HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Urania

Impero Connettivo: A sort of homecoming | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione dell’uscita di una mia nuova puntata per l’Impero Connettivo: A sort of homecoming, racconto edito nella collana L’orlo dell’Impero per i tipi di DelosDigital. La copertina, come sempre, è di Ksenja Laginja.

In un indeterminato momento dell’Impero Connettivo, in antitesi a qualsiasi incoerenza temporale, il plenipotenziario postumano Sillax si reca sul pianeta Turiya e atterra nello sconfinato deserto di Sommaria. Lo scopo del viaggio è medico, ma la successione degli eventi diviene caotica e il processo medico cui si sottoporrà il postumano sarà istoriato di volti e azioni propri del caos quantico; la lady che tempesta le sue visioni renderà migliore il suo ringiovanimento quantico?

L’ebook è acquistabile a 1,99€ sul DelosStore e sugli altri store online.

Cover reveal di “A sort of Homecoming”, @L’orlo dell’Impero, DelosDigital


Questa è la cover di Ksenja Laginja per “A sort of Homecoming”, prossima mia pubblicazione in uscita per DelosDigital, collana L’orlo dell’Impero; il racconto esordì pochi anni fa sul primo MilleMondi di Urania, StraniMondi.
A presto per la news ufficiale!

La bussola galattica di Alastair Reynolds | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la notizia del Jumbo Urania di questo mese, che è dedicato a un bel gruzzolo di racconti mai tradotti prima di Alastair Reynolds, tutti appartenenti al ciclo della “Rivelazione” – scusate se sbavo. Ecco i dettagli:

La data di nascita del ciclo detto Revelation Space è il 2000, anno in cui venne pubblicato il primo romanzo della serie, il cui titolo diede il nome all’immenso scenario immaginato da Alastair Reynolds. Da allora sono stati pubblicate in tutto 23 tra racconti e romanzi, una cifra notevole che copre il periodo dal 2205 (La grande muraglia di Marte Great Wall of Mars, 2000) al 2858 (Inhibitor Phase, 2021), raccontando la storia umana (ma anche aliena)  in questo lungo periodo. Una buona parte di questo ciclo è stata pubblicata in Italia, con Galactic north Mondadori aggiunge otto opere a quanto pubblicato sinora, circa un terzo del totale del ciclo. In definitiva il numero 38 di Urania Jumbo è un regalo graditissimo per i numerosi estimatori dell’autore britannico e una buona occasione per chi non ha ancora letto nulla di questo imponente ciclo.

“Ho raccolto in questo libro otto storie, tutte appartenenti allo stesso scenario. Ho scritto altri due racconti lunghi e quattro romanzi ambientati nello stesso universo, e ho progetti per altri racconti e altri libri. Avrete ormai capito che mi piacciono le storie del futuro…” (Alastair Reynolds)

Sulle pagine di Urania Jumbo arrivano otto novelle (tra racconti lunghi e romanzi brevi) che abbracciano l’intero sviluppo cronologico della saga Revelation Space, oltre ai suoi temi e personaggi principali.
Apre il volume la nascita dei Conjoiner (gli umani con una mente collettiva “alveare”), tra le persecuzioni e la natura della Transilluminazione con “La Grande Muraglia di Marte”, per poi passare alla scoperta di nuovi mondi e di nuove forme di intelligenza aliene in “Glaciale”, mentre protagonisti di “Una spia su Europa” sono la società Demarchista, l’ingegneria genetica e la nascita dei Denizen. Nella quarta storia, “Brezza”, sfrecciamo per la galassia grazie al sistema di volo stellare degli sfioraluce, il segreto dei motori Conjoiner e la cultura degli Ultra, cyborg umani adattati alla vita spaziale, mentre in “Sonno dilatato” ci aspettano le conseguenze della Peste Destrutturante e della sospensione criogenica. La rovina della società della Città del Cratere su Sky’s Edge e il rapporto fra umano e non-umano sono al centro della sesta storia, “Il bestiario di Grafenwalder”.
In “Nightingale” scopriremo cosa è successo in seguito alla guerra tra Nordisti e Sudisti, i crimini contro l’umanità e il ruolo delle Intelligenze Artificiali, e infine partiremo per un viaggio che abbraccia i millenni e i confini della Galassia, fra pirati spaziali, ipermaiali, Nidificatori, Giocolieri Mentali all’ombra della minaccia dei sinistri Inibitori nella novella finale, che dà il nome alla raccolta: “Galactic North”.

In questo volume incontrerete (o ritroverete) i personaggi più amati dell’universo di Reynolds, come Nevil Clavain, Galiana, Felka e Remontoire, e le ambientazioni più iconiche e spettacolari, come Marte, Europa, Yellowstone e la Cintura della Ruggine.

Ecco cosa racconta il traduttore, Beppe Roncari: Per chi ancora non ci si è immerso, “Galactic North” costituisce un perfetto punto di accesso all’Universo Rivelazione di Alastair Reynolds, e un magnifico compendio di storie nuove per chi è già appassionato a questo scenario.

Ritorna la Lavanderia, e questa volta è Apocalisse | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione di uno degli Urania di questo mese: Codice Apocalisse, di Charles Stross, ennesimo capitolo del ciclo della “Lavanderia” in cui l’autore mescola sapientemente il pantheon di Lovecraft e la Science Fiction più estrema. La quarta:

Nietzsche aveva ragione: se fissi troppo a lungo l’abisso, l’abisso scruta dentro di te…    … e probabilmente ti trova croccante e gustoso, con del ketchup e un po’ di condimento a parte.
Nuova missione, nuova apocalisse! Bob Howard, hacker e demonologo, è lanciato nella carriera all’interno della Lavanderia, l’agenzia segreta britannica incaricata di “ripulire” il regno di Sua Maestà dalla feccia del multiverso, orrori cosmici inclusi.
Dopo essersi distinto in eclatanti imprese eroiche ed essere scampato per un soffio a morti orribili, Bob scala ulteriormente l’organigramma e viene arruolato all’interno di un ramo ancora più segreto dell’organizzazione, per  indagare su una situazione delicata che rischia di esplodere da un momento all’altro. Negli ultimi tempi infatti Ray Schiller, un tele-predicatore americano della Pastorale della Promessa D’Oro, si sta avvicinando in modo pericoloso al Primo Ministro inglese, e le sue mire, seppur poco chiare, non promettono niente di buono.
Il reverendo, che vanta la capacità di guarire miracolosamente i malati e un ampio bacino di fedeli pronti a tutto, ha fondato una mega-chiesa tra le montagne del Colorado. È proprio lì che avrà inizio l’indagine di Bob. Ma gli agenti freelance che lo affiancheranno nella missione, Persefone Hazard e il suo assistente Johnny McTavish, non certo sono tipi che vanno per il sottile. Starà proprio a Bob cercare di evitare che i colleghi scatenino un incidente internazionale!
Presto i nostri eroi saranno sommersi da problemi di tutt’altra portata quando, scavando a fondo nella vicenda, scoveranno minacce tanto oscure e orrorifiche da far impallidire qualunque altra preoccupazione.
Urania chiude questo anno scoppiettante con una storia della serie della Lavanderia che unisce il meglio della spy story, indicibili orrori lovecraftiani e… un pizzico di humour irriverente!

L’ultima avventura di Eymerich è in edicola | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione dell’Urania di questo mese, che è Il fantasma di Eymerich, ultimo libro della saga dell’inquisitore scritto da Valerio Evangelisti pochi anni fa. Come sempre per Valerio, è un titolo da urlo.

Il fantasma di Eymerich è l’ultimo romanzo dedicato da Valerio Evangelisti allo spietato inquisitore del XIV secolo, sia in senso cronologico (gli avvenimenti si svolgono nel 1378) sia in ordine di pubblicazione, avvenuta la prima volta nel 2018.

Sfuggito al carcere in cui l’aveva fatto imprigionare il re d’Aragona, Nicolas Eymerich si reca a Roma, dove Gregorio XI ha riportato la sede papale dopo un esilio durato settant’anni. Tutto il tempo per permettere a un oscuro culto pagano di tornare in auge nell’antica capitale dell’impero, estendendo i suoi tentacoli persino tra i principi della Chiesa. E questa volta, il nemico che Eymerich dovrà affrontare, sarà qualcuno davvero alla sua altezza.
Nel frattempo, nel futuro, tra gli scontri di un devastante conflitto mondiale, lo scienziato Marcus Frullifer trova rifugio nella  repubblica di Catalogna e inizia la costruzione di un’astronave in grado di muoversi grazie alle energie psichiche, la Malpertuis, già comparsa nel primo libro della saga. Purtroppo le cose non andranno esattamente come si immaginava…
Intanto, in un futuro ancora più lontano, a ridosso del misterioso Punto Omega teorizzato al gesuita Teilhard de Chardin,  un misterioso Magister  tira le fila dell’ultimo sussulto di un universo e di un’umanità arrivati, forse, all’ultima pagina della loro storia.

Apre il volume una toccante introduzione di Franco Forte in ricordo del compianto Valerio, «il più grande scrittore di Fantascienza (sì, con la “F” maiuscola) che il nostro Paese abbia mai conosciuto».

Opere vincitrici, finaliste e giurie XI Ediz. 2022 Premio Ernesto Vegetti – Associazione World SF Italia


Sono usciti i risultati finali del Premio Vegetti, sotto l’egida della WorldSfOrganization Italia: ecco i risultati; complimenti ai vincitori e, tra i tanti amici presenti in lista, in particolare a Lukha B. Kremo e Sergio Mastrillo, rispettivamente per la categoria “Racconto di fantascienza” e “Antologia di Fantascienza”.

 

Urania 70 anni di futuro termina la prima serie con il Cuoco d’astronave | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com viene segnalata la riedizione di Memorie di un cuoco d’astronave, romanzo di Massimo Mongai che nel ’97 gli valse la vittoria al Premio Urania; l’opera è stata nuovamente edita nell’ottica dei festeggiamenti dei settant’anni di Urania, con volumi che escono in allegato a quotidiani da edicola. La quarta:

Rudy «Basilico» Turturro è un giovane cuoco terrestre che da aiutochef si ritrova a dirigere la cucina di un’astronave. Attraverso ricette e avventure, nei tre anni di viaggio nello spazio, Rudy dovrà anche salvare la galassia dalla distruzione. Memorie di un cuoco d’astronave è un romanzo sulla scoperta del cosmo attraverso l’esplorazione di se stessi, passando anche per la gola, la forza che muove ogni cosa. Un vero romanzo cult della fantascienza italiana.

Permafrost di Alaistair Reynolds | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione dell’Urania di questo mese: Permafrost, di Alaistair Reynolds, un romanzo che a occhi chiusi mi appresto ad avere, tanta è l’adorazione che ho per quest’autore. La quarta:

Nel 2080 il futuro è agli sgoccioli, dopo che l’Azzeramento, una catena di catastrofi globali, ha messo in ginocchio l’umanità. Ma c’è ancora una speranza, seppure appesa a un filo. 
Un gruppo di dodici persone, tra medici, scienziati e militari, si sta radunando in segreto su una nave tra i ghiacci del Circolo Polare Artico, sotto la guida dell’intrepido Dottor Cho. L’impresa a cui mirano sembra impossibile: scongiurare l’imminente tracollo globale, e quindi salvare il presente… andando a operare in modo mirato sul passato.
Ma affinché l’Esperimento Retrocausale Permafrost abbia successo, manca ancora un elemento essenziale alla squadra del Dottor Cho.  Sarebbe facile pensare a un Premio Nobel, o a un eroe di guerra, eppure il membro finale del team non è nulla di tutto ciò. L’elemento chiave è… un’anziana maestra di scuola.
Intanto, nell’anno 2028, una giovane donna subisce un intervento al cervello, un’operazione di routine che non dovrebbe dare grosse complicazioni. In un primo momento, infatti, sembra andare tutto secondo i piani, ma nei giorni successivi, la ragazza inizia ad avvertire inaspettati effetti collaterali. Come una strana e angosciosa voce nella testa, dotata di volontà propria. La voce di un’anziana signora che sostiene di parlarle dal futuro…

“Permafrost” è un thriller post-apocalittico che combina in modo brillante il tema del cambiamento climatico e i viaggi nel tempo, nato dalla penna di uno dei più grandi maestri della fantascienza contemporanea.
Ecco cosa ci racconta l’autore: “Tre agenti speciali, una missione rischiosa e un mistero attorno a un computer quantico fuori controllo che, assunta autocoscienza e divenuto simile a un essere umano, è divorato da un’ambizione folle. Ma c’è un disegno preciso in questa pazzia: la ricerca dell’alleato ideale, di un prescelto, di importanza cruciale per realizzare un sogno inimmaginabile. Esiste un modo per fermarlo? Sì: il Chew-9, la droga del benessere. Questi gli ingredienti del mio racconto, oltre a una massiccia dose di azione, scontri con armi e armature avveniristiche, e tanta tanta adrenalina, per esplorare, insieme al lettore, il lato più “action thriller”, direi, della fantascienza – genere dalle numerose, e spesso sorprendenti, declinazioni.”

 

Torna la Luna dei Dragoni | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione dell’Urania di questo mese: Luna: Minaccia da Farside, antologia di Ian McDonald appartenente al “Ciclo della Luna”, storia di un futuro dove il nostro satellite è dominato da potenti famiglie definite Dragoni. La quarta:

Preparatevi a tornare nel mondo dei Dragoni, i signori della celeberrima trilogia Luna creata dalla penna di Ian McDonald.

A Regina Sud, città della famiglia Taiyang, la società è organizzata tramite “anelli”, ovvero famiglie poliamorose. E per Carid, figlia di un “matrimonio anulare”, l’arrivo di una nuova sorellastra in famiglia è una tragedia. Sidibe non è solo bella d’aspetto e altera di carattere, ma possiede delle rarissime ali con cui incanta tutti, compresi Jair e Kobe, i fratellastri di Carid. La ragazza ha solo venti giorni di tempo prima che venga sancito ufficialmente il nuovo legame della sua famiglia allargata. E di certo non ha intenzione di restarsene con le mani in mano.
Con la scusa di un originale regalo di nozze, trascina la nuova arrivata e i due fratellastri in un’avventura… alla ricerca della prima impronta umana sulla Luna, lasciata cento anni prima nel Mare della Tranquillità dallo stivale di Neil Armstrong. Cosa potrebbe andare storto? Conoscendo Ian McDonald, il George R.R. Martin dello spazio, tutto…

Oltre alla novella Luna: Minaccia da Farside (The Menace from Farside, 2019), nello stesso volume troverete due racconti spinoff della saga: Il Quinto Dragone (The Fifth Dragon, 2014) e Caduta (The Falls: A Luna Story, 2015).

Il sangue delle madri di Francesca Cavallero | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione dell’uscita su Urania Jumbo di un nuovo romanzo di Francesca Cavallero, già vincitrice dell’omonimo Premio (di cui ne è in qualche modo il seguito): Il sangue delle madri. Complimenti a Francesca, mentre vi lascio alla sinossi:

Le Terre Erose. Chilometri e chilometri di area desertificata, una terra spremuta fino all’ultima goccia dalla voracità degli esseri umani di un futuro lontano. È qui, tra le esalazioni tossiche, le miniere e i pochi grumi di umanità, che i destini di tre donne s’intrecciano.
Nebra è una sopravvissuta, una nomade dai bracciali tintinnante e le cicatrici lucenti che vaga tra i campi profughi e le miniere facendo l’unica cosa che sa fare: aggiustare la carne e il metallo. E no, non è certo una buona samaritana: basta rifiutarle il giusto compenso per capire che non è una con cui scherzare, se si tiene alla pelle… e ai propri innesti cybernetici.
Sya le Terre Erose le guarda dall’alto, con la sua uniforme impeccabile da comandante e il suo chignon stretto sulla nuca. Ma sebbene appartenga ai Lawrence, una delle famiglie più importanti di Morjegrad, non si è mai chiusa in una stanza d’oro. Proprio da suo padre ha imparato che le mani bisogna sporcarsele, per mantenersi stretti i privilegi. E che il prezzo da pagare è alto. E poi c’è Nadja, una cyborg fuggiasca di altissimo livello. Naufraga delle stelle, si risveglia con pochi brandelli di memoria, che dovrà rimettere insieme per capire da cosa stia fuggendo, e soprattutto verso quale meta.
Tra inquietanti esperimenti segreti, deflagranti attentati spaziali, opere d’arte fatte di carne e di innesti e luminose biblioteche della memoria, preparatevi a un’avventura distopica mozzafiato. Perché al di là della cortina di nebbia bruciata che avvolge Morjegrad si spalanca una geopolitica fantascientifica d’ampio respiro, fatta di città stato in perenne tensione, tra il più bieco sfruttamento umano e bagliori di speranza che solo nel buio più cupo possono risplendere di una fuggevole, commovente bellezza.

The Sage Page

Philosophy for today

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

Sobre Monstruos Reales y Humanos Invisibles

El rincón con mis relatos de ficción, humor y fantasía por Fer Alvarado

THE PRODIGY OF IDEAS

This blog is a part of my inner world. Be careful to walk inside it.

Gerarchia di un’ombra

La Poesia è tutto ciò che ti muore dentro e che tu, non sai dove seppellire. ( Isabel De Santis)

A Journey to the Stars

Time to write a new Story

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

Decades

by Jo & Ju.

Paltry Sum

Detroit Richards

chandrasekhar

Ovvero come superare l'ombra, la curva della luna, il limite delle stelle (again)

AUACOLLAGE

Augusta Bariona: Blog Collages...Colori.

The daily addict

The daily life of an addict in recovery

Tiny Life

mostly photos

SUSANNE LEIST

Author of Paranormal Suspense

Labor Limae

- Scritture artigianali -

Federico Cinti

Momenti di poesia

Racconti Ondivaghi

che alla fine parlano sempre d'Amore

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: