HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Urania

Su Urania Horror è tornato Malpertuis di Jean Ray | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione di un’uscita Urania, particolare ma non troppo: Malpertuis, di Jean Ray.

Abbiamo sempre sospettato che dietro le più antiche leggende si nasconda un frammento di verità: Malpertuis cela un segreto e il suo nome evoca il male sotto forma di quello che non dovrebbe più camminare sulla terra. Nella casa dell’ignoto, all’apparenza un’antica e rispettabile dimora delle Fiandre, si intreccia la storia di un gruppo di personaggi che non sono quello che sembrano e che incarnano forze primigenie. Uno dei miti immemorabili dell’umanità sta prendendo forma e sembianze di nuovo… Presentato in edizione integrale, questo romanzo è il capolavoro di Jean Ray, lo scrittore che è stato definito l’erede europeo di H.P. Lovecraft.

A compendio, e integrazione culturale dell’operazione, una bella intervista ad Andrea Vaccaro e Ivo Torello, che in Hypnos hanno creduto fermamente in quest’autore dedicandogli la pubblicazione di una raccolta di racconti dell’artista belga. C’è bisogno di persone e pubblicazioni così…

La sesta volta di Arthur C. Clarke | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione dell’Urania di questo mese: La sesta volta, di Arthur C. Clarke. Parliamo di una storia ormai classica della SF, ma non per questo meno intrigante; la quarta è un compendio di mitologia e teorie di archeoastronomia, reminiscenze di un passato talmente arcaico di cui si hanno notizie, forse, soltanto tramite i miti.

Per sei giorni le immense astronavi, silenziose e immobili, restano sospese sulle metropoli della Terra, poi arrivano gli ordini e ai terrestri non resta che obbedire. Ma per anni e anni nessuno potrà vedere gli esseri venuti con le astronavi, nessuno potrà scoprire chi siano. Per quale misteriosa ragione non vogliono essere conosciuti? Forse perché (ma nessuno lo sospetta) non vogliono essere “ri-conosciuti”? Arthur C. Clarke è uno degli scrittori di fantascienza in cui risuona più intensa la nota metafisica: il suo tema è l’avventura della razza umana fra i misteriosi fondali dell’universo, l’enigma del nostro destino nello spazio. È da lì, a pensarci bene, che viene il brivido dei brividi: Clarke ce lo dimostra con questa calata dal cielo di invisibili angeli del bene o del male.

La lavanderia di Charles Stross | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione dell’Urania del mese, riservato a Charles Stross. Da non perdere, come il resto dell’autore che ha il pregio di dividere la critica e, per questo, assolutamente imperdibile: Rapporto sulle atrocità.

Nella gerarchia delle organizzazioni segrete inglesi, The Laundry – la Lavanderia – è l’Agenzia per eccellenza. Controspionaggio, sabotaggio, schedatura: non c’è attività che le sfugga, perché il fine supremo è ripulire la Terra da un nemico pericolosissimo. Artefici del caos, infiltrati che neppure dovrebbero esistere, “agenti” di potenze molto più oscure di quelle che una volta si annidavano oltre cortina. Ma da dove cominciare, e a chi affidare un incarico di tale responsabilità? Nelle due avventure racchiuse in questo volume – la seconda delle quali ha vinto il Premio Hugo 2005 nella categoria “Romanzo breve” – il compito spetta a Bob Oliver Francis Howard, il Bastard Operator from Hell, un uomo talmente ricco di risorse che non è bastato un solo romanzo per descriverne le gesta inenarrabili a difesa del continuum.

I vampiri dello spazio, Colin Wilson tra fantascienza e horror | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione dell’Urania del mese, Colin Wilson con I vampiri dello spazio. Interessante e splendida la quarta, libro da prendere senza indugio.

Autore di una vasta Enciclopedia del delitto, saggista del deviante, studioso del paranormale, Colin Wilson non poteva mancare all’appuntamento con gli alien della fantascienza. In questo romanzo il primo personaggio a entrare in scena è un’astronave immensa e deserta, una cattedrale volante trovata in orbita nella fascia degli asteroidi, ma poi la storia si trasferisce sulla Terra e assume connotati sinistri, ricchi di agghiaccianti sfumature. Cadaveri che si risvegliano, vittime che si gettano affascinate in braccio alla morte, orribili sostituzioni di persona, efferati delitti e una caccia sempre più affannosa alla creatura (ma è soltanto una?) che uccide e distrugge senza pietà, seminando vittime in tutta l’Inghilterra. La soluzione sarà insieme spaziale e vampirica, combinando felicemente i sudori glaciali del suspense con le emozioni classiche della fantascienza.

Inventori, negromanti e pirati. L’Italia vista da Bruce Sterling – OggiScienza


Su OggiScienza la recensione a Utopia pirata, l’Urania di Bruno Argento alias Bruce Sterling che è un capolavoro di inventiva, compendio storico, capacità espressive. Un lungo tratto della rece:

nella città sabauda ha preso forma il suo alter-ego, Bruno Argento, il Bruce di un’altra dimensione, che fin da subito ha iniziato a scrivere racconti che parlano di Torino e dell’Italia, di storia e tecnologia, di viaggi e cambiamenti. Racconti che l’anno scorso sono confluiti in un libro della collana Urania, Utopia pirata, nel quale l’autore si dimostra più interessato a esplorare percorsi storici alternativi che le atmosfere fantascientifiche che lo hanno reso celebre. Un percorso che Sterling aveva già intrapreso con La macchina della realtà, romanzo steampunk del 1990 scritto insieme a William Gibson. In questi racconti, però, Argento si discosta dalla carica punk di quel romanzo e – probabilmente ispirato dalla tradizione occulta ed esoterica di cui è impregnata Torino – mischia l’approccio ucronico con svariati elementi fantastici, talvolta appena accennati, talvolta preponderanti.

Come accade, per esempio, nel racconto di apertura della raccolta, non a caso intitolato Città esoterica, il cui protagonista è un dirigente FIAT ma anche un mago, che ha stretto un patto con una mummia e viaggia all’inferno, trovandosi al cospetto dei fondatori della sua azienda, diventati “dannati maggiori, giganti di bronzo situati al centro di una rotonda piena di traffico”, che “dominavano l’inferno come palazzi di uffici”. Il tono di Argento è satirico, tira di mezzo industriali e paladini ambientalisti, negromanti e diavoli tentatori, ironizzando e sfruttando l’elemento fantastico come metafora e spunto di riflessione sulla tecnologia, riuscendo a non scadere in facili banalizzazioni.

Leggi il seguito di questo post »

Il sangue e l’impero | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com una recensione al mio romanzo covincitore del Premio Urania 2014. L’impero restaurato.

Giovanni De Matteo: Corpi Spenti – fediwriting


Una buona recensione, fatta da chi dichiara di non leggere molta SF, del romanzo di Giovanni “X” De Matteo, Corpi spenti, ultimo Urania uscito a suo nome. Vi lascio a un piccolo estratto della rece, su Fediwriting.

Benchè ami lo splatter, le membra divelte dai corpi e via discorrendo, di solito nei thriller non amo particolarmente la descrizione delle condizioni di un ritrovamento; ho l’impressione che si cerchi sempre strenuamente di trovare un serial killer con manie originali, e via allora alla descrizione minuziosa di tutte le piccole perverse torture che l’omicida ha inflitto al corpo. Onestamente credo che le menti criminali siano molto meno fantasiose di quanto piaccia pensare agli scrittori.

Perciò, sono rimasta piacevolmente stupita: la prosa di De Matteo dipinge sì il ritrovamento di un cadavere etcetera etcetera, ma la narrazione è tale per cui, accanto a una descrizione chiara e semplice dell’ambiente, ricca di particolari ma non barocca, quello che emerge davvero è la personalità di Guzza ed il suo modo di porsi nei confronti del proprio lavoro. Inoltre, l’autore si trattiene dall’esplorare il personaggio con il solito metodo del fingo di parlare con me stesso ma in realtà ti racconto cosa penso de la Vita, l’Universo e tutto quanto – insomma, chiunque ha opinioni su qualunque cosa e potrebbe dire la propria su ogni elemento si ritrovi nel proprio campo visivo, e spesso scrivendo si tende a confondere questo flusso di informazioni inutili con il character development. Non è appunto il caso di De Matteo, tranne in alcuni passaggi che però, per un motivo o per l’altro, non risultano poi troppo molesti o viceversa sono sufficientemente insoliti da risultare interessanti.

In sostanza, l’autrice della critica digerisce molto bene le innovazioni di De Matteo, non molto invece la ricerca stilistica e letteraria del medesimo. Non male, considerato che appunto chi ha letto il romanzo non frequenta quasi per niente la SF. Meno male che non ha letto L’impero restaurato… 😉

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

the green path

… Dorothy si trova in un mondo colorato con delle piccole casette e una stradina dorata, in viaggio verso la città di smeraldo. Il mago di Oz (1939)

The Darkest Art

A journey through dark art.

Parole Loro

"L'attualità tra virgolette"

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Foglie da collezione, cm 12 x 12 x 3 - By Mayoor

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

Dungeons&Dragons

La storia di Esma cirith

mondo dolce

Food Lover.

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

Michele Valente |Blog

Blogger e studente di Comunicazione e ricerca sociale. Scrivo di politica ed economia, europea e internazionale, attraverso un'ottica globale dei fenomeni della società

Sonia Cenceschi

La musica è una pratica occulta dell'aritmetica, dove l'anima non sa di calcolare - Leibniz

Necrologika

Se muori te lo diciamo noi.

ITINERARI LAZIALI

borghi, castelli, ville, città perdute, monasteri ed abbazie, leggende e segreti, paesaggi fantastici e luoghi insoliti della regione di Roma e dei territori limitrofi.

CollettivoD

Il punto di vista delle donne

GamberoSolitario

A great WordPress.com site

Perversamente Tua

Come stelo mi piego e ti raggiungo, angelo nel tuo inferno, demone di un perverso paradiso.

PINK FLOYD ITALIA

Il primo blog italiano sui Pink Floyd, news e non solo. Fatto da un fan... per i fans!

lucangreenwaters

Lucania dalle Verdi Valli e dalle Acque Cristalline

L'AlTrO (lato)

" Per sentire e sognare in pace, bisogna spegner la luce della ragione... almeno per un po'. "

Simone Morana Cyla Official Blog

Blog ufficiale dell'artista digitale Simone Morana Cyla.

LA FLOTTA DI VEGAN

Cucina verde e ispirazioni nerd

Lezioni Sul Domani

Blog di Fantascienza

Salvatore Leone

Il vizio dell'aria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: