HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Liberismo

Abissi d’acciaio – Carmilla on line


Alessandra Daniele e la sua sferzata anarcodissidente, a sconfigurare il Liberismo esasperato e il suo rincorrere il Profitto, il Capitale, ogni altra personificazione del Male che ingoia l’umano – lo stesso modo con cui voleva annientarci il nazismo. Su CarmillaOnLine.

L’Ilva non è un’eccezione. Un incidente, un’aberrazione. È il paradigma esatto del capitalismo.
l’Ilva non è un malfunzionamento del sistema, è il default mode.
Quel sistema che ti costringe a scegliere fra lavoro e salute, letteralmente fra la borsa e la vita, e poi ti toglie entrambe.
Che devasta e avvelena qualsiasi territorio, trasformandolo in un deserto marziano. Terrasformando il pianeta fino a renderlo inabitabile.
Che controlla in varia misura tutti i media, che quindi attaccano in branco non gli assassini, ma chi ha osato mettere in discussione per un attimo la loro licenza di uccidere.
Che riduce la democrazia a una farsa patetica, fatta di nazionalisti che speculano comprando azioni delle multinazionali, ed ecologisti che tassano l’aranciata e depenalizzano l’amianto.
Abbiamo dato denti d’acciaio al peggiore istinto predatorio della specie umana.
Denti che dilaniano la carne.
“L’Ilva vale un punto e mezzo di PIL”. Le vite umane non valgono un cazzo.
Gli abbiamo dato occhi elettronici che ci fissano da miliardi di schermi.
“Questi social sono gratuiti, e lo saranno sempre”. Se qualcosa ti viene offerto “gratis”, significa che la merce in vendita sei tu. La tua identità, le tue opinioni, i tuoi dati sensibili.
Gli abbiamo dato un braccio metallico che schiaccia i governi nazionali come quelle lattine vuote che sono.
Il Capitale ha le tre stimmate di Palmer Eldritch.
Avanza nei deserti marziani che crea al suo passaggio, spacciando il suo narcotico Chew-Zed mediatico da miliardi di schermi.
I polli di Renzi (e Grillo, e Salvini) possono solo beccarsi e cavarsi gli occhi a vicenda, mentre il braccio metallico li tiene tutti per le zampe a testa in giù.
È il nazifascismo che non “sta tornando” perché non se n’è mai andato.
Il nazifascismo che marchia le vite con un codice a barre, e delocalizza i lager in Africa e in Asia.
Il nazifascismo delle Acciaierie Krupp che ha vinto la guerra, e non ha mai spento le sue fornaci.
Ma la guerra continua.

Milioni, miliardi, fantastiliardi di Brian Kernighan al Festival della Tecnologia | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione di Milioni, Miliardi, Fantastiliardi. Come difendersi in un mondo pieno di numeri, scritto da Brian Kernighan, un nome che i professionisti dell’informatica riconosceranno senz’altro, visto che si tratta del co-autore, insieme a Dennis Ritchie, del libro Il Linguaggio C (The C Programming Language), alias il K&R, manuale fondamentale sul quale si sono formate generazioni di sviluppatori che hanno adottato il linguaggio ideato da Ritchie.

Perché questo libro è importante? Per il semplice fatto che analizza i numeri che ci vengono quotidianamente forniti a corredo di un articolo, di una notizia, di un’informazione; fornire numeri dà autorevolezza a un’opinione, ma se andiamo ad analizzare quei dati, cosa possiamo scoprire? La quarta del saggio:

L’obiettivo è di fornire un’utile guida alla comprensione dei numeri. Mai come negli ultimi anni infatti politici, media e blogger parlano di cifre e numeri esorbitanti, commettendo spesso errori o presentando i dati in maniera fuorviante. È facile per la maggior parte delle persone farsi confondere dai dati ed avere un’idea distorta della realtà.

Questa incomprensione può influenzarci nelle decisioni più importanti, tra cui chi votare, cosa comprare, etc.

Il nuovo saggio di Kernighan ci aiuta quindi ad essere meno ingenui e a guardare i dati con occhio critico grazie a numerosi esempi concreti utilizzati dallo stesso Kernighan durante le sue lezioni universitarie alla classe di informatica e computing. Il suo tono morbido e amichevole, decisamente distante da quello da professore della Ivy League, aiuta a far comprendere a tutti le sue spiegazioni.

I capitoli del saggio trattano grandi numeri, unità, dimensioni, e mettono a nudo diversi elementi, come alcuni grafici ingannevoli. Attraverso semplici ragionamenti e scorciatoie, chiunque può imparare a riconoscere gli errori comuni, determinare se i numeri sono credibili, e fare le proprie stime ragionevoli quando necessario.

Un esempio tra i tanti che Kernighan cita nel libro proviene da un articolo che recita:

Spegnere il computer e il monitor durante la notte, invece che tenerli accesi h 24, comporterà un risparmio di 88 dollari al giorno. (Newark Star-Ledger, dicembre 2004)

In realtà questo era il dato riferito al risparmio annuo, se si conoscesse il prezzo effettivo dell’elettricità si capirebbe l’improbabilità di questo dato. Se il prezzo fosse effettivamente stato di 88 dollari per mezza giornata non molte persone si sarebbero potute permettere un computer. Un ulteriore esempio viene dal New York Times che nell’agosto del 2007 ha affermato che, dal 2000 al 2005, il reddito medio annuale degli americani era di 7,43 miliardi di dollari. Se questo fosse vero significherebbe che il reddito medio per famiglia sarebbe di circa 70 dollari annui, ovvero una cifra irrisoria (questo dato si calcola semplicemente dividendo 7,43 miliardi di dollari per il numero di famiglie presenti in America ovvero circa 100 milioni).

Questo libro è rivolto a chiunque cerchi una guida per informarsi meglio e assumere un atteggiamento più cauto rispetto a tutto ciò che sente o legge.

I fiori di Edo: Bruce Sterling e il destino del Giappone | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione della nuova produzione di Bruce Sterling: I fiori di Edo, novelette uscita per DelosDigital. Intrigante e raffinata la storia, raccontata nella quarta:

Edo è l’antico nome di Tokyo, una città funestata da continui incendi, tanto da spingere i poeti a chiamarli “i fuochi di Edo”. L’era di Edo, o era degli Shogun, terminò brutalmente con l’arrivo delle navi da guerra americane nella baia di Tokyo, che costrinsero a cannonate il Giappone a entrare nella comunità commerciale mondiale, portando quella tecnologia che un giorno avrebbe arricchito il Giappone.
In questo drammatico momento di transizione è ambientato questo splendido racconto di Bruce Sterling, nel quale si confrontano la tradizione giapponese e lo spettro di un futuro grandioso ma anche terribile.
Racconto finalista al Premio Hugo e al Premio Nebula.

Come sempre, Sterling sa come entrare in contatto con lo spirito di un luogo o di un tempo, raccontando in maniera esemplare ciò che a molti di noi appare solo superficialmente. Libro imperdibile, per molti motivi.

CHILE – Roger Waters


Una nota video di Roger Waters sulla situazione cilena, sul fascismo di Stato che sgorga di nuovo come un rigurgito dalle fogne. Seguitelo fino in fondo.

Matteo vince, Matteo perde – Carmilla on line


Su CarmillaOnLine l’analisi del lunedì di Alessandra Daniele; ve la incollo qui sotto, impossibile condensare meglio l’afflato anarchico e contrario alle logiche di mercato che vi si respira.

Perché Salvini vince tutte le elezioni?
Perché i suoi elettori sono gli ultimi rimasti a correre a votare.
Sono più o meno 2 su 10, ma sono gli unici abbastanza tonti da credere ancora che votare cambi davvero qualcosa.
A non aver capito che i loro selfie col Capitano contano quanto quelli dei turisti a Disneyland coi figuranti travestiti da Topolino, Cenerentola, o Darth Vader.
I loro voti a livello locale serviranno solo a foraggiare la vecchia classe politica corrotta di Forza Italia che s’è riciclata con la Lega.
E a livello nazionale daranno un altro alibi al Cazzarillo, il governo Renzi-Grillo, la Santa Alleanza contro il Lato Oscuro.
In realtà Matteo Salvini è solo un figurante travestito da Darth Vader.
Uno youtuber ciccione che succhia i rosari e abbraccia gli alberi, mentre in Sardegna i suoi elettori ancora aspettano che gli risolva la crisi del prezzo del latte come aveva promesso.
Nel frattempo, lasciato il Partito Democratico, Matteo Renzi s’è inventato il Partito Post-Democratico, che sta sempre al governo senza presentarsi mai a nessuna elezione, e guadagna deputati solo per contagio e assimilazione di quelli altrui. Stile zombie.
Il Cazzaro stavolta è sincero: non gli va più di recitare seriamente la farsa elettorale, e si capisce anche dal simbolo che ha scelto per il suo fanclub: un gabbiano rosa shocking.
Intanto, quattro mosche di velluto grigio, Zingaretti, Conte, Di Maio, e Speranza, hanno chiuso la campagna elettorale in Umbria fingendo di non sapere d’avere già perso, e nello stesso tempo già vinto comunque, perché il governo dell’Italia si decide a Washington e a Bruxelles, non a Norcia, anche se è un’armata Brancaleone.
E perché i risultati elettorali oggi contano quanto i sondaggi, cioè un cazzo.
Carta vince, carta perde, è il solito gioco.
Gli elettori credono di scegliere.
E il banco vince sempre.

Agenti dell’inumano


Immotivati e restii alle contemplazioni esoteriche, legioni di businessman si ritrovano sul greto del fiume a invocare il capitale, per la costruzione di algoritmi inumani.

Il Continuum di Omnibus – Carmilla on line


Su CarmillaOnLine il brano del lunedì di Alessandra Daniele. Caustico e chirurgico, individua con cinismo le cause dei nostri mali sociali; lo incollo integralmente.

“Stiamo per subire un altro genocidio” dice la combattente curda, in collegamento con La7. Il conduttore di Omnibus l’interrompe: “Dobbiamo mandare la pubblicità”.
È successo davvero.
La denuncia d’un imminente genocidio non cambia niente. Deve aspettare. La priorità è la merce.
Automobili, frullini, merendine, materassi.
“Chi dice che le vacanze finiscono a settembre?”
Chi deve tornare a lavorare.
“Con soli 240€ potrai acquistare Evolatex”.
Il materasso eugenetico.
“Non seguire, fatti seguire”.
Da uno bravo.
Skyline scintillanti, chirurghi olografici, sorrisi perfetti.
È il Continuum di Gernsback dell’hard sci-fi anni ’30, di cui parla William Gibson nel suo racconto omonimo.
Il futuro fittizio ancora adoperato per piazzarci tutte quelle variopinte stronzate, col riso e senza lattosio, che ci tengono buoni nelle nostre gabbiette.
Giocattoli per bambini decrepiti ma incapaci di crescere, bambini vampiri.
Vittime e complici d’un modello socio-economico che non ammette eccezioni. Non ammette eresie, come quella curda.
Un modello basato sul genocidio.
La priorità è la merce.
Sono stata nel ventre della Bestia. Ci siamo stati tutti. Supermarket, Superstore, Shopping center, Centro commerciale di gravità permanente: ha centinaia di nomi, e miliardi di fauci, fisiche e virtuali.
Ha miliardi di occhi, che ci guardano dagli schermi che teniamo in mano.
Ci ha ingabbiato in un timeloop, come criceti nella ruota, con uno scintillante futuro irraggiungibile appeso davanti al naso. E una pistola alla testa.
Stiamo per subire un altro genocidio.
Ma prima, pubblicità.

Alessandro Rolfini

Be Different...Be Free !!

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 28 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist 📌 Edizioni Underground? 📌 Edizioni Open 📌 Panesi edizioni 💬 Cartoonist 📌 SkuolaNet 📌 SeiAlTuristico 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: