HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per novembre, 2012

ANTONIA DEL SAMBRO RECENSISCE “SENTIERI DI NOTTE” « Giovanni Agnoloni – Writing and Travelling


Altra segnalazione per Giovanni “Kosmos” Agnoloni e il suo romanzo Sentieri di notte(Galaad Edizioni). Antonia Del Sambro scrive su WipNetwork:

Sentieri di notte è una storia a più voci, un patchwork di luoghi, paesi e culture in cui la tecnologia è pretesto e sfondo di una vicenda corale che ha per obiettivo il ritorno alla Fonte, a una fusione con la radice dell’Essere. Il Chakra del Castello di Cracovia, oscure minacce provenienti dagli ambienti clericali e l’emergere di una vocazione intima imperniata sul Desiderio, consonante con il testo originale di un’antica preghiera capace di scardinare le resistenze della mente. Un romanzo figlio della poetica del movimento connettivista ma anche di una lunga e seria ricerca spirituale condotta dall’autore.

Scrittevolmente recensisce Le balene di Maath e Zombie Carpocalypse | KippleBlog


[Letto su KippleBlog]

Su Scrittevolmente è comparsa una recensione a una pubblicazione di Kipple datata qualche tempo fa: i primi vincitori del concorso Short-Kipple, anno 2011, ovvero Giuseppe Agnoletti e Domenico “7di9” Mastrapasqua con i racconti Le balene di Maath e Zombie Carpocalypse. L’opera è acquistabile in cartaceo ed eBook senza DRM al prezzo di 3 e 1 €.
Ecco la recensione:
In un pianeta dominato dalle acque, Maath, due donne  hanno il compito di controllare una piattaforma, fulcro della principale attività di quel mondo: la caccia alle balene, forme di vita evolute, studiate e ricercate per le preziose proprietà. Tra le due donne si stabilisce un legame sospeso tra amore e follia. Il cuore di una batte per l’altra, il cui animo è un mare in tempesta, senza controllo, al pari delle onde che si scagliano con vigore contro la piattaforma quasi a volerla inglobare. Il racconto è intenso, in poche righe si consuma una surreale storia d’amore. Quel mondo inospitale diviene custode di una dimensione umana fatta di complicità e violenza, silenziose lacrime e gemiti di piacere, ma soprattutto di quel dolore che porrà fine a tutto. Bravo l’autore, per aver saputo dar vita a un fantascientifico universo immaginario, trasportando in un futuro indefinito un amore forte e anche difficile da modellare.  Struggente il finale e affatto scontato.
Cacciatori di zombie si diventa. Il terrore sale, i non morti avanzano e la fuga dalla cruda realtà non è più una strada percorribile. Il protagonista, forte di un coraggio dettato più da un’amara rassegnazione che da una sana consapevolezza, affronta le sue paure e non si tira indietro di fronte al collasso del genere umano, soprattutto quando, vicino alla scoperta della vera origine della contaminazione zombie, la brama di conoscenza prevarrà sull’istinto di conservazione. Il tocco originale, reso necessario dalla vasta produzione del genere, ha colpito nel segno, e le creature di questo racconto si mostrano in una veste nuova, inaspettata. Al lettore non resta che godersi la storia poiché si rivela difficile prevedere l’esito dell’ancestrale conflitto tra uomini  e mostri.
Due autori interessanti e sensibili, due racconti dal notevole impatto emotivo, da leggere.

Desiderii Marginis – Hallmark


La nenia è adagiata sui circuiti neoneurali interni, è l’esaltazione del postumano alle prese col trascendentale.

La fantascienza alla Biblioteca di Corviale #3


Terzo appuntamento con la SF a Corviale, quartiere simbolo della periferia romana. Si ritrovano a parlare Emmanuele “Peja” Pilia e Francesco “Xabaras” Verso dell’immaginario fantascientifico che ruota attorno al quartiere. Al termine dell’incontro verrà proiettato il film Dark City.

Lunedì 3 dicembre, ore 20.00, via Marino Mazzacurati, 76 – Roma.

Via Marino Mazzacurati 76
Lunedì 3 dicembre, alle ore 20.00

>°< La fantascienza di Francesco Verso – Report PT.4 | PEJA TransArchitecture research


Sul blog di Emmanuele “Peja” Pilia la quarta puntata della riflessione “La fantascienza di Francesco “Xabaras” Verso“. L’occhio architettonico transumano che indaga la SF di Francesco. All’interno del post c’è l’indicazione per le puntate precedenti. Ottimo lavoro, Emmanuele.

I remember


Il senso e i sentimenti stracciati dal tempo divengono
estensioni malevole dei suoni,
memorie taglienti ed eviscerazioni dolorose,
mi ricordo di essere ancora di carne.

Rain


Il bosco sacro cola di gocce pesanti, la pioggia dilava ogni senso di oppressione e accanto ho soltanto il rumore arcaico del diluvio, immutato da sempre, in questo luogo che si ricollega al sempre, all’arcaico, alle energie.

SANDRO BATTISTI « La zona morta


Una mia intervista è uscita su LaZonaMorta. Ringrazio Filippo Radogna per la cortesia e l’acume dimostrato, rileggo con piacere tutta la chiacchierata.

Robotica e fantascienza oggi: intervista a Maurizio Ganzaroli – EccoLaNotiziaQuotidiana.it


Ancora un’altra intervista connettivista e SF da parte di Roberto Guerra, su EccoLaNotiziaQuotidiana. È la volta di Maurizio Ganzaroli, e questo è un estratto:

D- Ganzaroli, secondo certa critica la new wave Connettivista è una svolta anche mediatica, per la fantascienza italiana; esatto?

R.Credo che il connettivismo fantascientifico diverrà o amplierà il già esistente orizzonte della fantascienza con nuove prospettive, forse alla Picasso più che alla De Chirico, se mi passi l’immagine pittorica, in quanto sebbene la fantascienza sia vasta, io rimango sempre fedele a quella più classica di urania per intenderci, più a nuove avanguardie, anche se ancora inediti ho alcuni racconti davvero singolari che io ho definito cybergoth, ovvero fantascienza sparata verso un futuro molto avanti ma con sfumature nella scrittura, o nei personaggi o nelle atmosfere che ricordano i racconti gotici antichi.

∂| HorrorMagazine | Ritorna Il Domenicano bianco


Chi conosce gli scritti di Gustav Meyrink sa quale senso di alienazione esoterica prende il lettore quando s’immerge nei rivoli carsici che lo scrittore austriaco sapeva ben esporre. Trovare i suoi libri in Italia non è facilissimo, a volte le traduzioni non sono all’altezza e Il domenicano bianco è uno di quei titoli reperibili, in ogni caso Bietti mette di nuovo in commercio il romanzo a fronte della prima traduzione con un’appendice curata da Gianfranco de Turris sui rapporti tra narrativa ed esoterismo nell’opera di Gustav Meyrink. Ce lo dice HorrorMagazine.it e la notizia non può che farmi estremamente piacere.

In una Praga occulta, un giovane uomo deve lottare per mantenere la sua sanità mentale, sfuggendo alla maledizione del Domenicano bianco, sulfurea figura la cui ombra riempie le righe di quello che è considerato uno dei capolavori dell’horror di stampo esoterico. È un passato che torna prepotentemente che il nostro protagonista dovrà sconfiggere; solo così potrà realizzarsi pienamente, iniziarsi ad un’altra dimensione. L’esito, inaspettato.

La Ragazza con la Valigia

Ironia e parodie, racconti di viaggio e di emozioni…dentro, fuori e tutt’intorno !!

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

corruptio pessima optimi

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Fuliggine

“The books gave Matilda a comforting message: You are not alone." Roald Dahl

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Sincronicità Spicciola

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana del cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri orientarsi: alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: