HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per gennaio, 2013

“Sentieri di notte” – Giovanni Agnoloni | Recensione di Temperamente


Bella recensione a Sentieri di notte, il romanzo dio Giovanni “Kosmos” Agnoloni, da leggere su Temperamente.it.

Agnoloni gestisce abilmente i diversi punti di vista e ci regala un romanzo stilisticamente scorrevole, in cui si incontrano descrizioni geografiche, analisi scientifiche, riferimenti storici e filosofici e da cui si intuiscono (senza che la narrazione ne venga mai appesantita) una profonda cultura e una lunga ricerca spirituale.

La conclusione può riassumersi in quello che è stato lo slogan del primo festival connettivista svoltosi a Roma alla fine di ottobre: “Dove stiamo volando?”. Agnoloni alza il sipario e ci lascia gettare uno sguardo su come potrebbe essere la post-umanità. Un mondo in cui gli androidi non “sognano pecore elettriche”, ma compiono un percorso di evoluzione spirituale: non l’uomo che diventa macchina, dunque, ma la macchina che si umanizza.

Un vero plebiscito per il romanzo di Kosmos; ed è solo l’opera prima. Complimenti, di nuovo.

Annunci

La cattedrale gotica


Le macerie attorno alla cattedrale gotica la ostruiscono e la rendono antica, pregna di vibrazioni; le macerie sono frattalizzazioni della palta e ostruiscono la visuale con un magnifico esercizio di fantasia esplorativa che solo te puoi operare.

Filmhorror – Il ritorno


Ha riaperto i battenti il sito della FilmHorror.com, dopo un periodo di ristrutturazione assai felice, a giudicare dai risultati che potete verificare voi stessi; molte sezioni aggiuntive rispetto a prima sono state inserite per mostrare il mondo di riferimento della FilmHorror in cui, bisogna ricordarlo, c’è un connettivista della prima ora: Francesco “DeadToday” Cortonesi.
Il target dell’universo appassionato di cinema horror e non solo, di cultura fandom, è tornato sotto il dominio della FilmHorror, anche dal punto di vista produttivo: sono davvero contento di dare questa notizia.

Alla vigilia di WAR: otto domande per Dario Tonani


Intervista diretta e concisa questa fatta a Dario Tonani dalla Tela Nera.

Parlando del servire una comunità – hai un lettore tipo, un destinatario ideale della tua narrativa? Ti risulta che coincida coi tuoi lettori reali? O non hai un bersaglio specifico, in mente, quando scrivi?
No, non ce l’ho. Sono un apolide dei generi. Soprattutto a livello di racconto ho differenziato molto i miei target, scrivendo SF, horror, fantasy, thriller, noir, gialli. Mi considero ancora nella fase in cui cerco di smarcarmi da certe etichette onestamente un po’ strettine. Non so quanto durerà. Circa i miei lettori reali, ho scoperto che ogni opera tende ad avere i propri: la fantascienza – come in genere le action stories – rimane essenzialmente di pertinenza maschile, mentre basta allontanarsi di qualche passo, con lo steampunk, per scoprire che i lettori sono soprattutto lettrici. Ah, recentemente ho anche scritto una storiella d’amore (per l’ultima antologia “365” di Delos), ma in realtà – era inevitabile! – volano sberle più che baci!

Otto domande in sequenza, ficcanti e determinate, che denotano Dario come scrittore non solo di genere, ma votato verso un’universalità più ampia, verso il mainstream. Buon lettura.

Operaperta


Operaperta è un esperimento collettivo di creazione grafica. Guidati da Francesco D’Isa, artista grafico conosciuto e apprezzato dalle parti connettiviste su NeXT e non solo, altri artisti grafici italiani ed europei si cimentano con un semplice percorso creativo: uno di loro ha un’idea e inizia a svilupparla, gli altri la completano in passi successivi, fino alla vendita della figura al prezzo di 2.5€. Massimo sostegno all’iniziativa.

Avviso Tersicore


Chiedo scusa ma Tersicore stasera non va in onda per problemi improvvisi. Vi chiedo di pazientare fino alla settimana prossima. I sorry…

Kipple.it: Rabbia. Ovvero quando anche Palahniuk scrive fantascienza


[Letto su KippleBlog – ovvero come il mainstream arriva alle avanguardie e potenzialmente, quindi, al Connettivismo]

Chuck Palahniuk

Chuck Palahniuk (Photo credit: tr.robinson)

Come diceva Rant Casey, scrive Chuck Palahniuk nel suo romanzo del 2007 Rant (Rabbia), la gente ti rende famoso parlando male di te finché sei vivo, oppure cantando le tue lodi quando non lo sei più. Per sua fortuna, Palahniuk ha ragione solo in parte. Se è vero alcuni lettori storcono il naso solo sentendone il nome, non esitando a parlarne male, l’autore statunitense ha saputo comunque raccogliere moltissimi consensi, anche oltreoceano, pur essendo fortunatamente ancora fra noi. Non a caso il suo sito ufficiale si chiama The Cult (Il Culto). Un autore complesso come Palahniuk tende a provocare reazioni opposte. O lo si detesta. Oppure lo si ama.
Detto così, è vero, sembra un po’ un cliché. Ma c’è un fondo di verità. Durante il tour promozionale del suo libro Haunted (Cavie), libro strutturato come raccolta di diversi racconti sullo sfondo di una storia che li collega tutti, molte furono le persone (settantatré per l’esattezza) che sentendolo leggere il racconto Guts (Budella) persero i sensi. Le descrizioni molto crude – il racconto narra la vicenda di una masturbazione dall’esito a dir poco fallimentare – hanno di certo contribuito all’incidente, ma non è da sottovalutare nemmeno l’effetto che l’autore stesso, per via dell’aura trasgressiva che lo circonda, è riuscito a trasmettere al pubblico.
E se la realtà non fosse altro che una malattia? si domanda Palahniuk in Rant. La sua missione sembra proprio quella di utilizzare questa patologia che è la realtà, sviscerandola, e mostrandoci come sia possibile modificarla. In nessuno dei suoi romanzi il protagonista muore, né mai morirà, per scelta dichiarata dell’autore. Per quanto estremi possano essere i suoi romanzi, dietro a quella coltre malata, si rivela sempre una positività di fondo che caratterizza lo stesso Palahniuk.

Leggi il seguito di questo post »

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo poeta "Noir, tra verità e surrealismo"

BREAKFAST COMICS

Il fumetto quotidiano di Michele Nuzzi

Il Caos dentro

...che genera una stella danzante

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

VOCI DAI BORGHI

PERDERSI TRA LE EMOZIONI DEI BORGHI ITALIANI

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Scrittore horror.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

👩‍🎨 Drawing artist 🇮🇹 27 y/o ♍️ 📨 evelynartworks@virgilio.it 🌛🌓🌜 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

Giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Abitiamo docili animali.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: