HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per gennaio 17, 2012

Supremazia


Le ombre si muovono rapprese sulla balza, sono intorno, ovunque, forse anche dentro me. Il buio è soltanto una condizione interiore, le lamelle di energia occulta sanno come interagire, modificare, cortocircuitare i miei atti; supremazia, però: la mia.

Due eBook sono meglio di uno


[Letto su KippleBlog]

Da oggi, acquistando un eBook sul sito Kipple.it, potrete scaricare contestualmente sia la versione ePub che la Mobi; potrete quindi visualizzare il vostro libro digitale – rigorosamente senza DRM, quindi leggibile senza limitazioni di sorta – sia sul Kindle che sugli altri lettori eBook (tanto per dirne una, l’Onda Biblet) senza pagare un centesimo in più, e senza fastidiose conversioni software. Comodo, no?

Deaf Center – Limn


Situazioni comprese tra suoni dissonanti, una linea armonica sottesa e non predominante, poi si guarda fuori della finestra e si scopre la deflagrazione unita alla dissolvenza; sono solo suoni di parole, dopo.

T H E : N e X T : S T A T I O N – Mission live, 9 marzo 1987


Il mio contributo al numero attuale di NeXT-Station.org (il 3): The Mission live, Roma 9 marzo 1987.

* * *

Roma, marzo del 1987. I Mission suonavano per la prima volta nella Capitale.
Preceduti da un battage pubblicitario che li etichettava come il gruppo che rinnovava le sonorità dark (era vero, ma quante altre volte avrei sentito questo slogan!) i Mission si presentavano con all’attivo alcuni singoli accattivanti – i primi vagiti del pop oscuro – e un album, God’s Own Medicine, indubbiamente splendido.

La band nasceva dalle ceneri dei Sisters of Mercy, creatura seminale di Andrew Eldritch dei primi ‘80 che, anche ai giorni nostri, fa proseliti sonori, nel senso che molte band si rifanno proprio alle loro sonorità.
Dopo un disco epico (First and Last and Always) e singoli precedenti devastanti, i Sisters of Mercy si sciolsero per manifesti eccessi di noia (Eldritch non si divertiva più ad andare in giro a suonare coi suoi tre compagni). Due degli ex componenti (Wayne Hussey e Craig Adams) si risolsero a formare i Mission, cambiando anche qualche sonorità. Laddove i Sisters si contraddistinguevano per la voce gutturale di Eldritch e le sonorità oscure, costituite da una via di mezzo tra l’elettrico e l’elettronico (un approccio lungimirante), i Mission propendevano per gusti neoromantici, decadenti, andando a scavare proprio laddove la sensibilità del secolo passato dava il meglio. Quindi nei testi atmosfere alla Poe, alla Maupassant, alla Keats; scenografie floreali, cimiteriali, ma senza calcare troppo la mano sull’aspetto macabro, una serie di continui rimandi a un decadentismo oscuro e quasi etereo, comunque grondante di nero. Accanto a tutto ciò c’era la sensazione di una svolta (che sarebbe diventata) pop per tutto il popolo dark dell’epoca, che in Europa si rifaceva a pietre miliari varie che partivano dai Joy Division per approdare ai Cure, fino a giungere agli stessi Sisters, mentre negli States abbondavano canoni estetici diversi, uno dei quali era dato dai Christian Death di Rozz Williams, assai ruvidi nei suoni ed essenzialmente intrisi di quel modo di intendere le cose molto americano, più pratico e scevro da tutti i romanticismi europei. Ecco, i Mission rappresentarono un po’ il punto di rottura dell’underground oscuro, come se tutto quel variegato movimento nero mondiale si affacciasse verso il resto del mondo e cercasse di accattivarselo con suoni più abbordabili; certo non furono i primi (molta della new wave precedente aveva cercato di ingraziarsi il grande pubblico con sonorità paracule e al contempo oscure o d’avanguardia), ma il fatto che un ambiente da setta, quale quello dei dark o dei successivi gothic, facesse carte un bel po’ false per scalare la popolarità s’insinuò pian piano in ogni amante di quella cultura dell’epoca; personalmente feci un po’ spallucce a tutto ciò, la band mi piaceva e piace tuttora, certo era che con i Mission non si parlava di sperimentalismi tetri e inossidabili quali quelli, per esempio, dei Cindytalk: tutto appariva e si percepiva un po’ più easy.

Leggi il seguito di questo post »

Tersicore, il 18 gennaio…


Mercoledì 18 gennaio, alle ore 22.00, Tersicore andrà in onda con le sue news di Connettivismo, SF e oscurità varie, amalgamate in salse sonore e liriche elettroscure e acide, noize & ambient. Buon ascolto…

Poiesis

La poesia è l’elaborazione profonda di un pensiero. Collana Letteraria Poiesis per Il Vajo del Libro Verona

Perversamente Tua

Come stelo mi piego e ti raggiungo, angelo nel tuo inferno, demone di un perverso paradiso.

PINK FLOYD ITALIA

Il primo blog italiano sui Pink Floyd, news e non solo. Fatto da un fan... per i fans!

lucangreenwaters

Lucania dalle Verdi Valli e dalle Acque Cristalline

ludmill@nte

" Per sentire e sognare in pace, bisogna spegner la luce della ragione... almeno per un po'. "

LA FLOTTA DI VEGAN

Cucina verde e ispirazioni nerd

Lezioni Sul Domani

Blog di Fantascienza

Salvatore Leone

mezza-parola

La Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

A Place For My Head

La vita è una commedia per coloro che pensano e una tragedia per coloro che sentono.

Frattali di Nuova Aurora

racconti dall'Universo Perpendicolare

Diventare.

Sia il discorso che il silenzio trasgrediscono.

Antares666's Weblog

Just another WordPress.com site

Dimensione Visiva Personale

.....semplicemente quello che vedo e niente più

Indice di lettura

Fantastico e immaginario

Critica.Mente: la sola costanza è il cambiamento

divagazioni letterarie, sociali e politiche

Associazione LiberoLibro

Associazione letteraria e culturale

Kipple Officina Libraria

Let the vision flow

Ivano Mingotti

Pagina ufficiale autore

Psicologia INcambiamento

"Ciò a cui opponi resistenza persiste. Ciò che accetti può essere cambiato" Carl Gustav Jung

Il Vecchio Mente

Memorie di uno scrittore dell'immaginario coi Baffi.

HOMO RADIX

TIZIANO FRATUS ~ LIBRI, VISIONI & AZIONI PER DISEGNATORI DI RADICI E CERCATORI D'ALBERI SECOLARI

Free Animals, Loved & Respected

Sustainable Development

La lanterna del pescatore

laboratorio di scrittura di Giorgio Galli

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

sogno di crudele farfalla

"A questo mondo ci sono persone che odiano la realtà. Io vendo sogni a quelle persone"

Verso Ercole

Il blog di Stefano Paparozzi

The Connective World

Siamo i Custodi della Percezione, i Guardiani degli Angeli Caduti in Fiamme dal Cielo, Lupi Siderali. Un gruppo di liberi pensatori indipendenti. Viviamo nel cyberspazio, siamo dappertutto. Non conosciamo frontiere.

1001 Scribbles

Random and Abstract Lines

rogueclassicism

quidquid bene dictum est ab ullo, meum est

Astracon

Blog connettivista e virale

Aquinum muro ducta colonia, a triumviris deducta (Lib. Col., 229)

Nuclear Family

Life without art is stupid

Kira A

|||||||blood is my warm blanket|||||||

il piccolo viaggiatore

consigli di viaggio per ventenni in giro per il mondo

architettura ecosostenibile

Contemporary green building

novecentosessantadue

Pensieri Longobardi.

Il Bloggo di Herr Joe & Ma'am Freida

psichedeliche recensioni & racconti opinabili digitati su una tastiera insettoide

nonquelmarlowe

le indagini di un investigatore bibliofilo

Humani nihil

Angolo di riflessione sui miracoli della creatività umana

Cucina Veg for Dummies

Tra un morso e l'altro

Giorgia Penzo 🌹

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 340 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: