HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per novembre 4, 2019

Ecco disponibile “Il cacciatore di sirene”, di Domenico Mortellaro, Premio Kipple 2019 | Kippleblog


[Letto su KippleBlog]

Il cacciatore di sirene, il romanzo di Domenico Mortellaro vincitore del Premio Kipple 2019, è da oggi disponibile su www.kipple.it e nelle principali librerie online, in formato digitale e cartaceo. La copertina è a cura di Ksenja Laginja

Nell’Italia buia del Ventennio, un caso provinciale di follia vede protagonisti un direttore del manicomio, un ispettore di Polizia inviato direttamente da Mussolini, e Carl Gustav Jung. L’autore tratteggia con la maestria del romanzo non di genere i profili dei personaggi, facendo risaltare prepotentemente i sussulti weird dell’assurdo che s’insinua sotto la soglia del reale. Un’interpretazione magistrale da parte di Mortellaro che pone l’autore nell’olimpo dei nuovi narratori del Fantastico e del mainstream.

Sinossi

Un romanzo che va oltre il racconto di genere. Domenico Mortellaro vince il Premio Kipple 2019 con una storia che fa del Fantastico la sua bandiera, mentre racconta fatti verosimili e derive immaginifiche di un’Italia fascista, nella Provincia più profonda dove in un manicomio criminale si fronteggiano il direttore della clinica, un ispettore capzioso e al contempo brutale – inviato da Mussolini in persona – e Carl Gustav Jung, impegnato in un ruolo di cesura che ben si attaglia con le intuizioni della Sincronicità.
Il cacciatore di sirene è un teatro dell’assurdo e del weird che esplora i fantasmi del nostro presente, mai sopiti e soprattutto, mai morti.

Estratto

Le lenzuola bruciano. Il materasso è un catino che ribolle. Spingo via tutto. Anche i pantaloni da notte. Li sfilo fin quasi a strapparli. Scalcio. Non vogliono sapere di venire via. Mi libero e mi volto pancia sotto. Sprofondo la testa nel cuscino.
Non voglio vedere, non voglio vedere, non voglio vedere.
Davanti agli occhi ho ancora quella faccia secca. Quel fil di ferro ritorto in due cerchi sgangherati, a fare da montatura a fondi di bottiglia buoni per le talpe. Ce l’ho sotto gli occhi, non vuole andare via, non vuol saperne di sparire. Sprofondo ancora di più il viso. E quando tutto attorno davvero sembra buio abbastanza, acchiappo i lati del cuscino con le mani e me li premo sulle orecchie.
Non parla, ma lo sento.
Sento i rumori. Sento le gocce di sangue che colano dalle sue dita sul pavimento, picchiettando il marmo, gocciolando nella pozza. Sento il respiro catarrale di quell’uomo, i suoi ansimi. Muto. Non dice una parola. Resta lì, fermo, proprio come qualche sera fa, quando me lo sono visto alle spalle, nell’ombra. Immobile. Storto come un tronco rachitico.
Premo più forte e non c’è verso di scacciare quel respiro. Trattengo il fiato per fugare ogni dubbio: quel che sento non è il mio. Passi. Passi che rimbombano. Nella testa. Nel petto. Sempre più forti. Sempre più decisi. Ritmati, in cadenza. Rombano. E schioccano così forte da far ballare anche il materasso. Sbalzarlo in su e risucchiarselo dietro un rintocco dopo.
Mi entra nelle orecchie, quel suono. Mi sfonda i timpani e corre alle tempie. Pulsa. Schiaccio la faccia nella stoffa, affogando i respiri nella palude delle piume d’oca. E quei tonfi ritmati mi arrivano in gola, a spingere giù il respiro. È il mio cuore, questo; ne sono certo. E non posso fermarlo. Non posso chiedergli di smettere. Mollo la presa, per non soffocare. Alzo il viso e nella penombra le volute di ferro battuto della spalliera del letto, lì di fronte, di colpo si trasformano in quegli occhiali che sembrano vortici di filo spinato.
Crollo di nuovo faccia in giù. Grido forte, schiacciando di più la bocca per provare a non sentirlo nemmeno io, quell’urlo disperato.
Premo fuori tutto. Spingo. Spingo e provo a sbattere tutto fuori, in preda alla furia. Finché la gola non mi scoppia, non si rivolta fuori graffiandosi. Finché non ho più fiato e i polmoni sono due palloncini sgonfi, avvizziti. E di colpo sento freddo.

La quarta

Nell’Italia buia del Ventennio, un caso provinciale di follia vede protagonisti un direttore del manicomio, un ispettore di Polizia inviato direttamente da Mussolini, e Carl Gustav Jung. Il cacciatore di sirene è un teatro dell’assurdo e del weird che esplora i fantasmi del nostro presente, mai sopiti e soprattutto, mai morti.

L’autore

Domenico Mortellaro, barese, classe 1979, criminologo e sociologo.
Ha tirato di boxe, ama i gin tonic fatti bene, i caffè veri e l’Internazionale Football Club. Scrive di Male e altre barbarie; poco importa se siano saggi sulle mafie italiane o profili criminali. Oppure romanzi e racconti che i lettori battezzano noir, weird, splatter o cyberpunk.
I suoi primi racconti compaiono attorno al 2003 negli eBook di latelanera.com con lo pseudonimo di Aleks Kuntz. O nelle antologie Giallo Scacchi, Limite acque sicure o Tutto il nero d’Italia. È il 2016 quando pubblica Controllo remoto e Clotilde Secret Files #1 per il ciclo di Archology e il romanzo horror storico Quelle povere criature. L’anno dopo è tra gli autori che per primi rispondono alla chiamata di Forlani e Davia e nell’antologia Thanatolia partecipa con tre racconti. Nel luglio del 2019, per la collana “Futuro Presente” di Delos Digital sforna Carne o ferro, un romanzo breve di fantascienza sociale. Se c’è una cosa che detesta, però, è dover accettare che nella narrativa esista una “questione di genere” che obbliga a disegnare steccati e rinchiuderci dentro le storie.
Fuori dal mondo della narrativa di evasione, ormai dal lontano 2006, ha pubblicato saggi sul profiling, sulle biografie criminali e sulle mafie pugliesi. Oltre a scrivere per quotidiani e settimanali di cronaca nera e periferie. Nel poco tempo che famiglia, professione e narrativa d’evasione gli lasciano libero, educa piantine a diventare bonsai, visioni a diventare fotografie e bpm a diventare musica. In effetti, chi lo conosce bene dice che 24 ore gli sembran poche.

La collana

Avatar è la collana di Kipple Officina Libraria dedicata ai romanzi e grandi capolavori prettamente italiani del Fantastico e della SF, opere contraddistinte dalla cura meticolosa dei testi e dalle ampie visioni autoriali. Il logo della collana sintetizza perfettamente il circolo del tempo, delle conoscenze, degli eventi nascosti; l’iperbole del Fantastico per spiccare il volo nella fantasia più sfrenata e meravigliosa.

Domenico Mortellaro | Il cacciatore di sirene
Copertina di Ksenja Laginja

Kipple Officina Libraria
Collana Avatar — Formato ePub e Mobi — Pag. 195 – € 3.95 — ISBN 978-88-32179-15-6
Collana Avatar — Formato cartaceo — Pag. 184 – € 15 — ISBN 978-88-32179-14-9

Link

Eric La Casa + Eamon Sprod ‎– Friche : Transition | Neural


[Letto su Neural]

Attira subito la nostra attenzione l’iperrealistico artwork accompagnato da un raffinato booklet di dodici pagine a colori. Friche : Transition è il progetto collaborativo d’esordio per Eamon Sprod ed Eric La Casa – il primo, artista sonoro australiano attivo da quasi due decadi, l’altro, ancora più esperienziato sperimentatore transalpino e field recordist – insieme organizzatisi nella primavera del 2015 per effettuare una settimana di registrazioni in luoghi che sono stati scelti dal duo fra quelli del nord est di Parigi e lungo il canale Ourcq, terreni perlopiù colmi di rifiuti, spazi di risulta, che ancora in qualche modo sono dentro la città, avamposti alieni da cui ascoltare i rantoli d’una metropoli contemporanea rigurgitante il suo stesso sviluppo. Sottostanti a un sibilo continuo, le trame della prima delle quattro transition sono composte fondamentalmente da piccoli brusii, abbaiare di cani ed emergenze auditive stridule, rumore dato da piccoli movimenti e dal vento, fischi e ancora fruscii. Segue poi una parte dove l’alternanza tra silenzi e catture auditive scandisce un differente percepire gli spazi, vergato da registrazioni d’elementi come maggiormente macchinici. È solo una fugace impressione, tuttavia, perché la natura di questo rimestare nell’indistinto è proprio quella, infine, di potersi muovere fra un’enorme varietà di risonanze piuttosto sorde e cupe. Immaginiamo gli artisti come guide in territori impervi, in un lento e profondo viaggio catartico. Ci sono anche rotolamenti, suoni liquidiformi o forse ottenuti dal bruciare di qualche materiale, risonanze più metalliche o di vetri: dai rifiuti – qualcuno direbbe dal “nulla” – si ricava tutto un elenco di catture auditive, una summa di dati vibratili, alla quale è dato un certo andamento (non sappiamo se anche effetto di post-produzione o solamente frutto di catture secche). Comunque sia, il risultato è notevole, il duo riesce a trasformare qualcosa che appartiene alla vita di tutti i giorni e a un paesaggio abbastanza stantio e depresso in qualcosa di coinvolgente, misterioso e rimarchevole come esperienza. Siamo sulla soglia, anche esistenziale, di quella che è una grande città: i suoi sussurri indifferenziati ci parlano di quello che ormai è soltanto residuo, che non ha più funzione alcuna, di rumori sordi e di umori putridi. È questa ancora musica? È arte? È commentario sociale in forme poetiche? Non si può rispondere in maniera netta a questo, o meglio, non è conveniente: rimanere nel vago in certi casi offre più risorse e svela tutta l’ambiguità di un quotidiano ridotto solo a formule, disquisizioni ed analisi razionali.

Il labirinto del fauno | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione del romanzo Il labirinto del fauno, libro che prende le mosse dal celebre film; lo firmano lo stesso Guillermo Del Toro e Cornelia Funke. La sinossi:

Spagna, 1944. Ofelia è soltanto una bambina quando con la madre prossima al parto si trasferisce in un vecchio mulino tra le montagne dove il patrigno, lo spietato capitán Vidal, è di stanza per annientare i ribelli che si oppongono al regime franchista. Presto le sue amate fiabe e l’antica foresta incantata attorno alla casa divengono l’unico conforto, una via di fuga dal terrore e dal dolore che avvelenano la sua vita. Finché un giorno, guidata da una Fata, si addentra in un labirinto nelle cui profondità un misterioso Fauno la attende da tempo per sottoporla a tre prove di coraggio. Solo superandole, potrà fare ritorno nel Regno Sotterraneo, lei, la principessa perduta, fuggita perché sognava il mondo degli umani, e condannata a vagare sulla terra senza memoria. Sembra il finale di una fiaba. Ma quando la magia si rivelerà non meno oscura e terrificante della realtà, Ofelia dovrà scegliere cosa è disposta a sacrificare per salvare se stessa.

Celer – Xièxie | Neural


[Letto su Neural]

La parola 谢 谢 (xièxie) è composta da due caratteri cinesi, la cui traduzione significa “grazie”, forse un semplice omaggio alle persone incontrate durante un viaggio fra Shanghai e Hangzhou, che l’autore Will Long ha compiuto nel 2017, oppure – in maniera altrettanto probabile – xièxie è l’espressione più facile da pronunciare in una lingua che per noi occidentali è alquanto ostica. La pubblicazione del progetto si deve alla Two Acorns e per l’occasione Long ha utilizzato il suo alias Celer, organizzando in maniera impeccabile field recording e calibrati droni sonori, disposti in undici tracce dal gusto estremamente cinematico, dilatatissime e godibili, suddivise in un doppio cd. È una sorta di audio-diario, insomma, traduzione in forma poetica di quelle che sono le suggestioni indotte dall’attraversamento di luoghi e situazioni, passando fra differenti ambienti e con variabili condizioni climatiche, alternando tramonti e luci al neon, risvegli e mercati, natura e metropoli, bagliori e nebbie. L’impianto non è mai dissonante, sensibilissimo e quietista, attento a una resa estetica distillata e dolce. Celer cerca di far risuonare le atmosfere dei posti attraversati, ma è comunque sempre una melodia interiore a scaturire, come se di determinati spazi riuscissimo solo a cogliere quello che è già nella nostra testa, in un transfert che sposta schemi di sentimenti ed emozioni da un contesto all’altro e dove gli schermi HDTV di un megastore facilmente possono diventare qualcos’altro, semmai astri artificiali. Anche le voci vengono registrate non per quello che dicono ma per la loro predisposizione esotica nel presentarsi come forme di musicalità e le sequenze – pure le più fangose – vengono predisposte sempre per ammaliare, per sedurre, per trasportare l’ascoltatore in una dimensione sospesa, un po’ magica e introversa. Ogni transito è ingannevole – può riportare e riporta a ulteriori riferimenti – e i tempi sono ciclici, come in un continuo prodursi e disfarsi, in sequenze eterne ed infinite. L’autore è lì – sul posto – e non compone all’interno di un vuoto: tramite riferimenti reali può solo parzialmente cercare di filtrare il suo dialogo privato, o almeno arrivare a governarlo. La realtà è quello che dà l’impulso, ma poi tutto è un po’ vago, ha bisogno d’ulteriori suggestioni per evolvere in strutture musicali compiute. Viaggiare apre ulteriori porte e per Celer è alquanto improbabile interrompere il proprio flusso musicale fatto di momenti tradotti in suono. Non rimane che ringraziare, un po’ ossessivamente, “grazie, grazie”. Queste parole anch’esse risuonano come un mantra personale che ci riconnette a un quotidiano estetizzato e per questo più sopportabile.

Violent Femmes – Color Me Once


Dai recessi di uno spaziotempo dimenticato, riemergono…

Alessandro Rolfini

Be Different...Be Free !!

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 28 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist 📌 Edizioni Underground? 📌 Edizioni Open 📌 Panesi edizioni 💬 Cartoonist 📌 SkuolaNet 📌 SeiAlTuristico 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: