HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per aprile 1, 2015

Idiozie umane


Le creazioni estemporanee del luogo si accatastano in giochi idolatrati, come se il fuoco fosse un nascondiglio naturale dove enfatizzare ogni errore.

Annunci

Il dilemma


L’integerrimo mostrarsi della tua essenza si contrappone alle continue mosse estatiche, e tutta l’energia che siamo si risolve in un dilemma estetico: è sufficiente essere postumani.

Trattative di surrealtà


Il consenso è mostrato nelle invettive ai tuoi sottoposti, quando la modifica intentata è estesa oltre le difficili trattative per il tuo posto surreale.

Escher


Puddle (M. C. Escher)

Distanze in un unico contenitore che si affermano oltre le apparenze, e tu che raccogli le parole in un contenitore esotico e ne lasci oltre i significati, nell’attesa della raccolta in quell’unica scatola psichica.

Ass.Cult.I Poetineranti: intervista a Ksenja Laginja


Bella intervista all’artista grafica, poetessa, animatrice delle comunicazioni Kipple e una quantità di altre cose che sarebbe pedante ricordare qui: Ksenja Laginja. Su PoetiItineranti.

Qui sotto, uno stralcio della intensa chiacchierata, forse il brano più significativo perché introduttivo e quasi onnicomprensivo: buona lettura!

Ciao Ksenja, conosciamo il tuo splendido fare poesia, i tuoi versi scritti in punta di penna, e ricordiamo ai nostri lettori, che ti sei classificata quarta al prestigioso Premio di Poesia “Ossi di Seppia 2014’”. Questa volta, però, sono felice di intervistarti per quello che riguarda la tua produzione grafica. Innanzitutto, da quanto disegni? Hai frequentato scuole d’Arte?

Cara Francesca, è un grande piacere poter esser qui oggi con te. L’arrivo al premio “Ossi di Seppia” fu grande soddisfazione, ed è gioia che custodisco tutt’ora in me, come ogni singolo verso scritto in questi ventidue anni. La penna è duplice strumento su cui imprimere energia e attraverso la quale espandermi. Ma iniziamo dal principio. Disegno dacché ricordi, cioè da quando mia madre mi fornì i primi strumenti e da allora non ho più smesso. Ho sempre avuto la necessità di stendere su carta linee e forme, più o meno geometriche, di ciò che osservavo, percepivo e tutt’oggi conservo la medesima curiosità su ogni cosa. Disegnare, oltre a essere un dono naturale che si acquisisce nei primi anni, è un’esperienza, un qualcosa che si coltiva e migliora nel “tempo” un po’ come il vino buono. Ho sempre avuto le idee molto chiare su ciò che volevo fare. L’urgenza era – ed è – quella di vivere la mia esistenza disegnando e scrivendo, desiderio che fortunatamente mia madre accompagnò assecondando le mie inclinazioni verso il Liceo Artistico. A dieci anni trascorrevo i pomeriggi, anziché studiare, a disegnare intere planimetrie di case e relativi arredamenti. A dodici anni, anno in cui iniziai a scrivere poesie, mi appassionai a molte cose – la successiva scoperta dell’Astrologia a sedici anni fu illuminante – tra cui il disegno di gioielli ed elementi architettonici, da qui la scelta successiva di iscrivermi alla Facoltà di Architettura. Iniziai poi a disegnare fumetti della Disney, lì avevo un particolare talento, da cui presto mi allontanai per dedicarmi a nuove esperienze e nel frattempo sperimentavo sui materiali plastici, sciogliendone alcune parti e creando nuove forme, con tanta preoccupazione di mia madre che sentiva puzza di bruciato per tutta la casa. Il Liceo Artistico è stata una buona palestra per osservare il mondo e le molteplici espressioni di esso, ma a quel tempo mi interessava sperimentare più che trovare un segno – semplicemente necessitavo di acquisire conoscenza – d’altronde le scuole e le accademie servono proprio per questo, ad apprendere le basi, non a trovare un segno distintivo. Quello giunge con la pratica e la ricerca. Lo studio dell’Anatomia fu determinante in quella fase e risento ancora oggi di quell’influenza. Quell’ambiente mi permise di trovare un sentiero di espressione che si è successivamente consolidato nello studio dell’Architettura, in quel rigore silenzioso che ho sempre amato, in quel tratto nero e preciso che apre nuove frontiere e punti di vista; lo studio della Prospettiva in connessione con la Matematica e la Fisica, della scenografia e della geografia culturale, nonché della Sociologia hanno amplificato tutto ciò in maniera esponenziale.

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

multa paucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Il fumetto quotidiano di Michele Nuzzi. Poche parole... solo per le opere per cui vale la pena spenderle... Sponsored by CSBNO

Il Caos dentro

...che genera una stella danzante

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

PERDERSI TRA LE EMOZIONI DEI BORGHI ITALIANI

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 27 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist ♠ Edizioni Underground? ♠ Edizioni Open ♠ Panesi edizioni 🌋 Sicilian blood ♥ Goth lover 📨 evelynartworks@virgilio.it 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Sabbiature Magazine

Società, costume, cultura

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

"L'attualità tra virgolette"

Ottobre

Giornale dei lavoratori

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: