HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Roger Waters

Pink Floyd – Empty Spaces – What shall we do now?


Un brano straconosciuto, le immagini dal film “TheWall” sono da lungo tempo, ormai, iconiche.

ROGER WATERS: LA SUA BATTAGLIA PER IL RILASCIO DI UNA MUSICISTA CURDA, E UNA CHITARRA IN REGALO..


Su PinkFloydItalia la news di Roger Waters che dona una delle sue chitarre a un’attivista curda, imprigionata ormai un po’ fa, cui è stata distrutta la sua chitarra; ecco il dettaglio e sotto il video:

Sulla pagina YouTube ufficiale di Roger Waters è stato caricato un video che segue il viaggio di una chitarra donata da a Nûdem Durak. Il filmato, della durata di 15 minuti, vede la partecipazione di Peter Gabriel, Robert Plant, Nick Mason e molti altri, che mostrano il loro sostegno alla sua ingiusta detenzione. E la chitarra in questione, è proprio la Martin nera usata da Roger nei sui tour.
La cantautrice curda era già a due anni dalla sua condanna, a 19 anni di carcere, quando uno dei pochi fili che la legavano alla libertà è stato tagliato. Prima della sua incarcerazione nel 2015, Durak viveva a Cizre, in Turchia, e cantava canzoni sia in turco che nella sua lingua madre, il curdo. In seguito è stata accusata di comunicare con membri del PKK (il Partito dei Lavoratori del Kurdistan), che la Turchia e gli Stati Uniti hanno definito un’organizzazione terroristica. Secondo il suo avvocato, è stata condannata per “appartenenza a un’organizzazione illegale” e senza poter presentare prove adeguate a sua difesa. Quando si è presentata in carcere per la sentenza, le è stato permesso di portare con sé la sua chitarra acustica, ma lo strumento è stato rovinato durante un controllo di routine in cella nel 2017, quando le guardie ne hanno staccato il collo dal resto del corpo.

“Sembra del tutto evidente che non c’è uno straccio di prova a sostegno della protesta del governo secondo cui Durak è una criminale violenta“, afferma Waters. “Non c’è alcuna prova a sostegno di questa tesi. Non ha fatto nulla se non insegnare ai bambini a suonare la chitarra e scrivere e cantare canzoni sulla sua madrepatria. È una curda“. In due processi, insieme a più di una dozzina di altri imputati, Durak è stata condannata rispettivamente a nove e dieci anni in relazione a un attacco terroristico che ha causato 18 morti. L’avvocato di Durak dice a Waters che, nonostante nessuno si sia fatto avanti con accuse contro di lei, è stata condannata per essersi trovata nel posto sbagliato al momento sbagliato.
“È scioccante rendersi conto che ci sono ancora Paesi in cui musicisti che vogliono fare esattamente la stessa cosa che facciamo noi finiscono in prigione con la vita in pericolo“, dice Gabriel. “È sia un promemoria delle libertà che diamo per scontate, sia la responsabilità che abbiamo di far conoscere meglio le loro storie“.
Alla domanda su cosa possa fare una persona comune per aiutare Durak, Waters risponde: “È un’ottima domanda. “C’è un coro là fuori, e questo coro sarà profondamente preoccupato per la situazione di questa giovane donna, così come è preoccupato per la situazione delle persone ingiustamente imprigionate, che siano politiche o meno, ovunque. E quel coro, di tanto in tanto, alza la voce in armonia“.

Roger Waters: la sua rivisitazione di “Comfortably Numb” suona sinistra e cupa. Ma molto attuale | OndaMusicale


Cosa c’è dietro la rivisitazione del classicone floydiano “Comfortably Numb” eseguita nel suo ultimo da tour da Roger Waters? Ce lo spiega OndaRock – sotto il clip bello, bello, bello da far piangere:

Prodotta da Roger Waters con Gus Seyffert, che suona nella sua touring band, accompagnata da un video inedito, Comfortably Numb 2022 è stata registrata in vari studi del Nord America. È il pezzo che apre il tour dell’addio di Waters, This Is Not a Drill.
Comfortably Numb è una delle canzoni dei Pink Floyd in cui i talenti di Waters e dell’amico-nemico David Gilmour si bilanciano meglio. Nella nuova versione il pezzo è rallentato, l’atmosfera è sinistra. E il ritornello, che nell’interpretazione di Gilmourapriva” la canzone in modo forte e poetico, è trasformato in una sorta di canto funebre. Non c’è l’assolo di chitarra finale, uno dei più amati della storia, sostituito da una parte vocale femminile senza parole che porta la durata di Comfortably Numb 2022 a otto minuti e mezzo. La storia del rocker e del suo dr. Feelgood diventa nel video, che si apre sulle immagini di una città colpita dalla guerra, coi grattacieli sventrati e il cielo d’un colore improbabile (e il maiale di Animals), una metafora di come ci stiamo tutti dirigendo “comodamente intontiti” verso l’estinzione, col capo chino sui nostri smartphone, con recinzioni da campo di concentramento sullo sfondo.

La canzone dei Pink Floyd che pubblicò Marianne Faithfull – Rockol


Su RockOl una curiosa storia che, confesso, non conoscevo, ed è bellissima; ve la riporto assieme alla song citata – tra l’altro, l’intro lirica è citata, lo so ora, da “YourPossiblePast” di FinalCut, l’ultimo albumo di Waters coi Floyd.

La tragica parabola di Syd Barrett è cosa nota, così come è risaputo l’affetto che i membri dei Pink Floyd hanno sempre avuto nei confronti del loro compagno tanto geniale quanto alle prese con difficoltà personali di quasi impossibile gestione. Syd fu il primo motore della band, ma fu costretto a lasciare il gruppo per affrontare battaglie di altro tipo. In quel periodo Roger Waters scrisse una canzone sulla caduta agli inferi di Barrett. Dopo molti anni Roger Waters decise di regalare a Marianne Faithfull questo inedito.

La canzone non venne mai registrata dai Pink Floyd, ma trovò il modo di essere incisa dalla musicista inglese. Un giorno la Faithfull decise di chiamare Roger Waters e di chiedergli se non avesse dei brani da sottoporle. Waters mise mano al materiale che aveva in archivio e trovò qualcosa che pensava potesse essere adatto a lei.
La canzone venne scritta da Roger Waters nel 1968, l’anno in cui Syd Barrett lasciò i Pink Floyd. Quella canzone si intitolava “Incarceration of a Flower Child” e la melodia era diversa dalle sonorità che contraddistinguevano i Pink Floyd in quel periodo, in più il testo era piuttosto personale. Forse, proprio per questi motivi, la band britannica non la incise.
Marianne Faithfull inserì “Incarceration of a Flower Child” nella tracklist del suo album uscito nel 1999 “Vagabond Ways” (leggi qui la recensione). La canzone fu uno dei brani di maggior successo del disco. Tempo dopo Marianne ne pubblicò una versione demo nella ristampa dell’album. Una versione forse più vicina a come l’aveva pensata Roger Waters quando la scrisse.

Roger Waters, la sua storia preferita su Dark side of the rainbow – Rockol


Su RockOl una gustosa intervista a Roger Waters che verte – anche – sulle coincidenze tra DarkSideMoon e il film del ’39 “Il mago di Oz”; la bizzarra commistione è nota come “Dark side of the rainbow”, ma quali connessioni effettive ci sono tra questi due lavori?

Verso la metà degli Anni Novanta, in un articolo pubblicato sul Journal Gazette di Fort Wayne, Charles Savage, riprendendo un’idea di alcuni fan dei Pink Floyd, suggeriva ai lettori di guardare il film “Il mago di Oz” del 1939 senza audio e con i sottofondo l’iconico album della leggendaria band britannica del 1973, “The dark side of the moon”. Iniziò così a circolare la voce che il disco del gruppo fosse stato concepito in qualche modo come colonna sonora per la pellicola di Victor Fleming. Negli anni successivi poi, i membri dei Pink Floyd sono intervenuti in più di un’occasione per smentire ogni loro possibile collegamento con questo fantomatico progetto conosciuto con i titoli “Dark side of the rainbow” o “The dark side of Oz”. Recentemente, in un’intervista per il podcast di Joe Rogan, Roger Waters è nuovamente intervenuto sulla vicenda e ha raccontato la sua storia e i suoi pettegolezzi preferiti legati a questo mito.

Alla domanda se i Pink Floyd avessero o no pianificato la coincidente sovrapposizione tra il disco e le scene del film, Waters ha risposto: “Stronzate, ovviamente lo sono. Voglio dire, funziona se fai come viene detto, ma nulla ha a che fare con noi. Nessuno di noi c’entra qualcosa e questa leggenda non ha a che fare con nessuno dei Pink Floyd o chiunque abbia scritto o registrato la musica. È una coincidenza, forse una coincidenza cosmica”.
Il 79enne musicista britannica ha poi condiviso ai microfoni del podcast una storia in particolare legata a “Dark side of the rainbow” e ha narrato: “C’era un poliziotto in Louisiana che si mise a inseguire un autobus che zigzagava un po’ per la strada Quindi lo fece accostare. Mise la bici sul cavalletto, aprì la portiera e c’era molto fumo”. Ha continuato: “Entrò, passò tra i sedili dell’autobus e si mise alla ricerca della provenienza del fumo di marijuana. Alla fine arrivò sul retro dell’autobus dove c’era uno scompartimento privato. Aprì la porta, entrò e c’era Willie Nelson”.

“Storia vuole che ci fosse Willie Nelson intento ad ascoltare ‘The dark side of the moon’ mentre guardava ‘Il mago di Oz’ in tv. Non credo a una parola della storia, ma mi piace molto!”, ha chiosato Waters.

EXTRA! MUSIC MAGAZINE – La prima rivista musicale on line, articoli, recensioni, programmazione, musicale, eventi, rock, jazz, musica live


Continuando a parlare di Roger Waters, vorrei fare un piccolo salto indietro e rievocare un suo concerto di venti anni fa, forse il suo più intimo a cui ho assistito, pregno del senso floydiano ma anche per pochi sodali, dove vederlo in azione sul palco a pochi metri ha ancora i miei occhi un valore inestimabile, pur se all’epoca Roger non aveva con sé tutto l’apparato tecnologico – ora molto più che floydiano – ma di cui s’intuiva comunque la presenza.
Ho pescato dalla Rete questa recensione dell’epoca, e mi ci specchio quasi totalmente, anche se ricordo che i due chitarristi non arrivavano a fare mezzo Gilmour 🙂
Roma, stadio Flaminio, 12 giugno 2002, un abisso di tempo riesumato su XTM

Non siamo neanche arrivati al cancello d’ingresso, io e Pink, che iniziamo a sentire, proveniente dall’interno dello stadio, il riff inconfondibile di “In The Flesh”. Sono le 8 di sera, il sole splende ancora altissimo. “Non ti preoccupare, Floyd”, mi fa Pink, “sarà l’impianto di diffusione”. Macché, il concerto è già partito, e d’altro canto l’avevano detto che sarebbe iniziato puntuale per evitare di finire in tarda serata e distruggere la quiete agli abitanti del quartiere.
Inizia una forsennata corsa verso l’erba verde del Flaminio, “The Happiest Days Of Our Lives” e siamo ancora virando sotto le tribune. Entriamo al coro di “We don’t need no education, we don’t need no thought control”, con la Roger Waters Band che alla luce del sole esegue una versione ad altissima fedeltà di “Another Brick In The Wall”. E non ci sono cinismi che tengano, perchè è un momento realmente emozionante: fino a un paio di mesi prima mi stavo rassegnando all’idea che avrei stirato le zampe senza ascoltare mai una nota dei Pink Floyd dal vivo, e invece l’evento sta avendo luogo, proprio di fronte ai miei occhi.
Sempre da “The Wall”, Waters attacca la lenta, struggente “Mother”, ed è il momento di guardarsi intorno: pubblico tra i 10 e i 70 anni di età, tutti con un sorrisino ebete stampato sul viso tranne, presumibilmente, quelli seduti in tribuna, imbufaliti per aver pagato 60 euro (molto più di noi che stiamo sul prato) ed essere relegati in una posizione di sguincio, dato il cambio di venue al Flaminio dal previsto Olimpico (dove avrebbero avuto diritto a una eccelsa postazione di fronte al palco). “Brezhnev took Afghanistan, Begin took Beirut”, attacca Waters, affiancato dai suoi chitarristi Snowy White e Andy Fairweather-Low, e dal tastierista Chester Kamen, fratello di Nick. Arriva anche “Southampton Dock”, mentre sui megaschermi, che dovrebbero proiettare immagini mirabolanti, continua a vedersi poco o nulla, causa sole. All’esecuzione di “Pigs On The Wing” e “Dogs” (da “Animals”) mi è ormai chiaro che si tratta del concerto da stadio con il miglior sound che abbia mai visto, in perfetta tradizione pinkfloydiana. Calano finalmente le prime ombre della sera, e durante “Set The Controls For The Heart Of The Sun” (unica concessione ai Pink Floyd pre-1970) si vedono finalmente nitidamente le prime immagini dai megaschermi: sono Waters, Gilmour, Mason e Wright, ripresi mentre si rotolano in un campo di grano in un pomeriggio inglese degli anni sessanta, giovanissimi e psichedelicissimi. Vengono concessi anche dei momenti di gloria alle tre coriste; una di loro, quella che fa l’assolo, è la mitica P.P. Arnold, “Incise due album sul finire degli anni ’60 per l’etichetta Immediate di Loog Oldham, il manager degli Stones”, informo enciclopedico il buon Pink, “il primo è eccezionale, il secondo molto meno, anche perché uscito in un momento in cui l’etichetta stava collassando…”
Discorso interrotto dall’arrivo, in sequenza, di “Shine On You”, “Welcome To The Machine” e “Wish You Were Here”, un terzetto che lascia me e tutti i presenti con la bocca aperta e le orecchie in tiro.
C’è un break di 20 minuti, che serve a malapena per rifiatare. Si ricomincia con quello che è il clou del concerto e, in ultima analisi, il vero motivo per cui 20.000 persone sono riunite stasera su questo prato dove di solito si gioca a rugby: la sequenza di brani tratti da “The Dark Side Of The Moon”, partendo dal battito cardiaco di “Breathe”, passando per “Time” e concludendo con una ballabile versione di “Money”.
Mi viene in mente, ascoltando quei brani immensi, eseguiti live con una precisione e un’alta fedeltà colossale, di come a volte dimentichiamo (tutti) che “Dark Side” è e resta un caposaldo della musica che in difetto di migliori termini definiamo “rock”. Troppo spesso, certa critica un po’ troppo snob ha storto il naso di fronte al successo universale e un po’ “nazional-popolare” di quell’album datato 1973 e, citando i Pink Floyd, ha magnificato i dischi dell’epoca Barrett per sminuire quelli, diversi ma altrettanto grandi, del periodo Waters. E in cima alle classifiche dei dischi più influenti di tutti i tempi ci andavano regolarmente cose tipo “The Velvet Underground & Nico”, mentre “Dark Side” non riceveva neanche lo straccio di una citazione. Ha influito, su “quella” critica, l’epiteto di “dinosauri” con cui le nuove leve del punk definirono la generazione dei Led Zeppelin, degli Stones e, certo, dei Floyd; e forse anche la famosa t-shirt indossata da Johnny Rotten in alcuni concerti del ’76, recante la scritta “I Hate Pink Floyd”. Ma un mondo senza “Dark Side” sarebbe, musicalmente parlando, molto più povero. Per fare un esempio, una band come i Flaming Lips di “Soft Bulletin” e “Yoshimi” non è assolutamente concepibile se eliminiamo dall’equazione l’epopea sul “lato oscuro della luna”.
La suite di cui sopra viene intervallata da alcuni pezzi tratti dai dischi solisti di Waters, tratti dal valido “The Pros And Cons Of Hitchhiking” e dagli sbiaditi “Kaos Radio” e “Amused To Death”, poi veniamo rispediti sulla luna, con “Brain Damage” ed “Eclipse”, splendidi come li conoscevamo. Waters, che fino a quel momento è rimasto fisso al centro del palco, fa una passeggiata dalle nostre parti, e riusciamo finalmente a vederlo da vicino. “’Ammazza, quanto è vecchio”, è il lapidario commento di Pink, che purtroppo corrisponde a verità: capelli bianchi e abbondanza di rughe, sembra quasi un reduce, come se il Tenente Waters protagonista di alcune delle sue canzoni fosse tornato indenne dallo sbarco di Anzio per offrirci una dissertazione in musica sui suoi orribili incubi di guerra.
Si finisce in crescendo, con “Comfortably Numb”, uno dei migliori episodi (il migliore?) da “The Wall”. C’è tempo per una encore, la nuovissima “Flickering Flame”, unico pezzo inedito contenuto nell’appena uscita compilation di brani del periodo solista.

Poi tutti a casa, anzi, nel nostro caso, al pub, a discettare del perché e del percome le canzoni epocali che Waters scrisse quando aveva tra i 20 e i 30 anni siano nettamente superiori a quelle prodotte in età più matura; e di come vedere Waters (il songwriter) sia ben più significativo che non assistere ai Floyd di Gilmour, Mason e Wright, che sono sempre stati dei semplici, benchè validi, esecutori.

This Is Not A Drill Tour Review: The Genius of Roger Waters


Una recensione al tour attuale di Roger Waters (This Is Not A Drill: sarà davvero l’ultimo?), in particolare per la data di San Francisco; vi lascio ad alcune note in inglese del recensore ThePaltrySum:

Before I carry on, I will say this. If you don’t have tickets to see Roger’s This Is Not A Drill performance, if you even have the vague notion that you ‘might like to go to the show’, stop reading this review right now, fire up ticketmaster and buy two tickets, in the most expensive seats you can afford. Just do it. You can read the review and salivate at the prospect of getting to experience this goodbye tour from Waters after. You will not regret it, and might even consider me quite a stand up kinda girl for giving you the hint. After all I could simply have not told you, and then you would be missing out on seeing what was the best show of my lifetime, and that would just be sad.

When we took our seats, in the center of the top end section of the stadium I became acutely aware of the problem that performing in the round poses. Everyone wants to see Roger and the rest of the performers, and everyone in there needs to get a good look at the light and projection show, which absolutely makes This Is Not A Drill into the masterpiece it is. The sight of crossed hammers with This Is Not A Drill written under them greeted the audience, being beamed in by an uncertain and sometimes fuzzed out interrupted transmission.

More importantly perhaps, Roger’s heart is clearly in the right place. Roger is the ultimate hippy child, all grown up, who always did see the wolf knocking at the door, and started to warn us all in the 70s that the ‘Lunatics (were) on the grass’, trying to cut all us little people up into lamb chops, to mix my album metaphors. Tonight there was plenty of material from both Animals and Dark Side of the Moon. In fact Roger played for 2 and 3/4 hours. Track after perfect track, stunningly presented, perfectly played and proving who Pink was this whole damn time. It was Rog. You see Roger can do Floyd without Mason or Gilmour, but Gilmour cannot do Floyd adequately without Roger. Heck Waters even have a new guitarist and singer of Money, whose name is also David. The fact is the New David’s guitar work is every bit as luscious as Dave “Killer” Gilmour’s, it is every bit as perfect as David’s work on the albums. The New Dave doesn’t go off the beaten track and improvise like Old David does, but in my mind that is good. People love the albums. They want to hear it like it is on the album, not feel sad because their favorite song sounds different. We need that soaring arpeggio. The audience thirsts to hear the songs that are part of their life, their social awareness, their friends, their comfort, exactly how they are on the albums, and for the most part, Roger gives us boys and girls exactly what our hearts desire.

ROGER WATERS IN ITALIA NEL 2023! – “THIS IS NOT A DRILL” A MILANO E BOLOGNA!


Come annunciato da PinkFloydItalia, la prossima primavera Roger Waters suonerà il suo This is not a drill anche in Italia – al momento Milano e Bologna, ma è lecito sperare anche Roma?
Il cuore batte forte, e intanto proviamo a ragionare sul joke verbale di Roger riguardo al suo addio… Ringraziando gli dèi, non si arrenderà mai!
In basso la registrazione del gig di Minneapolis, così, giusto per capire di cosa parliamo.

Alla fine, è arrivato l’annuncio ufficiale: il discussissimo tour “This Is Not A Drill” di Roger Waters, dopo l’America, arriverà anche in Italia!

I concerti di Roger Waters, sono sempre “senza compromessi”, uno spettacolo cui sarà difficile rimanere indifferenti, quindi, se quando il tour sarà in Italia, voi “non sarete al Bar“, scrivetelo nei commenti! Inoltre, la nuova grafica a supporto del tour europeo 2023 fa riferimento al “suo primo tour d’addio in assoluto” – fate come volete, ma un tour d’addio non viene mai normalmente definito il “primo in assoluto” di una persona! Forse si tratta di uno scherzo di Roger, oppure non è un vero tour d’addio?

Pink Floyd, auguri a Roger Waters (con frecciata social) – Rockol


Ieri 6 settembre Roger Waters ha festeggiato 79 anni. Quale modo migliore di farlo che lanciare un siluro verso i vertici politici mondiali, liberisti e guerrafondai, in particolare verso la moglie di Zelensky? Ogni giorno che passa ringrazio che ci siano ancora persone come lui, pronte alla lucidità politica e all’estrema trasparenza dei gesti, anarchie di fatte che rendono il mondo un posto un po’ migliore. Da RockOl:

Nella tarda serata di ieri l’artista di Great Bookham ha pubblicato sui propri canali social ufficiali una lunga lettera aperta alla first lady ucraina, Olena Zelenska. Rivolgendo alla moglie del presidente Volodymyr Zelensky un appello per fermare il prima possibile il conflitto che sta martoriando la regione e provocando grande instabilità sugli equilibri geopolitici internazionali, Waters dà una sua personale lettura della situazione attuale.
Citando un verso del classico dei Pink Floyd “Wish You Were Here” –  “Did you exchange a walk on part in the war for a lead role in a cage? – Waters, per esprimendo solidarietà a entrambe le parti coinvolte nel conflitto, condanna fermamente il supporto militare offerto dall’occidente al governo di Kiev, invitando Zelensky a “portare pace nel Donbass” concedendo “autonomia parziale alle province di Donetsk e Luhansk” e a “ratificare e attuare integralmente degli accordi di Minsk 2”. L’artista, inoltre, addossa ai “nazionalisti ucraini” la responsabilità del conflitto, scaturito dal “superamento di un certo numero di linee rosse che erano state chiaramente indicate nel corso di diversi anni dalla Federazione Russa”. “Se mi sto sbagliando, mi può aiutare a capire come fare?”, conclude Waters, sempre rivolgendosi a Zelenska: “Se invece non mi sbaglio, mi aiuti nel mio sforzo volto a convincere i nostri leader a fermare questo massacro, utile solo alle classi dirigenti e ai nazionalismi sia in Oriente che in Occidente”.

Cose esterne?


La lascivia dei tuoi sensi sembra un warning diffuso attraverso canali sensoriali estranei a quest’ordine dimensionale.

The Sage Page

Philosophy for today

° BLOG ° Gabriele Romano

The flight of tomorrow

Sobre Monstruos Reales y Humanos Invisibles

El rincón con mis relatos de ficción, humor y fantasía por Fer Alvarado

THE PRODIGY OF IDEAS

This blog is a part of my inner world. Be careful to walk inside it.

Gerarchia di un’ombra

La Poesia è tutto ciò che ti muore dentro e che tu, non sai dove seppellire. ( Isabel De Santis)

A Journey to the Stars

Time to write a new Story

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

Decades

by Jo & Ju.

Paltry Sum

Detroit Richards

chandrasekhar

Ovvero come superare l'ombra, la curva della luna, il limite delle stelle (again)

AUACOLLAGE

Augusta Bariona: Blog Collages...Colori.

The daily addict

The daily life of an addict in recovery

Tiny Life

mostly photos

SUSANNE LEIST

Author of Paranormal Suspense

Labor Limae

- Scritture artigianali -

Federico Cinti

Momenti di poesia

Racconti Ondivaghi

che alla fine parlano sempre d'Amore

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: