HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per dicembre 20, 2014

Tolto il momento


Tolto il momento torcente, rimangono solo le difficoltà insite alla condizione vitale, quella bassa, quella infima di incarnato.

Altre leggi


Nel contempo, le azioni espresse dalla psiche modificata si aggiungono alle sollecitazioni esogene del continuum adiacente e la speranza di ricostruire l’esatto flusso degli eventi si asperge di inutili fili logici, laddove il logico è intriso di altre leggi trascendentali.

Palazzo


Il viottolo polveroso porta al Palazzo, intorno echi dissonanti delle ombre passate, larve antropomorfe di un’esistenza evanescente, inutile, nemmeno l’ideo dell’immortalità.

Destinato


Destinato è una parola che denota idiozia. A meno che non abbia sfumature comprensive della Corrente.

No alla bioviolenza | Free Animals, Loved & Respected


Per chi mangia esseri senzienti, senza pensarci. Sul blog di Roberto Contestabile.

“E’ innegabile, evidente e ormai provato dalla scienza, che tutti gli animali comunemente allevati per la produzione di carne sono in grado, come i cani e i gatti, di provare, oltre che dolore fisico, anche un variegato spettro di sentimenti, sia positivi che negativi.
Quando ci prendiamo cura di un animale, di qualsiasi specie, portiamo tale animale a credere di potersi fidare di noi. Creiamo in lui un sentimento di fiducia, che il più delle volte si trasforma presto in amore.
Nell’ipotesi che in alcuni allevamenti non intensivi gli animali siano effettivamente curati e accuditi, rimane dunque il problema che il loro custode ha un secondo fine, è SEMPRE così negli allevamenti. Per tutto il tempo in cui egli si prende cura dell’animale, in realtà sta solo pianificando di ucciderlo per venderne le carni: così, il vincolo di fiducia è completamente violato dall’essere umano. Una violazione di tale portata, in una situazione in cui uno dei due individui dipende dall’altro per ogni aspetto della sua vita, merita senza dubbio la definizione di TRADIMENTO. Maggiore è la dipendenza e la fiducia nel custode, maggiore è la gravità del tradimento: visto che gli animali sono del tutto dipendenti da chi li cura e la loro fiducia è massima, tale è anche il tradimento di chi invece alla fine li uccide: il tradimento supremo.

  • Cosa c’è di “umanitario” nell’uccidere?
    I sostenitori degli allevamenti “umanitari/umani” (humane) o “compassionevoli”, in cui in teoria gli animali dovrebbero essere trattati meglio – fino al momento in cui saranno uccisi – perdono di vista il reale significato di questi termini e trascurano completamente il concetto di tradimento summenzionato.
    Un atteggiamento “umano” è caratterizzato dalla compassione e comprensione, dall’empatia, dal rispetto verso gli altri (umani o animali che siano), ma questo è in antitesi col considerare gli animali come mera merce, anziché esseri senzienti. “E’ impossibile conciliare i principi di un trattamento umano con l’atto intrinsecamente inumano di mandare gli animali al macello, per quanto ‘bene’ siano stati trattati nella loro vita”.
    Se trattassimo bene una persona e poi la assassinassimo, il fatto di averla trattata bene di certo non sarebbe una scusante per averla uccisa, né legalmente né moralmente. Certo, se prima di ucciderla l’avessimo anche torturata, la sentenza in tribunale sarà ancora peggiore, ma l’assassinio rimane il crimine massimo, nessun avvocato si sognerebbe mai di tentare di scagionare il suo cliente sostenendo semplicemente che prima di ucciderla aveva trattato bene la vittima per anni, e quindi va assolto!
    Mettiamoci noi stessi nei panni della vittima: poniamo di essere del tutto dipendenti da una persona che ogni giorno ci presta le sue cure – ci porta il cibo, ci cura se siamo malati, ci dà un posto in cui dormire. A un certo punto, ci porta in un campo di concentramento dove veniamo messi in fila per essere ammazzati. Cosa proviamo per quella persona? La perdoniamo perché ci ha sempre trattato bene, o la disprezziamo e la odiamo perché ha finto di prendersi cura di noi con l’unico scopo di ammazzarci?
    Ebbene, questo è esattamente quello che fanno gli allevatori degli allevamenti cosiddetti “compassionevoli” o “biologici” o non intensivi che dir si voglia. In questa luce, il fatto di trattare meno peggio gli animali in vita non è una scusante: lo fanno solo per motivi di marketing, per guadagnare più soldi, non c’è alcuna compassione nei loro comportamenti, c’è solo tradimento supremo!
  • Il crimine massimo.
    E’ stupefacente come le persone, nel tentativo di avere allo stesso tempo la carne nel piatto e la coscienza pulita, si costruiscano una scala di valori che è del tutto rovesciata rispetto a quanto applicano nel resto della loro vita.
    L’uccisione è sempre e da tutti considerata il crimine massimo. Più del maltrattamento, più del rapimento e di una violenza fisica che lasci in vita la vittima. Il nostro stesso codice penale funziona in questo modo, sia applicato agli esseri umani che agli animali da compagnia.
    Invece, nel caso degli allevamenti si trascura del tutto l’atto dell’uccisione, lo si accetta a priori, non lo si discute. Anche tra le persone che invece sono disponibili a spendere più soldi per comprare “merce” secondo loro esente da crudeltà, la crudeltà più grande, il crimine peggiore, viene completamente rimosso dalla valutazione e dal ragionamento. Certo, perché senza quello, la “merce”, cioè la carne – come anche il latte e le uova – non esisterebbe.
    Allora scelgono di concentrarsi su come l’animale è stato trattato in vita, come se questo potesse cancellare l’orrore della sua uccisione.
    Va benissimo porsi il problema di come gli animali sono trattati negli allevamenti, e voler evitare le torture cui oggi sono quotidianamente sottoposti. Ma il fatto stesso di porsi il problema dimostra che sappiamo che gli animali sono esseri senzienti. Se lo sappiamo, non possiamo ammettere che sia loro inflitto il crimine peggiore, quello dell’uccisione.
    Il piacere nel mangiare le loro carni non può valere la loro vita, c’è troppa disparità: per noi un futile piacere, per gli animali il sacrificio della vita. Come possiamo, se vogliamo definirci umani e compassionevoli, accettare una ingiustizia di questa portata?
    “L’idea che si possa uccidere un animale in modo umano è del tutto assurda. Lo stesso atto di uccidere è la più grande causa di inumanità e il peggior atto di violenza.”
    E’ chiaro che trattarli male in allevamento è ancor peggio, ma il trattarli meglio non cambia il livello di ingiustizia: il crimine rimane lo stesso.
    “Se l’animale è trattato bene prima del macello, allora l’infrazione che precede il crimine è il tradimento. Se l’animale è trattato male, allora il crimine precedente è il maltrattamento.”
    Ma il crimine finale è sempre lo stesso, ed è il più grave: il togliere la vita.
  • Conclusione.
    Nella quasi totalità dei casi negli allevamenti “compassionavoli” in realtà gli animali non vengono affatto trattati bene, ma solo un po’ meno peggio.
    Il concetto fondamentale qui espresso è che non ha alcun senso logico e morale chiudere gli occhi sul crimine massimo – l’uccisione – e concentrarsi sul trattamento che precede l’uccisione.
    Se siamo abbastanza intelletualmente onesti e proviamo abbastanza empatia verso gli altri esseri da preoccuparci di non farli soffrire, a maggior ragione dobbiamo preoccuparci di non ucciderli. Perciò, anziché cercare allevamenti “umanitari”, cerchiamo un bel libro di ricette vegan per porre in atto ciò che il nostro senso di giustizia, la nostra razionalità, ma anche il nostro cuore, ci suggeriscono: smettere di fare del male. E avremo la bella sorpresa di scoprire che non solo non dovremo rinunciare a nulla, dal mero punto di vista del palato, ma che, al contrario, possiamo mangiare anche meglio di prima.

Ecco un libro di ricette gratuito, con quasi 1000 ricette di ogni genere:

http://www.veganhome.it/ricette-vegan-home.pdf

Infine, per tutti coloro che, pur rispettando essi stessi gli animali e non mangiandoli, credono di fare una cosa buona diffondendo le campagne per gli allevamenti della “carne felice” perché ritengono che quello sia “il male minore”: se così fate, farete solo il gioco degli allevatori, e farete perdere per strada tutte le persone che potrebbero invece fare una reale scelta etica. Gli animali continueranno a morire nello stesso numero di prima e anziché contribuire a salvarli contribuirete a ucciderli. Isoliamo queste vergognose campagne, che falsamente dicono di voler aiutare gli animali mentre ne decretano la morte e la fanno apparire accettabile.”

Fonte http://www.agireora.org/info/news_dett.php?id=1467

Mareducata

Chi volete che io sia?

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

Tesla Afterburner and the Infinite Sadness

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

Giuseppe Travaglini

Musica, cinema e altro

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: