HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per aprile 10, 2016

Hyperborea: La legione occulta dell’impero romano di Roberto Genovesi – Saga della legione occulta #1


Nel passato avevo sfiorato questa saga di Roberto Genovesi, ma ora con una maggiore consapevolezza segnalo una recensione al primo dei tre romanzi finora editi: La legione occulta dell’impero romano. Su Hyperborea.

Si muovono sui campi di battaglia come spettri, inarrestabili e letali. Sono i soldati della Legio Occulta. Per la storia non sono mai esistiti ma l’Impero romano ha nei loro confronti un inestimabile debito di riconoscenza. Il loro intervento ha permesso di realizzare strategie impensabili, di vincere battaglie impossibili. Non sono addestrati a combattere, ma a leggere e interpretare i segni degli dèi, spianando la strada alle daghe romane, o a intervenire quando la forza delle armi lascia il posto al potere del trascendente. Indossano armature bianche come la neve e tuniche nere come la notte. Veggenti, auguri, negromanti, aruspici raccolti da bambini nelle arene, nei mercati degli schiavi e nei villaggi in fiamme. Le storie che corrono sulla bocca degli ubriachi nelle bettole di confine raccontano che siano guidati da un comandante padrone di un misterioso linguaggio dei gesti. Si muovono sui campi di battaglia come spettri, inarrestabili e letali. Giulio Cesare ne ha fatto un manipolo di eroi, Ottaviano Augusto li ha resi leggenda. Vigiles in tenebris è il loro motto e il nero destriero di Plutone il loro simbolo. Sono i soldati della Legio Occulta.

Annunci

Nemora incontra Geografia Sacra Nemora


Su Nemora un percorso energetico e arcaico, alla complessa ricerca interiore delle empatie che costruiscono il nostro compendio attuale, ormai dimenticato se non per immersione nei flussi mistici. Un passo dell’articolo.

Ero partita da casa con un bloc notes pieno di domande accuratamente studiate.
Avevo con me la mia macchina fotografica, pronta per video e foto.
In sostanza, mi ero preparata per l’incontro con Sandro Pravisani, fondatore e curatore del progetto Geografia Sacra. Negli ultimi anni Sandro ha sviscerato il territorio dei Castelli Romani e dintorni, interpretandone archeologia, storia religiosa e conformazione naturale sotto una luce inedita.
Ci siamo incontrati a Giulianello, io avevo in mente una sfilza infinita di cose di cui parlare ed ero intenzionata a fotografare tutto ciò che mi avrebbe mostrato. Tuttavia, non è un caso se in questo articolo non ci sono né fotografie, né botta e risposta.

Mi ha condotta nei pressi di un corso d’acqua che scorre vicino al lago.
Attraversato un campo, ci siamo ritrovati ai piedi di una collinetta piccola ma ripida.
Un sorta di acropoli in miniatura.
Nel basamento dello sperone di roccia si apre una grotta chiusa da una porta raffazzonata, Sandro mi dice di tenere questo elemento a mente. Non si nota nulla di rimarchevole dal basso, solo il piccolo boschetto che troneggia sulla collina.
Ci arrampichiamo fino in alto, a terra un tappeto di foglie morte e nell’aria un intreccio di rami.
C’è la tipica atmosfera fuori dal tempo che aleggia nei luoghi che riposano indisturbati nel sottobosco. In cima, da una sorta spianata, emergono dal terreno delle grosse rocce, modellate da mano umana. Alla mia destra vedo dei vasconi scavati nei massi…

La città stregata – Carmilla on line ®


GenovaStregataGrande segnalazione (o post, o articolo) di Danilo Arona su CarmillaOnLine. Il discorso riguarda Genova e i suoi pertugi dimensionali, ineffabili e impensabili, ma del resto tutto lo scenario del reale è un palcoscenico che nasconde ben altro. Un estratto:

La città stregata è, ancora una volta, Genova. Chi non ci è nato, ci vive o ci ha vissuto, può capirne sino a un certo punto. Genova produce una magia che ti entra dentro e si installa come un benefico virus. Quelli, come il sottoscritto, che hanno avuto la fortuna di esserci nei primi anni ’70 sono in grado di constatarlo a ogni ritorno: il virus si riattiva e si perdono le dimensioni del tempo, trascinati nei carrugi e negli odori, nelle botteghe e nelle zone d’ombra.

Lankenauta | Pape Satàn Aleppe


Sul nuovo portale Lankenauta, la recensione (a opera di Ettore Fobo) all’ultimo libro di Umberto Eco, morto pochi giorni fa: Pape Satàn Aleppe.

È una critica al metodo che si diffonde, in Rete soprattutto, del ritenere ogni verità dichiarata come tale, è un appello disperato al senso critico quello che Eco sollecita in noi; un estratto dalla rece:

Eco,  quindi,  già nel titolo confessa la propria difficoltà a districarsi fra gli enigmi che questa società liquida gli pone innanzi. Primo fra tutti Internet: come rapportarsi a esso, come considerarlo? Eco riconosce sostanzialmente che il web è ormai la dimensione in cui siamo calati, piena di insidie, trucchi, menzogne spesso indistinguibili dalla verità, fandonie mescolate a cose preziose. Il suo invito è saper effettuare una discriminazione, imparando a discernere fra contenuti falsi e ingannevoli quelli invece meritevoli di attenzione. Qui la scuola è chiamata nuovamente a giocare un ruolo fondamentale. Per uno studente, per esempio, saper copiare bene è un’arte da non disprezzare, ci ricorda Eco, ma bisogna saper scegliere  contenuti attendibili, per non perdersi nel mare magnum di Internet è necessario separare le bufale e le inesattezze,  di cui Internet è colmo, dalla verità storica e dalla precisione scientifica.

Qui  la mediazione degli esperti diventa necessaria ma a volte  anche loro sono inadatti al compito perché il sapere è parcellizzato, iper-specialistico  e troppo seducente è l’idea di un sapere universale a portata di click.

Grafi scoscesi


I grafi vegetali sono appesi sulle pareti scoscese del Nulla senziente.

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 28 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist 📌 Edizioni Underground? 📌 Edizioni Open 📌 Panesi edizioni 💬 Cartoonist 📌 SkuolaNet 📌 SeiAlTuristico 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: