HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Acido

Davvero accaduto


La visione di una via, loggata da binari del tram e da linee elettrificate, aeree. Una percezione di ciò che è realmente accaduto

Il 1969 dei Pink Floyd: la storia di Zabriskie Point | OndaMusicale


Su OndaMusicale il racconto delle registrazioni dei Pink Floyd per la colonna sonora di Zabriskie Point, avvenute a Roma alla fine del ’69. Cose davvero pittoresche…

Proprio mentre è a Londra per girare Blow Up, Antonioni ha avuto modo di vedere all’opera i primi Pink Floyd, in un pirotecnico live psichedelico alla Roundhouse, accompagnato da Monica Vitti. E mentre è in California per girare Zabriskie Point, nel ’68, la band si trova lì col tour di A Saucerful Of Secrets. I Pink Floyd sono un gruppo di riferimento per la cultura giovanile californiana, tanto che già nelle prime scene del film appare il retro della copertina di A Saucerful Of Secrets, mentre uno dei protagonisti telefona, seduto sul letto.

A Roma i quattro musicisti alloggiano in un hotel di lusso, il Massimo D’Azeglio, ad appena trecento metri dagli International recording studios di via Urbana. Il ricordo di Roger Waters di quel periodo è piuttosto pittoresco e serve a dare l’idea del periodo: “Andammo a Roma e alloggiavamo in un hotel di lusso. Ci svegliavamo regolarmente alle 4 e mezzo del pomeriggio, ci fiondavamo al bar e stavamo lì fin verso le sette quando, barcollando, ci infilavamo al ristorante, dove mangiavamo e bevevamo più o meno un paio d’ore. Dopo una settimana circa delle due programmate, il tipo del ristorante cominciò a cambiare le nostre ordinazioni; noi chiedevamo dei vini assurdi e lui ce ne portava altri, certe bottiglie a prezzi folli.”

Alla boheme della vita nell’albergo di lusso, fa però da contraltare l’impatto tutt’altro che idilliaco col maestro Antonioni. È ancora Waters che racconta, in questi spezzoni tratti da Zig Zag, una rivista dell’epoca: “Si cominciava a lavorare alle 9, minuto più minuto meno; lo studio distava pochi minuti a piedi, ci andavamo barcollando. Non c’era molto da fare e avremmo potuto sbrigarci in cinque giorni. C’era Antonioni e noi avevamo preparato dell’ottima musica ma quando la ascoltava, ricordo che aveva un terribile tic, si lanciava regolarmente in commenti tipo: “È beeeeellissssimo ma trooooppo triste” o “È trooooppo forte”. C’erano sempre errori, e non da poco. C’era sempre qualcosa che impediva alla musica di essere perfetta. Qualunque cosa tu cambiassi, non andava bene e lui non era contento. Un inferno, un vero inferno. Antonioni si sedeva ad ascoltare e ogni tanto – spesso – si addormentava. Noi continuavamo a lavorare fino alle sette o alle otto del mattino, tornavamo in albergo per colazione, poi a letto, su alle 4 e mezza e ancora al bar.”

▶︎ Angel In The Detail | Legendary Pink Dots


Su segnalazione del sempre efficace Mario Gazzola, i Legendary Pink Dots che cercano di non far rimpiangere troppo il mai troppo compianto Syd Barrett e la sua idea di Floyd. Su Bandcamp.

Syd Barrett e la sua ultima intervista | OndaMusicale


Su OndaMusicale l’ultima intervista a Syd Barrett, datata 1982. Uno stralcio:

– Di cosa ti occupi adesso? Dipingi?
– No… ho avuto un’operazione di recente, ma niente di grave. Volevo tornare là [a Londra – ndr]. Ma devo aspettare. Poi c’è anche uno sciopero dei treni.
– Ma è finito un paio di settimane fa…
– Ah, ok grazie…
– Cosa fai nella tua casa di Londra? Suoni la chitarra?
– No… no, guardo la tv… tutto lì.
– E non hai più voglia di suonare?
– No. Non proprio. Non ho tempo per fare molte cose ora. E poi devo trovarmi un altro appartamento a Londra. Non è facile. Dovrò aspettare. Sai, non pensavo che avrei riavuto questi vestiti indietro. Non riuscivo a scrivere. E non riuscivo a decidermi ad andare a recuperarli… prendere il treno e tutta quella roba… già… non ho neppure scritto a quelle persone… mamma mi ha detto che li avrebbe chiamati dal suo ufficio… comunque grazie…
– Ti ricordi di Duggie? [Duggie Fields, un pittore con cui anni prima aveva diviso un appartamento – ndr]
– Sì… non l’ho più visto… quando ero a Londra non vedevo mai nessuno.
– Tutti i tuoi amici mi hanno detto di salutarti.
– Ah… grazie… è bello.
– Posso farti una foto?
– Sì, certo. Poi basta! Questa cosa mi sta agitando… grazie.
– È un bell’albero quello
– Sì, ma non più tanto bello. L’hanno potato un po’… mi piaceva tanto… [La madre lo chiama in casa: il tè è pronto! – ndr] Ok, bene… magari ci si rivede a Londra. Ciao.
– A presto… ciao.

Concerto IL SEGNO DEL Comando+RUNAWAY TOTEM


Domani 22 novembre a Genova, alle 21.30, ci sarà il concerto del Segno del Comando, band di culto di Prog esoterico cui prima del concerto sarà associata una presentazione, a cura di Mario Gazzola, del saggio Fantarock sulle interazioni tra Rock e Fantastico – scritto a quattro mani con Ernesto Assante ed edito da Arcana – e anche una Mostra curata da Ksenja Laginja (pure lei presente in sala) dal titolo Kairos Sensorium Exhibition, ovvero un viaggio immaginifico tra fantascienza ed esoterismo, simbologia e silenzio cosmico, dove la visione si unisce alle proiezioni astrali con uno sguardo oltre l’umano (saranno esposte le illustrazioni che corredano la mia raccolta di racconti di sesso quantico Sensorium).

Il Segno del Comando si esibirà a Genova al teatro LaClaque in Via di San Donato 9, angolo Vico Biscotti, puntuale alle 21.30; qui potrete trovare l’evento FaceBook e chi può, vada!

Pink Floyd – Nightmare (Cymbaline) 1969-09-17 – 24/96 legendado


La magnifica versione suonata al concerto The man and the journey, nel settembre ’69, ad Amsterdam.

S.O.S. – antologia curata da Mario Gazzola – e FantaRock al TS+FF


Il 1 novembre al Trieste Science+Fiction Festival sarà di scena l’antologia Soniche Oblique Strategie, curata da Mario Gazzola, che ne illustrerà le peculiarità assieme all’altro suo saggio FantaRock, al Ridottino Miela, alle ore 11.00. Dall’evento FB prendo quest’abstract:

Venerdì 1 novembre al Trieste Science+Fiction Festival 2 appuntamenti succulenti per fedeli bowiani: alle 11 al Ridottino Miela l’umile sottoscritto presenta il saggio FantaRock (in cui David è l’unico musicista ad avere un capitolo dedicato ai multiformi rapporti con la scifi) e l’antologia Soniche Oblique Strategie, ispirata ai giochi di ruolo di Brian Eno durante le session di Outside.
“Un viaggio spaziale nella storia della musica rock, tracciando la rotta lungo i punti di contatto con l’immaginario fantastico, da Asimov e Bradbury, a Dick e Ballard, fino al cyberpunk e alle contaminazioni postmoderne.

Alle 22, lo stesso Teatro Miela ospita la proiezione di Moon di Duncan Jones sonorizzato live da Luca M. Baldini, “una vera e propria performance visiva e sonora”.

Chi può vada, occasione imperdibile per guastarsi una delle più belle antologie di questi ultimi tempi.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

Be Different...Be Free !!

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: