HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Spleen

The Eden House – Words and Deeds – Live at the Vertical Rooms


Lasciatevi andare, sulle ali di una gentile e fascinosa empatia oscura e onirica…

Annunci

Lankenauta | L’Arminuta


Su Lankenauta una segnalazione particolare, che di solito non raccolgo perché parla di cose davvero troppo umane, solo che stavolta qualcosa mi ha colpito, si parla di mamma, addirittura due mamme che sommate danno zero, una situazione davvero peculiare…

L’arminuta, di Donatella Di Pietrantonio.

C’è “mia madre” e c’è “la madre”. Esistono contemporaneamente e convivono dolorosamente. Siamo negli anni Settanta, in Abruzzo. Una tredicenne, protagonista senza nome dell’ultimo romanzo di Donatella Di Pietrantonio, si ritrova a vivere tra due madri. Meglio: per tredici anni la ragazzina ha vissuto con una madre (mia madre) ed un padre in una città della costa, in una deliziosa casa a pochi passi dal mare, figlia amata e coccolata. Di colpo, però, si ritrova catapultata al cospetto di un’altra madre (la madre) che non ha mai visto né conosciuto. Viene restituita alla sua famiglia biologica, una famiglia che non sapeva di avere e che è completamente diversa dalla sua famiglia. Lei è l’Arminuta, la ritornata, questo il soprannome che le hanno affibbiato nel piccolo paese dell’entroterra in cui l’uomo che aveva creduto essere suo padre l’ha condotta a sorpresa una mattina d’estate.
L’Arminuta non sa perché sia stata riportata lì. Nessuno le ha spiegato le ragioni di una scelta tanto assurda. Lei, abituata alle lezioni di danza classica e al corso di nuoto, abituata alle attenzioni di una madre affettuosa e legata alla sua amichetta del cuore, è costretta ora a fare i conti con facce che non ha mai visto, una serie di fratelli che non sente tali, un dialetto che intuisce a fatica e una casa troppo piccola in cui lo spazio per lei è stato dismesso da tempo. “Ripetevo piano la parola mamma cento volte, finché perdeva ogni senso ed era solo una ginnastica delle labbra. Restavo orfana di due madri viventi. Una mi aveva ceduta con il suo latte ancora sulla lingua, l’altra mi aveva restituita a tredici anni. Ero figlia di separazioni, parentele false o taciute, distanze. Non sapevo più da chi provenivo. In fondo non lo so neanche adesso“. Il senso di spaesamento e d’abbandono pervade ogni pagina e ogni grano d’anima della tredicenne. Ogni riferimento è perso, ogni ragione è bilico, ogni colpa è plausibile.

 

Butterflies in my stomach


Oltre ogni aspettativa organica…

Edward Mani di Forbice a fumetti | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine il seguito di Edward mani di Forbice. A fumetti, però, e non con una storia che è diretta conseguenza del film di Tim Burton di un po’ fa, ma con uno spunto che non c’entra con la pellicola.

Questo fumetto non è un pedissequo adattamento del film, che di per sé avrebbe avuto poco senso data la perfezione della pellicola. Si tratta invece di una storia nuova, poetica come l’originale, gotica e toccante.Sono passati tanti anni, ed Edward non è invecchiato di un giorno. Il suo è sempre lo stesso sguardo triste e pensieroso. Scopre che il suo inventore aveva anche un altro progetto nello scantinato e gli dà vita seguendo le istruzioni che trova sopra un diario. Ma la nuova creatura è di temperamento malvagio, e fugge. Comincia a spaventare gli abitanti della città che si rivolteranno una seconda volta contro Edward, credendo che sia lui la causa di tutto.

La storia si apre con Mess, in tutto e per tutto identica alla sua nonna, Kim, che bussa al cancello di Edward e lo incontra. Lui la scambia per la donna che aveva amato un tempo, ma l’equivoco è presto chiarito. Insieme lotteranno contro la nuova creatura, e Mess riscoprirà quanto di vero ci fosse nelle fiabe che la nonna le raccontava quand’era piccola.

Cadute nell’oblio


Distribuendo i sensi si ritrovano ancora una volta i brandelli di cose che si erano dimenticate, talmente ovvio da averle cancellate; e quando riemergono, sembra davvero strano di averle vissute e poi lasciate cadere nell’oblio.

Ancora stordito


Il conforto si è fatto strada tra i meandri insensibili del mare, che si è alzato e copre ogni delirio, copre tutti i rilievi che prima erano visibili. Lascio andare me e i ricordi in considerazioni senza fine: sono ancora stordito.

Here we are


In questi giorni, in questo tempo, non riesco a pensare ad alcuno scrivere. Faccio fatica pure qui, mi sembra impossibile aver scritto due romanzi in 12 mesi e averli pure editati. Ah, sì, c’è pure una suite di racconti di cui presto avrete notizie…

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, esoterismo. A cura di Marco Maculotti.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

Michele Valente |Blog

Blogger e studente di Comunicazione e ricerca sociale. Scrivo di geopolitica, diritto e tematiche ambientali, attraverso un'ottica globale sulla società europea ed internazionale.

Sonia Cenceschi

La musica è una pratica occulta dell'aritmetica, dove l'anima non sa di calcolare - Leibniz

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: