HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Weird

Non fare domande di Sophie Hannah | HorrorMagazine


Su HorrorMagazine la segnalazione di un romanzo di Sophie Hannah, Non fare domande. Intrigante e oscuro, ipnotico; ecco la sinossi:

Abbarbicata sulle colline del Devon, Speedwell House si staglia imponente contro il cielo terso. Appena la vede, Justine capisce che è la casa perfetta per lei. Qui potrà ricominciare da capo, lontano dal caos londinese, e dedicare più tempo alla figlia Ellen. Ma a soli quattro mesi dal suo trasferimento, la promessa di tranquillità di quella splendida villa viene spezzata. Ellen diventa improvvisamente taciturna e sempre più sfuggente. Un comportamento del tutto insolito a cui Justine non riesce a trovare spiegazione. Finché tra i compiti di letteratura della figlia non si imbatte in un tema, una storia breve di omicidi seriali commessi proprio a Speedwell House. Justine non può crederci. Ellen deve essersi immaginata tutto, così come si è immaginata anche il suo migliore amico George che, a detta degli insegnanti, non è mai esistito. A questa scoperta fanno seguito una serie di chiamate anonime: dall’altro capo del ricevitore la voce di una donna che si rivolge a Justine chiamandola «Sandie» e minacciando di ucciderla se non lascia al più presto il Devon. Quando questa voce le parla degli omicidi di cui ha scritto anche Ellen, Justine inizia ad avere paura e a chiedersi chi sia quella donna e che cosa voglia veramente da lei. Forse c’è un fondo di verità nella storia raccontata dalla figlia. E forse la donna senza volto delle telefonate anonime c’entra qualcosa. Per Justine è arrivato il momento di vincere la paura e andare a fondo della questione prima che sia troppo tardi. Perché non può permettere che qualcuno distrugga tutto il suo mondo. Non un’altra volta.

Annunci

Lucenti, una traccia fossile di Uduvicio Atanagi | KippleBlog


[Letto su KippleBlog]

Uduvicio Atanagi non esiste.
Gliel’ho detto di persona, lo giuro. Alla persona che mi si presentò con quel nome. Come recita la sua stessa biografia “Le opere di Uduvicio Atanagi sono state pubblicate tutte con diversi pseudonimi rendendo impossibile ricondurre i suoi lavori a un individuo preciso”.
Appunto. Non esisti, dicevo. E questa persona mi guardava con interesse, senza smentirmi, un po’ sorridendo alla strana situazione e un po’ riflettendo, proprio come se avessi pienamente ragione.
Chissà chi è Uduvicio? Il bambino “con i capelli corvini a padellina” o “il mostro che scompare e si cela, un mostro senza forma e con tutte le forme, un mostro di terra e di fango, un mostro che dorme per un miliardo di anni…”
E quindi: importa davvero? Certo che non era lui, nessuno è Uduvicio Atanagi, e lo siamo tutti. Tutti i bambini terrorizzati che siamo stati, circondati da un mondo ancestrale, ostile, oscuro e pregno di sospiri maligni, di luci che traversavano le nostre camerette, di genitori buoni che scomparivano, di amici che somigliavano a nemici, di amori che somigliavano a guerre.
Perché in fondo “siamo ricordi sbiaditi, lo siamo in ogni sospiro, in ogni patetico slancio, in ogni lacrima, in ogni risata. Siamo solo spettri che si riflettono nel nostro sangue sparso a terra, nella terra, scura, che se ne imbeve.”
E allora “Lucenti” – che è la famiglia che dà il nome alla tenuta che non produce, l’incolto cronico come fosse ostaggio di forze maligne – è anche la luce splendente che si staglia nel buio, ma che ne prende parte, lo “Shining” della follia che percorre tutti i (non) personaggi di questa (non) storia, il denominatore di un romanzo di de/formazione, un libro che non si lascia leggere, ma inghiottisce il lettore e lo conduce con sé sottoterra, nel fango, nel disturbo rabbioso dei personaggi, degli uomini-bestia, della prepotenza che non è ingiustizia, ma realtà, inconsistente, ma unico baluardo contro il nulla eterno.
Ora vi dico che se questa serie di personalità continueranno a scrivere e accompagneranno questo stile stupendo e lucente indagando ancora le trame oscure della vita, avremo uno degli scrittori più importanti dell’epoca. Non so quale.
Ma voi non esistete. E non leggerete mai questo libro, nonostante sia edito da Eris Edizioni e illustrato col cuore di tenebra dal buon akaB.

Time Slip [Il Superstite 389] | | CorriereAl


Un articolo, che può benissimo essere un suo racconto weird, di Danilo Arona. Sul Corriere di Alessandria.

Uno dei più celebri acchiappafantasmi d’Inghilterra, Robin Furman vive a Grimsby, nel Lincolnshire, notoriamente la zona a più alta densità di eventi paranormali della nazione. Non si contano infatti le case infestate, le luci misteriose in interni ed esterni, gli strani suoni apocalittici (qui il famoso e tremendo “Hum” ha persino spinto un paio di persone al suicidio) e i grandi cani neri, i Barghest, che paiono rappresentare il top delle apparizioni spettrali all’aperto, tanto di giorno che di notte. A tanto già interessante elenco occorre aggiungere una particolare categoria di fantasmi che pare essere peculiarità della regione: the Ghostly Nun, ovvero spettri di suore. A quanto pare se ne incontrerebbero un po’ ovunque, tra gli alberi, mimetizzati nel verde di grandi arbusti, e ovviamente negli antichi monasteri. Lo stesso Furman sostiene di abitare in una casa che ospita la benigna presenza eterea di una suora. Un membro del suo team, gruppo al al quale si attribuisce l’invenzione del Roboghost – una macchina in grado di stanare i poltergeist – ha scattato diverse istantanee nella zona di Bradley Woods dove si vedrebbero, senza neppure troppo sforzo diverse monache tremolanti ed eteree.

Se si chiede a Furman quale sia il suo concetto di fantasma dopo tanti anni di ricerca e indagini, l’uomo non ha esitazioni: «Le immagini dei fantasmi per me altro non sono che registrazioni di persone o di eventi che in qualche modo restano impresse sulle superfici o negli ambienti, anche esterni, che le hanno ospitate. Anni fa, a York, un operaio, Henry Martindale, durante degli scavi vicini alle fondamenta di una casa, vide una legione di antichi romani che attraversava la cantina con le ginocchia a livello del pavimento, con mezza gamba quindi invisibile. Scavi successivi fecero scoprire una strada romana a qualche metro sotto il pavimento della cantina, orientata proprio nel senso di marcia della legione fantasma.»

Torna la promo #horrorsummer per gli acquisti su Kipple.it! | KippleBlog


[Letto su KippleBlog]

Torna anche la seconda promozione Kipple dell’estate 2018, si chiama #horrorsummer ed è pensata per gli aficionados e non di Kipple.it! Da domani 19 agosto fino al 25 agosto, ciò che è compreso nella categoria Horror & Weird e No Fiction è in sconto al 50%, con un minimo di spesa di 15 euro.

Cosa c’è nell’offerta? Vi diamo alcuni titoli pescati a caso: Il volo di Pazuzu, Blue siren e l’ultimo giro di vite, Torture sottili, Tenderloin Sud 5, Stephen King. Le opere segrete del Re e Parigi Sud V, Lilith, L’ombra del dio alato e tanti altri fantastici titoli, con la sola esclusione di Uironda e I tarocchi quantistici.

Come si usufruisce della promo #horrorsummer? Con un ordine minimo di 15 euro, nel carrello inserite anche il coupon #horrorsummer e procedete all’acquisto. Semplice, no?

In questa calda estate 2018 continuiamo a sorprendervi, voi continuate a seguirci!

Arthur Machen – Il cerchio verde – Recensione – FRANCESCO BRANDOLI Scrittore


Sul blog di Francesco Brandoli è uscita una recensione a Il cerchio verde, romanzo inedito di Arthur Machen, uno dei re del weird. Un goloso estratto.

Trama de Il cerchio verde, dal sito dell’editore: Lawrence Hillyer, uno studioso e ricercatore di cose “nascoste”, viene costretto a trascorrere un periodo di riposo a Porth, una località di villeggiatura sulla costa del Galles. Hillyer, persona solitaria e senza amici, troverà “qualcosa” in mezzo a una radura tra le dune (il cosiddetto Cerchio Verde), una presenza che lo seguirà al suo ritorno a Londra… Il Cerchio Verde, pur nella sua brevità come romanzo, è una lettura complessa. Perché Arthur Machen approfitta delle vicende del protagonista, e delle sue ricerche per comprendere il fenomeno che si sta manifestando, per compiere una serie di riflessioni sui propri interessi di appassionato di tematiche occulte; sull’intervento di un mondo etereo che si introduce nella nostra realtà; su un regno dove vive – chissà? – la Regina delle Fate che interferisce con le vicende umane; su qualcosa che è oltre la soglia ed entra nel nostro mondo… e non porterà nulla di buono. Questo libro non è per un lettore casuale. Chi apprezza Arthur Machen, troverà in questo volume le ultime riflessioni sul suo interesse al mondo del Piccolo Popolo, tematica che ha sempre permeato l’opera dello scrittore gallese. Che lo porterà a scoprire quello che sarà (tra manifestazioni inquietanti, poltergeist, omicidi misteriosi, possessioni) il destino di Lawrence Hillyer.

Il romanzo, in definitiva, con una struttura più solida e convincente di altre opere, offre una piacevole lettura di distrazione che – senza picchi di orrore cosmico – porta comunque sul ciglio del regno delle fate e a indagare sui grandi misteri del paranormale: una lettura necessaria e dovuta per i fan dell’Autore, che troveranno il testamento letterario di Machen in questa ultima opera scritta prima di morire, ma al contempo un interessante spunto di riflessione per chiunque ami la materia del paranormale, a prescindere dall’apprezzamento per la narrativa di genere.

In prevendita Amori defunti di Lafcadio Hearn | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione della raccolta di racconti Amori defunti, scritta da Lafcadio Hearn, autore già apprezzato Lovecraft. La sinossi:

“Colmi di malinconia e mistero, pervasi dalla duplice idea di Amore e Morte, infestati da fantasmi, antiche divinità e bellissime donne defunte, i brevi racconti fantastici che Lafcadio Hearn scrisse nel decennio in cui soggiornò a New Orleans sono un inno alla letteratura gotica e danno vita a quell’immagine pittoresca della città che ancora oggi pervade la cultura popolare. A lungo dimenticati, questi racconti sovrannaturali vennero riscoperti molti anni più tardi da amici e ammiratori dell’autore e pubblicati nell’antologia postuma Fantastics and Other Fancies.

Per la prima volta in Italia, in edizione da collezione con testo originale a fronte, una selezione dei migliori racconti creoli di Hearn, scrittore il cui stile esercitò un potente influsso su autori del calibro di H.P. Lovecraft e registi come Masaki Kobayashi“.

Lafcadio Hearn, eccentrico, nomade ed esotico, si discosta ancora di più dal reame del reale e, con la somma maestria di un poeta sensibile, intesse fantasie impossibili per un autore pragmatico.
H.P. Lovecraft

In arrivo la promo #horrorsummer per gli acquisti su Kipple.it! | KippleBlog


[Letto su KippleBlog]

È in arrivo la seconda promozione Kipple dell’estate 2018, si chiama #horrorsummer ed è pensata per gli aficionados e non di Kipple.it! Da domani 1 luglio fino al 7 luglio, ciò che è compreso nella categoria Horror & Weird e No Fiction è in sconto al 50%, con un minimo di spesa di 15 euro.

Cosa c’è nell’offerta? Vi diamo alcuni titoli pescati a caso: Il volo di Pazuzu, Blue siren e l’ultimo giro di vite, Torture sottili, Tenderloin Sud 5, Stephen King. Le opere segrete del Re e Parigi Sud V, Lilith, L’ombra del dio alato e tanti altri fantastici titoli, con la sola esclusione di Uironda e I tarocchi quantistici.

Come si usufruisce della promo #horrorsummer? Con un ordine minimo di 15 euro, nel carrello inserite anche il coupon #horrorsummer e procedete all’acquisto. Semplice, no?

Siete pronti, allora, a un’estate di letture supreme? Movimentate le vostre vacanze, noi in questa calda estate 2018 continuiamo a sorprendervi!

⛔ #Avviso ai naviganti: per problemi tecnici è possibile effettuare gli acquisti solo tramite #bonifico e non con paypal. Ci scusiamo per il momentaneo disagio.

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e dintorni

La vostra sala da thè digitale

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

BREAKFAST COMICS

Il fumetto quotidiano di Michele Nuzzi

Il Caos dentro

...che genera una stella danzante

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

VOCI DAI BORGHI

PERDERSI TRA LE EMOZIONI DEI BORGHI ITALIANI

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Scrittore horror.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

👩‍🎨 Drawing artist 🇮🇹 27 y/o ♍️ 📨 evelynartworks@virgilio.it 🌛🌓🌜 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

Giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Tanti capelli.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: