HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Surrealismo

La Collezione Peggy Guggenheim presenta “Surrealismo e magia. La modernità incantata” | HorrorMagazine


Su HorrorMagazine la segnalazione di una Mostra dedicata al Surrealismo: Surrealismo e magia. La modernità incantata. L’evento sarà fruibile dall’8 maggio al 13 settembre 2021 a Venezia, presso gli spazi museali della Collezione Peggy Guggenheim.

Con circa sessanta opere provenienti da prestigiosi musei internazionali, si tratta della prima grande mostra interamente dedicata all’interesse nutrito dai surrealisti per la magia, la mitologia e l’esoterismo. Da un punto di vista cronologico, l’esposizione spazia dalla pittura metafisica di Giorgio de Chirico, datata intorno al 1915, all’iconico dipinto di Max Ernst, La vestizione della sposa, del 1940, all’immaginario occulto delle ultime opere di Leonora Carrington e Remedios Varo.
Con il Manifesto del Surrealismo, pubblicato nell’ottobre del 1924, lo scrittore francese André Breton fondò un movimento letterario e artistico che di lì a poco sarebbe diventato la principale avanguardia dell’epoca. Aspetto fondante del Surrealismo è il riorientare l’interesse verso il mondo del sogno, dell’inconscio e dell’irrazionale. Numerosi artisti di ambito surrealista guardano inoltre alla magia come a una forma di discorso poetico e filosofico, legato a un sapere arcano e a processi di emancipazione personale. Nelle loro opere, i surrealisti attingono a piene mani alla simbologia esoterica e alimentano la tipica nozione dell’artista come alchimista, mago o visionario. Il ruolo fondamentale svolto dalla magia in ambito surrealista è stato ampiamente riconosciuto e studiato nel corso degli ultimi due decenni.

China Miéville, nuovo romanzo e nuova offerta | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione del nuovo romanzo di China Miéville, in uscita per Fanucci: Gli ultimi giorni della nuova Parigi. Intrigante la trama, e come non potrebbe esserlo?

1941. A Marsiglia nel caos della guerra, l’ingegnere americano e discepolo occulto Jack Parsons cerca di catturare e incanalare il potere immaginativo dei surrealisti, al fine di sconfiggere il Reich. Il suo esperimento cambierà il corso della guerra – e il volto della città – per sempre.

1950. Il surrealista Thibaut, cammina per le vie di una nuova e allucinogena Parigi, dove i nazisti e la Resistenza sono intrappolati in un conflitto senza fine, e dove le strade sono infestate da immagini e testi viventi – e dalle forze dell’inferno. Per fuggire dalla città, Thibaut dovrà unire le forze con Sam, un fotografo americano intento a documentare le atrocità del conflitto. Ma quando Sam viene cacciato, emergeranno nuovi e inquietanti segreti che metteranno alla prova tutte le loro convinzioni sulla lealtà dell’uno verso l’altro, sulla vecchia e la nuova Parigi, e sulla realtà stessa che li circonda.

Un thriller su una guerra che non c’è mai stata, la sopravvivenza in una città impossibile, un surreale cataclisma. Ne Gli ultimi giorni della nuova Parigi, China Miéville intreccia eventi e personaggi storici con maestria e ingegno, riscrivendo la Storia e l’arte.

Nell’articolo inoltre c’è il dettaglio dell’offertona che Fanucci sta facendo sugli altri lavori dell’autore, cose tipo ebook a 0.99€. Fateci rapidamente un pensiero 😉

Salvador Dalí. La ricerca dell’immortalità | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la recensione del documentario Salvador Dalí. La ricerca dell’immortalità, di David Pujol. Un tale artista, probabilmente uno dei due o tre più grandi artisti del secolo scorso, capace di gettare la sua possente ombra anche in questi Duemila, non poteva passare inosservato al Cinema documentaristico. Un estratto:

Salvador Dalí. La ricerca dell’immortalità segue un percorso diverso da quello che ci si aspetterebbe; complice la partecipazione di Jordi Artigas, coordinatore delle Case Museo Dalí, e di Montse Aguer Teixidor, direttrice del Museo Dalí, il documentario verte irrimediabilmente verso una prospettiva locale, concentrandosi in maniera quasi feticista sulle aree di influenza dei due direttori: Portlligat e Figueres. Questa mossa evidentemente auto-promozionale si macchia di immense e pesanti omissioni, offrendo però in riscatto un’immagine intima e umana di Dalí, un’analisi che esplora a fondo il suo rapporto con la famiglia di origine e il simbiotico legame con la sua storica compagna e musa, Gala.

Jemh Circs – (untitled) Kingdom | Neural


[Letto su Neural]

Nuova uscita per Marc Richte – noto anche come Jemh Circs ma meglio conosciuto come Black To Comm – che pubblica questo suo secondo album sempre ad Amburgo, sull’etichetta di casa, la Cellule 75. Sono ben ventiquattro le tracce stavolta – una sola supera i quattro minuti – e l’effetto sembra essere quello d’un collage sensibilissimo, a tratti anche aspro, ricco di frammenti auditivi, scorie e memorie accumulatesi nel tempo. Richte tiene a sottolineare quanto il risultato delle manipolazioni sia frutto d’un rimestio tutto digitale, fatto di decostruzioni e campionamenti – seppure ad un primo ascolto poco trapeli di questa progettualità – che ha origine in sequenze alquanto banali di pop contemporaneo, fonti “catturate” da YouTube o da altre piattaforme commerciali di diffusione e promozione musicale. La sensazione è che i contenuti “plagiaristi” dell’opera siano stati molto limati, a evitare che scansioni e raccordi siano riconoscibili. Non è quel tipo d’approccio, insomma, nel quale è manifesta l’arte dell’inglobare elementi atti a irretire l’ascoltatore e a stimolarne le capacità di analisi e riconoscimento delle citazioni. Più che al post-punk o all’energia space-primitivista delle seminali stagioni cyber a noi sono venuti in mente per assonanza i cadavre exquis del surrealismo, qui nelle forme di casuali parti auditive, manipolate e poi disposte ad arte grazie ad un lavoro di editing piuttosto certosino, utilizzando anche pattern meno sintetici e field recording. Alle sequenze opportunamente stirate o liquide sono spesso sovrapposte ritmiche fratturate e innesti quali sciabolate, riverberi, echi, effetti d’ogni specie e intensità. Nella confusione opportunamente modulata si combinano ad arte suggestioni e suoni differenti, che solo grazie a un lavoro d’artigianato digitale – e certo non per magia – riescono a rendere il senso d’un lavoro coerente seppure risolto in forme di differente natura e provenienza. Jemh Circs è assai abile nel fondere in un tutt’uno concetti, sonorità e atmosfere, anche se allo scopo è costretto a spezzettare la narrazione in più quadri, a volte anche divergenti come impostazione ma che assieme riflettono costanza compositiva, un gusto personale non comune e il controllo anche di costrutti non consueti, solo apparentemente spiazzanti. Sono tanti piccoli pezzi, che qualcuno definirebbe inutili, quelli che lo sperimentatore tedesco mette assieme, perdendosi volutamente nelle illimitate possibilità combinatorie ma anche operando coinvolgenti alchimie ritmiche e armoniche di grande qualità e spessore musicale.

La donna surrealista | L’indiscreto


Un lungo trattato sul ruolo femminile al tempo del Surrealismo. Su L’indiscreto.

Negli anni ’20 le donne iniziano a lottare per i propri diritti. Breton e il circolo dei surrealisti si trovano in una posizione scomoda perché se per la carica rivoluzionaria che caratterizza il movimento vogliono sostenere l’affermazione sociale della donna, di fatto il cuore della poetica surrealista affonda le radici nella rappresentazione bipolare del femminile di matrice romantico-simbolista.

La donna, protagonista della poetica bretoniana, è più «un’immagine di bellezza tremolante all’ombra di sogni e immaginazione» che un eroina sociale o politica. Delle donne, spiega ancora Chadwick «si esaltava la bellezza, l’immaginazione fertile e sovversiva, la capacità di indurre nei loro uomini un amore “folle”»; soprattutto la follia e l’infantilismo, vengono sempre considerati aspetti fondanti l’identità femminile descritta dai surrealisti.

Roeiers-800


Si rema sull’indefinito, sempre e ovunque.

PINK FLOYD, DALÌ & DISNEY | PinkFloydItalia


Ho già parlato del video di Salvador Dalì e Walt Disney su cui Time dei Floyd si adatta perfettamente; segnalo ora il post di PinkFloydItalia che posta lo stesso video e che, però, aggiunge altre note e considerazioni. Concordo davvero su ogni cosa detta, mi pare che la creatività surreale ed empatica dei Floyd sia qualcosa di davvero eccezionale e unico nel panorama musicale mondiale.

…si adatta perfettamente alle atmosfere create ben 28 anni prima dell’uscita del brano. Le “connessioni” con il mondo “Pinkfloydiano” sono molteplici: orologi (Time), piramidi (Dark Side..), facce contrapposte (The Division Bell), e questo video conferma una volta di più come la musica dei Pink Floyd sia facilmente adattabile a molti video, senza dimenticarsi delle ormai famose connessioni tra The Dark Side Of The Moon ed Il Mago di Oz e Echoes con 2001: Odissea nello Spazio. A questo link invece c’è la versione originale, con la musica scritta per la versione del 1945 dal compositore messicano Armando Dominguez ed interpretata da Dora Luz.

L’anno di Magritte | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine un bell’articolo che ricorda il cinquantenario della scomparsa di Magritte:

Il 2017 è il cinquantesimo anno dalla morte di un grandissimo artista: René Magritte. Se lo dobbiamo definire come esponente di una corrente artistica possiamo dire che è surrealista, ma lui ha dato un grosso contributo (insieme certo a Marcel Duchamp, fra gli altri) all’arte concettuale. Il suo surrealismo ha una particolare connotazione: mentre gli altri spingono sulla leva dell’eccesso, del non sense, Magritte gioca con gli scivolamenti semantici soprattutto in ambito visivo e linguistico, sulla contraddizione fra immagine e significato, su ciò che noi per abitudine diamo per assodato e che con un ribaltamento può non essere così scontato. Il famosissimo dipinto “Ceci n’est pas un pipe” è solo un esempio emblematico della poetica dell’artista e forse il più accessibile. Ma ci sono inquietanti opere che ribaltano le nostre certezze, alzando i veli di verità, che noi crediamo rivelate e che potrebbero essere non così assolute.
Per omaggiare l’artista i Musei Reali delle Belle Arti del Belgio, La Fondazione Magritte, le Edizioni WPG Belgio, la cittadina di Knokke-Heist e il monumento simbolo di Bruxelles, l’Atomium, hanno creato un marchio comune, l’Anno di Magritte, che promuoverà tanti eventi sotto la propria egida.

Il calendario è fitto, ricco di sfumature e inventiva che rivaleggiano con la creatività dello stesso artista; mi viene da fare un triste paragone con i 2000 anni dalla morte di Augusto, passati nel 2014 senza un vero e proprio evento che lo ricordasse degnamente: all’estero sembrano davvero intendersi di Cultura e Storia, eh sì…

La papessa del diavolo ∂ Fantascienza.com


Fantascienza.com ci segnala l’uscita di una riedizione de La papessa del diavolo, opera scritta – pare – da due surrealisti: Ernest Gengenbac, ex religioso e scrittore surrealista, e Robert Desnos, poeta, giornalista e uno dei fondatori del Surrealismo. Gli pseudonimi usati sono: Jehan Sylvius e Pierre De Ruynes. La quarta:

“L’epoca moderna ha fatto il suo tempo. L’indole stereotipata dei gesti, degli atti, delle menzogne dell’Europa sta a dimostrare che il tempo del disgusto si è concluso. Spetta ai Mongoli ora accamparsi sulle nostre piazze”. Così recita un Manifesto surrealista del 1925, e su questa profezia si basa La Papessa del Diavolo, pubblicato per la prima volta a Parigi nel 1931. È la storia apocalittica e divertita, ma non per questo meno inquietante, della fine della civiltà per mano di un’Arcimaga babilonese e, alle sue spalle, dell’Arcangelo Nero che ordisce la fine dei tempi.

Tra torture e massacri, erotismo saffico e humor nero si dipana un delirio estremamente metodico, un’orgia iconoclasta che mescola il triviale con il poetico, sotto il segno della distruzione totale. L’origine stessa di questo romanzo di magia, amore e morte è ancora avvolta nel mistero.

Nel post sono riportati poi altri passi, eloquenti, che riporto sotto:

Nel romanzo si narra come, nell’anno 19…, tutti i paesi dell’Occidente verranno conquistati da un Oriente oscuro e crudele. La Chiesa Cattolica ha finito il suo ruolo e il Papa sarà crocifisso a Parigi sulla Torre Eiffel. Al comando di queste orde barbare c’è una donna bellissima e crudele, lesbica e diabolica, una arcimaga comandata da una sorta di Angelo Nero, forse un alieno con doti telepatiche.

Riportiamo quanto fu scritto nella quarta della prima edizione: “Nata dall’incontro insospettabile tra un cultore di messe nere e demonismo e un poeta surrealista che si nasconde dietro il magico pseudonimo di Pierre de Ruynes, questa Apocalisse frenetica risponde al desiderio di morte della marcia cultura occidentale a favore della nuova barbarie: « Vedremo infine i Mongoli, — scrivono nel 1925 in un manifesto Breton e Eluard, Artand e Ernst, Crevel e Aragon, — accamparsi sulle nostre piazze».

Gilles Ivain :: Formulario per un nuovo urbanismo | Maldoror Press


Sul Situazionismo anarchico e surrealista. Da MaldororPress.

“In città, senza più tempio del sole, noi ci annoiamo. Tra le gambe delle passanti i dadaisti avrebbero voluto trovare una chiave a stella e i surrealisti una coppa di cristallo, tutto questo è perduto. Sappiamo leggere sui volti ogni promessa, ultimo stadio della morfologia. La poesia dei manifesti è durata vent’anni. Ci annoiamo in città, bisogna faticare molto per scoprire ancora dei misteri sui cartelli della pubblica via, ultimo stadio dell’umorismo e della poesia (…). Noi lasciamo a Le Corbusier il suo stile, così adatto a fabbriche ed ospedali, come pure alle prigioni del futuro: in fondo non costruisce già delle chiese? Non so quale risentimento abita quest’individuo – brutto di viso e ripugnante nelle sue concezioni del mondo – per voler schiacciare l’uomo sotto ignobili masse di cemento armato, questa nobile materia che dovrebbe consentire un’articolazione aerea dello spazio, superiore al gotico fiammeggiante. Il suo potere di rincretinimento è immenso. Un progetto di Le Corbusier è l’unica immagine che evoca in me l’idea di un suicidio immediato. Sparirebbe per colpa sua ciò che resta della gioia. E dell’amore – della passione – della libertà. (…) Una malattia mentale ha invaso il pianeta: la banalizzazione. Tutti sono ipnotizzati dalla produzione e dal comfort – fognature, ascensori, stanze da bagno, lavatrici. Questo stato di fatto, che ha avuto origine dalla protesta contro la miseria, supera il suo lontano fine – la liberazione dell’uomo dalle preoccupazioni materiali – per divenire nell’immediato un’immagine ossessionante. Tra l’amore e lo svuota-rifiuti automatico la gioventù di tutti i paesi ha scelto e preferisce lo svuota-rifiuti. Un totale cambiamento di rotta dello spirito diviene indispensabile, tramite la messa in evidenza dei desideri dimenticati e la creazione di desideri completamente nuovi. (…)”

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

J. Iobiz

Scrittore. In realtà, sono solo un personaggio di fantasia, ma di quale fantasia non ricordo più

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

Mágica Mistura✨

Uma mistura mágica de poesia, imagens, música, citações, atualidades e velharias do Brasil e do mundo,sempre com um toque de inconformismo ...

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Television, and Music Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

corruptio pessima optimi

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana sul cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Astro Orientamenti

Ri orientarsi: alla ricerca del nostro baricentro interiore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: