HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Tersicore

Ordo Eqvitvm Solis – This Is The Way


Il senso di poesia che mi pervade, chiudendo gli occhi come se fossero gonfi, mentre scendo negli abissi del sublime.

Annunci

Wordclock – Bell Ringing I


I sintomi del percepire empatico.

ROGER WATERS: A LUGLIO IL TOUR OUTDOOR “US+THEM” A LUCCA E ROMA! | PINK FLOYD ITALIA


Su PinkFloydItalia l’annuncio di altre due date per Roger Waters, in Italia, outdoor; ecco il post:

A seguito dell’enorme successo delle date indoor, Roger Waters porta in Italia le -per ora- due uniche date europee all’aperto oltre alla data di Hyde Park del suo monumentale tour, US+THEM!

11 Luglio | Lucca Summer Festival | Mura Storiche
14 Luglio | Rock in Roma | Circo Massimo

Le prevendite partiranno Giovedì 14 Dicembre sul sito di TicketOne e su quello di D’Alessandro & Galli.

Gli ascoltatori di Virgin Radio avranno la possibilità di accedere a una pre-sale dalle 9 di lunedì 11 dicembre. Considerando la rapidità con cui sono andate sold out le sei date di aprile occorrerà arrivare puntuali all’appuntamento con il «click day».

Qui i dettagli delle due date da “ilsole24ore“:

Prima tappa al «Lucca Summer Festival», nell’area adiacente alle Mura Storiche, dove a settembre scorso si sono esibiti i Rolling Stones, non senza qualche polemica. Stavolta, da quanto si apprede, la capienza dovrebbe essere di circa 45mila persone, contro le 55mila del concerto di Jagger e soci. Quella della location toscana non è stata affatto una scelta casuale: c’è un indirizzo preciso da parte di Waters, affascinato dal collegamento tra le Mura cinquecentenarie che avrà al fianco del palcoscenico e The Wall, la sua opera meglio conosciuta, i cui brani avranno una parte fondamentale nella scaletta di questo show che vedrà il musicista inglese interpretare tutti i grandi classici del repertorio floydiano assieme ai brani del nuovo album Is This The Life We Really Want?, nel Bel Paese al centro di un curioso caso giudiziario per accuse di presunto plagio da parte dell’artista Emilio Igrò.

Anche la location del Circo Massimo ha precedenti importanti con il rock, considerando che ci hanno suonato di recente ancora i Rolling Stones e Bruce Springsteen. La data segnerà il ritorno di Waters a Roma a cinque anni di distanza dalla rappresentazione di The Wall allo Stadio Olimpico. In questo caso gli spettatori ammessi saranno 50mila.
Il format live del Desert Trip, portato in Italia da D’Alessandro & Galli, prevede elementi di altissima spettacolarità, a partire da un palco innovativo che riproduce la Battersea Power Station di Londra che evoca la storica copertina di Animals, capolavoro dell’ultima fase floydiana dell’artista. Agli effetti speciali che vedono, tra le altre cose, il leggendario maiale volare sopra tutto il pubblico e un aereo da guerra schiantarsi contro il palcoscenico, si aggiunge un sistema di amplificazione avanguardistico che regalerà al pubblico un’esperienza impattante.

Those Who Walk Away – The Infected Mass | Neural


[Letto su Neural]

Il sound-artista canadese Matthew Patton, aka Those Who Walk Away, non ha scelto per caso un simile moniker, e a giudicare dalla maestosa e cupa seriosità delle armonie dipanate in The Infected Mass il riferimento non ha nemmeno a che fare con qualcosa d’ironico o particolarmente leggero. Quello che immediatamente ci colpisce è infatti un respiro sordo ­– non sappiamo se ricostruito ad arte o frutto di field recording – come di un aereo in volo, al quale sono aggiunti trattamenti polifonici in strati sovrapposti, dipanati in arie classiche da quintetto d’archi, in un continuum chiesastico ed elegiaco ma anche inquietante, irrisolto e senza speranza. Si tratta in realtà – lo scopriamo solo successivamente – d’un lutto di famiglia e allo stesso tempo d’un incidente aereo, della tragedia insomma che ha coinvolto un’intera comunità. A rafforzare questo contorto storytelling fa capolino nell’artwork, in maniera altrettanto sinistra, una sezione orizzontale di un aereo, proprio quello dell’incidente, con la precisa indicazione dei posti a sedere e dell’effetto dell’impatto che ha causato più linee di rottura nella carlinga. Non è finita: nella traccia numero tre dell’album, “First Partially Recollected Conversation” è la voce del pilota stesso, estrapolata dalla scatola nera, ad essere oggetto di raggelanti trattamenti sonori, voci che poi ricompaiono in registrazioni differenti anche nella traccia numero cinque. Ammette anche Patton – e non saremo certo noi a voler giudicare l’adeguatezza d’un simile approccio poetico – che “c’è qualcosa di molto genuino e allo stesso tempo molto sbagliato” in quello che lui ha messo insieme, un’opera che per lo stesso autore è profondamente disturbante, una musica piena di fantasmi e di ossessione, che straborda auditivamente per eccesso di saturazione e senso d’angoscia. Dei melodici ed aspri passaggi questa volta non sottolineeremmo il minimalismo e nemmeno l’appartenenza a stilemi contemporary classical, perché nella concezione dell’opera non sembra l’appartenenza a una qualche enclave di genere a guidare l’ispirazione. Sembra una necessità piuttosto, svincolata da effetti precisi, a costringere all’espressione di un simile e così manifesto dolore che infetta ogni cosa ma dà vita a una composizione di lancinante crudezza. Patton ricorda in tale maniera il fratello deceduto e a noi non resta che chinare il capo.

The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains comes to Rome


Il teaser della Mostra Their Mortal Remains dei Floyd a Roma, dal 19 gennaio. Terribile voglia…

Cult of Haze – The Road Of Autumn


Splendidi suoni dark, da un tempo andato…

Mike Oldfield – Foreign Affair


Lo strano affare che ci coinvolge…

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, esoterismo. A cura di Marco Maculotti.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: