand the history of the following years without having the importance of this question constantly in mind – it is the question of Illyricum.

The Prefecture of Illyricum had been before the reign of Theodosius the Great subject to the ruler of the west. It included Greece and the central Balkan lands of the Danube. The only part of the peninsula governed from Constantinople was Thrace. But under Theodosius the Great the Prefecture was transferred from the west to the east, and the new line of division between the two halves of the Empire was a line running from Belgrade westward along the river save and then turning southward along the river Drina and reaching the coast of the Adriatic at a point near Scutari. It was assumed at Constantinople that this arrangement would remain in force and that the prefecture would remain under the control of the eastern government. But Stilicho declared that it was the will of Theodosius that his sons should revert to the older arrangement, and that the authority of Honorius should extend to the borders of Thrace, so that only the Prefecture of the East should be left to Arcadius. Whether his assertion was true or not, his policy meant that the western realm, in which he himself was unquestionably supreme, should have marked predominance over the eastern section of the Empire.

To change the division of Illyricum at the expense of the east was a political aim of which Stilicho never lost sight, and it is the clue to his career after the death of his master. The importance of Illyricum did not lie in its revenues, but in its men. From the third to the sixth century the most useful troops in the imperial army were recruited from the highlands of Illyricum and Thrace. It may well have seemed that a partition assigning the whole of the great recruiting ground to the east was unfair to the west. Events proved that the legions at Stilicho’s disposal were quite inadequate to the defense of the west, and therefore it was not unnatural that he should have aimed at bringing the western lands of the Balkan peninsula back under the rule of the western government.

Connections between the Eastern Roman (‘Byzantine’) Empire and China during the reign of Justinian I (527-565 AD) – Novo Scriptorium


NovoScriptorium è un blog molto, molto interessante; al suo interno potrete trovare, in lingua inglese, molte notizie storiche spesso riguardanti il mondo bizantino o, in generale, sull’epoca romana e greca. In questo caso l’approfondimento è sul rapporto tra impero cinese e quello romano orientale al tempo di Giustiniano I. Un estratto:

In 558 AD, Justinian first met the Avars, who were heavily armed mounted warriors who utilized an important Chinese invention, the stirrup. The Turks, who would later conquer the Roman Empire nearly a millennium after Justinian, allied during Justinian’s reign with the Persians against the Ephthalites (“White Huns”) of Central Asia. The conquest of the Ephthalites allowed the Sogdians (in modern Tajikistan), a long-time intermediary between Rome and China, to reopen their trade along the Silk Road. Justinian’s successor, Justin II, received an embassy from Sogdia to negotiate an alliance between the Romans, Sogdians, and the Turks against the Avars to reconnect Sogdian merchants with the Roman Empire in an attempt to bypass the Persians in the trade with China.

Although Justin II did not make the alliance, the negotiations illustrate the complex political conditions that existed throughout the lands between the Roman Empire and China. All of this political maneuvering was probably worth it to Justinian because of the value of silk, the primary commodity traded between the Roman Empire and China.

The silk trade was important and unique in that silk products were both imported and exported. Roman merchants imported raw silk from China through intermediaries. Then, Roman workshops modified the raw silk by dying it, often with the purple dye of the nobility, and adding gold embroidery and other embellishments. These modified silks were then released for export, providing substantial revenue from customs duties and stimulating the flow of foreign gold into the Empire. Ironically, these modified silks became a hot commodity in China, completing their round-trip journey through the Roman Empire and creating a very lucrative business for the Romans.

Scorci di vita bizantina – NovoScriptorum


Due bellissimi post in lingua inglese che raccontano il mondo bizantino visto in specifici argomenti: giochi sportivi e l’influenza femminile nel potere imperiale.

From the fourth century A.D. until the fall of Constantinople in 1453, the people of the Byzantine or Eastern Roman Empire participated in a wide range of sports and physical recreations. Most of these activities were inherited from Greek and Roman civilizations, or were introduced through contacts with Asia Minor and Crusading Europe. Some sport forms disappeared after a few centuries, while others remained a part of the sporting culture during most of the lifetime of this civilization. However, in spite of the longevity of the Byzantine Empire, and the importance attached to sport by its inhabitants, little has been written about that period in sport history references. Much of the information that is available gives the impression that sport in Byzantium consisted of nothing more that Roman activities transplanted to the shore of the Bosporus, while other sources simply refer to Byzantium in sections devoted to the final period of Greek athletics. This paper attempts to alter that situation by presenting a fuller description and interpretation of this topic, for close study reveals a period of sport history that was uniquely Byzantine— one that warrants more attention than it is usually given.

The Byzantine noble women were burning with anxieties and were passionately pursuing to participate in political chess, to excel in letters and to spread the culture of Byzantium.
The life of a great woman of Byzantium, princess Anna Komnena the Porphyrogenita, is indicative of this passion for power and education. Her touching death encapsulates a life full of tension and intense contradictions: Anna was a revolutionary female for her time. To achieve her goals she did not use female “weapons” (charm, cunning), but purely male “means” (power, boldness, perseverance). She may have been the first feminist in human chronicles.

L’antica Roma era una città di immigrati, lo certifica il Dna – Repubblica.it


Con buona pace di tutti coloro che pensano che gli Italiano, i Romani e le etnie antiche dell’Italia fossero ben definite e pure. Da Repubblica.

L’Antica Roma era una città di immigrati, come New York: è stata fin dalle origini un crocevia di civiltà, con etnie anatoliche, iraniane e ucraine, rintracciate nel profilo genetico dei suoi primi abitanti, grazie all’analisi del DNA da 29 siti archeologici, che ha permesso di ricostruire 12.000 anni di migrazioni. La scoperta, a cui la rivista Science dedica la copertina, si deve al gruppo internazionale coordinato da Alfredo Coppa, antropologo fisico dell’università Sapienza di Roma, Ron Pinhasi, antropologo dell’università di Vienna, e da Jonathan Pritchard, genetista e biologo dell’università americana di Stanford. Grandissima la partecipazione italiana, con numerose università, Soprintendenze archeologiche e ministero dei Beni Culturali.

Su LA STAMPA-TUTTOLIBRI Valerio Evangelisti racconta la genesi di 1849. I GUERRIERI DELLA LIBERTA’ – Eymerich.com


Sul sito di Valerio Evangelisti la genesi del suo nuovo romanzo I guerrieri della libertà, narrazione storica della Repubblica Romana del 1849. Ed è una continua sorpresa…

Mazzini, Saffi, Armellini. Questi tre cognomi erano tutto ciò che mi era rimasto in mente, della repubblica romana del 1849, dopo il liceo. Nient’altro: un episodio minore del risorgimento. Ma del risorgimento stesso, cosa ricordavo? La spedizione dei Mille, certo, le guerre di indipendenza, la presa di Porta Pia. Pochissimo altro.

Succede, nel 2008, che l’amico Antonio Moresco mi faccia una proposta. Ha scritto un racconto che tratta delle Cinque giornate di Milano. Se io facessi la stessa cosa, su un altro episodio risorgimentale coevo, potremmo farne un libriccino firmato da entrambi. Accetto alla cieca, e mi metto alla ricerca del possibile tema. Mi tornano alla memoria Mazzini-Saffi-Armellini. Sì, mi occuperò della repubblica romana. Anche per colmare le lacune personali sull’evento.

Ne nasce il racconto La controinsurrezione (mentre quello di Moresco, diversissimo, si intitola L’insurrezione). Leggo una serie, molto incompleta, di saggi sull’argomento, e mi accorgo di due cose. Malgrado la brevità nel tempo, l’episodio è di grande rilievo nella storia italiana. Questo è riconosciuto dalla totalità degli studiosi, senza eccezione. Tuttavia, per quanto parlino di un’ampia partecipazione popolare, gli autori finiscono immancabilmente per concentrarsi sulle figure più note (Mazzini, Garibaldi, Mameli, Pisacane, Cristina di Belgioioso, ecc.), mentre del “popolo”, fatta eccezione per il famoso Ciceruacchio, o non c’è traccia o è molto pallida.

Anche il mio racconto, documentato frettolosamente, ha la stessa carenza. Cado anzi in un paradossale equivoco. Inserisco tra i personaggi, per dare vivacità alla vicenda, tale Babette di Interlaken, la “vergine comunista” fumatrice e cospiratrice, calata a Roma dalla Svizzera anticattolica per volgere la rivoluzione in senso egualitario. L’avevo scovata nell’Almanacco Bompiani 1972, a cura di Umberto Eco e Cesare Sughi. Era presa dal romanzo L’ebreo di Verona, del gesuita reazionario Antonio Bresciani.

La credo realmente esistita (Bresciani spesso deforma fatti reali) e la metto nel mio racconto. L’anno successivo, la “vergine comunista” riappare ne Il cimitero di Praga di Umberto Eco. Anzi, Eco riproduce quasi fedelmente intere pagine de L’ebreo di Verona. Peccato che la terribile Babette non sia mai esistita. Era l’invenzione di un gesuita codino che, alla ricerca di mostri libertari fasulli, quando non li trovava li immaginava.

La “vergine comunista” mi era servita per introdurre nella repubblica romana quel “popolo” evocato ma non descritto nei libri di storia (una donna, per di più). Inoltre alludeva a istanze sociali che, seguendo solo le azioni di Mazzini e altri capi rivoluzionari, risultavano assenti o molto pallide. Eppure Pio IX, ben prima di fuggire da Roma, aveva espresso furenti anatemi contro il socialismo e il disumano comunismo. Si riferiva solo al 1848 francese? Cercava di esorcizzare fantasmi?

Presi come una sfida la scoperta di un “popolo” nella rivoluzione romana del 1849, e decisi, prima ancora di averla accertata, di scriverci sopra un romanzo. Volevo, come nel mio Il sole dell’avvenire, mettere in scena personaggi umili, che partecipassero agli eventi cercando di capirli, ma non in grado di dirigerli. Lontanissimi dagli eroi, dai comandanti, dai politici, per quanto testimoni del loro operato.

La Nuova Verde

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

Be Different...Be Free !!

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Scrittore horror (per non dire orrido scribacchino)

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: