HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per gennaio, 2017

KG Augenstern – Tentacles | Neural


[Letto su Neural]

Christiane Prehn e Wolfgang Meyer – aka KG Augenstern – hanno trasformato nel Luglio 2014 la nave Anuschka in un laboratorio sonoro viaggiante utilizzando appositi tentacoli – dei lunghi bracci metallici – installati a bordo allo scopo di poter graffiare i ponti, rivelandone i soundprofiles creati dalle loro stesse forme. I risultati di questa ricerca sonora molto particolare – che ha interessato la forma dei ponti, il loro uso pratico e le modalità del loro tipo di costruzione – sono stati presentati in performance audiovisive nel corso del viaggio, in spazi appositamente scelti lungo le rive del fiume. Il concetto tentacles – come estensione delle stesse capacità d’ascolto dei field recordist – ricorre in tutto il lavoro del duo che ha implementato questo approccio anche in installazioni fisse sul tema del graffiare e di tensioni strutturali, statiche e dinamiche, in grado di generare complesse e rilevanti catture uditive, sperimentazioni presentate nelle ultime due tracce: “Tentacles Synthesis” e “Tentacles 2”, realizzate ad Arles nella Galerie Huit e a Valenza in un deposito appositamente predisposto. Sono però proprio le tracce fluviali quelle che a nostro avviso sono le più interessanti e ricche di suggestioni, in particolare quella dedicata a Berlino, attraversando la metropoli in una giornata ventosa, navigando sullo Sprea e sull’Havel, costeggiando 30 ponti da est a ovest dei confini cittadini, registrando atmosfere sicuramente insolite, in luoghi intrisi da elementi naturali e rumori di fondo che arrivano dalle strade in continuazione, dando vita ad un suono tattile, quasi scultoreo negli attriti, che sempre riportano agli spazi e alle architetture in un continuum ideale che è stato programmato sin dalla prima meticolosa stesura dell’itinerario. I suoni sono letteralmente grattati dalle superfici ma anche diluiti nel fluire della narrazione che di ogni attraversamento registra anche l’avvicinamento e poi l’allontanarsi seguendo l’idea di una esplorazione molto dettagliata ma anche ariosa, culminante negli attriti ma sempre sensibile e ricettiva di tutto il resto attorno.

Annunci

Chiamante


I singulti si espandono oltre la corrispettiva mnemonica del furore, lasciandomi attestato sulle coordinate dell’abisso che chiama.

Dilagante


Una definizione dilaga oltre le percezioni del reale, mostrandoti la stanza espansa, così come non l’avevi percepita prima.

Nel coltrone


Imbellettato nel tuo coltrone, riservi le occhiate soltanto a chi si reca oltre ogni distanza memetica.

Phillip Penix-Tadsen – Cultural Code: Video Games and Latin America | Neural


[Letto su Neural.it]

Penix-Tadsen, con la sua ricerca sulla cultura latino-americana e sulla base di un lavoro classico come quello dell’antropologo Roger Caillois, fornisce un’ulteriore e interessante contributo a quelle che sono le contemporanee analisi a proposito di giochi. Il progetto ha due obiettivi fondamentali: capire il ruolo dei videogiochi nella cultura e investigare su come la cultura è rappresentata nei videogiochi, o, in altri termini, “come i giochi utilizzano la cultura e come la cultura utilizza i giochi”. Il libro inizia con l’identificare tutta una serie di fenomeni tecnici e culturali tipici dell’America Latina, arricchendo il vocabolario e la portata delle pratiche ludiche. Nel saggio sono oggetto di ricerca anche i videogiochi indipendenti, per esempio, il brillante gioco Papo & Yo, ideato e sviluppato da Minority Media Inc. Nell’antico libro maya precolombiano Popol Vuh vi è una descrizione di un gioco che articola l’atto ludico e pratiche cerimoniali di quella civiltà. Questo esemplifica le ricche radici storiche della ludology in un contesto storico latino-americano. Nel libro di Phillip Penix-Tadsen è facile trovare connessioni su svariati aspetti socio-culturali della storia latino-americana e i videogiochi: ad esempio l’esplorazione di Tomb Raider dell’antico tempio Maya di Xibalba. Cultural Code, con i contributi anche di un autore come Martin Barbero, dà il giusto rilievo ad analisi mediatiche di provenienza latino-americana, ricerche che non necessariamente sono familiari per un pubblico anglosassone. Nella pubblicazione sono anche trattate le idee di ludologisti come Gonzalo Frasca, che ha dedicato il lavoro di una vita all’esplorazione dei videogiochi in Sud America.

Oltre il limitare


Ho preferito mostrare le convulsioni nell’atrio delle percezione, così da non permettere a nessuno di collassare oltre il sottile delimitare della coscienza.

Semplicità in irruzione


Le semplicità espresse dalla distribuzione istantanea si allineano oltre i bastioni dei riconoscimenti interiori, banchi di esperienze si frantumano sotto il peso dell’oltre.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: