HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per eBook

“La poesia urbana di Michele Nigro”, di Davide Morelli | N I G R I C A N T E


Sul blog di Michele “DottoreInNiente” Nigro la segnalazione di una recensione alla poetica di Michele. Un estratto:

Non voglio scrivere nulla sulla ideologia, sulla personalità o sul retroterra culturale di Michele Nigro. So che è un artista multimediale e sperimentale. D’altronde, come ha dichiarato Nicholas Negroponte, il passaggio dagli atomi ai bit è inarrestabile e internet ne è una conseguenza, sebbene qualche intellettuale consideri il web un’anticultura per eccellenza. A mio avviso il flusso di coscienza di Joyce e l’ipertesto possono coesistere pacificamente. Non voglio in questa sede neanche stabilire cosa sia la poesia e cosa sia la poetica. Forse la poesia è un insieme di intuizioni verbali e la poetica è la riflessione sulla poesia da parte dell’autore. Probabilmente sappiamo solo che l’arte, per dirla alla Pareyson, è “il bisogno dell’inutile”. Si noti l’ossimoro. Di più forse non si può scrivere, vista e considerata la polisemia dell’opera d’arte e la polifonia della letteratura contemporanea. Nella storia dell’arte è accaduto anche che un oggetto comune come uno scolabottiglie diventasse un’opera perché era stato trasportato da un negozio a una galleria. Grazie a Dio esiste la libera interpretazione dei testi e delle opere! Quindi la mia non è che una delle tante comprensioni/spiegazioni possibili di questa raccolta poetica. Piuttosto vorrei condividere la mia opinione riguardo a un’altra questione: molti non vedono di buon occhio chi scrive poesie e considerano rispettabili solo i romanzieri. Per molti il poeta non è che un clown disadattato senza più alcun status oppure un esteta acchiappanuvole, perenne parodia di se stesso. E invece è un outsider, che sfida le convenzioni della cultura dominante. Nel mondo dei talk-show e degli sms, la poesia può essere un bisbiglio sommesso che vince l’incomunicabilità e il rumore. Personalmente trovo che oltre al romanzo vi siano altri modi dignitosi per esprimersi. Ad esempio la poesia, l’aforisma, il saggio breve, il racconto, il diario. Certo, chi scrive un romanzo insegue il sogno del best seller o del capolavoro. Ma difficilmente si realizzano queste cose. Io penso che tutto debba nascere da un’esigenza interiore; che sia ingiusto nei confronti di se stessi cercare di adattarsi alla logica di mercato o ai gusti del pubblico. Eppure un tempo non era così: fino al neoclassicismo settecentesco la poesia era considerata superiore alle altre arti. Inoltre sarebbe opportuno ricordare che abbiamo sentore d’eterno ogni volta che proviamo un’esperienza estetica, indipendentemente dalla sua forma. L’autore che non cerca a tutti i costi di scrivere un romanzo di successo ha un merito, se si considera la mercificazione dell’arte nell’industria culturale del tardo capitalismo.

Questo estratto in realtà fa parte della postfazione che Davide Morelli ha scritto per la raccolta di poesie di Michele Nigro intitolata “Nessuno nasce pulito” (edizioni nugae 2.0) – di cui si è già parlato in un precedente post – pubblicata a maggio 2016, e in vendita qui.

DOMIST.net – “Marco Milani” personal site & “Pykmil” webpage | My road


Novità in arrivo per Marco “pykmil” Milani, che dal suo sito segnala l’uscita su Amazon di quattro traduzioni dello stesso racconto, La mia strada. L’acquisto in lingua inglese, qui; sotto, invece, la sinossi in inglese, una delle quattro lingue in cui il racconto è stato tradotto (le altre sono tedesco, spagnolo e portoghese).

I shake my head, look at him again while he is going away, and he’s already disappeared, along his road. My road is an asphalt stripe again, while the mix of roads that before created make out a non-sense muddle is now impending over me, as if I was inside it. Everything is getting bigger and closer.
A history ‘beyond’ the borders known…

Marco non ha bisogno di presentazioni, è un’altra pietra angolare degli inizi del Connettivismo, imprescindibile dagli altri epigoni; questo racconto è il segno di una rinata voglia di esprimersi, imperdibile per chi lo conosce e motivo di conoscenza per chi non lo ha mai letto per il suo esprimersi apparentemente scanzonato, eppure denso di sapienza zen applicata al Fantastico, amore interiore per gli eventi.

È in scadenza lo Short-Kipple 2016! | Kipple Officina Libraria


[Letto su KippleBlog]

Il Premio Short-Kipple 2016 scade il 15 agosto, affrettatevi a partecipare con le vostre opere:

in lingua italiana inedite, mai pubblicate su carta o in digitale, neppure parzialmente. I racconti devono avere la lunghezza minima di 5 cartelle dattiloscritte e massima di 20 cartelle (per cartella s’intende, all’incirca, una pagina da 60 battute di 30 righe, cioè 1800 caratteri spazi inclusi).

2) Il contenuto deve essere SOLO ed ESCLUSIVAMENTE fantastico.

I generi ammessi sono:

– fantascienza (hard science-fiction, post-cyberpunk, steampunk, bio-punk)
– narrativa di anticipazione
neo-noir (thriller e new weird)
– horror
urban fantasy

Vi aspettiamo, vogliamo essere affascinati dalle vostre idee! I dettagli del bando sono qui.

Solo il mare intorno, il booktrailer | false percezioni


Dal blog di Luigi Milani la segnalazione di un booktrailer che lo riguarda, assieme ad Angelo Marenzana e Danilo Arona: Solo il mare intorno. Complimenti, a tutti e tre.

Esce DNAbyss, di Marco Raimondo per la collana Versi Guasti | KippleBlog


[Letto su KippleBlog]

Kipple Officina Libraria è lieta di presentare, nella collana VersiGuasti, DNAbyss di Marco Raimondo, un doloroso passaggio poetico verso la maturità di un’esistenza che è pura coverincarnazione e sofferenza interiore, uno stato vitale che martirizza ed esalta la vita stessa.

Qualunque cosa si voglia intendere per poesia, un elemento sembra essere imprescindibile: la poesia “significa”. La poesia è espressione di comunicazione attraverso cui il poeta, o se preferite il demone stesso della poesia, racconta, descrive e narra.
Spesso, anche nelle presentazioni precedenti ai volumi virtuali di questa collana, abbiamo osservato come il potere nascosto e segreto della parola poetica fosse quello di penetrare gli strati profondi della realtà e giungere a intuire, se non ad afferrare, panorami di significati altrimenti impossibili. Là, solo in quello spazio oltre il confine della nostra apparentemente solida quotidianità (che negli altri VersiGuasti abbiamo chiamato “Tempio nascosto”, “Futuro post atomico”, “Casoli”, ecc.), solo in quei luoghi che vivono a margine del nostro campo visivo si può scorgere, confusamente ma inequivocabilmente, un ulteriore senso, quasi un rumore bianco che lascia presagire l’altro/l’oltre.
La parola del poeta, carica di un potere quasi magico di significazione, porta a epifanie impossibili, aldilà di ogni ragionevolezza logica e condivisa. Non si fraintenda, la poesia non è lo strumento di un’indagine alternativa e ulteriore della realtà, non è microscopio di un laboratorio delle parole, essa è in sé azione creatrice; non è il coltello che squarcia la tela, è lo squarcio stesso. Taglio dentro cui si aggrovigliano connessioni, significati, sensi e realtà di cui non possiamo dire nulla di provato, ma di cui possiamo cantare forme e movenze in versi.

Dall’introduzione

Marco Raimondo, come un moderno empirista, sembra affermare che esiste solo ciò che è percepito, e ciò che egli percepisce, ciò che l’intera razza umana percepisce, è Dolore. E del Dolore si compone la natura della realtà.
Nella sua poetica il poeta perde ogni pudore dell’inganno, quel velo di Maya che nasconde, per rispetto, il letto del degente. Marco Raimondo prende la tenda di plastica che protegge il letto d’ospedale su cui giace l’Uomo e la scosta di quel tanto che basta per sentire la sofferenza, la disperata insensatezza, il tanfo putrido, la fine che si appresta. Senza ipocrisie il poeta afferma che quella tenda era tesa non per proteggere il paziente morente, ma per preservare noi stessi dalla verità che il malato porta con sé.
La verità è che ogni essere umano è, in quanto vivente, un essere morente, un essere sofferente, una biologia contaminata, dal e nel Dolore. Nessun consolamentum, neppure la Morte è conforto al Dolore perché la fine è solo un momento nel passaggio da vite a vite, da Dolore a Dolore. Catena ellittica che si ritorce su se stessa.

La quarta

Per Marco Raimondo nulla è da comprendere perché tutto è già maestosamente, enormemente, assolutamente presente. Ogni singolo grammo dell’intera realtà in cui lui, come poeta, e noi, come lettori, viviamo, è composto di un’unica sostanza. Quasi come quei filosofi presocratici della Scuola di Mileto che cercavano l’Elemento primo che costituiva il tutto, Marco Raimondo non fa altro che presentare al lettore ciò che per lui, poeta ed essere vivente, è banalmente naturale.
Ogni cosa è puro e semplice Dolore.
La poesia di Marco Raimondo è Essenza del Dolore. La poesia di Marco Raimondo fa male.

L’autore

Marco Raimondo nasce nel 1988 in provincia di Torino dove vive un’esistenza anonima e caratterizzata da una grave disabilità fisica; Ha frequentato prima Letteratura e poi Ingegneria Biomedica senza portare a termine gli studi.
Intellettualmente si muove lungo i confini di territori opposti: tra natura e tecnologia, tra logica scientifica e spiritualità; fortemente affascinato dalle contraddizioni dell’umano.
Un immaginario che fonde futuribile e arcaico, ispirato poeticamente dall’antico e dall’avanguardia; s’interessa di biotecnologia e dei lati oscuri del progresso, di nuove forme di comunicazione, studio e conservazione di antiche tradizioni Gnostiche e Dualiste.
Ha iniziato a scrivere, ferendo la poesia, alla fine della sua adolescenza in seguito al contatto con Avanguardie creative del XXI secolo, presto però abbandonate; Le sue prime poesie sono state pubblicate nella silloge connettivista Concetti spaziali, Oltre.

La collana VersiGuasti

VersiGuasti è la collana di Kipple Officina Libraria diretta da Alex “Logos” Tonelli e interamente dedicata alla poesia e alla letteratura lirica in versione digitale, alla costante ricerca di connessioni e poetiche appartenenti al Connettivismo e non solo.

Marco Raimondo, DNAbyss
Prefazione di Alex Tonelli

Kipple Officina Libraria – Collana Versi Guasti – Pag. 60 – 0.95€
Formato ePub e Mobi – ISBN 978-88-98953-60-8

Link

Webcomics gratis: Lovecraft & Holmes, on line i numeri #03 e #04


Continuano le promozioni degli amici della Cagliostro E-Press, che ora danno la possibilità di scaricare gratuitamente i numeri 3 e 4 della graphic novel Lovecraft & Holmes, imperdibile commistione di rigore analitico prestato alle faccende occulte.

Il numero 3 e 4 di H.P. Lovecraft & Sherlock Holmes sono scaricabili gratuitamente nel comodo formato pdf – leggibile anche su smartphone e tablet – cliccando QUI e QUI.Per leggere gratuitamente tutti i numeri di H.P. Lovecraft & Sherlock Holmes sinora pubblicati clicca QUI. Per acquistare il volume clicca QUI.

Providence 1929, H.P. Lovecraft e Sherlock Holmes hanno un anno di tempo per sventare le trame di Robert Moriarty, che vuole trafugare il Necronomicon per odire un terribile piano contro il mondo intero. Ideale sequel di “221B Baker Street, London 1927: Dr. J.H. Watson & H.P. Lovecraft“, stavolta il solitario di Providence unisce le forze con il detective per antonomasia per affrontare ancora una volta casi al limite dell’umana comprensione. Un altro tassello dell’IrregularVerso di Cagliostro E-Press.

San Lorenzo | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione del seguito del progetto 3000 ab urbe condita, parliamo di San Lorenzo, di Irene Grazzini. Eccone la sinossi e la collocazione all’interno del progetto:

Per festeggiare i primi due anni di vita, quattro mesi fa la Wizards & Blackholes aveva lanciato un nuovo universo narrativo a metà tra fantasy e fantascienza. 3000 ad Urbe condita era un volume, disponibile gratuitamente, in cui otto diversi autori raccontavano, in altrettanti racconti, l’invasione di Roma da parte di un’orda di draghi, maghi, elfi e minotauri, in occasione dei festeggiamenti per il terzo millennio della capitale.

Siamo che lieti di comunicarvi che Irene Grazzini – acclamata come migliore autrice Wizards & Blackholes 2015, redattrice di Fantasy Magazine – amplia quell’interessante universo narrativo con un nuovo racconto: San Lorenzo. Sul “lato B” del volume, invece, abbiamo il racconto Monteverde di Chiara Zanini, che riprende le avventure di Aker e Gabriella.

Cosa c’è di meglio per un gruppo di appassionati di giochi di ruolo dal vivo che trovarsi nel bel mezzo di un’invasione di maghi e draghi della propria città? Forse niente. Ma a volte i sogni possono trasformarsi in incubi.

mondo dolce

Food Lover.

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

Michele Valente |Blog

Blogger, studente e pubblicista, scrivo di attualità politica ed economica. Mi occupo principalmente di tematiche riguardanti la politica europea ed internazionale.

Sonia Cenceschi

La musica è una pratica occulta dell'aritmetica, dove l'anima non sa di calcolare - Leibniz

Necrologika

Se muori te lo diciamo noi.

ITINERARI LAZIALI

borghi, castelli, ville, abbazie, leggende e segreti, paesaggi fantastici e luoghi insoliti della regione di Roma e dei territori limitrofi.

CollettivoD

Il punto di vista delle donne

GamberoSolitario

A great WordPress.com site

Perversamente Tua

Come stelo mi piego e ti raggiungo, angelo nel tuo inferno, demone di un perverso paradiso.

PINK FLOYD ITALIA

Il primo blog italiano sui Pink Floyd, news e non solo. Fatto da un fan... per i fans!

lucangreenwaters

Lucania dalle Verdi Valli e dalle Acque Cristalline

Simone Morana Cyla Official Blog

Blog ufficiale dell'artista digitale Simone Morana Cyla.

LA FLOTTA DI VEGAN

Cucina verde e ispirazioni nerd

Lezioni Sul Domani

Blog di Fantascienza

Salvatore Leone

Il vizio dell'aria

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

Antares666's Weblog

Just another WordPress.com site

Dimensione Visiva Personale

.....semplicemente quello che vedo e niente più

Indice di lettura

Fantastico e immaginario

Critica.Mente: la sola costanza è il cambiamento

divagazioni letterarie, sociali e politiche

Associazione LiberoLibro

Associazione letteraria e culturale

Kipple Officina Libraria

Let the vision flow

Ivano Mingotti

Pagina ufficiale autore

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

Studio Homo Radix

Tiziano Fratus ~ Libri & visioni per Dendrosofi, Books & visions for Dendrosophers

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

La lanterna del pescatore

esperimenti di scrittura

EMr

quaderno d'appunti

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

sogno di crudele farfalla

"A questo mondo ci sono persone che odiano la realtà. Io vendo sogni a quelle persone"

VersoErcole

il blog di Stefano Paparozzi

The Connective World

Siamo i Custodi della Percezione, i Guardiani degli Angeli Caduti in Fiamme dal Cielo, Lupi Siderali. Un gruppo di liberi pensatori indipendenti. Viviamo nel cyberspazio, siamo dappertutto. Non conosciamo frontiere.

1001 Scribbles

Random and Abstract Lines

rogueclassicism

quidquid bene dictum est ab ullo, meum est

Astracon

Blog connettivista e virale

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 392 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: